martedì, Novembre 29, 2022
HomeCulturaCinema & TeatroLa cantina Barone di Villagrande apre al cinema contemporaneo

La cantina Barone di Villagrande apre al cinema contemporaneo

Un cinema sotto le stelle, alle pendici dell’Etna, perché: “Un buon vino è come un buon film: è nuovo ad ogni sorso e, come avviene con i film, nasce e rinasce in ogni assaggiatore”- Federico Fellini. 

Appuntamento sabato 7 agosto, alle ore 18.30 nella panoramica terrazza della cantina Barone di Villagrande per il primo dei tre appuntamenti dedicati al vino e al mondo del cinema. Un format leggero e divertente per accompagnare gli ospiti alla scoperta, attraverso un gioco tra similitudini e analogie, di vitigni, uve e grandi film. “Ritorno in Borgogna” del regista francese Cédric Klapisch, aprirà la prima delle tre serate, filo conduttore il vino, coprotagonista delle intense pellicole che esplorano l’animo umano e le vicende personali intrecciandole con l’alternarsi di una sinfonia di movimenti, eseguita al ritmo delle stagioni.  

Un pomeriggio di mezza estate, ricco di momenti intensi e leggiadri, di un percorso gastronomico che accompagnerà l’ospite in un viaggio tra i sapori della regione francese con la degustazione di formaggi tipici e le sfumature etnee create appositamente dallo chef Vittorio Caruso. Una selezione di vini che racconterà della Francia e dell’Etna, dalla freschezza e mineralità dello Chablis Bourgogne Chardonnay, alle note eleganti e complesse del Pinot Noir per ritornare ai vini vulcanici di Barone di Villagrande. 

«Il vino è un po’ come le persone, in base alle annate e alle stagioni vissute si racconta, cambia, si veste di profumi diversi a seconda di chi lo assaggia- racconta Domenico Piazza, sommelier della cantina Barone di Villagrande e ideatore della serata – ogni sorso è diverso, perché in ognuno fa nascere ricordi e pensieri differenti, così come un film che regala a ciascuno la propria poesia. L’idea di trovare un filo conduttore tra pellicole straordinarie, vini altrettanto ricercati e un percorso gastronomico che sappia raccontare entrambi è nata dal desiderio di voler regalare ai nostri ospiti dei momenti di leggerezza. Riuscire a farlo coniugando tre grandi passioni è il massimo». 

“Il sole, il terreno, il clima e i vitigni modulano l’opera, mentre il vignaiolo, come solista, imprime la sua cadenza”-  Philippe Margot. 

  Sarà necessario esibire il Green Pass o il certificato del tampone negativo effettuato entro 48 ore.
 All’ingresso verrà richiesta una cauzione di 5€ per i calici.
 Si consiglia di indossare scarpe comode.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments