mercoledì, Giugno 19, 2024
HomePoliticaARSSafina (PD): “A chi interessa il Museo Pepoli di Trapani? Alla Regione...

Safina (PD): “A chi interessa il Museo Pepoli di Trapani? Alla Regione Siciliana di certo no!”

L’onorevole Dario Safina, deputato regionale del PD all’Assemblea Regionale Siciliana, nei giorni scorsi è stato in visita al Museo Regionale “Conte Agostino Pepoli” di Trapani, per verificare lo stato in cui versa la struttura sia dal punto di vista strutturale che, purtroppo, da quello organizzativo. Una visita istituzionale che si è resa necessaria alla luce del provvedimento di chiusura domenicale del Museo, a causa dello stato di agitazione del personale.

Una chiusura – afferma il deputato regionale – che era nell’aria a fronte della grave carenza di organico che attanaglia il Museo Pepoli da troppo tempo e che è stata aggravata dalla mancata riqualificazione dei dipendenti attualmente in forza. Una situazione inqualificabile che ha visto il Museo Pepoli aperto al pubblico “a singhiozzo” nel corso della stagione estiva“.

L’onorevole Safina, nell’interrogazione parlamentare sottoposta al Presidente della Regione, all’assessore regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana, nonché all’assessore regionale al Turismo, sottolinea l’importanza che riveste il Museo non solo per il territorio di Trapani ma per tutta la Sicilia: “Il Museo Agostino Pepoli è uno dei più importanti della Sicilia, ospitante alcune fra le più importanti collezioni di arti decorative, sculture, dipinti, reperti archeologici e cimeli storici della città di Trapani – come il vessillo issato su una delle navi con le quali Garibaldi approdò in Sicilia e una delle ultime ghigliottine con tanto di patibolo esistenti in Sicilia“.

Il Museo, da svariati anni, è entrato a far parte del panorama internazionale della città di Trapani ed è inserito all’interno di programmi e tour culturali quale sito di elevato interesse turistico.

La Regione Siciliana – incalza l’onorevole Safina –  in attuazione dell’articolo 3 L. R. 10 del 15 settembre 2005, ha approvato il Programma triennale di sviluppo turistico regionale 2022/2023 individuando ‘le azioni di incentivazione per le infrastrutture e per le opere di valorizzazione turistica nel territorio, delineando il piano di promozione e di commercializzazione dell’offerta turistica, degli eventi  delle manifestazioni di richiamo turistico, identificando i progetti elaborati dai distretti turistici e determinando criteri di verifica dei risultati della programmazione”.

Belle parole alle quali, però, non si fanno seguire i fatti concreti”, conclude Safina.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS