Scuola Sirtori Marsala, il 12 agosto sit-in delle mamme e gli alunni in piazza Loggia

L’Associazione Arcobaleno, ancora una volta, dà voce a chi si sente ignorato e messo da parte. Stavolta ad essere ignorati sono i bambini dell’ I.C. Sirtori di Marsala, cha da più di un anno si trovano a subire turni pomeridiani sfiancanti a causa della mancanza di aule. La Dirigente, la Dottoressa Katia Tumbarello, e le Rappresentati di classe si trovano a dover lottare contro i mulini a vento, contro la burocrazia e contro l’amministrazione comunale. Qui di seguito la testimonianza diretta di una delle Rappresentanti, Patrizia Alfano: “E’ ormai da un anno che il Sirtori lotta per avere delle classi che mancano, ma partiamo dall’inizio: prima la nostra Dirigente combatteva da sola contro l’amministrazione. È già da un anno, dalla vecchia amministrazione Di Girolamo, che la Dirigente chiede al Comune di Marsala di trovare una soluzione al problema della mancanza di aule che a causa dei provvedimenti adottati per Covid 19, si sono sdoppiate, però è stata mai ascoltata. Ha inviato varie mail ma senza avere un riscontro da parte loro. Ad ottobre si insedia la giunta Grillo e la nostra Dirigente ricomincia di nuovo a chiedere aiuto all’amministrazione. Quest’ultima ha molte volte comunicato alla Dirigente la mancanza dei locali in affitto cosicché a maggio, giugno noi mamme abbiamo cominciato a chiedere spiegazioni a riguardo, poiché i bambini, in mancanza di classi, si sono ritrovati a fare i turni il pomeriggio, turni massacranti. Quindi, la Dirigente, stanca di essere attaccata dalle mamme che non sapevano nulla del problema, ha pubblicato tutto tramite il registro elettronico, ha iniziato a inviare mail a raffica per far conoscere la situazione ai genitori. Così chiedo chiarimenti e la mia Dirigente mi spiega che ha chiesto più volte all’amministrazione dei locali in affitto, o dei prefabbricati, ma ha trovato sempre un muro davanti, così ci organizziamo con le varie rappresentanti d’istituto per aiutarla a risolvere questo problema.

Andiamo dal sindaco e quest’ultimo ci dice che i locali ci sono, ma andrebbero ristrutturati e che la burocrazia non avrebbe agevolato la risoluzione del problema in tempi brevi. Così ci ha proposto di trovare dei locali in affitto e se li avessimo trovati avremmo avuto l’autorizzazione per firmare i contratti di locazione. Così cominciamo a visionare diversi locali ma niente di fatto. Attualmente ci ritroviamo nella stessa situazione di partenza. Senza locali e costretti a far partecipare i nostri bambini ai turni pomeridiani. Siamo stanchi d’avere continuamente sbattute le porte in faccia e chiediamo la soluzione del problema. Non siamo ascoltati e ci sentiamo abbandonati dalla nostra amministrazione.

Questa ci ha più volte presi in giro, ignorati e spesso abbiamo a causa loro perso del tempo.

Chiediamo che i nostri figli possano cominciare l’anno scolastico nei nuovi locali in tranquillità. ”La Rappresentante, Patrizia Alfano, in collaborazione all’Associazione Arcobaleno hanno organizzato un sit-in giorno 12 agosto alle ore 10 in Piazza Loggia per chiedere la soluzione del problema. La cittadinanza è invitata a partecipare