martedì, Maggio 17, 2022
HomeCronacaCastellammare: si è dimesso il vicesindaco Giuseppe Cruciata

Castellammare: si è dimesso il vicesindaco Giuseppe Cruciata

concordato il mio impegno in giunta per metà mandato. Grazie al sindaco per la stima e fiducia. Rimango a sostegno dell’amministrazione in consiglio comunale”.

Il sindaco Nicolò Rizzo: “certo che continuerà l’impegno nel ruolo consiliare, ringrazio Giuseppe Cruciata per i tre anni di lavoro in giunta con importanti risultati amministrativi.”.

Il primo cittadino ha già redistribuito le deleghe agli altri 4 assessori:
vice sindacatura a Maria Tesè.

Il vice sindaco Giuseppe Cruciata, 55 anni, esperto aziendale, si è dimesso dall’incarico in giunta ricoperto dal 2018, cioè dall’insediamento dell’amministrazione guidata dal sindaco Nicolò Rizzo.  Giuseppe Cruciata è stato eletto consigliere comunale -ruolo che continuerà a ricoprire– nella lista di “Oltre” a sostegno del sindaco Nicolò Rizzo.

Cruciata, esponente di Diventerà Bellissima, nella lettera inviata al sindaco Rizzo, che ringrazia per la fiducia, specifica che la scadenza dell’impegno amministrativo era stata concordata all’atto della nomina e ritiene «arrivato il momento di lasciare ad altri lo spazio dovuto. “Diventerà Bellissima” vuole rimanere a sostegno di questo governo cittadino con la presenza in giunta di una persona diversa dal sottoscritto. Rimarrò comunque a sostenere l’azione amministrativa tra i banchi del consiglio comunale».

«Ringrazio Giuseppe Cruciata per il lavoro svolto con impegno in giunta in questi oltre tre anni. Fin dall’insediamento, nel ruolo di vicesindaco e assessore, ha contribuito a portare a termine importanti risultati amministrativi nell’interesse della nostra città -dice il sindaco Nicolò Rizzo-. Non posso che accogliere le dimissioni certo che continuerà l’impegno per la collettività nel ruolo consiliare».

A dicembre il sindaco Rizzo aveva nominato due nuovi assessori e dopo le dimissioni di Cruciata ha già redistribuito le deleghe tra gli altri 4 assessori: la vice sindacatura è adesso di competenza di Maria Tesè che ha anche le deleghe alle politiche giovanili, turismo, spettacolo, cultura e sport.  

Le deleghe di Giuseppe Cruciata urbanistica, edilizia privata ed attività produttive, sono adesso competenza dell’assessore Giovanni Portuesi che le aggiunge a bilancio, tributi, servizi demografici, rapporti con il consiglio comunale, rapporti con gli uffici scolastici regionali e pari opportunità.

Invariate le deleghe per gli altri assessori: Emanuela Scuto continuerà ad occuparsi di servizi sociali, pubblica istruzione, informatizzazione e digitalizzazione, legalità, contenzioso e rapporti legali.

L’assessore Antonio Senia ha le delegheall’agricoltura e pesca, protezione civile, manutenzione strade, manutenzione rete idrica e fognaria, verde pubblico, decoro urbano e ambiente, rapporti con le frazioni di Castellammare e valorizzazione di monte Inici.

Deleghe al personale, sicurezza pubblica, viabilità, polizia municipale e lavori pubblici rimangono di competenza dello stesso sindaco Nicolò Rizzo.

Nella lettera di dimissioni Giuseppe Cruciata traccia un bilancio della vice sindacatura a fianco di Nicolò Rizzo e sottolinea:

«Abbiamo lottato contro i mulini a vento per velocizzare una macchina burocratica inceppata nella quale non vi era distinzione tra competenze politiche e competenze gestionali, portando avanti, coraggiosamente, una rotazione di competenze settoriali auspicata da più parti da almeno quindici anni e mai realizzata, applicando finalmente le norme nazionali sull’anticorruzione che nei periodi precedenti venivano sistematicamente disattese. Abbiamo dato certezza lavorativa ad un centinaio di lavoratori comunali che, per più di 25 anni, hanno svolto le loro mansioni in condizioni precarie ed abbiamo rafforzato settori comunali che abbiamo ricevuto poco produttivi».

Nella missiva Cruciata prosegue: «Ci siamo imbattuti in imprevisti che non si augurano nemmeno al peggior nemico e senza perderci d’animo li abbiamo affrontati e superati anche quando all’apparenza non c’era via d’uscita. In tutto questo, come se non bastasse la gravità e le incertezze causate dalla pandemia da Covid-19 che stiamo vivendo, si sono aggiunte condizioni climatiche avverse che hanno fatto emergere tutte le fragilità di un territorio che negli anni è stato troppo trascurato».

Specifica quindi il motivo delle dimissioni: «Sin dall’inizio Le avevo comunicato che il mio impegno in Giunta sarebbe durato per metà mandato, ma poi la triste vicenda che l’ha coinvolta mi ha portato ad allungare i tempi perché le mie dimissioni, in quel determinato periodo, avrebbero avuto una risonanza distorta dalle vere motivazioniSa molto bene che non sono mai stato attaccato alla cosiddetta “poltrona” e ritengo sia arrivato il momento di lasciare ad altri lo spazio dovuto. “Diventerà Bellissima” vuole rimanere a sostegno di questo governo cittadino con la presenza in Giunta di una persona diversa dal sottoscritto. Rimarrò comunque a sostenere l’azione amministrativa tra i banchi del Consiglio Comunale, attento affinché quanto realizzato sino ad oggi non venga perduto, ed altresì vigile affinché tutti i progetti rimasti in stand-by, a causa della pandemia, vengano portati a compimento prima della fine del mandato ricevuto».

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments