sabato, Ottobre 1, 2022
HomeNewsMedicina di Genere, la Regione Siciliana sempre più impegnata nella diffusione di...

Medicina di Genere, la Regione Siciliana sempre più impegnata nella diffusione di un modello scientifico di unicità dell’individuo

Con oltre cinquanta sessioni di dibattito e confronto scientifico sull’analisi delle differenze di sesso e di genere nell’eziopatogenesi, nella cura e nel trattamento delle patologie, si è concluso il X Congresso della Società internazionale di Medicina di Genere che si è svolto a Padova. 
“La partecipazione della Regione Siciliana ad un evento internazionale di questa portata scientifica segna un ulteriore passo avanti nell’impegno istituzionale intrapreso dall’assessorato alla Salute nell’applicazione e nella diffusione della medicina di genere in Sicilia – ha detto Daniela Segreto, referente della Regione Siciliana per la Medicina di Genere – Il contributo dei ricercatori delle tante istituzioni scientifiche internazionali contribuisce enormemente all’attivazione di un processo di cambiamento di paradigma nello studio della medicina e delle professioni sanitarie in un’ottica di ‘genere’ e unicità dell’individuo. Infatti – ha sottolineato Segreto – comprendere appieno che non solo il sesso, cioè i geni maschili e femminili, ma anche le variabili ambientali, culturali, socioeconomiche, religiose in una parola, il ‘genere’, appunto, possano essere profondamente determinanti nello sviluppo di una malattia o nell’esito di una cura, non è affatto scontato”.

Secondo il ministro della Salute, Roberto Speranza, che è intervenuto al convegno, “La Medicina di Genere è una dimensione trasversale che va sviluppata nell’ambito di tutte le politiche a servizio della salute. Questo è il tempo dell’opportunità per un sistema sanitario aperto a tutti e questo ambito rappresenta la sfida per il rafforzamento della sua universalità sia nel nostro paese sia a livello internazionale”. 
Speranza ha inoltre rilevato come la medicina personalizzata di genere specifica sia presidio necessario ai fini del contenimento della spesa sanitaria e parametro di riferimento per migliorare l’equità di accesso ai servizi sanitari e orientare la governance nel consolidamento del patto di salute con i cittadini.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments