sabato, Luglio 13, 2024
HomeEventiParco Archeologico di Selinunte: Festival Mediterraneo Jazz

Parco Archeologico di Selinunte: Festival Mediterraneo Jazz

 

MEDITERRANEO JAZZ III | un mare di suoni

 Parco archeologico di Selinunte (TP) | 20 > 23 luglio

Il festival nato con Lelio Giannetto al Parco archeologico di Selinunte

SECONDA SERATA. Una conferenza sulle origini del “Jass” e i suoi legami con la Sicilia. Le sperimentazioni del sassofonista Edoardo Marraffa al tramonto

I ricordi musicali “giannettiani” di Fabrizio Puglisi e Francesco Cusa (piano e batteria). Si chiude con il duo di polistrumentisti OoopopoiooO.

Il Parco archeologico di Selinunte riaccoglie la terza edizione di Mediterraneo Jazz, festival di Curva Minore, nato dall’intuizione del contrabbassista Lelio Giannetto di cui hanno raccolto idee e fascinazione, la moglie Valeria e i figli Luca e Gabriele. Quattro serate di musiche e sonorità diverse, che coinvolgono artisti e musicisti internazionali e valorizzano giovani musicisti siciliani. All’interno di questa visione il festival ospita anche il progetto Suoni di Sicilia, promosso dall’Assessorato regionale ai Beni culturali, di cui fa parte la conferenza-lezione Siciliani del Jazz – Palermo New Orleans solo andata, a cura di Gianmichele Taormina, che alle 18 aprirà la seconda giornata del festival (venerdì 21 luglio). Taormina, storico e critico specializzato in musica afroamericana, docente di Storia del Jazz e della musica del Novecento al Conservatorio Toscanini di Ribera, cercherà di ridisegnare storicamente la mappa creativa della presenza siciliana nella musica “Jass” di New Orleans. Dalle migrazioni di metà Ottocento, alla via del tramonto del Ragtime, al ruolo determinante delle Marching Band, fino allo sviluppo e alla nascita del Jazz; si scoprirà così l’importanza di alcuni misconosciuti musicisti di origine siciliane, che rappresentarono oltreoceano la ricchezza creativa dell’isola. Ingresso libero.

Sarà ormai il tramonto e ci si affiderà poi alla Selinùs marching band per raggiungere il solo concert del grande sassofonista Edoardo Marraffa, considerato oggi uno dei maggiori esponenti della musica improvvisata in Italia: ha sviluppato una voce unica dal suo strumento, riuscendo a mantenere un legame molto forte con la tradizione, nonostante le sue esplorazioni siano sempre fortemente sperimentali. Ingresso libero. 

Alle 21.30 il duo formato da due vecchi amici come il pianista jazz Fabrizio Puglisi e il batterista, compositore e scrittore Francesco Cusa che ricorderanno musicalmente gli inizi della loro collaborazione (e convivenza bolognese) con Lelio Giannetto, nei primi anni Novanta. Un periodo straordinario da recuperare con il pubblico in pieno clima “giannettiano”. 

La seconda giornata del Mediterraneo Jazz si chiuderà alle 22.30 con l’attesoduo OoopopoiooO: non è facile definire Vincenzo Vasi e Valeria Sturba, sono veramente due bizzarri personaggi, e la loro è musica surreale e dadaista assieme. Oltre al theremin, strumento di cui sono considerati entrambi virtuosi, nel loro parcogiochi sonoro si trova di tutto e tutto viene utilizzato durante il concerto: Vincenzo Vasi, polistrumentista e compositore, è considerato uno degli artisti più eclettici nell’ambito di vari generi musicali, dalla sperimentazione elettronica sino al pop d’autore. Suona e intreccia in maniera sublime, basso, theremin, vibrafono, chitarra, ukulele, giocattoli, tastiere, flauto a tiro, kazoo, fischio da naso. Valeria Sturba è polistrumentista, cantante e compositrice: diplomata in violino, suona theremin, tastierine, minisynth, ed ama stropicciare in modo creativo effetti elettronici, looper e giocattoli sonori assortiti. Ama la canzone d’autore, ma anche il rock, il jazz, il tango e l’improvvisazione libera.

Sabato 22 luglio, debutterà alle 21.30  il MaMaSi trio, di Curva Minore, poi alle 22.30 il Radicetersa trio. Si chiude domenica (23 luglio) con RADE, Paolo Angeli in solo alla chitarra preparata a 25 corde.

Ufficio stampa

Simonetta Trovato

Cell. +39.333.5289457 simonettatrovato@gmail.com

INFO E PRENOTAZIONI: www.curvaminore.org – tel. 329.3152030

BIGLIETTI € 12   –  € 15  per il concerto di Paolo Angeli (23 luglio)

ABBONAMENTO  a 4 serate: € 55 

21 luglio: la conferenza alle 18, la Selinus Marching’ Band ed il concerto di Marraffa al tramonto sono a ingresso libero.

PROGRAMMA 

21 luglio

SUONI DI SICILIA

Ore 18 Siciliani del Jazz – Palermo New Orleans solo andata (ingresso libero)

ore19.30 | Selinus marching band (ingresso libero)

ore 20.15 | Edoardo Marraffa solo – sax tenore e sopranino (ingresso libero)

ore 21.30 | Cusa – Puglisi duo

Francesco Cusa – batteria / Fabrizio Puglisi – pianoforte

ore 22.30 | OoopopoiooO Duo

 Valeria Sturba – voce, violino, theremin, elettronica /  Vincenzo Vasi – voce, theremin, elettronica

22 luglio

ore 21.30 | MaMaSi trio

Silvia Bolognesi– contrabbasso / Maria Merlino – sassofono baritono / Mariasole De Pascali – flauto 

ore 22.30 | Radicetersa trio

Tommaso Miranda –sassofono baritono / Alessio Cordaro – contrabbasso / Domenico Sabella -batteria

23 luglio 

ore 21.30 | RADE – Paolo Angeli in solo – chitarra sarda preparata a 25 corde 

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS