giovedì, Aprile 25, 2024
HomeNewsCISL: “sistema penitenziario in affanno”

CISL: “sistema penitenziario in affanno”

Carmela Petralia: «La protesta dei detenuti al carcere Malaspina di Caltanissetta è rivelatrice di un perenne stato di emergenzaE’ urgente potenziare l’organico di Polizia penitenziaria e ridurre il sovraffollamento delle strutture detentive»

La rivolta di trenta detenuti del carcere Malaspina di Caltanissetta, ieri si è risolta senza tragiche conseguenze ma il fatto di cronaca rimane ed è la spia di un serio malessere. La protesta nissena è l’ultima in ordine di tempo e ripropone il tema dello stato di emergenza nel quale versa il nostro sistema penitenziario. «Carceri sovraffollate, padiglioni interdetti, scarsa manutenzione, carenza degli organici di Polizia penitenziaria sono un mix esplosivo» dichiara la Segretaria generale Cisl Agrigento Caltanissetta Enna, Carmela Petralia. «L’emergenza c’è ma si risolve affrontandola. Le strutture detentive – prosegue – sono decadenti necessitano di un piano di manutenzione straordinaria non la semplice interdizione per carenze strutturali. E’ come mettere la polvere sotto il tappeto, cosa che un paese civile non può permettersi».

Per Domenico Ballotta, reggente FNS Cisl «Come FNS Cisl da tempo rappresentiamo lo stato di affanno nel quale versa il sistema penitenziario italiano. Le nostre osservazioni sono state oggetto di audizione delle organizzazioni sindacali della Polizia penitenziaria alla Camera dei Deputati. Alle Commissioni Giustizia e Lavoro pubblico abbiamo rappresentato l’endemico stato di carenza degli organici. Siamo ancora in attesa risposte e azioni risolutive che non sono più indifferibili».

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS