venerdì, Luglio 19, 2024
HomeCronacaMazara. Rapina alla Farmacia San Vito: arrestato uno dei rapinatori

Mazara. Rapina alla Farmacia San Vito: arrestato uno dei rapinatori

Nella mattinata del 12 giugno scorso, i poliziotti delCommissariato di P.S. di Mazara del Vallo hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Tribunale di Marsala, Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, con la quale è stata disposta la misura degli arresti domiciliari nei confronti di un cittadino mazarese, classe ‘66, poiché gravemente indiziato del reato di rapina aggravata in concorso commessa in data 12maggio scordo presso la Farmacia “San Vito” sita in Corso Vittorio Veneto a Mazara del Vallo.

In particolare, alle ore 19:00 circa del 12 maggio, unsoggetto travisato con berretto con visiera e cappuccio di felpa, irrompeva all’interno della Farmacia San Vito eintimava ad alta voce alle due commesse presenti di consegnargli i soldi della cassa. Un secondo soggetto, col volto travisato, fungeva da palo rimanendo immediatamente all’esterno dell’esercizio commerciale, in prossimità della porta. Le due commesse riuscivano a scappare in strada e a chiamare il numero unico di emergenza 112. Dal momento che la farmacia è dotata di casse automatiche, i due malviventi non riuscivano ad asportare denaro e, poco dopo, fuggivano in direzione via Santa Maria di Gesù. La volante del Commissariato di P.S. interveniva prontamente sul posto.

Le indagini di polizia giudiziaria, subito avviate dalla Sezione investigativa del Commissariato di P.S. mazarese, consistite nella scrupolosa e tempestiva acquisizione e disamina delle immagini videoregistrate dall’impianto di videosorveglianza della farmacia, hanno permesso di identificare con assoluta certezza, nella persona di un noto pregiudicato mazarese, uno degli autori della rapina fino a quel momento rimasti ignoti.

Quest’ultimo è stato deferito all’A.G. per il reato di rapina aggravata in concorso alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala che, condividendo le conclusioni investigative del Commissariato di P.S., ha richiesto al competente G.I.P. la misura cautelare a suocarico.

Articoli Correlati
- Advertisment -

ULTIME NEWS