Acqua: l’assemblea territoriale idrica di Trapani dice no all’autorizzazione a Siciliacque per la gestione del servizio idrico

I sindaci dei 17 comuni dell’Ati chiedono invece alla Regione di individuare il gestore unico al posto di Eas

“nel rispetto delle sentenze della Corte Costituzionale e del Tar colmando velocemente la vacatio legislativa”

Il presidente dell’Ati, Nicolò Rizzo:

 “I Comuni chiedono ancora una volta alla Regione di provvedere immediatamente perché Siciliacque aumenti i quantitativi di acqua erogati d’estate. È già crisi idrica”

 «L’Assemblea territoriale idrica ha deliberato che la Regione provveda ad individuare il gestore unico per il sistema idrico integrato in prosecuzione alla gestione ex Eas. Nel rispetto delle sentenze della Corte Costituzionale e del Tar, non può dunque essere accolta la proposta del Governo regionale che ha chiesto all’Assemblea idrica di autorizzare Siciliacque Spa ad essere gestore unico per i prossimi tre anni. I sindaci dei 17 Comuni componenti l’Ati idrico manifestano grande difficoltà ed amarezza e chiedono ancora una volta alla Regione di intervenire per risolvere la questione della vacatio legislativa sulla gestione delle reti idriche e provvedere immediatamente perché SIciliacque, che fornisce l’acqua in molti Comuni, aumenti i quantitativi di acqua erogati in questo periodo estivo. L’aumento di fabbisogno nel periodo estivo determina uno stato di grave crisi idrica, rispetto alla quale, se non si interverrà in tempi strettissimi si porteranno avanti altre azioni da parte dei Comuni, atte a tutelare i cittadini».

Lo afferma il sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Rizzo, in qualità di presidente dell’ambito territoriale idrico di Trapani del quale fanno parte 17 comuni serviti per il sistema idrico dall’Eas, l’ente acquedotti siciliani in liquidazione dal 2004.

I comuni coinvolti dell’ATI sono: Alcamo, Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo, Custonaci, Erice, Gibellina, Castelvetrano, Paceco, Partanna, Poggioreale, Salaparuta, Salemi, Santa Ninfa, San Vito lo Capo, Valderice, Vita e le Isole Egadi.

«Siciliacque eroga ai Comuni la stessa quantità d’acqua del periodo invernale con grandi difficoltà per tutte le città che, com’è noto, in estate hanno esigenza di maggiori quantitativi d’acqua. Ci sono Comuni in gravissima difficoltà e abbiamo chiesto alla prefettura, che ringraziamo per la costante disponibilità, di sensibilizzare il dipartimento regionale. Già a gennaio 2021, quali Comuni componenti l’Ati idrico, avevamo diffidato la Regione affinchè si adoperasse perchè la vacatio normativa venisse colmata con urgenza»,

afferma il presidente dell’Ati idrico, Nicolò Rizzo che prosegue:

«L’Assemblea territoriale idrica ha sempre affrontato il problema riguardante i Comuni ex EAS, operando con azioni dirette nei confronti del Governo Regionale e del Dipartimento acque e rifiuti e sentenze del TAR che hanno riconosciuto la validità di quanto fatto per tutelare enti pubblici e comunità. A fine 2020 la Corte Costituzionale ha disposto che il Governo Regionale intervenisse a colmare la vacatio legislativa venutasi a creare per il fatto che la legge di riferimento non era costituzionalmente corretta. Sono passati diversi mesi, ATI ha diffidato la Regione ad intervenire sulla delicata questione e solo da pochi giorni l’Assessore Regionale ha inviato una nota da parere dell’ufficio legale della Regione Siciliana, chiedendo all’Assemblea di autorizzare il Governo Regionale ad un affidamento temporaneo a Siciliacque della gestione idrica dei Comuni ex EAS».

«Siamo in attesa di una soluzione che possa essere quanto più celere possibile nell’interesse dei Comuni  dell’Ati idrico -prosegue il presidente dell’Ati idrico, Nicolò Rizzo – anche perché, rispetto alla proposta della regione di autorizzare a Siciliacque la gestione per i prossimi tre anni, si creerebbe un ulteriore problema legislativo: i Comuni che non erano serviti da Eas avrebbero un gestore unico per il sistema idrico e fognario individuato con bando di evidenza pubblica, mentre gli ex comuni Eas dovrebbero così essere gestisti da Siciliacque per quel che riguarda l’uso civile e dal gestore unico individuato, invece, per il sistema fognario. Cerchiamo di dare soluzioni concrete ed attuabili ai cittadini e  attendiamo che la Regione, nel rispetto delle sentenze del  TAR e della  Corte  Costituzionale, provveda a colmare, in maniera urgente, il vuoto legislativo venutosi a creare sulla gestione idrica».