La PGS nel territorio etneo scalda i motori

Il Comitato territoriale di Catania, per le Polisportive Giovanili Salesiane, ha ufficialmente avviato la stagione sportiva 2021-2021. Nei giorni 14, 20 e 21 novembre si è tenuta la PGSFest 2021, l’evento segna l’inizio delle attività sportive nel territorio. Quest’anno la manifestazione di apertura si è svolta su tre tappe, al fine di garantire la massima partecipazione e il rispetto delle norme anti Covid19. 

Circa 200 atleti e atlete del settore giovanile che hanno partecipato alla PGSFest 2021, tre grandi appuntamenti dedicati alla pallavolo, basket e calcio a 5.

Il 14 novembre, le atlete della pallavolo hanno dato il via alla PGSFest. Al Palaclan di San Giovanni La Punta si sono ritrovate quattro società: Porto D. Bosco di Giardini, Pgs Etna, Cyclopis Valverde e Clan dei Ragazzi, che hanno preso parte al torneo di volley per la categoria under 12.

Il 20 novembre, presso la palestra dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Catania, gli atleti under 13 delle: Pgs Fides, Pgs Elefantino, Pgs Sales e Pgs S.Filippo Neri, sono stati impegnati in un quadrangolare di pallacanestro.

L’evento di chiusura è stato il 21 novembre, presso l’Istituto San Francesco di Sales a Cibali, con gli atleti del calcio a 5 delle categorie Mini e Propaganda. Al torneo di calcio a 5 hanno partecipato le società PGS Santa Maria della Salette, PGS P. A. Barbagallo, PGS Beato Dusmet, PGS Don Bosco, PGS San Filippo Neri, PGS Aquila Cesarò, PGS Virtus.

“La PGSFest – spiega Nino Cacia, presidente provinciale – è stata l’occasione giusta per ritrovarci insieme: atleti, alleducatori, dirigenti e famiglie, e vivere delle giornate di spensieratezza all’insegna dello sport e del divertimento. Per garantire la maggiore partecipazione, ed evitare assembramenti, il nostro comitato ha cercato di organizzare più eventi di festa e così dare a tutti l’opportunità di tornare a solcare i campi di gioco. E per questo ringrazio i membri del Comitato e le Società ospitanti. Le aspettative per il nostro comitato sono tante, siamo tutti desiderosi di tornare a giocare, nel rispetto dell’emergenza sanitaria ancora in atto”.