Porti siciliani, Baglieri: «Finanziati progetti per Siracusa e Gela»

Al via il processo di decarbonizzazione in Sicilia per il sistema portuale siciliano. Il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile (Mit) finanzia due progetti per un importo di 19,5 milioni di euro proposti dal dipartimento Energia  della Regione Siciliana per la realizzazione di infrastrutture necessarie alla elettrificazione dei consumi derivanti dai traffici navali. Si tratta di due progetti basati sul sistema di “cold ironing”, ovvero l’insieme delle tecnologie per mezzo delle quali è possibile fornire energia alle imbarcazioni durante la sosta in porto, tramite una connessione elettrica con la terraferma, consentendo così l’azzeramento di inquinamento e di emissioni da parte delle imbarcazioni in porto.  «Nella lotta alla crisi climatica un contributo significativo può arrivare dalla decarbonizzazione del trasporto marittimo. Elettrificare le banchine significa quindi fornire l’energia elettrica richiesta dalle navi in sosta attraverso una linea elettrica generalmente connessa alla rete nazionale –  spiega l’assessore del governo Musumeci all’Energia, Daniela Baglieri – . In questo modo è possibile ridurre notevolmente le emissioni inquinanti prodotte durante la fase di sosta, dal momento che le emissioni del parco elettrico sono nettamente inferiori a quelle prodotte dai combustibili per uso marittimo».   Beneficiari di queste somme saranno in Sicilia i porti di Siracusa per un finanziamento di 18 milioni di euro e 1,5 milioni per il porto di Gela. I progetti, in particolare, riguardano interventi al porto di Siracusa per la realizzazione di due prese nella banchina dedicata alla navi da crociera, nonché la realizzazione di un impianto fotovoltaico e di infrastrutture per il bike-sharing elettrico; e ancora al porto “Isola” di Gela per realizzare una  presa “cold ironing” nella banchina “levante” dedicata alla navi cisterna che riforniscono l’impianto Eni.