giovedì, Agosto 11, 2022
HomeCronacaComitato Pendolari Siciliani, dopo la nostra denuncia, la Regione sospende l’aumento dei...

Comitato Pendolari Siciliani, dopo la nostra denuncia, la Regione sospende l’aumento dei biglietti ferroviari

Qualche giorno fa denunciavamo l’aumento (10%) dei titoli di viaggio ferroviari dal 1° gennaio 2022. Quale rappresentante del Comitato Pendolari Siciliani, prendo atto, condivido e apprezzo la scelta e l’attenzione del Governatore Musumeci nello stoppare gli aumenti tariffari tra l’altro previsti dalla stessa Regione nel Contratto di Servizio (Art.14 comma 4 “La Regione inoltre stabilisce che le tariffe regionali sono incrementate, dal 1° gennaio degli anni 2020, 2022 e 2024). Condivido in parte la scelta dell’assessore Falcone di continuare ad utilizzare le somme delle penalità elevate a Trenitalia nell’anno 2018 e 2019 per la sola scontistica sulle tratte disagiate della Modica-Caltanissetta del 30%, della Piraineto-Trapani del 30% e della Caltagirone-Catania del 55%, già in vigore da fine febbraio 2020. Avevo chiesto nell’Osservatorio regionale dei Trasporti” tenutosi a Caltanissetta il 19/02/2020  di prevedere e di attuare  quanto era previsto dal comma 7 dell’art.20 del Contratto di Servizio e cioè quello di ripartire il ristoro delle penalità (euro 1,7 mln anno 2018 e 1,7 mln circa per il 2019) su tutti i pendolari abbonati di tutte quelle relazioni ferroviarie che avevano subito disagi, disservizi, soppressioni/cancellazioni e ritardi tenendo conto anche dell’applicazione dell’art. 17 del  Reg.1371/07(CE) per  la  determinazione dell’indennità  di rimborso per gli abbonamenti. Avevo fatto presente, inoltre, che nel caso in cui l’importo delle penalità non era sufficiente a ristorare tutti gli abbonati, sarebbe stato opportuno stabilire un eventuale bonus di acquisto pari al 20/30% dell’abbonamento su una o più mensilità. Questa proposta era stata accettata da tutti i presenti al “tavolo di confronto” ma non è stata messa in pratica prediligendo la sola scontistica su tratte ferroviarie a scarsa capacità e frequentazione (vedi Catania-Caltagirone). La Regione Siciliana, quale committente del trasporto ferroviario aveva l’opportunità, per la prima volta, di dare un segnale di vicinanza e ristoro alle decine di migliaia di pendolari abbonati e, invece, ha preferito ben altro non fidelizzare quell’utenza che da anni ha scelto il mezzo treno per i propri spostamenti e che per la prima volta si vedeva rimborsare in toto o in parte un abbonamento a consolazione dei disagi/disservizi patiti.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments