sabato, Giugno 25, 2022
HomeSanita'Policlinico Paolo Giaccone. Confronto 2019 – 2022: aumenta l’attività sanitaria rispetto al...

Policlinico Paolo Giaccone. Confronto 2019 – 2022: aumenta l’attività sanitaria rispetto al periodo pre covid

Report di monitoraggio del primo quadrimestre 2022. Tra i dati più significativi la maggiore complessità nelle prestazioni sanitarie e, sul fronte organizzativo, 79 giorni in meno per pagare le fatture.   

Sono segnali rilevanti quelli che arrivano dal report di monitoraggio della produzione ospedaliera dell’AOU Policlinico “Paolo Giaccone” nei primi quattro mesi del 2022. Pur in un momento storico segnato dal covid e dalla conseguenze che la pandemia ha determinato sulle realtà ospedaliere, l’attività sanitaria aumenta e fa registrare una maggiore produttività rispetto al periodo pre pandemia. Un dato che va inquadrato in un contesto in cui vi è ancora un numero inferiore di posti letto, perché dedicati al covid, ma dove le azioni messe in campo hanno permesso comunque di incrementare volume e complessità delle prestazioni rispetto allo stesso periodo del 2019, centrando così il ruolo del policlinico quale struttura che può focalizzarsi sui trattamenti più specialistici e sulla sua vocazione di ospedale universitario.  A ciò si aggiunge che tra Gennaio e Aprile 2022 si è registrata una diminuzione della degenza media: significa che i processi organizzativi messi in campo funzionano, ma possono ancora migliorare per favorire una sempre più ottimale occupazione di posti letto ed evitare il sovraffollamento del pronto soccorso. Un contributo ulteriore in tal senso sarà dato dalle ristrutturazioni di alcune aree già rese disponibili.  

Il report mostra gli effetti di un miglioramento organizzativo sotto più fronti, tra cui merita attenzione quello legato ai tempi di pagamento dei fornitori. Se nel primo trimestre del 2019 le fatture venivano pagate a 99 giorni, nei primi tre mesi del 2022 la tempestività è aumentata, con liquidazioni che si concretizzano dopo 20 giorni dalla data di emissione. 

Il piano di miglioramento è stato orientato a revisionare i processi sanitari e amministrativi per renderli più snelli e veloci, responsabilizzando il personale rispetto agli obiettivi dati ad inizio anno. In tale visione anche l’aver puntato sulla digitalizzazione, favorendo l’ottimizzazione dei sistemi di prenotazione e l’introduzione del sistema di pagamento Pago Pa, ha contributo a migliorare le performance aziendali per  accrescere la soddisfazione degli utenti. 

“I risultati raggiunti fino a questo momento – sottolinea il commissario straordinario Alessandro Caltagirone – rappresentano i primi passi di un percorso in cui c’è ancora molto da fare e da costruire. L’incremento della produzione e il miglioramento registrato su alcuni fronti organizzativi rappresentano uno stimolo per continuare a lavorare a testa bassa, coniugando tutti gli attuali impegni gestionali, in un’ottica costruttiva che punti a favorire un posizionamento sempre più centrale del policlinico universitario palermitano come presidio di assistenza e di specialità multidisciplinare”.  

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments