Benzina in bottiglia per dare fuoco a casa della ex, arrestato

Un diciottenne che con una bottiglia contenente della benzina stava recandosi a casa della sua ex convivente per dare fuco all’abitazione della famiglia della giovane è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia da carabinieri della stazione di Paternò, nel Catanese. Militari dell’Arma sono intervenuti dopo la segnalazione dei familiari della ragazza dopo che il 18enne si era recato a casa loro pretendendo di vedere il figlio, nato dalla relazione con la sua coetanea lo scorso febbraio dopo una convivenza di circa due anni.

Prima di allontanarsi ha urlato minacciando: “vi ammazzo tutti figli di…”. E, secondo i carabinieri, aveva in mente di mettere in atto la sua ‘vendetta’, come avrebbe confermato lui stesso ai militari dell’Arma. Il giovane era stato già lasciato e denunciato dalla ragazza lo scorso agosto perché, mentre si trovavano in casa di amici, lui l’aveva aggredita causandole delle lesioni guaribili in 20 giorni, refertate da medici del pronto soccorso dell’ospedale di Paternò. Dopo la 18enne avrebbe ricevuto numerosi messaggi vocali con l’ex minacciava di darle fuoco insieme al bambino. L’arrestato, assolte le formalità di rito, su disposizione della Procura di Catania, è stato condotto in carcere.