sabato, Maggio 25, 2024
HomeNewsTribunale Interdiocesano: ad Acireale si inaugura l’anno giudiziario

Tribunale Interdiocesano: ad Acireale si inaugura l’anno giudiziario

Presenti i vescovi di acireale, catania e caltagirone

Martedì 20 febbraio 2024 – ore 16.00 – Acireale (fraz. Santa Maria Ammalati)

GLI ORGANI DI STAMPA SONO INVITATI A PARTECIPARE

Sarà inaugurato il prossimo 20 febbraio alCentro Studi “Gerlando M. Genuardi” di Santa Maria Ammalati (Acireale), in Via Provinciale per Santa Maria Ammalati, 243l’anno giudiziario 2024 del Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Etneo che serve la Provincia Ecclesiastica di Catania (Arcidiocesi di Catania, Diocesi di Acireale, Diocesi di Caltagirone). 

Il Tribunale Ecclesiastico è un organo giuridico della Chiesa cattolica responsabile di trattare questioni legali canoniche, in particolare quelle matrimoniali.

In tutta la Sicilia sono cinque i tribunali ecclesiastici che prestano il loro servizio. Il Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Etneo è una realtà presente sul territorio dal 2022 e opera per la trattazione in primo grado delle cause di nullità di matrimonio.  È stato approvato dal Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica con Decreto del 15 luglio 2022 ed esercita la propria competenza ai sensi del can. 1672 del CIC.

L’avvio dell’anno giudiziario diventa occasione, quindi, di riflessione sul sacramento del matrimonio, in un’ottica che si spoglia della natura romantica e si confronta con le complessità di un sentimento che non può limitarsi all’entusiasmo iniziale per poi naufragare alle prime difficoltà del quotidiano. L’azione svolta dal tribunale è non solo, quindi, quella di sancire la nullità del Sacramento ma una vera e propria attività di pastorale giudiziaria che nella sua complessità ha il compito di rimettere al centro il matrimonio e il suo valore.

La cerimonia di inaugurazione prenderà il via alle ore 16.00 con la preghiera dell’Ora Media ed il saluto da parte dei vescovi del Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Etneo: mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, mons. Luigi Renna, arcivescovo Metropolita di Catania e mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone.

A seguire l’intervento del Vicario Giudiziale, Mons. Antonino Legname, che relazionerà sull’attività giudiziaria dell’anno 2023.

La prolusione all’apertura del nuovo anno giudiziario sarà invece affidata a S.EMons. Andrea Ripa, segretario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Il tema affrontato sarà “Cause di nullità e carità pastorale. Il ruolo del Parroco nell’indagine pregiudiziale e del Vescovo nel Processus Brevior”.

In conclusione verrà proclamata la Dichiarazione ufficiale di apertura dell’Anno Giudiziario 2024.

Nel promuovere la partecipazione alla manifestazione Mons. Raspanti,moderatore del Tribunale Interdiocesano Etneoci ricorda che “il tribunale è a servizio di tutta la comunità cristiana, anche se apparentemente la giustizia è un mondo distante dalla religione. Eppure fede e giustizia sono elementi sovrapponibili. Il tribunale non accoglie solo istanze, ma soprattutto persone e lo fa con lo stesso sguardo misericordioso di Gesù. Siamo sicuri che ogni mano che bussa alla porta del tribunale porta con sé un fardello di dolori e pesantezze”

Bisogna accogliere con delicatezza, requisito fondamentale in questo servizio pastorale, coloro che si approcciano al tribunale. La giustizia spesso invocata da chi si rivolge alla sede giudiziaria deve essere mitigata dal giudizio saggio e prudente che non tiene in considerazione solo gli aspetti processuali ma mette al centro del dibattito l’umanità ferita e la ricerca di carità e riscatto.

È prioritario porre, quindi, al centro di questa attività la promozione e la difesa della bellezza del matrimonio cristiano, nonostante i fallimenti, le tentazioni dei vinti, le insidie della cultura dell’hic et nunc che fanno traballare la stabilità coniugale.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS