Consegnato un attestato di riconoscimento ai dieci ospiti della Casa circondariale “G. Barraco” di Favignana

Nel corso di una cerimonia ufficiale nella sala consiliare di Palazzo Florio a Favignana, sono stati consegnati gli attestati di riconoscimento a dieci ospiti della Casa circondariale “G. Barraco” che per sei mesi hanno partecipato ad un progetto di utilità sociale realizzato dal Comune di Favignana – Isole Egadi e dal Ministero della Giustizia.

È un riconoscimento dato a cittadini che hanno la necessità di essere riaccolti dalla società e che si sono messi a servizio della comunità – ha dichiarato il sindaco del Comune di Favignana – Isole Egadi Francesco Forgione – Per noi ha avuto un grande valore consegnare questo attestato, non a dei detenuti, ma a dei cittadini della nostra comunità e del nostro Paese. La pena di chi ha commesso un errore nella propria vita non deve essere punitiva, ma riparativa. Una società che non sa riaccogliere chi ha sbagliato è una società che non ha futuro e la nostra democrazia ha bisogno di ritornare allo spirito della Costituzione”.

Il progetto di utilità sociale, totalmente a carico del Ministero della Giustizia, ha riguardato il rifacimento delle aiuole di Palazzo Florio e di alcuni spazi verdi dell’isola, la pulizia delle spiagge, del cimitero, del centro sociale di piazza Matrice e delle aree antistanti il centro anziani e la scuola.

Alla cerimonia di consegna degli attestati ha partecipato anche il responsabile dell’Area educativa del penitenziario dell’isola Eugenio De Martino che ha voluto pubblicamente ringraziare il primo cittadino.

Con questa attestazione, il sindaco ha dato un segno concreto della sensibilità che l’Amministrazione ha nei confronti degli ospiti della Casa di reclusione – ha dichiarato De Martino –  Un progetto che ci ha consentito di inserire un numero di detenuti significativo che ha dato un contributo importante al territorio. Mi piace sottolineare che in questi ultimi decenni, più volte, la Casa circondariale di Favignana è stata quella con il minor numero di recidiva in Italia, di persone cioè che una volta uscite dall’istituto non sono più tornate a delinquere”.