Ospedale Cannizzaro: «Con la mobilità nominati 40 infermieri, colloquio per 28 OSS che hanno chiesto il comando»

Quaranta infermieri e tredici operatori socio-sanitari nominati a tempo indeterminato, cui si aggiungono ulteriori otto infermieri entrati in servizio con incarico triennale e altri 28 operatori socio-sanitari che hanno chiesto il comando. È il quadro attuale delle procedure di reclutamento attivate e in corso da parte dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro per la copertura dei posti vacanti dei due profili, illustrato dal dott. Salvatore Giuffrida, direttore generale, a seguito di recenti segnalazioni di sigle sindacali sulla carenza di personale.

In particolare, la Fials (Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità), con una lettera alla Direzione aziendale, ha rilevato alcune difficoltà legate anche ai recenti pensionamenti, trasferimenti in altre aziende e assenze a vario titolo, cui fanno fronte con turni aggiuntivi i dipendenti in servizio.

«L’Azienda è consapevole del fabbisogno di infermieri e OSS. Per questo – puntualizza il direttore generale – sta attingendo anche a graduatorie di altri Enti. Sono state centinaia in poche settimane, e anche 200 in un solo giorno, le PEC trasmesse dal Settore Risorse Umane a infermieri».

Più in dettaglio, ai 24 posti inseriti nei bandi di mobilità di bacino con capofila l’ASP di Catania, se ne sono aggiunti altri 16 per effetto di uscite di dipendenti. In esito a questa procedura di bacino, sono stati pertanto nominati complessivamente 40 infermieri: i primi stanno per entrare in servizio, per gli altri si attende il nulla osta da parte degli enti di provenienza. Nelle more, per garantire i livelli essenziali di assistenza, si è attivata anche una procedura per la copertura a tempo determinato con contratti triennali, mediante l’utilizzo della graduatoria dell’ASP di Catania, che ha consentito di conferire 8 incarichi, mentre ben 35 infermieri hanno sostenuto qualche giorno fa la visita medica propedeutica alla sottoscrizione del contratto.

Per quanto riguarda la mobilità di operatori socio-sanitari, dei complessivi 19 posti, 6 sono già stati coperti, per 7 sono già fissate le date ormai prossime di avvio del servizio, per gli altri si è in attesa della data di decorrenza e del nulla osta. Sempre per il reclutamento di OSS, è in corso la procedura di accoglimento delle 28 istanze di comando pervenute di dipendenti di altre aziende sanitarie: il colloquio propedeutico si svolgerà il 20 e 21 dicembre.

«Nel comprendere le preoccupazioni dei sindacati, e nel ringraziare i dipendenti che si rendono disponibili a rimodulare i propri turni per garantire gli standard di assistenza, si deve dunque evidenziare che l’Azienda Cannizzaro – ha concluso il dott. Giuffrida – ha attivato ogni strumento utile all’assunzione del personale a copertura dei posti in atto vacanti. A breve, con l’approvazione della dotazione organica, verranno ulteriormente accelerate nuove procedure di reclutamento volte ad implementare il numero di unità in servizio».