martedì, Maggio 17, 2022
HomeCulturaCinema & TeatroHuman Freedom 21 chiude a Parigi con uno spettacolo della compagnia palermitana...

Human Freedom 21 chiude a Parigi con uno spettacolo della compagnia palermitana Raizes Teatrom

E adesso Parigi, nel cuore pulsante della cultura europea, l’ennesimo seme della compagnia teatrale palermitana Raizes Teatro, che non accenna a fermarsi e che ha già in cantiere nuove importanti iniziative. 

Raizes Teatro sbarca a Parigi in occasione della Giornata Mondiale per i Diritti Umani, il 10 dicembre 2021, per la cerimonia di chiusura di Human Freedom 2021, programma sviluppato in collaborazione con Global Campus of Human Rights, Avant – Garde Lawyers e International Human Rights Art Festival di New York e ideato da Alessandro Ienzi, attore e regista fondatore della compagnia, un avvocato iscritto al Foro di Palermo. 

Il 10 dicembre, dalle 20.30, ospite della Galleria d’arte Le Pavè D’Orsay,  a fianco di uno dei principali musei europei, Le Musee d’Orsay, Raizes darà vita all’ultimo evento del programma che ha promosso i diritti umani attraverso le arti, dalla giustizia climatica alla parità di genere, dai diritti LGBTQIA+, ai diritti dei minori e a quelli dei migranti. 

Apre alle 20.30 la conference ” Liberi di essere artisti”: intervengono Andra Matei, direttrice di Avant-Garde Lawyers e vincitrice del Paris- Quebec Prize 2021, e Alessandro Ienzi. 

A seguire, l’intervento musicale di Marina Mazzamuto, eclettica illustratrice e performer (è dottoranda di ricerca all’Università degli Studi di Palermo); conclude “FREE TO BE”, performance di Raizes Teatro con Patrick Andrade Mendes, Valentina Calandriello, Lamin Drammeh, Francesco Campolo, Mara Picone, Christian Sidoti. La performance, già presentata a Vienna per il Fundamental Rights Forum dell’UE, tratta il tema della libertà di espressione, quale base di tutti i diritti e mezzo per imprimere l’impronta dell’animo artistico di ciascun essere nel mondo. 

“La chiusura di Human Freedom 21 è insieme l’occasione per guardare avanti e indietro nel tempo. Abbiamo cominciato nel gennaio scorso e oggi siamo più solidi, più aperti, più radicati, conosciamo un pezzo di mondo in più, e siamo più coraggiosi – dice Ienzi -. Le nostre vite si sono incrociate con vite più difficili, in cui anche le libertà fondamentali vengono messe in dubbio, è per questo che dobbiamo fare uso della nostra libertà e dei nostri mezzi, delle nostre voci per portare in alto il nome di chi non può farlo più o non può farlo da solo.”

Human Freedom ha visto la partecipazione della Columbia University, di funzionari del Parlamento Europeo, ha consentito la diffusione di storie rimaste nell’ombra ed è stata occasione di una riflessione ampia che ha abbracciato, nonostante le restrizioni per la pandemia da Covid-19, diverse città: New York, Los Angeles, Vancouver, Bruxelles, Vienna, Venezia, Roma, Napoli, Palermo. 

E si guarda già a Human Freedom 22.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments