Politica, nominato il direttivo dell’UDC Giovani a Palermo

Il coordinatore cittadino dell’UDC a Palermo, Andrea Aiello, ha nominato il direttivo organizzativo della sezione giovani del partito centrista.Il Consiglio è guidato da Pietro Picone, studente della Facoltà di Beni Culturali dell’Università di Palermo, responsabile designato con il compito di aggregare i profili che si identificano nei valori cardine alla base del progetto politico dell’UDC, coordinando, contestualmente, idee ed attività collettive.Tutti i componenti prescelti si contraddistinguono per background accademico, integrità morale,senso civico, fervore ideologico e passione politica. Ragazzi qualificati e fortemente impegnati nel sociale, già in grado di fornire un contributo sostanziale a bonifica e sviluppo del territorio di pertinenza. Teresa Croce, nata a Palermo il 4 agosto 1995, è  laureata in Scienza dell’Educazione e specializzata in Scienze Pedagogiche presso l’Università degli Studi di Palermo. Paolo Rubino, nato a Palermo il 3 novembre 1994, è uno studente di Chimica e Tecnologia Farmaceutica attualmente membro attivo di un’associazione studentesca che si adopera per gestire e risolvere le criticità del mondo accademico. Martina Bellavista, nata a Palermo il 14 novembre del 1997, è una studentessa iscritta al secondo anno di Scienze Biologiche che concilia il suo grande amore per la natura e le materie scientifiche con un’innata passione politica. Giulia Croce, nata a Palermo il 23 aprile del 2002, è la più giovane del direttivo ma si è già distinta per attivismo ed impegno sociale sul territorio nel suo quartiere natio.
Aiello ha espresso grande soddisfazione per la nomina dei soggetti che comporranno il direttivo organizzativo dell’UDC Giovani nel capoluogo siciliano.
“Il nostro partito vuole costruire solide basi etiche e valoriali in chiave presente e futura. Il patrimonio di consensi ed adesioni  ricevuto dalle nuove generazioni ci ha confermato che siamo sulla strada giusta.La composizione del direttivo organizzativo dell’UDC Giovani a Palermo mi inorgoglisce e mi riempie il cuore di speranza. Abbiamo selezionato dei profili di eccellenza, sul piano etico, ideologico e della passione politica, ragazzi già fortemente impegnati in ambito sociale e perfettamente a conoscenza di criticità ed impellenze legate al territorio. Giovani leve già in possesso delle dovute competenze, menti libere dal pregiudizio e scevre da becere logiche partitiche e di opportunità che hanno caratterizzato l’operato della pubblica amministrazione nella nostra città nell’ultimo decennio. L’UDC Sicilia sta cercando di formare le professionalità e le coscienze che contribuiranno a scrivere una storia diversa per la Palermo del 2022“.
Un plauso giunge anche dal vice coordinatore regionale dell’UDC Sicilia, Elio Ficarra, consigliere comunale del partito centrista a Sala delle Lapidi.
L’entusiasmo e l’intraprendenza dei giovani costituiscono linfa vitale per il presente ed il futuro della nostra città. Palermo ha urgenza di riformare alla base la classe politica che potenzialmente sarà chiamata a governare il capoluogo siciliano nei prossimi anni. Servono competenza, senso civico, amore per la propria terra, lungimiranza e spirito di servizio. Stiamo cercando di formare profili in grado di identificarsi nel concetto di politica inteso nella sua accezione più nobile e pura, ovvero l’insieme di pensieri ed azioni volto esclusivamente al bene della collettività. Referenze specifiche e qualità trasversali dei profili che compongono il direttivo organizzativo di UDC Giovani a Palermo ne attestano l’inconfutabile spessore. Siamo prontissimi a recitare la nostra parte nella coalizione di centrodestra che ha tutte le carte in regola per governare la città in vista delle elezioni amministrative del 2022″