Marsala: seconda giornata del Festival letterario “38°Parallelo – tra libri e cantine”

Tempo futuro, possibile sostenibile

****

Seconda giornata del Festival

 30 settembre

Francesco De Filippo, Maria Frega con Maria Cristina Amoretti si confrontano su “Filosofia per i prossimi umani

ore 18.00

Proiezione del documentario One more jump”, regia di Emanuele Gerosa  

ore 21.00

Complesso Monumentale di San Pietro

****

Al via anche 38° Kids con due appuntamenti, un laboratorio per 20 bambini a cura di Anita  Magno, al Parco archeologico Lilibeo Marsala; le  letture a cura di Nati per Leggere Marsala e l’appuntamento Leggere il Futuro, con  Piero Guglielmino

Per 38°in versi primo appuntamento con la poesia tenuto da Cettina Caliò 

ore 21.30

Chiostro di Otium Biblioteca sociale

 Marsala 

****

Dopo la partenza con un gran riscontro di pubblico –  tutto esaurito alla Salina Genna – la seconda giornata della Vª edizione di “38°Parallelo – tra libri e cantine”, si prospetta non solo interessante ma anche eccezionale.

L’appuntamento è alComplesso Monumentale di San Pietro, giovedì 30 settembre, con Francesco De Filippo, Maria Frega con Maria Cristina Amoretti, dalle ore 18.00, per parlare di  “Filosofia per i prossimi umani”Giunti editore.

Francesco De Filippo (Napoli, 1960), giornalista, scrittore e saggista. E’ stato corrispondente all’estero per il Sole 24 ore, lavora all’Agenzia ANSA dal 1986, attualmente a Trieste. Nel 2001 ha vinto il Premio Paris Noir con il romanzo L’offense. Tra le sue ultime pubblicazioni: Filosofia per i prossimi umani (con Maria Frega per Giunti Editore) e per Castelvecchi ll dragone rampante. 182 voci del potere cinese, Le visioni di Johanna e Prima sterminammo gli uccelli. 

Maria Frega (Lungro, 1976), scrittrice e sociologa; scrive di temi culturali su diversi media e in testi didattici per ragazzi, organizza eventi editoriali e di divulgazione. Con Francesco De Filippo ha pubblicato le due inchieste narrative Scampia e Cariddi Nord Meridiano (Editori Internazionali Riuniti) e Prossimi umani (Giunti Editore). L’ultimo libro è Filosofia per i prossimi umani.

Maria Cristina Amoretti è professore associato in Logica e Filosofia della scienza (M-Fil/02) presso il DAFIST dell’Università di Genova; negli anni, ha insegnato Filosofia e logica della scienza presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Genova, Comunicazione visiva presso quella di Scienze dell’Educazione, Mente, scienze cognitive, espressione artistica presso il DIBRIS, Metodologia delle scienze umane e Filosofia della mente presso il DAFIST. Attualmente, presso il DAFIST  insegna Ragionamento e teoria della scienza e Filosofia della scienza per la laurea triennale in Filosofia, nonché Filosofia della scienza LM per la laurea magistrale in Metodologie filosofiche. Fa inoltre parte del collegio docenti del dottorato FINO.

Per off38° ovvero il Cinema al Festival, alle ore 21.00, sempre al Complesso Monumentale di San Pietro (via Ludovico Anselmi Correale, 12), verrà proiettato il documentario “One more jump” regia di Emanuele Gerosa, prodotto da Enrica Capra per GraffitiDoc in collaborazione con Rai Cinema, Rsi Radiotelevisione Svizzera e Al Jazeera, e il supporto delle Film Commission di Piemonte e Trentino, distribuito all’estero da Fandango. Conversa con Emanuele Gerosa Paola Caridi.

Per l’occasione, saranno presenti in via eccezionale, tenuto conto del momento storico attuale, due dei protagonisti del film, Jehad Abu Sultan e Abdallah Al Qassab, che vedranno il film per la prima volta insieme al pubblico.

I due ragazzi arrivano direttamente da Gaza e, proprio grazie all’invito del Festival 38° Parallelo, hanno ottenuto il visto che per la prima volta gli ha permesso di uscire dalla Striscia di Gaza per presentare il lavoro al pubblico.

Dalla seconda giornata del Festival prende il via anche la III edizione del 38°Kids, la sezione dedicata ai più piccoli realizzata in collaborazione con la libreria Albero delle Storie di Marsala, sostenuta dall’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana.

Quattro giorni di attività per bambini e genitori che si svolgeranno in uno dei luoghi più suggestivi del nostro Sud: tra l’Area Archeologica e il Museo Baglio Anselmi, ovvero all’interno del Parco Archeologico di Lilibeo Marsala, e non solo.

«Aprire i luoghi della cultura della Sicilia per accogliere attività rivolte ai più piccoli – dichiara Alberto Samonà, assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana – è sempre un’occasione per gettare quei semi che daranno frutti attraverso le nuove generazioni. Come assessorato siamo orgogliosi di sostenere il programma 38° Kids, all’interno della Vª edizione del Festival letterario 38° Parallelo – tra libri e cantine, che, coinvolgendo le scuole e le biblioteche del territorio, offrirà anche quest’anno, nell’eccezionale cornice del Parco archeologico Lilibeo Marsala, una serie di laboratori e iniziative di alto valore formativo, con la presenza di moderatori d’eccezione tra i quali Piero Guglielmino».

Tre gli appuntamenti in programma per il 30 settembre: un laboratorio per 20 bambini a cura di Anita al Parco archeologico Lilibeo Marsala (ore 9.30); le  letture a cura di Nati per Leggere Marsala (9.30 e 11.30) e l’appuntamento Leggere il Futuro (17.30), con  Piero Guglielmino, al V Circolo “Strasatti Nuovo”,Via Re, Strasatti.

Per 38°in versi_ovvero la poesia al Festivalal Chiostro di Otium Biblioteca sociale, dalle ore  21.30, si svolgerà il primo appuntamento con la poesia, altra new entry del Festival 38° Parallelo, con protagonista Cettina Caliò  per La Nave di Teseo edizioni.

Cettina Caliò è nata a Catania nel 1973. Vive fra la provincia di Catania e la provincia di Messina. Ha studiato presso la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Roma e presso la facoltà di lingue e letterature straniere di Catania. Scrive poesia e prosa. Traduce dal francese. Cura libri.

Ha pubblicato: Poesie (Ibiskos 1995), L’affanno dei verbi servili (Bastogi 2005), Tra il condizionale e l’indicativo (Ennepilibri 2007), Sulla cruda pelle (Forme Libere 2012), La Forma detenuta (Le Farfalle 2018), Di tu in noi (La Nave di Teseo 2021).

L’ingresso è libero a tutti gli appuntamenti e consentito fino ad esaurimento dei posti, presentando il green pass o un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti.

È possibile consultare tutti gli appuntamenti della V edizione del Festival sul sito www.38parallelomarsala.it; oltre che sui canali social Facebook, Instagram e Twitter.

Il Festival, oltre ad avere il patrocinio del Ministero della Cultura e dell’Ars, è sostenuto dal Comune di Marsala, da Fondazione Sicilia e dall’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana.