Tema campionato, riaperture palazzetti, elezione a consigliere A2: parla Maurizio Buscaino

Diversi i punti di trattazione nell’intervista di metà settimana a Maurizio Buscaino a seguito di questo avvio della nuova stagione. Non solo l’esordio in gara ufficiale bagnato dalle sigelline nel girone “A” con la conquista dei primi tre punti, ma come si è potuto vedere pure il ritorno del pubblico nei palazzetti, dopo le riaperture accordate dal Governo una volta consultato e avuto il via libera dal Comitato Tecnico Scientifico. Prima, però, di approfondire il tema campionato e a pochi giorni dal derby di Sicilia da affrontare con la formazione della Seap Dalli Cardillo Aragona del presidente Nino Di Giacomo, facciamo un passettino indietro. Lo scorso 1 ottobre a Modena si è consumata l’elezione del direttore sportivo di Marsala Volley Maurizio Buscaino a consigliere di serie A2, il quale si è presentato da candidato unico.

Cosa ha significato questo passo e il valore storico di avere la Sicilia finalmente rappresentata da un soggetto nel Consiglio d’Amministrazione dei club di A2 femminile?

“Per la pallavolo siciliana e per quella marsalese è un momento importante, veramente irripetibile, in quanto non c’era mai stato nella storia un consigliere siciliano nella Lega di serie A. Per la mia elezione la Sigel Marsala, la società che rappresento, ha avuto un ruolo tra i più decisivi e ciò si tratta di un motivo di vanto. Colgo l’occasione per rinnovare i ringraziamenti alle società siciliane che hanno spinto per la mia candidatura e ringrazio tutte le società della Lega Pallavolo Femminile che mi hanno sostenuto. Vorrei ricordare come la mia elezione sia avvenuta all’unanimità. Sono grato per il pieno appoggio ricevuto. Questa elezione mi responsabilizza e spero di essere in grado di portare avanti le istanze che mi pervengono dalle società“.

Riguardo all’ormai imminente derby tutto siciliano di domenica 17 ottobre il dirigente si espone in questi termini:

“Aragona è una buona squadra e ad Olbia, a parte qualche sbandata nei set finali, ha dato dimostrazione di possedere del potenziale. Ha nelle sue giocatrici più esperte, capitan Moneta e la Caracuta, l’esperienza che necessita per portare a casa gli obiettivi stagionali. Noi dobbiamo giocare come sappiamo, non facendoci sopraffare dalla tensione e dall’ambiente caldo che sicuramente ci vedremo parare davanti una volta arrivati, piuttosto concentrarci sulle efficienze di squadra e sul gioco solido che predilige il tecnico della nostra panchina. Contro la Sigel Aragona spinta dal calore del suo pubblico vorrà riscattarsi e cercare una prestigiosa vittoria. Quindi sommariamente l’occasione di giocare questo derby rende speciale e molto curiosa la circostanza ed è molto affascinante venire accompagnati in questa annata di serie A da altre sicule. Questo significa che le società si sentono pronte e che c’è voglia di misurarsi ad alti livelli. Nelle ultime recenti dieci edizioni di A2 femminile, con la prima nostra assoluta esperienza del 2012/2013, la Sigel Marsala si è ritrovata per cinque volte unica realtà di seconda serie nazionale in Sicilia”.

Sulle riaperture parziali dei palazzetti nello scrupoloso rispetto dei protocolli intergovernativi Buscaino si ritiene soddisfatto e aggiunge:

“Con le nuove disposizioni il nostro movimento pallavolistico riprende vigore ed è possibile avere la presenza del pubblico senza, come accadeva in passato, dover essere preoccupati nei confronti di atleti, gruppi-squadra e fruitori di non farlo in tutta sicurezza – spiega il diesse Maurizio Buscaino – Un altro passo avanti è stato la rivisitazione della capienza massima portandola al 60% per gli sport che si praticano indoor, che tra questi include il volley. Se penso all’attuale casa del Marsala Volley, l’unico dispiacere e grande rammarico ora che i campionati di volley tornano al massimo del loro splendore è doverci accontentare del PalaBellina, non potendo disporre a Marsala di un palazzetto più capiente come per l’esempio di Aragona che a Porto Empedocle gioca le partite casalinghe in un impianto contenente più di 3000 posti. L’amministrazione comunale di Marsala sa che come società non ne siamo felici dell’attuale sistemazione. Siamo addolorati non potere ospitare tutti i tifosi