Abilitazione estera: il Tar annulla le misure compensative

A seguito di un ricorso promosso da MSA scuola e patrocinato dallo studio legale Zinzi e Bongarzone, il Tar dispone l’annullamento delle misure compensative stabilite dal MIUR per un docente abilitato all’estero

Di qualche giorno fa la sentenza del TAR Lazio che accoglie il ricorso di un docente abilitato in Romania, annullando le misure compensative disposte dal MIUR e dichiarando integralmente valida l’abilitazione conseguita all’estero.

Il docente, dopo aver conseguito l’abilitazione presso un’università rumena, ha fatto richiesta di riconoscimento al MIUR e, a seguito di un ricorso, ha ottenuto un decreto di riconoscimento del titolo, condizionato però a delle misure compensative. In altre parole, per vedersi riconosciuta l’abilitazione, tale docente avrebbe dovuto svolgere un ulteriore percorso formativo in Italia. Tuttavia, ricorrendo nuovamente in Tribunale, anche quest’ultimo ostacolo è stato superato. Il Tar Lazio, infatti, ha dichiarato il titolo rumeno abilitazione idonea all’insegnamento anche in Italia.

Il Giudice ha affermato che “La formazione attestata dal conseguimento dei Nivel in Romania determini la non sovrapponibilità assoluta del percorso formativo straniero con quello nazionale, basandosi sull’asserita generica descrizione dei moduli frequentati e sulla presenza di contenuti per lo più riferibili all’ambito psico-pedagogico rispetto alla disciplina da insegnarsi in Italia”.

“Questa sentenza avvalora l’attuale orientamento della giurisprudenza, relativamente al riconoscimento in Italia del titolo abilitante conseguito all’estero, e va ad aggiungersi ad altre importanti vittorie ottenute nelle scorse settimane a favore degli abilitati esteri, tra cui quella che ha permesso di reinserire nella prima fascia GPS i docenti abilitati in Romania, precedentemente depennati” commenta il Prof. Luciano Scandura, responsabile di MSA comparto scuola.

MSA ricorda che è possibile aderire al ricorso “Ricorso al TAR Lazio per rigetto riconoscimento titolo estero”. Per qualsiasi dubbio o richiesta di chiarimento è possibile inviare un messaggio Whatsapp al numero 392-6225285.

PER ADERIRE AL RICORSO CLICCA QUI