“Questo non è amore. Aiutiamo le donne a difendersi”, a cura dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna

Il prossimo 25 novembre, in coincidenza con la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” istituita dall’ONU nel 1999, si svolgerà l’evento “Questo non è amore. Aiutiamo le donne a difendersi. ”, a cura dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna in collaborazione con numerose istituzioni.

Nella splendida cornice del Convento San Pietro di Piazza Armerina, professionisti della Sanità, delle Forze dell’Ordine e rappresentanti del mondo politico-istituzionale si alterneranno nell’approfondire i temi legati alla violenza di genere nell’ambito dell’aggiornamento professionale di 40 operatori sanitari dell’ASP di Enna. Sono previsti i saluti del Direttore Generale, dott Francesco Iudica, del Sindaco di Piazza Armerina, del Prefetto, del Questore, del Sostituto Procuratore della Repubblica di Enna, e delle Onorevoli Luisa Lantieri ed Elena Pagana. 

Ampio e articolato il programma dei lavori. La sessione antimeridiana sarà moderata dalle dottoresse Loredana Disimone, che dirige il Dipartimento Materno Infantile, e Gabriella Emma, responsabile dell’Unità Operativa Formazione.

Alle 9:30 la professoressa Ignazia Bartolini, docente Università di Palermo, tratterà il tema: “Le trappole della violenza di prossimità, come riconoscerne gli effetti tra vulnerabilità e retaggi patriarcali.”

A seguire, il Sindaco di Enna, avv. Maurizio Di Pietro, illustrerà gli sviluppi del Progetto promosso da ASP, Comune di Enna e Fondazione Terzo Pilastro relativo alla Casa di Accoglienza per donne vittime di maltrattamenti e i loro figli.

“L’attività di prevenzione e repressione della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne” sarà l’argomento trattato dalla dott.ssa Maria Antonietta Curtolillo, Dirigente Divisione Anticrimine, e dal dott. Vincenzo Perta, vicequestore aggiunto e dirigente Squadra Mobile. 

Il Codice Rosa in Sicilia e la condivisione di un protocollo operativo e relazionale saranno illustrati dalla dott.ssa Francesca Paratore, referente Assessorato della Salute, e dalla dr.ssa Franca Arena, Rete Codice Rosa AO Papardo Messina. 

“La gestione delle donne vittime di violenza: la presa in carico del CAV e del SSN” sarà il tema trattato dalla dott.ssa Viviana Arangio, Vice Presidente del Centro Antiviolenza “DonneInsieme Sandra Crescimanno”, e dalla dr.ssa Greta Alessandra, Ostetrica del Presidio Ospedaliero Basilotta di Nicosia, mentre la realtà dell’ASP di Agrigento sul Codice Rosa sarà esposta dalla dr.ssa Mariella Di Grigoli. 

Nella seduta pomeridiana, i lavori saranno moderati dal dr. Renato Valenti, Direttore Dipartimento Emergenza Urgenza dell’ASP di Enna. Porterà il saluto la dott.ssa Lucia Lo Presti, Direttore UOC Ginecologia e Ostetricia. 

“L’approccio ginecologico della vittima di violenza di genere” sarà illustrato dalla dr.ssa Stella Ciarcià, Responsabile Screening HPV, mentre l’avv. Giuliana Conte, Ordine degli Avvocati di Enna, esporrà gli aspetti medico legali Codice Rosa: obblighi normativi, denuncia e referto. 

“La violenza e le discriminazioni nei confronti delle persone con disabilità” è il tema che sarà affrontato dal dr. Antonio Scibona, psicologo presso il Consorzio Siciliano di Riabilitazione AIAS. 

Infine, la dottoressa Rosalinda Vitali, referente Codice Rosa – Nucleo Antiviolenza dell’ASP di Enna, chiuderà i lavori illustrando la realtà e le prospettive della Rete Codice Rosa Aziendale.