Alcamo, situazione idrica: la parola all’assessore Vito Lombardo

L’ufficio Servizio Idrico Integrato del Comune di Alcamo aggiorna costantemente la cittadinanza sulla distribuzione idrica riguardante il territorio di Alcamo, una distribuzione che, negli ultimi tempi, purtroppo ha subito tante variazioni, a causa di alcuni disservizi che hanno avuto luogo quasi contemporaneamente, rendendo la situazione disagevole per i cittadini.     

Dichiara l’assessore al Servizio Idrico, Vito Lombardo “nelle scorse settimane si sono rotte le pompe della stazione idrica di Cannizzaro, creando il primo disagio nella turnazione cittadina perché non abbiamo più attinto l’acqua da quella sorgente. Le pompe sono state prontamente inviate a Palermo per le riparazioni necessarie, ma i pezzi di ricambio giungono dalla Danimarca, pertanto i tempi si sono allungati. Ad oggi, una delle pompe è stata riparata ma dovrà essere collaudata, mentre per l’altra si attendono ancora i pezzi. A questo si aggiunge – continua l’Assessore – che sempre, nelle stesse giornate, si è verificata un’interruzione momentanea del servizio da parte di Siciliacque, il nostro principale fornitore. Contestualmente la stessa Siciliacque ha fatto sapere di aver riscontrato un aumento dei valori di manganese nell’acqua fornita a svariati comuni fra cui il nostro; il manganese  attribuisce all’acqua un colore giallo/rossiccio, questo ha creato una preoccupazione in più fra la popolazione che ha visto l’acqua dei rubinetti non del solito colore trasparente e limpido. Al riguardo, comunque, il nostro fornitore ci ha garantito che l’acqua è potabile ed utilizzabile dal punto di vista umano.  

Infine, nei giorni scorsi si è verificata un’anomalia con alcune saracinesche che sono rimaste aperte più a lungo del previsto, creando una diminuzione del livello dell’acqua del bottino, per cui abbiamo dovuto interrompere il servizio delle autobotti che è ripreso stamattina solo per i servizi essenziali e le attività commerciali.

Per quanto riguarda, invece, le utenze EAS, momentaneamente restano non servite, almeno fino a quando non sarà ripresa la regolare distribuzione idrica cittadina. 

Conclude l’Assessore “naturalmente l’impegno dell’Amministrazione resta altissimo, l’acqua è un bene primario, indispensabile nella vita di ognuno di noi. Abbiamo chiesto da parte dei nostri tecnici una relazione esplicativa sulle cause che hanno determinato il mancato e corretto funzionamento delle pompe, affinché non tornino a verificarsi le anomalie recenti che hanno messo in ginocchio la distribuzione idrica per i cittadini. Sarà nostra cura, come stiamo facendo, tenere la cittadinanza costantemente aggiornata per consentire a tutti di conoscere la situazione idrica del territorio”.