Screening e vaccinazioni di prossimità quali strumenti di contrasto al propagarsi dell’epidemia da COVID 19

Continuano senza sosta le attività di screening messe in atto dall’ASP di Enna. “Lo sforzo che si sta compiendo è volto a isolare i soggetti positivi asintomatici e a cercare di arginare il propagarsi dell’epidemia” afferma la dott.ssa Pesce dell’ASP di Enna.

Inoltre, la settimana prossima proseguiranno le attività di vaccinazione di prossimità nei Comuni che non sono sede di hub vaccinale, al fine di venire incontro alle istanze della popolazione che ha difficoltà a raggiungere gli hub.

L’ASP, inoltre,  sta implementando, in collaborazione con i Sindaci, le vaccinazioni domiciliari per tutti i soggetti fragili e anziani che non possono recarsi presso gli hub vaccinali e che hanno avuto la difficoltà a prenotarsi sui canali informatici predisposti dal Ministero.

Lo sforzo sinergico che si sta compiendo è teso a contrastare da un lato la crescita del numero dei contagi, tramite gli screening e il tracciamento dei soggetti positivi, e dall’altro a completare la copertura vaccinale della popolazione. 

Ricorda il Commissario ad acta che “la vaccinazione è indispensabile al fine di contenere gli effetti più nefasti della malattia, ridurre i ricoveri e la mortalità e scongiurare la predisposizione delle zone rosse comunali, previste dai nuovi criteri del CTS regionale. Per tale ragione è essenziale che tutti i soggetti che non sono ancora vaccinati provvedano a farlo nel più breve tempo possibile”.