Vino: Vinitaly-Nomisma, vendite record (+7,1%) il primo semestre

Riaperture e ‘revenge spending’ determinano un nuovo record per le vendite di vino italiano, tra i top 12 Paesi buyer esteri nel primo semestre di quest’anno, con importazioni segnalate in crescita a valore del 7,1% sul pari periodo 2020, e del 6,8% sul 2019, in regime pre-Covid. Lo rileva l’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor, in vista della “Vinitaly Special edition” in programma a Veronafiere dal 17 al 19 ottobre.

Rispetto al 2020 l’Italia sovraperforma rispetto al mercato in Cina (+36,8%), in Germania (+9,3%) e in Russia (+29,4%), mentre è sotto la media negli Usa (+1%, ma sul 2019 l’incremento è di quasi il 6%), Uk (-0,4%) e Canada (+2,5%). Crescono le importazioni dei vini fermi (+6,9%, con il prezzo medio a +5,9%), mentre gli sparkling incrementano le vendite dell’11,1%, con una riduzione del prezzo medio del 4,8%.

L’elaborazione riguarda gli ultimi dati doganali sulle importazioni dei 12 principali mercati mondiali della domanda di vino, che assieme valgono circa i tre quarti del totale export made in Italy. Lo “scatto” di questo primo semestre – sottolinea l’Osservatorio – rappresenta il trend di incremento più netto registrato negli ultimi anni, e soprattutto controbilancia ‘con gli interessi’ lo stop forzato del 2020. 

fonte: ANSA