martedì, Maggio 21, 2024
HomeIstituzioniComuniPiano Paesaggistico Marsala: Sturiano in missione con l’onorevole Pellegrino ottiene deroga per...

Piano Paesaggistico Marsala: Sturiano in missione con l’onorevole Pellegrino ottiene deroga per osservazioni

Il Presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano, in missione a Palermo con l’on. Stefano Pellegrino,ottiene un ulteriore margine di tempo per presentare le osservazioni. La prossima settimana l’Avviso per i cittadini

Ci sarà ancora tempo da parte dei cittadini per presentare le loro osservazioni al nuovo Piano Paesaggistico della Città e quindi renderlo più funzionale  e migliore per la Comunità marsalese. 

E’ questo il risultato di un incontro avuto nei giorni scorsi a Palermo dal Presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano e dal dirigente del Settore Territorio e Ambiente del Comune con i vertici regionali degli Assessorati Ai Beni Culturali e identità siciliane e all’Urbanistica, presente l’on. Stefano Pellegrino, fautore della riunione. 

In seguito all’incontro – precisa il Presidente Sturiano – abbiamo ottenuto la possibilità di poter effettuare delle nuove osservazioni al piano adottato. Questa apertura è certamente un positivo risultato che può portare a una migliore concertazione anche con i cittadini che da anni attendono di poter fare le loro propostePer  questo desidero ringraziare per il suo interessamento l’on. Stefano Pellegrino punto di riferimento della nostra Città alla Regione. Della situazione ho informato il Sindaco Massimo Grillo e già la prossima settimana il dirigente Mezzapelle dirameràl’avviso con cui chiedere ai cittadini di formulare le loro osservazioni in merito a questo importante strumento urbanistico

Il piano paesaggistico che, secondo la legge, è propedeutico all’approvazione del nuovo piano regolatore generale, al piano della RNO dello Stagnone e altri regolamenti e piani di carattere urbanistico, con i suiambiti di tutela: 1, 2 e 3 pone dei vincoli su diverse zone dell’intero territorio marsalese. In particolare le zone più a rischio sono quelle 2 e 3 dove l’attività edilizia verrebbe notevole limitata. Da qui la necessità di alcune modifiche.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS