mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeScuola & FormazioneStudenti Liceo Galilei di Catania: "la nostra scuola cade a pezzi, protesta"

Studenti Liceo Galilei di Catania: “la nostra scuola cade a pezzi, protesta”

Vogliamo essere travolti dalle nostre idee e non dal soffitto. Noi, studenti del Galilei, stiamo protestando da due giorni perché siamo stanchi e indignati della situazione che si protrae ormai da numerosi anni. Siamo stanchi di non essere ascoltati e ascoltate come tutti gli studenti e studentesse della provincia che si ritrovano in classi inagibili. I motivi che ci hanno spinto a mobilitarci sono stati i seguenti avvenimenti: • La caduta di un pezzo dalle dimensioni di un pugno da un muro in data 25/11/2022 che ha sfiorato la testa di uno studente che, con la forza con cui il pezzo ha spaccato lo scalino in marmo a lui sottostante, gli avrebbe provocato una ferita mortale; • Le infiltrazioni d’acqua nelle classi 1L ( in cui l’acqua è arrivata a spargersi in tutto il pavimento), 5B e 4Q presenti da alcuni anni ma che in questi giorni si sono aggravate; • Le condizioni ancor più precarie dei servizi igienici del secondo piano del plesso vecchio, colpite da cedimenti strutturali e infiltrazioni d’acqua; • Il danneggiamento del sistema elettrico della 2L e della 1L causato dalle ennesime infiltrazioni d’acqua. Ciò non permette l’utilizzo delle luci delle due classi; • L’assenza di plafoniere nella 3O, la classe vittima del crollo della plafoniera dell’anno scorso, che, rimosse perché pericolanti, non sono state ancora sostituite; • L’intonaco crollante delle pareti delle classi 4B, 3L e 4M; • Lo stato di degrado della parte sommitale delle pareti esterne del plesso nuovo e vecchio sotto le quali passano tutti gli studenti del Galilei ogni giorno. L’anima in ferro del cemento armato è esposta da ormai un anno e sprovvista di alcuna protezione. Alcune di queste classi continuano a fare lezione nelle sopracitate aule continuando regolarmente, ma irregolarmente a livello di norme di sicurezza, mentre altre sono state spostate nei laboratori, non rendendoli così disponibili per la scuola e che tra l’altro non sono adibiti alle lezioni in classe. Noi ci rifiutiamo di entrare in una scuola in queste condizioni in quanto nessuno ci può garantire la nostra sicurezza. Troviamo assurdo ritrovarci a protestare nuovamente a distanza di un anno. Troviamo assurdo il disinteresse della Città Metropolitana di Catania e del Ministero dell’istruzione e del merito che si focalizza più sul merito che sulla nostra incolumità. Ci appelliamo quindi a tutti gli studenti e studentesse della provincia, della regione e della nazione intera, a tutti coloro che hanno riscontrato questi disagi affinché ci aiutino nella nostra lotta. Ci appelliamo ai professori, dirigenti scolastici e al personale scolastico: sensibilizzate sulla tematica e continuate ad aiutarci come avete fatto giustamente fatto fin’ora e ancor di più. Studenti e lavoratori non combattono battaglie diverse ma la stessa lotta per una scuola sicura. Ci appelliamo infine a tutti gli organi di competenza: Comune di Catania, Città Metropolitana di Catania, Regione Sicilia, Prefettura e Procura della Repubblica, Ministero e Governo. Non continuate a ignorarci, è un nostro diritto e dovere andare a scuola, ma è un vostro dovere garantire la sicurezza e la serenità all’interno di essa.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS