sabato, Agosto 13, 2022
HomeEccellenze SicilianeCucina e SaporiBellissimo finale di Gioiosa Gustosa 2022

Bellissimo finale di Gioiosa Gustosa 2022

Bellissimo finale di “Gioiosa Gustosa” che va al di là delle aspettative. La rassegna focalizzata sulle delizie agroalimentari che si è tenuta dal 29 luglio a ieri sera a Gioiosa Marea si rivela vincente anzi “evento del mese”, con un efficace lavoro di squadra tra allestimento e scelta di aziende che sono il top della Sicilia. Prodotti prelibati che si allacciano alle tradizioni delle famiglie e della regione rispettando e mantenendo i livelli dell’alta qualità hanno spadroneggiato nei vari percorsi della località tirrenica di Messina con un costante ricambio di folla. L’Associazione “Gioiosa Gustosa”promette di realizzare una decima edizione nel 2023 con nuove delegazioni della piccola – media impresa e della platea artistica. Ma non rinuncerà al forte legame della gente con lo Street Food e con il timbro significativo dei Presidi Slow Food. Da sottolineare il contributo dato dagli assessorati regionali di competenza e dal sostegno del Comune di Gioiosa Marea e della Cna agroalimentare Sicilia

La macchina operativa di “Gioiosa Gustosa” ha funzionato efficacemente dal 29 luglio fino a ieri sera con una tre giorni di delizie agroalimentari e dell’artigianato “Made in Sicily” che hanno garantito un ritorno di pubblico, persino al di là delle aspettative. La formula cibo di superba qualità, associata al bere raffinato e anche più immediato e spartano per il palato dello Street Food, si è rivelata vincente,anzi “Evento del mese di luglio”, a Gioiosa Marea nel messinese. L’adesione di aziende che incentrano la loro professionalità sulla ricerca del prodotto che non solo ingolosisca ma che sia anche in evoluzione e una continua sorpresa per i clienti e degustatori è già un tassello di trionfo per ricostruire la ripartenza socio-economica di una cittadina turistica che vive anche dell’avvento dei villeggianti. L’Associazione “Gioiosa Gustosa”, con presidenteAlessandro Gennaro, si sta impegnando per far prosperare quest’area territoriale già da nove anni con questa iniziativa e si prefigge, anzi promette, di raggiungere l’obiettivo di una decima edizione che vanti sempre un maggior numero di componenti della piccola media – impresa dell’universo culinario e dell’arte a 360 gradi.Ristoranti (qualcuno con la passione per le chicche da consumare all’aperto e il mezzo – un’antica ape per venderle in giro), pasticcerie, produttori (ed allevatori) di ogni tipo di capolavori gastronomici (dai salumi ai formaggi, dai legumi alle confetture e al miele), capolavori delle cantine vinicole e degli impianti di birre e liquori hanno risposto col sorriso e con il ritmo degli stacanovisti. Dagli involtini di maccheroni al panino con la porchetta,da pane e panelle e busiatedella provincia di Trapani al coppo di polpette di Suino Nero di Galati Mamertino, dai cannoli giganti della provincia di Palermo all’olio di Sant’Angelo di Brolo. Ad architettare l’Associazione “Gioiosa Gustosa” è stato Teodoro Lamonica che è anche assessore al Turismo dell’Amministrazione di Gioiosa e sta caldeggiando il concettodi rivalutazione di certe specialità della cucina, anche con le indicazioni e preparazione sul campo della Cna agroalimentare: una su tutte il primo piatto Murgo a base di pesce ma con una ricetta segreta, addirittura di una sola attività di ristorazione e/o di poche altre.A cooperare alla riuscita della manifestazione gli assessorati regionali all’Agricoltura e al Turismo, con l’aiuto del Comune di Gioiosa Marea e della Cna agroalimentare Sicilia. In particolare quest’ultima, ha selezionato una schiera di imprenditori titolati per questa partecipazione. Partners anche Slow Food Valdemone e Pro Loco Gioiosa Marea. Il profilo dello spettacolo è stato essenziale perché ha intrattenuto con performance di musicisti ed artisti di strada e balli popolari in piazza Cavour (ricordiamo il genere folk del gruppo ”IlMeliuso”,il duo DuChiarAnto con vocalist e saxofonista, infineieri il M° Giuseppe Mario Sidoti ed i suoi allievi e La Tonà “Flamenco Fusion”.

Ad impreziosire lo scenario delle vivande e dei mini banchetti sono stati i Presidi Slow Food qualiCuddrireddra ovvero un dolce tipico di Delia (CL), miele di ape nera sicula di Galati Mamertino, liquori artigianali di Casa della Natura, maiorchino di Novara di Sicilia, Malvasia delle Lipari e Albicocca di Scillato (Palermo). Molto graditi il Cooking Show di sabato 30 luglio con attori gli Sfincioni e un maestro panificatore di Bagheria e il Convegno “Grani Antichi Siciliani” a cura della Cna Agroalimentare Sicilia mentre in tutte le giornate i laboratori del gusto, tra la pasta e il pesce e gli antichi mestieri sono stati l’anima della festa, soprattutto quelli con i bambini. Sottolineiamo l’ottimismo e la determinazione del Sindaco di Gioiosa Marea Giusy La Galia nel voler ampliare la capacità di contenitori di aggregazione come questa rassegna e si è complimentata per il progresso del filone enogastronomico cavalcato dall’Associazione locale. L’assessore Lamonica e il Segretario regionale Cna Agroalimentare Sicilia Tindaro Germanelli, entrambi presentatori e referenti al convegno, risultano sulla stessa lunghezza d’onda per recuperare tutte quelle attività produttive che sono la ricchezza, in parecchi casi esclusiva, come quella dei Grani Antichi nell’Isola Trinacria con una attenzione massiccia sull’emergenza che le filiere della pasta e del pane stanno affrontando. Kermesse come “Gioiosa Gustosa” servono a diffondere, oltre alla cultura enogastronomica che è anche cultura dei paesi, dei loro monumenti e natura, di costumi e usanze, anche le conoscenze di personaggi tecnici come Marco Genduso di Crea Palermo con la volontà di ripristinare in maggior misura l’identità del grano, come l’imprenditore Francesco Vescera e la sua spontaneità incisiva da esperto della coltivazione del grano, il Presidente dell’Appafre (Associazione Produttori Pasta Fresca) Fabio Fontaneto,espressione dell’imprenditoria pastaia del Nord Italia di un centro denominato come lui Fontaneto (provincia di Novara), che è arrivato alla pancia degli spettatori con i dettagli di una carriera consolidata ma che sta soffrendo il disastro della guerra in Ucrainae il Responsabile Nazionale Cna Agroalimentare GabrieleRotiniche non si preoccupa di essere campanilista pensando ad incentivare la produzione italiana e le peculiarità di certi contesti emblematici come la Sicilia per essere rappresentativi all’Estero. Un passaggio da puntualizzare è stato compiuto dal Presidente regionaleFas (Federazione Agricola Siciliana) Francesco Calanna che, con la sua Presidenza del GalNebrodi, ha sfiorato l’argomento dei finanziamenti necessari per copriretre progetti di protezione e potenziamento di alcuni esemplari dei Nebrodi: l’olio, la nocciola e le Strade del Grano.

“Gioiosa Gustosa” ha captato anche pittori e fotografi che hanno potuto esporre le loro “fatiche creative” e ha reclutato un intenditore di beni culturali Domenico Targia –dirigente della Regione.

Gioiosa Marea vi dà appuntamento al prossimo anno con “Gioiosa Gustosa 2023” ma avanza un messaggio di sostanza alla collettività: quello di esplorare le proprie zone e del messinese in generale con maggiore curiosità e diventare tutti portavoce delle bellezze e degli eventi che ci circondano. Ecco che, in questo sito tirrenico, questa sera alle 19, si esibirà il “Coro Lirico Siciliano” nella location esclusiva“Gioiosa Guardia – Scavi archeologici”in un concerto organizzato dal Comune di Gioiosa Marea, con il contributo del Consorzio Tindari Nebrodi e l’ospitalità del Parco Archeologico di Tindari.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments