Disabilità, ancora negati servizi agli studenti. Caronia: “Gestione burocratica inumana da parte della Regione”

Audizione in Commissione cultura all’ARS

“Oggi in commissione cultura dell’Assemblea Regionale Siciliana
abbiamo audito i rappresentanti delle famiglie degli studenti con
disabilità e i lavoratori Asacom (Assistenti alla comunicazione, ndr).
Tutti continuano a lamentare giustamente la disastrosa gestione da
parte della Regione per quanto riguarda il mancato rispetto delle
linee guida per l’espletamento dei servizi di assistenza all’autonomia
e alla comunicazione nelle scuole superiori. Linee guida che in molte
province, tra cui quella di Palermo, non sono applicate. Non è
possibile che con mille cavilli burocratici le Città metropolitane o i
Liberi consorzi continuino a non applicare una legge regionale negando
un diritto fondamentale a centinaia di ragazzi e ragazze con
disabilità.
Anche per quanto riguarda i servizi di assistenza igienico-personale
oggi è emerso che continuano ad esserci gravissime criticità perché,
ancora una volta con logiche burocratiche inumane, si continua a
chiedere alle famiglie di certificare nuovamente la disabilità dei
propri figli, nonostante questi abbiano tutti le attestazioni previste
dalla legge 104.
Come se tutto questo non bastasse, abbiamo registrato, e tanto i
familiari quanto i lavoratori hanno pesantemente lamentato, l’assenza
dell’Assessore Scavone che per l’ennesima volta non ha preso parte ai
lavori della Commissione, mostrando un comportamento non solo poco
istituzionale ma soprattutto sprezzante dei diritti e delle difficoltà
che stanno vivendo centinaia di studenti e le loro famiglie.”

Lo ha dichiarato oggi Marianna Caronia al termine dei lavori della V
Commissione (Cultura) che ha trattato il tema dei servizi per gli
studenti con disabilità delle scuole superiori della nostra regione.