sabato, Giugno 25, 2022
HomePoliticaFerrandelli: “Facciamo strike, mandiamo a casa la vecchia politica”

Ferrandelli: “Facciamo strike, mandiamo a casa la vecchia politica”

“Dopo anni di malagestione della città, i palermitani hanno l’occasione, il 12 giugno, di mandare a casa tutta la vecchia politica, rappresentata da Lagalla e Miceli. I miei avversari rappresentano plasticamente il simbolo di metodi e classi dirigenti che portano addosso la responsabilità di 30 anni di cattiva amministrazione. La verità – dichiara il candidato sindaco di Azione e +Europa, Fabrizio Ferrandelli – è che non sono credibili: Miceli parla al futuro per nascondere gli scempi degli ultimi 10 anni dei suoi sodali e non ha uno straccio di proposta. Lagalla gira svogliatamente una città che non conosce e che non ha neppure voglia di amministrare, dimostrando di essere solo la sintesi di un accordo di chi vuole mettere le mani sulla città. Tutta la vecchia politica è nelle liste e a sostegno loro. Farebbero tornare la città a Italia ’90. E noi – continua Ferrandelli – questo non lo vogliamo. Noi, al contrario, siamo liberi, responsabili e consapevoli. Non abbiamo padroni alle spalle e non dobbiamo rispondere a nessuno. Siamo il popolo che libera il popolo. Votando per me, Palermo manda a casa definitivamente i responsabili di decenni di disastro amministrativo, sociale, ambientale ed economico. Domenica si vota per il sindaco che governerà Palermo per i prossimi 10 anni. Noi siamo gli unici pronti ad accettare anche questa sfida generazionale. Sono orgoglioso di avere al mio fianco una lista di giovani under 25 preparati, appassionati e innamorati di Palermo. Ragazze e ragazzi – conclude Ferrandelli – che hanno la voglia di rompere quel sistema che da anni li costringere a dover coniugare sempre al futuro, chissà quale, e mai al presente i loro sogni, le loro idee, le loro proposte, la loro partecipazione. Insieme a loro, possiamo dare il via ad una nuova stagione politica che dia a Palermo la possibilità di splendere e sia a misura delle loro aspettative”.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments