sabato, Maggio 25, 2024
HomeCulturaBrolo, si presenta il libro “Il caso Martoglio. Un Misfatto di Stato...

Brolo, si presenta il libro “Il caso Martoglio. Un Misfatto di Stato alla vigilia del fascismo”

Nell’ambito dell’iniziativa “30 Libri in 30 Giorni” promossa da BCsicilia si presenta domenica 14 aprile 2024 alle ore 17,30 presso Palazzo Germanà, in via V. Emanuele II, 51 a Brolo, in provincia di Messina, il libro di Luciano Mirone “Il caso Martoglio. Un Misfatto di Stato alla vigilia del fascismo”. Dopo i saluti di Nino Germanà, Presidente del Centro studi “Lancia di Brolo”, e di Cettina Giallombardo, Presidente BCsicilia di Ficarra e la presentazione di Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale BCsicilia, converserà con l’autore Rosamaria Arena, Docente di Storia e filosofia presso il Liceo Piccolo di Capo d’Orlando. L’iniziativa è promossa da BCsicilia, dal Centro studi “Lancia di Brolo” e da Casa Germanà.

Il libro. Catania, 15 settembre 1921. Il celebre artista Nino Martoglio sparisce improvvisamente dall’ospedale Vittorio Emanuele. Ha appena ricoverato il figlio. Il giorno dopo verrà trovato agonizzante dentro la stessa struttura. Nessun soccorso. Alla fronte una ferita lacero contusa con profondo incavo. Morirà dissanguato dopo molte ore. Niente autopsia. Caso chiuso per “caduta accidentale dentro la tromba di un ascensore”. Viene escluso il delitto. Morte casuale o assassinio? Disgrazia accidentale o clamoroso caso giudiziario? Storia banale o banalizzazione della storia per occultare movente e mandanti? Cosa c’entra la fine di Nino Martoglio con il delitto Matteotti? Intellettuale scomodo, socialista intransigente, fondatore del teatro siciliano, maestro di palcoscenico di Pirandello, pioniere del cinema “muto” e, secondo diversi critici, ispiratore del neorealismo di Visconti, De Sica e Rossellini, Martoglio è amato dal popolo e odiato dai “poteri forti”. Che tramano nell’ombra e intrecciano rapporti velenosi col futuro regime.

Cento anni dopo l’autore del libro ha studiato gli atti dell’indagine del tempo e ha scritto un’altra storia. La storia di un’indagine insabbiata, dietro alla quale si allungano le ombre di una politica pronta a riciclarsi nel fascismo ormai alle porte: una parte di essa e già collusa con la mafia del feudo diversi anni prima rispetto al 1927, anno in cui il pentito Antonino Calderone ha indicato nelle sue confessioni.

L’autore. Luciano Mirone, giornalista, ha lavorato con il Giornale di Sicilia, I Siciliani di Giuseppe Fava, La Repubblica, il Venerdì di Repubblica, Left e Diario. Fondatore del periodico giovanile Lo Scarabeo, dirige il quotidiano online L’Informazione. Ha realizzato quattordici libri, fra cui Gli insabbiatiA Palermo per morireUn “suicidio” di mafia (Castelvecchi), Le città della luna (Rubbettino), L’antiquario di Greta Garbo (A&B), Il futuro è adesso (con Leoluca Orlando, Melampo editore), Il set delle meraviglie e Itaca (L’Informazione). Ha redatto i testi della graphic novel (con disegni di Antonio Bonanno) Cosimo Cristina. Il “cronista ragazzino” ucciso dalla mafia (Round Robin). È inoltre autore del monologo Uno scandalo italiano che racconta la storia di Cosimo Cristina, il giovane giornalista di Termini Imerese “suicidato” da Cosa Nostra.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS