Marsala. Eliminazione passaggio a livello di Terrenove: sindaco chiede al Consiglio di pronunciarsi

Come comunicato nei giorni scorsi Rete Ferrovia Italiana ha trasmesso i tre progetti definitivi per l’eliminazione di tre passaggi a livello che ricadono nel territorio marsalese.

Entriamo adesso nella fase operativa – precisano il Sindaco Massimo Grillo e il vice sindaco e assessore alle grandi opere Paolo Ruggieri. Proprio ieri abbiamo chiesto al Presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano che entro il prossimo 26 luglio venga convocata l’Assise civica di palazzo VII Aprile per proporre eventuali osservazioni al progetto di eliminazione del passaggio a livello di contrada Terrenove. E’ un adempimento fondamentale per questo progetto mentre per gli altri due (quelli di Via Grotta del Toro e via Lipari) abbiamo un più ampio margine temporale”.

E preliminarmente all’esame delle osservazioni in Consiglio il primo cittadino intende incontrare gli abitanti e le forze socio-produttive di Terrenove.

Intendiamo oltre che presentare il progetto ai residenti e agli operatori economici nella contrada intersecata dalla Statale 115, anche recepire le loro osservazioni e rispondere alle loro domande – concludono Sindaco e vice. Per questo assieme alla Giunta e al Consiglio comunale, nei prossimi giorni ci raduneremo nella sede del Circolo culturale “Il Risveglio”. Riteniamo, infatti, doveroso e conducente dar vita a questo adempimento”.

I tre interventi riguardano il passaggi a livello di contrada Terrenove, via Grotta del Toro e via Lipari. Dopo decenni di attesa, grazie alle interlocuzioni portate avanti dal Sindaco Massimo Grillo con il governo Regionale e con il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, e precedentemente anche dalle precedenti Amministrazioni, si è adesso pervenuti all’avvio delle conferenze di servizi decisorie per l’eliminazione di questi tre passaggi a livello che avranno ricadute positive sia sulla qualità della rete ferroviaria stessa che sulla viabilità cittadina. Il costo totale di tutte queste opere è di € 27.000.000,00 di cui € 26.500.000,00 a valere su fondi PO FESR Sicilia 2014/2020 e € 500.000,00 a carico RFI. Mentre è prevista una durata per gli interventi da 2 a 3 anni.