Salemi. Restrizioni giudiziarie: due arresti

SONY DSC

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione di Salemi hanno arrestato due persone, già gravate da precedenti di polizia, su altrettanti provvedimenti restrittivi emessi dalla Autorità Giudiziaria.

In particolare, è stato eseguito un aggravamento di misura cautelare disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Marsala a carico di un 35enne di origini palermitane ma domiciliato a Salemi. L’uomo, solo alcuni giorni fa, era stato arrestato per il reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti dai Carabinieri di Salemi che lo avevano sorpreso con quasi mezzo chilo di marijuana. Nel corso dell’udienza di convalida, lo stesso era stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Salemi che ha violato recandosi a Palermo senza autorizzazione.  

I Carabinieri, cui non è sfuggito l’allontanamento dell’uomo, hanno comunicato quanto accertato alla competente Autorità Giudiziaria permettendo, in tal modo, l’emissione di una misura cautelare più afflittiva. Pertanto, in conclusione delle formalità di rito, il 35enne è stato ristretto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Palermo.

I Carabinieri, inoltre, hanno proceduto all’arresto di un 34enne palermitano in ottemperanza dell’ordine di esecuzione della detenzione domiciliare emesso dall’Ufficio Esecuzione Penale del Tribunale di Benevento, per aver commesso il reato di truffa. L’uomo sconterà la pena di nove mesi di detenzione presso una locale comunità terapeutica dove si trovava già ristretto a seguito di condanna per altro reato.