domenica, Giugno 26, 2022
HomePoliticaARSCovid, Pasqua (M5S): “I positivi in quarantena rischiano di essere abbandonati a...

Covid, Pasqua (M5S): “I positivi in quarantena rischiano di essere abbandonati a se stessi”

“La vicenda dei tamponi rapidi scaduti effettuati a Partinico da me denunciata è la punta dell’ iceberg di un colossale fallimento del governo Musumeci su questo versante. Le scorte dei tamponi a disposizione alle strutture pubbliche  basteranno, se tutto va bene, per due giorni, poi si dovrà aspettare una nuova fornitura e intanto i positivi in quarantena che attendono l’esame che sancisca la negatività per tornare ‘liberi’ continueranno ad aspettare, praticamente sequestrati in casa”. 

 La denuncia è del deputato 5 stelle all’Ars Giorgio Pasqua.

“Dalla attenta lettura dei numeri dei tamponi rapidi eseguiti – dice il deputato – si evince che giornalmente in Sicilia le strutture pubbliche hanno bisogno di almeno 25.000 kit al giorno per eseguire test covid-19. Proprio ieri il responsabile della Protezione Civile siciliana comunicava che nei magazzini siciliani sono disponibili soltanto 50.000 kit. È facile, quindi, prevedere che nei prossimi due giorni saranno consumati e i siciliani in quarantena dovranno attendere la successiva consegna oppure rivolgersi, a pagamento, ai privati”.

“Non ci voleva – dice  Pasqua assieme agli altri componenti  della commissione Salute dell’Ars, Francesco Cappello, Salvo Siragusa e Antonio De Luca  – la sfera di cristallo per prevedere il fabbisogno di tamponi rapidi, bastava fare due semplici calcoli matematici. Due anni quasi di emergenza sanitaria dovuta alla pandemia avrebbero dovuto insegnare a questi sedicenti bravi amministratori come organizzare e reperire i necessari kit di tamponi. A questi suggeriamo di riattivare i laboratori pubblici di Palermo (e di ovunque ci sia stato uno stop) capaci di processare tamponi molecolari precipitosamente fermati a causa dell’esigenza di risparmiare per mettere un freno alle spese eccessive fatte in precedenza. Si facciano funzionare a regime, inoltre,  le due attrezzature, di Palermo e Messina, acquistate tra l’altro con enorme ritardo, capaci di processare grandissimi quantitativi di tamponi molecolari. Questa ondata di contagi si ferma con lo stesso mezzo, sicuro, che ha consentito di rallentare la diffusione nei mesi precedenti: tracciamento e tamponi molecolari, che tra l’altro sono molto più attendibili di quelli rapidi, specie per la variante Omicron per la quale i rapidi, a quanto sembra, 1 volta su due danno un falso negativo”.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments