martedì, Giugno 28, 2022
HomeNewsLa senatrice catanese Urania Papatheu (FI), premiata ad Atene con la medaglia...

La senatrice catanese Urania Papatheu (FI), premiata ad Atene con la medaglia di Lord Byron per il suo impegno filoellenico nel Mondo

La senatrice catanese di Forza Italia Urania Papatheu è stata premiata ad Atene per il suo impegno filoellenistico nel Mondo. Valori che vedono l’Italia, e in particolare la Sicilia, legate da sempre alla Grecia. “È un grande piacere e un onore per me essere oggi qui con voi,  in Grecia ad Atene . Sono greca da parte di padre e italiana da parte di madre e sono cresciuta in Sicilia abbracciando entrambe le culture.  Parliamo di due Paesi e di due Popoli che hanno molto in comune e condividono valori basati sulla Grecia Classica. Ho da sempre considerato come una missione principale quella di sostenere la cultura greca in Sicilia, come testimonia la richiesta di contributi a favore della “Fondazione Magna Grecia”. Allo stesso tempo- continua la senatrice etnea- ho intrapreso azioni per la promozione delle chiese greche e della cultura bizantina. Valori comuni che spesso hanno portato i nostri popoli a schierarsi l’uno affianco all’altro”.

La premiazione è stata celebrata a pochi giorni dalla presentazione al Senato, da parte del gruppo di Forza Italia a prima firma Urania Papatheu, del disegno di legge che mira a salvaguardare e a valorizzare l’antica area della Magna Grecia con il suo immenso patrimonio culturale, linguistico, storico, archeologico, museale e turistico. Tra gli scopi del “ddl Papatheu” c’è anche il finanziamento di attività e interventi che mirano al recupero, alla promozione, alla valorizzazione e alla divulgazione della cultura, materiale e immateriale, dell’aerea denominata Magna Grecia.

“A nome di tutti i filelleni italiani e della cultura comune tra Grecia e Italia accetto oggi con onore la medaglia di Lord Byron. Vi assicuro che continuerò il mio lavoro con la stessa dedizione e la stessa passione che oggi ci portano a perseguire i nobili obiettivi comuni dei nostri due Popoli- ha concluso la parlamentare azzurra- e perché come si dice ” una faccia una razza” Dedico questa medaglia a mio  padre Lucas ,  ringrazio il Presidente del museo Philoellenismo dr. Costantino Velentzas e voi tutti per essere qui presenti”.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments