martedì, Dicembre 6, 2022
HomeCulturaLa settimana del Museo Pasqualino

La settimana del Museo Pasqualino

Prorogata la mostra sulle tavole di Pinocchio fino al 30 novembre

Con il ciclo dei seminari Ereditare si parla della… proprietà della Gioconda

Dalla penna di Giusto Lo Dico alla scena: ogni giorno i pupi al Museo

Il miglior modo per tenere in vita un’arte nobile e antica? Praticarla tutti i giorni e condividerla. È questo il senso dell’appuntamento quotidiano e dal vivo con i pupi del Museo Pasqualino, ogni lunedì alle 11, e da martedì a sabato alle 17in Sala teatro.

Dalla penna di Giusto Lo Dico, autore di Storia dei paladini di Francia, ecco irrompere in scena Carlo Magno, Orlando e Rinaldo, Angelica, il mago Malagigi insieme a prodigi, incantamenti, duelli, scambi di persona e colpi di scena.

Biglietto: 10 euro (intero) – 8 euro (ridotto)

Ciclo di seminari Ereditare: di chi è la Gioconda?

Nuovo appuntamento, venerdì 25 novembre alle 16 al Museo Pasqualino, con il ciclo di seminari Ereditare. Semiotica del patrimonio culturale.

Nel suo intervento, Tiziana Migliore cercherà di rispondere all’eterna domanda: Di chi è la Gioconda? Sensi della proprietà.

La Gioconda è un “esperimento di pensiero” per indagare valori e valenze dell’eredità culturale, per riflettere sul suo carattere “proliferante” e indagarne le sfaccettature fra dimensioni pubblica e privata e fra immanenza e trascendenza. Nella sua trasformazione storica e narrativa, da testo artistico a mito universale, la Monna Lisa è diventata infatti espressione di almeno quattro sensi della proprietà e sentimenti di appartenenza: legale, paterna, identitaria e simbolica.

Tiziana Migliore è professoressa associata di Semiotica all’Università di Urbino “Carlo Bo” e segretario scientifico del Centro Internazionale di Scienze Semiotiche “Umberto Eco” che vi ha sede. Vicepresidente dell’Associazione Internazionale di Semiotica Visiva (AISV-IAVS), ha pubblicato le monografie Miroglifici (2011), Biennale di Venezia (2012), I sensi del visibile (2018), molti volumi collettanei e più di ottanta articoli scientifici italiani e internazionali.

REPERTORIO X,in mostra Nicola Console fino al 30

Sarà possibile ancora fino al 30 novembre ammirare la mostra di Nicola Console REPERTORIO X, al Museo Pasqualino e alla Galleria Le Nuvole.

A cura di Annalisa Ghirardi e in collaborazione con il Museo Sociale DanisinniREPERTORIO X è un racconto realizzato attraverso media diversi, dai tre film d’animazione in stop motion – AlavagnaRepertorio x e Registro (che verranno proiettati al Museo) alle installazioni e opere d’arte realizzate dall’artista palermitano, che si esprime con linguaggi artistici plurimi, dalla scultura alla radiografia. Al Museo lo spettatore potrà immergersi nell’atto creativo, entrare in contatto visivo e mentale con l’intero progetto, attraverso i tre film d’animazione, in cui avviene una sintesi grafica e pittorica di tutto il lavoro esposto alla Galleria Nuvole.

La mostra inaugura l’accordo di collaborazione siglato a giugno scorso tra il Museo delle marionette Antonio Pasqualino e il Museo Sociale Danisinni, per la promozione di attività artistiche e culturali dentro e fuori i due musei.

Pinocchio, prorogata la mostra a cura di Schenck e Torri del Vento

Ci sarà ancora tempo fino al 30 novembre pervisitare al Museo delle Marionette la mostra Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino.

A cura dell’illustratrice Eva Christine Schenck e della casa editrice Torri del Vento, la mostra raccoglie le suggestive illustrazioni tratte dal volume Le avventure di Pinocchio, pubblicato dalla casa editrice siciliana e autorizzata dalla Fondazione Collodi. In edizione limitata (soltanto 100 esemplari numerati), il libro di Collodi edito nel 2020 presenta alcune peculiarità che lo rendono unico. 

Il testo è tratto dall’Edizione Critica edita dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi in occasione del Centenario di Pinocchio (1983), a cura di Ornella Castellani Pollidori con il patrocinio dell’Accademia della Crusca. La biografia di Carlo Collodi è la versione vidimata dalla Fondazione Collodi. Gli incipit sono di Pietro Bongiorno in arte Petrus, amanuense e Tesoro umano vivente per l’ars scriptoria, che ha utilizzato un inchiostro creato appositamente per Pinocchio di Torri del Vento edizioni.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments