martedì, Luglio 16, 2024
HomeNewsMarsala. Atto di solidarietà di “38° parallelo” al rapper iraniano Toomaj Salehi 

Marsala. Atto di solidarietà di “38° parallelo” al rapper iraniano Toomaj Salehi 

Sostegno e solidarietà al rapper iraniano Toomaj Salehi, condannato a morte per il suo coinvolgimento nelle proteste antigovernative del 2022, arriva anche da Marsala, grazie all’ottava edizione di “38° Parallelo – tra libri e cantine, dal titolo “Presente Alternativo”.

In occasione dell’anteprima del festival, il 15 maggio, alle ore 21.00, al teatro comunale “E. Sollima”, si esibiranno, in una conversazione in musica, il pianista iraniano Ramin Bahrami, con “Oltre il presente: la visione di Bach”, e il critico musicale Stefano Valanzuolo, voce di Rai Radio: i due ospiti daranno spazio ad un momento particolarmente emozionante dedicato a Toomaj Salehi: «Il crimine di qualcuno – dice il rapper – è stato aver danzato con i capelli al vento. Il crimine di qualcun altro è stato di essere stato coraggioso e aver mosso delle critiche. Arriverà il giorno in cui vi attaccherete a vicenda». In un atto di solidarietà, sarà possibile immergersi nella musica di Toomaj Salehi, un’arte di resistenza contro l’oppressione: attraverso le sue note e le Variazioni Goldberg di BahramiAntony Mannone, noto come “Coolbross”, insieme a Piero Scevola, offriranno un’esperienza sonora che risuonerà nell’animo dei partecipanti alla serata.

Il festival offrirà dunque alla città un evento di respiro internazionale, in un momento storico in cui è determinante far sentire la propria voce, anche attraverso la musica, per la difesa dei diritti umani e della libertà di espressione. «È una gioia per me venire a Marsala, in Sicilia. Ed è una gioia partecipare insieme all’amico Stefano Valenzuolo a “38° parallelo”, per portare un po’ di bellezza di Bach ad un festival dal coraggio incredibile, in un momento così buio, in cui si sganciano bombe e ci si ammazza – ha dichiaratoRamin Bahrami in un’intervista rilasciata ai microfoni di Mediterradio (Rai Radio 1) – Bisogna tornare ad essere umani. Ad ascoltare Bach, a leggere Dante, a guardare un tramonto. Tornare alla bellezza».

Ramin Bahrami, sarà di scena per “38° parallelo” non solo in occasione dell’anteprima, ma anche il giorno successivo: aprirà ufficialmente il festival il 16 maggio, alle ore 10.00, sempre al teatro comunale “E. Sollima”, con una Masterclass dedicata agli studenti del Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani. Due momenti in cui il pianista iraniano, uno dei più grandi interpreti di Bach, fuggito dal suo paese, dove il padre morì nelle carceri del regime degli ayatollah, e trapiantato in Occidente, lancia un grido di dolore per l’Iran e per i territori in guerra, ma anche un grido di speranza in cui la musica diventa maestra di dialogo e di pace.

A lezione con il virtuoso pianista ci saranno otto studenti del Conservatorio “Scontrino” che, come spiega il coordinatore del Dipartimento di Tastiere e Percussioni Eugenio Catone«avranno l’opportunità, grazie alla masterclass con un concertista di fama internazionale, di condividere una giornata di formazione e di scambio umano su musica e temi di attualit໫La speranza – aggiunge Catone – è di poter continuare a collaborare con il festival anche in futuro, per una crescita costante dei nostri studenti».

Giovani in prima linea, dunque, come testimonia anche la rinnovata collaborazione con le scuole di Marsala e, in particolare, con il Liceo Scientifico “P. Ruggieri” e il Liceo Statale “Pascasino”. Ragazze e ragazzi, nella veste di “angeli del 38°”, hanno “adottato” tre eventi.

Il Liceo Scientifico “Ruggieri” sarà protagonista di due momenti: il 16 maggio, alle ore 18.00, alle Cantine Florio, in occasione della presentazione del libro “Il Visconte Cibernetico. Italo Calvino e il sogno dell’intelligenza artificiale” (Luiss University Press) scritto dal rettore della LUISS Andrea Prencipe e dall’editorialista del Corriere della Sera Massimo Sideri, che converseranno con Francesca Lagioia, ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Bologna; il 18 maggio, invece, gli studenti saranno ancora di scena, alle ore 19:00, al Parco Archeologico di Lilibeo Marsala, in occasione della conversazione condotta da Marco Marino, editor per la casa editrice Il Saggiatore, “La poesia come presente alternativo”, con Diletta D’AngeloGaia Giovagnoli e Laura Pugno. «La partecipazione al festival costituisce una preziosa occasione per i nostri studenti – dichiara la dirigente Fiorella Florio – Il paradigma della spina dorsale dell’economia lilibetana, costituito dalle cantine, che è sfondo integratore di eventi culturali sempre originali ed interessanti, stimola la curiosità dei ragazzi verso orizzonti sempre più ampi. La possibilità di incontrare, nella scorsa edizione, i poeti candidati al Premio Strega Poesia, che amplia alla poesia consolidate collaborazioni da tempo in atto del nostro Liceo con la fondazione Bellonci, accresce l’interesse dei nostri studenti. La lettura del libro “Il Visconte cibernetico” di quest’anno – aggiunge la dirigente – ci dà la possibilità di riflettere sull’intelligenza artificiale, tra rischi e opportunità, con una modalità di analisi coerente con lo stile di Italo Calvino, autore sui cui temi e sul cui stile nella nostra scuola amiamo fare approfondimenti»

Il Liceo Scientifico “Ruggieri”, quest’anno, sarà impegnato nel festival anche attraverso un supporto all’ufficio stampa, che, come spiega la dirigente è stato «affidato con fiducia agli studenti dal direttore Giuseppe Prode» e che«permetterà loro di partecipare a tutti gli eventi, regalando un “dietro le quinte” interessante ed emotivamente coinvolgente. Insomma, un’occasione di apprendimento non formale ed informale molto qualificante a supporto ed in coerenza con il lavoro dei docenti».

Il Liceo Statale “Pascasino” sarà invece protagonista il 17 maggio, alle ore 18:00, alle Cantine Vite ad Ovest, in occasione della presentazione del libro “Governare le migrazioni. Si deve, si può” (Laterza edizioni) di Stefano Allievi, docente presso il Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata all’Università di Padova, che converserà con Daniela Melfa, docente presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Giuridiche all’Università di Messina. «Il Liceo Pascasino, anche quest’anno, come ormai da quattro anni, adotta una giornata del Festival – dichiara la dirigente Anna Maria Angileri – I nostri ragazzi inizieranno con l’accogliere gli ospiti nella serata di apertura e poi, guidati dalla professore Sanfilippo, il 17 maggio, incontreranno Stefano Allievi per la presentazione del suo libro “Governare le migrazioni. Si deve, si può”. Un tema sempre attuale e fortemente sentito dai nostri studenti, quello delle migrazioni, che, oltre al vissuto personale e di cronaca, affrontano i diritti inumani tra le materie di studio. Una collaborazione sempre proficua, quella con il direttore Giuseppe Prode e con tutto il suo staff  – continua la dirigente –  Il nostro Liceo tiene particolarmente a partecipare ogni anno a questi giorni in cui la saggistica è protagonista poiché i temi affrontati sono sempre di grande attualità e consentono ai ragazzi e a noi tutti di confrontarci e di guardare la realtà da prospettive differenti».

L’ottava edizione di “38° Parallelo – tra libri e cantine” si avvale del patrocinio del Ministero della Cultura, del patrocinio e contributo dell’ARSAssessorato del turismo, dello sport e dello spettacolo e Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana Regione Siciliana, del Comune di Marsala e del Parco Archeologico di Lilibeo Marsala. La rassegna aderisce anche quest’anno a “Il Maggio dei Libri 2024” e ha come partner il Centro per il libro e la letturaBiblioTP – Rete delle Biblioteche della Provincia di Trapani, il Festival Rete Letterari del Trapanese e l’OAPPC Trapani. Sono media partner Rai Radio 3, RMC101 – TP24 e La TR3 – canale 83. Il Festival ha anche il sostegno di sponsor privati: BPER Banca, Cantine FlorioFarmacia Giammarinaro e Goals Technologies.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS