Incendi Erice, Movimento Via: ” disastro ambientale che poteva e doveva essere evitato”

La notte appena trascorsa ha visto la montagna di Erice interessata da un ulteriore devastante incendio che ha distrutto un patrimonio naturale oltre a causare enorme apprensione per la pubblica e privata incolumità.

Un vero e proprio disastro ambientale che poteva e doveva essere evitato!

Siamo stanchi del populismo di facciata, del giorno dopo, con il quale le autorità territoriali istituzionalmente competenti (in primo luogo il Comune di Erice) – anziché intervenire con efficaci  attività di prevenzione e controllo del territorio – si cimentano nell’esprimere, maldestramente, il Loro presunto disappunto!

Dette autorità preposte a livello territoriale avrebbero potuto e dovuto attivare tutte le azioni preventive idonee a scongiurare il ripetersi di tali disastri ambientali, i controlli preventivi sul territorio, anche tramite eventuali Check Point mirati sulle vie di accesso alla montagna ovvero turnazioni del personale comunale, delle associazioni di volontariato e/o ambientaliste (anche utilizzando le moderne tecnologie quali i droni all’uopo attrezzati ed autorizzati), anche chiedendo supporto per tali importanti azioni di controllo alle forze dell’ordine ovvero a quelle militari.

Ed invece nessun efficace e preventivo controllo del territorio sembra sia stato attuato, da parte di chi avrebbe dovuto, di fatto agevolando in tal modo le mani criminali che anche ieri – come in precedenza – hanno attuato lo scempio ambientale che con cadenza quasi scientifica avvengono durante le giornate di allerta meteo conosciuto, anche da parte delle dette medesime Autorità localmente preposte!

Il Coordinamento Comunale di Erice del Movimento VIA.

Il commissario di Erice del Movimento per le Nuova Autonomia (MNA) Dott. Vincenzo Testarossa

I consiglieri Comunali del Movimento VIA di Erice, Dott.ssa Simona Mannina e Alessandro Manuguerra.