martedì, Giugno 28, 2022
HomeEconomiaLavoroAmat, sale la tensione: sindacati pronti allo sciopero

Amat, sale la tensione: sindacati pronti allo sciopero

Sale nuovamente la tensione attorno alla vertenza Amat. I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e Orsa Tpl, si preparano ad indire uno sciopero di quattro ore per via, scrivono in una nota “delle crescenti preoccupazioni sul futuro dell’azienda e dell’immediato rischio che grava sui lavoratori in termini di sicurezza a causa di un servizio ‘rappezzato’”. Ad affermarlo sono Franco Mineo (Filt Cgil), Salvatore Girgenti (Fit Cisl), Franco Trupia (Uil Trasporti), Fabio Danesvalle (Faisa Cisal), Corrado Di Maria (Ugl) Carlo Cataldi (Cobas Trasporti) e Gioacchino Mazzola (Orsa Trasporti) dopo l’esito negativo del vertice che si è svolto ieri con la dirigenza di Amat. “Le nostre richieste di dar corso allo scorrimento della graduatoria degli autisti, sono state respinte dall’azienda, che è rimasta ferma sulle proprie decisioni, pur cosciente che l’attuale e insufficiente organico graverà negativamente sul bilancio.  I pochi mezzi in circolazione non bastano a servire l’utenza e questo non fa cambiare passo al Presidente dell’Amat che resta arroccato dietro la causale giuridica della mancanza di tutte le autorizzazioni da parte del socio unico il Comune di Palermo per far scorrere la graduatoria e assumere gli autisti necessari”.  I sindacati aggiungono “ci chiediamo come sia possibile in una tale condizione di perdita d’esercizio, preventivamente quantificabile per il 2022 in circa sei milioni di euro, deliberare una somma di circa 400 mila euro da destinare all’affidamento a società private di sicurezza da adibire al controllo e verifica titoli viaggio a bordo dei pochi bus  attualmente in servizio, considerato che per la mancanza autisti ne rimangono fermi in autoparco circa 60 ogni giorno. Solo dopo le nostre osservazioni il Presidente ha dichiarato che prossimamente ritirerà la delibera revocandone gli effetti”. E concludono “auspichiamo fino all’ultimo istante di poter scongiurare lo sciopero qualora il Socio Unico o la stessa azienda trovino velocemente soluzioni senza attendere quanto invece preannunciato dal Presidente dell’Amat: che la soluzione sarà cura della prossima amministrazione comunale dopo il prossimo 12 giugno. Queste dichiarazioni, si presume a nome di tutto il Cda, configurano la resa degli amministratori di Amat su tutto ciò che deve essere fatto per portare fuori dalle sabbie mobili l’azienda. Noi non gettano la spugna ma ci prepariamo allo sciopero a tutela dei cittadini, dei lavoratori , e del futuro dell’azienda”.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments