domenica, Luglio 21, 2024
HomeEconomiaWine & FoodGenerazione next il nuovo volto del vino siciliano

Generazione next il nuovo volto del vino siciliano

Emozione e determinazione, competenza e voglia di fare. La carica dei nuovi produttori siciliani ha contagiato la platea dell’incontro dedicato alla “Generazione Next” il gruppo nato all’interno di Assovini Sicilia con l’obiettivo di accompagnare il passaggio generazionale nel mondo del vino siciliano. È stata la stessa presidente di Assovini SiciliaMariangela Cambria a “tenere a battesimo” il gruppo di under 40 annunciando tutto il suo impegno nel supportarlo. “La Sicilia non può diventare un paese per vecchi – ha aggiunto – e noi dobbiamo accompagnare il processo di cambiamento generazionale nel settore del vino sostenendo la formazione nell’hospitality, nel marketing, nell’enologia”.

Per il direttore generale dell’assessorato alla Agricoltura Dario Cartabellotta, “il vino siciliano va avanti sulle gambe dei giovani grazie al lavoro visionario che i loro nonni e i loro genitori hanno realizzato trasformando la terra dei vini sfusi in un brand enologico internazionaleAdesso lasciamo fare ai giovani”.

Nel talk condotto da Salvatore Spadafora sono intervenuti, fra gli altri, Giovanna Caruso, titolare dell’azienda Caruso & Minini “si concretizza il nostro sogno – ha sostenuto con un pizzico d’emozione -. Vogliamo fare sapere che siamo pronti per scendere in campo con le nostre competenze acquisite anche con studi all’esteroSiamo tornati per lavorare qui”.

Grande concretezza nelle parole della produttrice Enrica Spadafora su come avvicinare i giovani della Generazione Z al mondo del vino: “Dialogo diretto con i nuovi consumatoriuna comunicazione più sempliceprocessi di formazione sia per i componenti del gruppo “Generazione Next” che per i nuovi wine lover”.

Ospiti dell’incontro Andrea Amadei direttore di The Art of wineFelix Jermann, wine influencer e content creator e Veronica La Guardia comunicatrice del mondo del vino.

Felix Jermann ha invitato i giovani “colleghi” ad abbattere le barriere del formalismo nella comunicazione del vino per renderlo più comprensibile anche raccontando aneddoti e mettendo in luce l’autenticità dei prodotti e facendo risaltare l’autenticità in ogni aspetto della produzione.

Veronica Laguardia, comunicatrice del vino ha insistito sul potenziale delle aziende siciliane non ancora sfruttato. “Bisogna non vendere solo vino, ma diventare ambasciatori di uno stile di vita sostenibile. Raccontare storie, sogni, fatiche di persone e credere nella collaborazione fra generazioni”.

Un ottimismo che, secondo Andrea Amadei, è palpabile nella “Generazione Next”. “La nuova generazione saprà fare sistema, una cosa di cui si parla da vent’annie che adesso può finalmente realizzarsi”.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS