Piogge e sistematici allagamenti a Catania. Ersilia Saverino: “Ogni ondata di maltempo si trasforma puntualmente in una catastrofe”

dav

Non è possibile che ogni volta che piove, anche se in modo copioso, un’intera città rischia la totale paralisi, oltre ad una serie infinita di problemi legati alla sicurezza della gente. E questo è quello che si verifica puntualmente con le piogge torrenziali. E’ vero che il tempo è cambiato, è vero che i nubifragi sono in costante aumento ma questo non può essere sempre additato come scusa per ritrovarsi le strade completamente inondate anche dopo un paio di ore di forti temporali. Oggi servono efficaci interventi tampone ma domani occorreranno radicali azioni preventive. Ogni anno Catania si ritrova d’estate in preda agli incendi e d’inverno in totale balia degli allagamenti. Chiedo e auspico una collaborazione totale con tutte le parti in causa per gettare le basi di un piano di interventi tanto auspicato e mai attivato pienamente.

dav

Che il Villaggio Goretti si allaghi, che via Etnea si trasformi in un fiume in piena e che le tante piazze a Monte Po diventino laghetti dove le macchine spuntano come isolotti è noto a tutti. Sul web i video postati sui social, dagli abitanti preoccupati e amareggiati, non si contano più ormai. Vogliamo lasciarli al loro destino anche la prossima volta? Puntare il dito contro chiunque in questo momento non avrebbe senso. Non sarebbe un atto responsabile cominciare una caccia alle streghe che si concluderebbe con il consueto scarica barile tra le varie componenti dell’amministrazione comunale. Oggi serve responsabilità, serve volontà propositiva e serve programmazione. In sintesi: servono fatti concreti perché la pazienza della gente è ormai ampiamente esaurita e non si può assistere a scene di panico al primo accenno di maltempo.