domenica, Giugno 26, 2022
HomeEconomiaLavoroIsolfin, stop alla cessione del ramo d'azienda

Isolfin, stop alla cessione del ramo d’azienda

Fiom: “Premiata la lotta dei lavoratori. Resta l’agitazione per i 3 lavoratori ai quali l’azienda non ha rinnovato il contratto”

Dopo più di un mese di protesta, con la mobilitazione dei 48 lavoratori e più di 20 ore di sciopero, la Isolfin azienda dell’indotto Fincantieri, che si occupa di verniciatura, lavaggio e carenaggio navi, ha comunicato per nota a Fiom, Fim, Uilm Palermo di avere stoppato la cessione di ramo d’azienda, rinviandola a data da destinarsi.
Dal 9 aprile i lavoratori della sede palermitana di Isolfin protestano con il blocco dello straordinario per la situazione di incertezza occupazionale creata con l’annuncio della cessione del ramo d’azienda del comparto tecnico del navale a un’altra società di minori dimensioni, la Gap coating srl.

Rimane aperto però lo stato di agitazione. Tra i motivi della mobilitazione, anche il nodo del mancato rinnovo contrattuale di tre lavoratori della ex cooperativa Picchettini, assunti da Isolfin all’interno del percorso che ha già previsto il riassorbimento del 90 per cento dei lavoratori delle ex coop storiche dei Cantieri navali. Ai tre lavoratori alla scadenza annuale non è stato rinnovato contratto.
Per la Fiom lo stop alla cessione è una “vittoria” dei lavoratori. “Prendiamo atto di quanto comunicato dall’azienda. E’ un risultato importante, che premia la lotta dei lavoratori che compattamente hanno protestato contro la scelta della cessione da noi mai condivisa – dichiarano il segretario generale Fiom Cgil Palermo Francesco Foti e le Rsu Pietro Ficarotta, Antonio Busalacchi e Antonio Pirrotta- Saremo pronti, qualora l’azienda intendesse portare avanti operazioni che dal nostro punto di vista non danno garanzie ai lavoratori, a riprendere la mobilitazione”.
Per la Fiom rimane aperta la vicenda dei 3 lavoratori rimasti fuori dal processo di riassorbimento, per i quali il sindacato chiede la riassunzione immediata. “Esprimiamo solidarietà a questi lavoratori e fino a quando l’azienda non li reintegra al lavoro permane lo stato di agitazione con il blocco delle ore straordinario – proseguono Foti, Ficarotta, Busalacchi e Pirrotta – E questo anche alla luce del fatto che abbiamo appreso che l’azienda sta cercando per la sede di Trieste sabbiatori e verniciatori con esperienza di almeno due ani, esattamente le stesse mansioni dei tre lavoratori non confermati. Quindi a maggior ragione continua l’agitazione perché le nostre richieste nei confronti dei lavoratori, anche quella eventualmente di trovare soluzioni per loro in trasferta in altre sedi, sono rimaste inascoltate”.
Lunedì scorso si è svolto l’ultimo sciopero di 8 ore con presidio in Prefettura per la vertenza Isolfin. I sindacati sono stati ricevuti dal vice prefetto. “Abbiamo chiesto- proseguono i sindacalisti Fiom – l’intervento della Prefettura per riconvocare un tavolo tra Isolfin, Fincantieri, che è la stazione appaltante. Sul tappeto, oltre al caso dei 3 lavoratori, resta anche la posizione di 7 lavoratori delle coop Picchettini-Spavesana finora esclusi dal percorso di riassorbimento”.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments