sabato, Giugno 15, 2024
HomeNewsLampedusa: Un mare di diritti, il primo festival dei diritti umani dell'isola

Lampedusa: Un mare di diritti, il primo festival dei diritti umani dell’isola

Promosso da Amnesty International Italia e i ragazzi e le ragazze dell’Istituto Ettore Majorana, il festival si terrà il 25 e 26 maggio

Nasce a Lampedusa “Un mare di diritti”, il primo festival sui diritti umani organizzato da Amnesty International Italia insieme ai ragazzi e alle ragazze dell’Istituto superiore Ettore Majorana.

Il festival, promosso dal comune di Lampedusa e Linosa, si terrà in Piazza Castello il 25 e il 26 maggio. Durante queste due giornate si parlerà di diritti umani, con particolare attenzione a temi come gli stereotipi di genere e la violenza sulle donne.

I protagonisti del festival saranno glistudenti e le studentesse dell’Istituto, che, coordinati da Francesca Corbo di Amnesty International Italia, ne hanno curato l’organizzazione e la realizzazione, invitando ospiti del panorama musicale e cinematografico, quali: Veronica Pivetti, Giancarlo Commare, Rosa Diletta Rossi, Nicolò Galasso, Eugenio CesaroDeddye molti altri. Gli artisti, insieme ai ragazzi e alle ragazze, si alterneranno sul palco, con performance di danza e musicali, dibattiti, monologhi e talk, con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico suidiritti umani attraverso l’arte in tutte le sue forme.

Saranno presenti anche Filippo Mannino, sindaco di Lampedusa e Linosa, Claudio Argento, preside dell’istituto omnicomprensivo Luigi Pirandello e Ileana Bello, direttrice di Amnesty International Italia. 

“‘Un mare di diritti’ nasce dall’incontro tra alcune ragazze e ragazzi dell’isola con Amnesty International Italia. Durante lo scorso inverno, attraverso incontri periodici in loco, abbiamo affrontato tematiche importanti come la violenza sulle donne, il consenso, la discriminazione e i diritti Lgbtqia+. Il tutto attraverso la cornice dell’arte che ha permesso alle partecipanti e ai partecipanti di costruire insieme questo festival”, ha dichiarato Francesca Corbo di Amnesty International Italia.

“Lampedusa da sempre è stata un baluardo nella difesa e promozione dei diritti umani, e lo dimostrano i numerosi gesti di solidarietà profusi verso la gente disperata che arriva dal mare. Questa manifestazione conferma la vocazione di questo territorio, che continua ad esser terra di diritti e di pace”, ha dichiarato Filippo Mannino, sindaco di Lampedusa e Linosa.

Il festival sarà anche l’occasione per il lancio dell’anteprima del cortometraggio musicale della canzone “Portami” degli Eugenio in Via Di Gioia, realizzato da Anna Coccoli, con protagonisti gli studenti e le studentesse che hanno aderito al progetto.

Hanno partecipato al progetto:

Agnese Tuccio, Alessandra Maggiore, Ambra Gangarossa, Angela Sparma, Anna Garufi, Antea Bartolo, Antonella Pietralunga, Brenda Gervasi, Carol Solina, Cristian Mannino, Denise Bolino, Elena Palmisano, Elisabetta Tuccio, Gloria Strazzera, Gloria Vella, Greta Policardi, Ilary Maggiore, Isabella Cabiddu, Lorena Giardina, Manuela Cingari, Maria Celeste Sorrentino, Martina Biscari, Martina Cucina, Noemi Campo Pietro De Rubeis, Salvatore Joseph Cappello, Soela Cardella, Soele Cucina, Umberto Lo Coco.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS