A Barcellona Pozzo di Gotto scossa di adrenalina con lo strepitoso Extreme Motor Show

Lo strepitoso Extreme Motor Show, l’eccellenza dell’automobilismo acrobatico, firmato Vanny Zoppis, dopo  il successo ottenuto a Palermo, dal 27 al 30 agosto è nel messinese a Barcellona Pozzo di Gotto. Acrobazie a 4 ruote con stuntmen sfrenati, fiamme, testa coda, “Monstertruck Americano” e dai cartoon le repliche di “Cars”, tutto pronto per stupire ancora una volta l’amato pubblico.

La confortevole arena con il parco auto, stazionerà in via Alicudi, contrada D’Agri.
In programmi i seguenti spettacoli: venerdì 27 agosto debutto, ore 21.00; sabato 28 e domenica 30 agosto, due spettacoli ore 19.00 e ore 21.00; lunedì 30 agosto unico spettacolo ore 21.00.
Lo show si svolgerà nel rispetto delle normative anti Covid, mascherina da portare con sé. E’ gradita la prenotazione, per cui è possibile chiamare il seguente numero, 3894976965, per ulteriori info si può consultare la pagina Facebook EXTREME MOTOR SHOW.

Il team Zoppis, controfigure di cinema e tv, vanta del professionismo di Vanny Zoppis e della new generation, piloti campioni di varie specialità: Tommy Bizzarro appena 18enne, ha sfrecciato in piste internazionali, dalla Cina alla Germania alla Spagna; grinta e forza per la giovane ventenne  stuntwoman Elvane Zoppis ed ancora la giovanissima 12enne Eliana Zoppis con il suo acrobatico Quad.
Gli Stunt Vanny, Tommy ed Elvane  mostreranno acrobazie da capogiro, in equilibrio su due ruote, dovendo oltrepassare ostacoli; raccogliere oggetti da terra e sgommare sempre senza perdere l’equilibrio. Driffate e testa  coda in retromarcia a grande velocità con le BMW e soprattutto, grande sorpresa per i più piccoli dal famosissimo film Cartoon, le repliche di CARS.

 Velocità e continuo stupore e ancora brivido, gli stunt prepareranno la pista per mostrare al pubblico come si realizzano le scene che vediamo tutti i giorni nei film d’azione. Curatore dell’incredibile esperienza il giovanissimo Stunt Marian Fuge, che senza timore salirà sul tetto della macchina oltrepassando un muro di fuoco, per concludere con il gigantesco Monstertruck Americano, detto lo “schiaccia-macchine”.