Palermo: riparte l’Orchestra Jazz Siciliana

In scena con un progetto inedito ed una prima assoluta il concerto “Bar Casablanca”

con Pippo Pollina e l’Orchestra Jazz Siciliana – arrangiamenti e direzione Maestro Antonino Pedone

Presenti per l’esibizione anche un centinaio di turisti direttamente dalla Germania, Svizzera e Austria

Venerdì 15 e sabato 16 ottobre ore 19.00 e 21.30 Real teatro Santa Cecilia

Riapre con capienza piena il sipario del Real Teatro Santa Cecilia, dopo le restrizioni causate della pandemia. Tanti nuovi progetti musicali in cantiere per l’Orchestra Jazz Siciliana – Fondazione The Brass Group per la stagione concertistica 2021-2022. Si ri-parte con il concerto Bar Casablanca con Pippo Pollina e l’Orchestra Jazz Siciliana i cui arrangiamenti e direzione portano la firma del Maestro Antonino Pedone. Il sipario del Teatro Regio si aprirà venerdì 15 e sabato 16 ottobre, con doppio set, alle ore 19.00 e 21.30 per un concerto inedito ed una prima assoluta. Più di un centinaio i turisti provenienti direttamente dalla Germania, Svizzera ed Austria per vedere l’esibizione. Pippo Pollina, cantautore palermitano, ma trapiantato in Svizzera oramai da decenni, non è nuovo a collaborazioni ardite ed esercizi di confronto artistico a 360 gradi.

Dopo avere proposto il proprio repertorio insieme ad orchestre sinfoniche o a gruppi di estrazione etnica, dopo innumerevoli tournée europee in solo o affiancato da musicisti di varia estrazione, arriva adesso ad una chiave di lettura ancora inesplorata e tutta da gustare. L’idea di rivisitare le canzoni di Pollina in chiave Jazz, insieme all’Orchestra Jazz Siciliana del Brass Group rappresenta il suggello di un percorso musicale sempre alla ricerca di approdi e stimoli nuovi. Il tentativo di sfruttare al massimo la duttilità della forma canzone, di restituirne l’estrema capacità di essere strumento diventano un tutt’uno che sorprende e affascina. I testi, ora poetici e sognatori, ora rudi e squisitamente politici del cantautore palermitano si adagiano alla perfezione con le armonie dei legni e le ritmiche, a volte sincopate, pensate appositamente dal Maestro Antonino Pedone. Gli arrangiamenti, in un sapiente intreccio melodico rispettosi della composizione originale, si lasciano giustamente guidare in una strada dove anche l’improvvisazione trova il proprio posto. La canzone di Pollina trasmigrata in chiave Jazz è un esperimento creativo che indica un percorso inevitabile. Quello della contaminazione, dello sconfinamento, dove la curiosità artistica porta i musicisti a frugare fra i bagagli altrui trovando in essi momenti di ispirazione e di sorpresa.

Info biglietti e prenotazioni: The Brass Group – www.bluetickets.itbrasspalermo@gmail.com, tel. 334 739 1972.