Teatro: al Selinus di Castelvetrano Handmaids’s tale

Al Teatro Selinus di Castelvetrano il 22 e 23 ottobre alle 17.30, Handmaids’s tale (confessione di un’ancella), spettacolo tratto dal romanzo di Margaret Atwood con la traduzione di Camillo Pennati e la regia di Graziano Piazza. Protagonista sul palcoscenico Viola Graziosi nella produzione del Teatro della Città di Catania.

Il racconto dell’ancella è un romanzo distopico scritto nell’85 della canadese Margaret Atwood, tornato alle cronache per il grande successo della serie televisiva “The Handmaid’s Tale”. Attraverso il ritrovamento di una confessione registrata, siamo rapiti dal racconto di un’ancella. Non sappiamo da dove ci parli, quale luogo e quale tempo, ma riconosciamo che parla proprio a noi, donne e uomini di questa società contemporanea. L’ancella porta in sé l’urgenza della domanda che brucia, la nostra responsabilità.

Ci interroga sulla libertà, su ciò che ne facciamo e soprattutto su quale sia realmente la libertà delle donne. Diventa un simbolo, ma anche l’incubo di un futuro prossimo possibile, un monito che ci tiene in guardia. Nella nostra esperienza di esseri umani ci ritroviamo a cogliere i segni del cambiamento senza ascoltarli troppo, demandando la nostra responsabilità ad altri e pensando che tutto procederà sempre bene. Poi quando è ormai tardi, ci accorgiamo che il cambiamento ci ha superato e siamo diventati vittime della nostra stessa indolenza.                                                                   

La locandina

VENERDÌ 22 E SABATO 23 OTTOBRE

HANDMAID’S TALE (CONFESSIONE DI UN’ANCELLA)

dal romanzo di Margaret ATWOOD

traduzione Camillo PENNATI

regia Graziano PIAZZA

con Viola GRAZIOSI

Teatro della Città, Catania