“La cala. Cento giorni nelle prigioni libiche”, scritto dagli autori mazaresi Giuseppe Ciulla e Catia Catania

Arriverà mercoledì 1 settembre, in tutte le librerie e gli stores online, l’atteso libro “La cala. Cento giorni nelle prigioni libiche”, scritto a quattro mani dagli autori mazaresi Giuseppe Ciulla e Catia Catania.

Edito da Bompiani, il saggio, che esce in occasione del primo anniversario del sequestro dei pescatori mazaresi, andrà ad arricchire la collana “Munizioni” diretta da Roberto Saviano, che ne ha curato le varie fasi della pubblicazione.

Il libro ricostruisce la recentissima vicenda della cattura, la prigionia e la liberazione dei diciotto pescatori di Mazara per mano del generale libico Haftar, sullo sfondo del Mediterraneo e di un Paese che non conosce pace. Inoltre restituisce le storie di quei diciotto uomini e delle loro donne, che per settimane si sono incatenate davanti al Parlamento, e di tutte le voci del mare nostrum, dove poter pescare in sicurezza è ormai questione di vita o di morte.

Parallelamente è un viaggio nella marineria mazarese e nella città di Mazara, attraverso la storia di Rosetta Ingargiola, la madre del capitano del Medinea Piero Marrone: è il loro rapporto il filo rosso che lega tutte le storie di questa vicenda.

Il libro verrà presentato in anteprima nazionale a Mazara del Vallo domenica 5 settembre presso il Collegio dei Gesuiti, alle ore 21. Dialogherà con gli autori il giornalista Luca Telese.