lunedì, Luglio 15, 2024
HomeAmbienteAl via la riqualificazione del centro storico di Trapani

Al via la riqualificazione del centro storico di Trapani

L’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Giacomo Tranchida unitamente all’Assessore all’Urbanistica Giuseppe Pellegrino, procede spedita verso la pianificazione urbanistica della città capoluogo.E’ in fase avanzata l’iter di redazione dello Studio di dettaglio del centro storico ai sensi della Legge Regionale Sicilia n.13 del 2015. E’ stata definita la conferenza di servizi indetta dall’ufficio tecnico comunale con i diversi enti interessati fra cui la Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Trapani. Confronto articolato, partecipato e propositivo.Lo studio di dettaglio per il centro storico è “strumento” in grado di rilanciare una politica di “rigenerazione urbana”, di ridare forza propulsiva all’intervento dei privati, di coinvolgere in maniera attiva il tessuto produttivo, di riportare attività commerciali ed artigianali a quanto ancora sta dentro al perimetro murato e forma ancor oggi un organismo compatto ed “ospita” n. 6.010 abitanti, cioè meno del 10% dei Cittadini trapanesi, pur disponendo di 22.000 vani residenziali, potenzialità enorme da “sfruttare” attraverso la rigenerazione ambientale, la riqualificazione fisico-economica ed il ripopolamento.Dalle analisi al progetto. Le unità edilizie, cioè le porzioni di tessuto storicamente e funzionalmente disimpegnate fra loro, per singolo manufatto, sono descritte e classificate quindi indicati: lo stato di conservazione, la tipologia edilizia, le destinazioni d’uso, etc.. In centro storico insistono: unità edilizie residenziali n. 1340 (dalle abitazioni singole ai palazzi gentilizi) edifici monumentali specialistici n. 74 ed edilizia specialistica moderna n.35.Oltre alla specificità tipologica del tessuto edilizio sono individuate le peculiarità costruttive e distributive, un esempio per tutte “il cortile” (n. 223 fra privati e pubblici) che pur derivante dall’atrio classico si allunga, si storce, si moltiplica mettendo in comunicazione spazi pubblici e privati sottesi agli estranei, (anche i cortili sono schedati e normati).Lo studio di dettaglio, nella fase progettuale, individua, per singolo edificio, la tipologia di intervento edilizio, le modalità di attuazione, iter burocratico etc.. Attraverso quest’insieme di azioni tecniche e di rigenerazione anche culturale è possibile instaurare una diversa e migliore organizzazione del recupero edilizio nonché sociale ed economico. Un’economia alternativa e sostenibile per la riqualificazione della Città.La mancanza, ormai decennale, di una normativa urbanistica per il centro storico ha, finora, negato la certezza del diritto ai proprietari (a vario titolo) di tutti gli edifici ubicati in centro storico, causando squilibri di carattere qualitativo sul costruito, nonché notevole ed irrecuperabile danno economico a tutto il patrimonio edilizio esistente, che resta sempre un’enorme potenzialità da riqualificare ed utilizzare.Non può esistere un vincente piano di riqualificazione e rivitalizzazione del centro storico prescindendo dalla incremento della residenzialità e del potenziamento delle piccole attività produttive.Il Centro storico per vivere ha bisogno di essere abitato e non solo visitato o episodicamente vissuto, è indispensabile sviluppare politiche urbane, anche premiali, che vadano a sostegno della residenzialità. I residenti sono i primi tutori della qualità della vita del Centro storico stesso ed inoltre svolgono un ruolo fondamentale nell’azione di “accoglienza” del turista aspetto che assume una valenza strategica di marketing urbano.Ribadiamo, che i tecnici incaricati, Architetto Castagna, Ing. Salvo e Architetto Ricevuto unitamente all’amministrazione ed ai tecnici dell’ufficio tecnico Canale e D’Angelo hanno tenuto conto della rigenerazione del patrimonio edilizio e le relative politiche d’incentivazione ad essa dedicate con la consapevolezza che le stesse rappresentano in questo momento storico un asset importante per il rilancio del sistema paese in chiave sostenibile. Lo Studio di dettaglio e le relative Modalità attuative sono stati elaborati tenendo conto della qualità prestazionale delle costruzioni esistenti dal punto di vista dell’efficienza energetica, cioè alla razionalizzazione dei flussi energetici che intercorrono tra sistema edificio (involucro e impianti) ed ambiente esterno, così come dettato dalla legislazione vigente.Giovedì 21 Aprile alle ore 16, presso la Sala Perrera sita in via Libica 12, si terrà un’assemblea pubblica dove sarà esposto il progetto di dettaglio unitamente al verbale della conferenza di servizi. I tecnici incaricati e l’amministrazione lo illustrano e saranno concessi ai sensi di legge agli interessati 30 giorni di tempo per eventuali osservazioni.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

ULTIME NEWS