ULTIMI ARTICOLI

Scuola, mancano i riscaldamenti al plesso San Leonardo. I genitori: “Ne va del diritto allo studio”

0

Nelle aule del plesso San Leonardo, appartenente all’Istituto comprensivo Sirtori, mancano i riscaldamenti e, in questi giorni di freddo intenso, il problema si fa sentire in maniera ancora più “pungente”.

Dopo settimane in cui i genitori hanno cercato di trovare una soluzione che ad oggi non è ancora arrivata, hanno deciso di portare alla ribalta la questione scrivendo una lettera alla nostra redazione.

“È strano come oggi quelli che dovrebbero essere diritti da tempo consolidati debbano essere rivendicati tramite una lettera pubblicata su un giornale” – scrivono i genitori stanchi di veder tornare a casa i propri figli infreddoliti.

“Noi genitori –aggiungono – siamo pronti a metterci la faccia nel pieno rispetto delle parti, ma fermamente convinti e fiduciosi che prima o poi riusciremo ad ottenere delle risposte concrete. Da diversi anni sembra che si ripeta lo stesso copione. –  si legge nella lettera – Giungono i mesi invernali e il freddo gelido e, a scuola, i nostri ragazzi patiscono il freddo. Tornano a casa infreddoliti. Noi genitori siamo pronti a suggerire abbigliamento più pensate, scaldamani e quant’altro. Ma oggi ci chiediamo se questo è modo di svolgere serenamente le lezioni”.

Una criticità pluriennale dunque di fronte alla quale i genitori chiedono a chi di dovere, amministrazione in primis, “soluzioni concrete, fiduciosi di una pronta e risolutiva risposta”.

I genitori degli alunni del plesso San Leonardo sottolineano inoltre come la creazione di un’ambiente consono alle esigenze degli studenti sia condizione fondamentale per dare piena attuazione al diritto allo studio che, scrivono ancora i genitori, va inteso come un concetto ampio che non concerne solo l’accrescimento della propria cultura ma richiama anche quelle condizioni che agevolano l’apprendimento stesso, compreso pertanto un ambiente di studio confortevole e sereno.

Lettera aperta del presidente di Legambiente Sicilia al Sindaco Forgione sul Parco nazionale delle Isole Egadi e del litorale trapanese

0

Sbloccare finalmente il lunghissimo iter d’istituzione delle altre tre aree protette previste dalla Legge n.222/2007. È l’obiettivo che vede Legambiente impegnata in prima linea. Il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna, ha scritto una lettera aperta al sindaco di Favignana, Francesco Forgione, in cui gli chiede di lavorare insieme per questo importante traguardo, partendo dalla straordinaria esperienza dell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi, la più grande d’Italia, e dalle altre emergenze naturalistiche di eccezionale rilievo e straordinario valore che insistono nel litorale trapanese. Legambiente è contraria, così come Forgione, all’ipotesi paventata di un perimetro di Parco che vada dallo Zingaro alla foce del Belice, comprendendo territori interni fino a Segesta e al Bosco di Alcamo: è una proposta velleitaria e improponibile e che non ha alcun supporto scientifico. Mentre ritiene che occorra lavorare per una proposta che integri territori omogenei, che raccolga esperienze positive, che aiuti anche a superare criticità e ritardi.

Oggi, scrive ancora Zanna, occorre guardare oltre la propria stretta convenienza e mettersi al servizio dei territori, offrendo, guidandola, un’opportunità di sviluppo e progresso, di futuro diverso. Per quanto riguarda l’area dello Stagnone di Marsala, dalle straordinarie potenzialità, oggi abbandonata, mortificata e aggredita, Legambiente ritiene sia necessario inserirla fin da subito in questo percorso per un suo rilancio e per una gestione accurata e corretta. È già prevista dalla Legge n.394/1991 l’istituzione di un’altra Area Marina Protetta, che si integrerebbe con quella delle Isole Egadi e con un’idea di Parco terra/mare unico nel suo genere. Anche la Riserva Naturale Orientata delle Saline di Trapani e Paceco potrebbe portare al futuro Parco un’esperienza eccezionale di lavoro, impegno, capacità di gestione, risultati raggiunti. Tutto questo, è già contenuto in una proposta di perimetrazione che fu fatta dall’allora Provincia regionale di Trapani nel 2010 e condivisa dai Comuni coinvolti e dall’Assessorato regionale al Territorio e all’Ambiente e che, inspiegabilmente, si arenò nei meandri della burocrazia e della disattenzione. In conclusione, Zanna chiede a Forgione, e agli altri Sindaci, di creare i presupposti per la formulazione, in tempi rapidi, di una nuova proposta condivisa – costruita dal basso, con il pieno coinvolgimento delle comunità e delle Amministrazioni locali – di perimetrazione del ‘Parco delle Isole Egadi e del litorale trapanese.

La Riserva dello Zingaro festeggia oggi i suoi 40 anni

0

La Riserva Orientata della Zingaro, la prima ad essere istituita in Sicilia, festeggia oggi i suoi primi 40 anni. Era infatti il 1981 quando l’Ars approvò la legge che ne sanciva la nascita dopo le pressanti richieste degli stessi cittadini della zona che avevano a gran voce preteso che l’area, meravigliosa dal punto di vista paesaggistico e naturalistico, fosse protetta dall’urbanizzazione.

La ricorrenza è stata ricordata con un evento promosso dal Gal Elimos, programmato presso l’ingresso nord della Riserva.  Con l’occasione è stato presentato il nuovo servizio informativo multimediale che la Riserva offrirà ai suoi visitatori.

Grazie alla presenza di apposite postazioni, chiunque passeggerà fra i sentieri della riserva potrà scoprirne le caratteristiche e le curiosità attraverso il proprio smartphone.

Tra i contenuti messi a disposizione dei visitatori c’è anche un’intervista all’archeologo Sebastiano Tusa.

Tutto ciò è stato possibile grazie alla convenzione stipulata fra il GAL Elimos ed il Dipartimento dello Sviluppo Rurale e Territoriale dell’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea.

Tutti i visitatori, nell’ammirare i panorami mozzafiato, le acque cristalline così come la flora e la fauna che ospitano, potranno coglierne a pieno la ricchezza.

Si torna in classe. Oggi suona la campanella per i 60.399 studenti della provincia di Trapani

0

Tranne qualche scuola che ha deciso di anticipare l’avvio delle lezioni, per la maggior parte degli studenti siciliani oggi è il giorno del rientro in classe.

In provincia di Trapani saranno 60.399 le studentesse e gli studenti che entreranno in aula: 58.961 alunni frequenteranno scuole statali mentre 1438 frequenteranno scuole non statali.

Complessivamente sono 71 le istituzioni scolastiche statali presenti sul territorio per un totale di  3026 classi.

97 invece le sezioni/classi nelle 47 scuole non statali paritarie.

Per quanto riguarda il personale docente, l’Ufficio scolastico provinciale fa sapere che sono state effettuate 273 nomine di personale docente, di cui 61 sul sostegno (nel dato è incluso anche il personale docente presente nelle GPS) e 22 immissioni in ruolo di personale ATA.

Riguardo le supplenze, sono stati stipulati quest’anno 980 contratti a tempo determinato di personale docente (contro gli 851 dello scorso anno scolastico), di cui 607 sul sostegno.

In questi giorni, USR Sicilia, Ufficio XI Ambito di Trapani e le scuole della provincia hanno lavorato affinché le operazioni di avvio dell’anno scolastico fossero regolarmente completate, nel rispetto del cronoprogramma dettato dal Ministero.

Questa mattina, in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico, la Dirigente dell’Ufficio XI Ambito di Trapani, la professoressa Tiziana Catenazzo, si recherà in visita presso l’Istituto Comprensivo “Rallo” di Favignana.

Nel pomeriggio invece farà visita ai giovani studenti ricoverati presso il Presidio Ospedaliero S. Antonio Abate di Trapani.

Il prossimo 24 settembre alle ore 15.30 invece, presso la sede dell’ITET Caruso di Alcamo, è in programma la Conferenza dei Servizi che la dott.ssa Catenazzo ha organizzato con i dirigenti scolastici della provincia. Sarà la prima di una serie di conferenze itineranti nella provincia organizzate allo scopo di dibattere e confrontarsi sui grandi temi che riguardano il mondo della scuola come l’innovazione didattica, l’inclusione, il contrasto alla dispersione scolastica e al fenomeno del cyberbullismo.

Oggi anche il Sindaco di Marsala, Massimo Grillo e l’assessore alla Pubblica Istruzione Antonella Coppola hanno voluto essere vicini ai tanti giovani e al personale, docente e non, che sono tornati ad animare le scuole, serbatoio di vita, cultura, presente e futuro.

“È  con particolare affetto che vogliamo augurare, a nome dell’Amministrazione Comunale, un buon anno scolastico a tutti coloro che vivono, quotidianamente, la grande e preziosa avventura dell’educazione e della formazione. – dicono il Sindaco Grillo e lassessore Coppola –

Il nostro pensiero va a tutti gli studenti, dai più piccoli ai più grandi, alle loro famiglie, ai docenti, al personale e ai dirigenti scolastici.

L’inizio del nuovo anno scolastico costituisce un’occasione per riflettere sull’importanza del ruolo della scuola nella nostra società. In particolar modo, in questo periodo, in cui si avverte forte il bisogno di luoghi capaci di mettere al centro della formazione l’individuo per renderlo capace di buone relazioni interpersonali. In quest’ottica sono prioritarie l’educazione civica, l’attenzione all’ambiente ed ai beni comuni come impegno a prendersi cura insieme del pianeta Terra.

Tutti vogliamo fortemente che questo sia l’anno scolastico del definitivo ritorno alla normalità, l’anno che ci consenta di tornare a vivere la scuola come il luogo della crescita e della socializzazione. Siamo però chiamati ancora ad un grande senso di responsabilità; dobbiamo proseguire lungo questo percorso, ricordando che anche grazie al successo della campagna vaccinale la scuola può finalmente tornare ai ritmi dell’attività in presenza. Gli alunni sono il futuro che va costruito adesso. A loro diciamo: <Non placate mai la vostra sete di conoscenza>.

Buon anno scolastico a tutti”.

E ‘ufficiale: Marsala avrà una piazza intitolata a Marco De Bartoli

0

Marsala avrà una “ Piazza Marco De Bartoli”.

A stabilirlo è la determina sindacale n. 40 del 6 settembre scorso, arrivata dopo il parere positivo del 6 agosto scorso da parte della Commissione Toponomastica che aveva deliberato, all’unanimità dei presenti, il parere favorevole alla proposta di intitolare uno spazio al compianto e stimato concittadino, facendosi così interprete dalla volontà di tanti che hanno conosciuto ed apprezzato il lavoro di De Bartoli per il vino marsalese e il suo territorio.

Vignaiolo e produttore di vino, prematuramente scomparso ormai dieci anni, nel marzo del 2011, Marco De Bartoli fu fra i fautori della valorizzazione del vino Marsala, promuovendone e ricercandone l’identità, il prestigio storico e culturale oltre che economico.

Quello che dunque finora è stato denominato Largo Andrea Di Girolamo, ora si chiamerà Piazza Marco De Bartoli: si tratta dell’area, prospicente via XI Maggio, compresa tra Vicolo Coccio e Via Eliodoro Lombardi.

Proprio di fronte hanno sede la Strada del Vino Marsala e l’enoteca comunale.

A seguito dell’intitolazione della piazza a De Bartoli, Vicolo Coccio, che congiunge la Via XI Maggio con Largo Andrea Figlioli, assumerà la nuova denominazione di Via Andrea Di Girolamo.

Approvata la determina si dovrà procedere ora con gli adempimenti necessari, compresa la collocazione delle nuove targhe ed una eventuale modifica dei numeri civici.

Marsala, “Cum grano salis”: Officina Tersicore e Virginia Gold incantano alla “Scurata”

0

Uno spettacolo coinvolgente, delicato, fortemente evocativo quello andato in scena ieri a Marsala, al teatro a mare Pellegrino 1880 in occasione della rassegna “a Scurata”, organizzata dal MAC.  I presupposti c’erano tutti: la maestria della coreografa Elisa Ilari, l’eleganza delle ballerine della sua Officina Tersicore e le sperimentazioni musicali dei Virginia Gold per la prima volta insieme, in una sapiente combinazione di musica e danza.

Una collaborazione nuova fra Andrea Russo e l’Officina Tersicore che ha tuttavia il sapore di un ritorno, dopo un passato in cui la stessa Ilari ha tante volte lavorato insieme ad Enrico Russo, alla cui memoria la rassegna è dedicata.

Una collaborazione che è stata anche occasione di sperimentazione, “una pazzia” come l’ha definita Andrea Russo.

Nato e pensato appositamente per questo luogo, in questo luogo “Cum grano salis” è stato capace di sospendere il tempo, lasciando per più di un’ora gli spettatori in bilico fra lo stupore e l’ammirazione.  Filo conduttore naturalmente il sale: il sale che arde, che brilla, che conserva, che è essenza di cose e di uomini. Che è lavoro e vita.

Un omaggio a quel “pizzico di sale” di cui abbiamo bisogno, che ogni uomo ha dentro, che dà senso e sostanza. E che diventa dunque occasione per una riflessione profonda sul sé.

Un po’ come è accaduto alla bambola di sale che sperimenta se stessa immergendosi in mare.  

“Le nostre lacrime, il liquido amniotico, la placenta contengono sale. Noi siamo sale. Partendo quindi dal sale e dalle saline, si snocciola il tema della conoscenza di sé che diventa anche conoscenza dell’altro” – spiega Elisa Ilari.

Incantevoli le ballerine dell’Officina Tersicore –  Valeria Pellegrino, Giulia Lombardo, Sara Parrinello, Margherita Sparla –  capaci di portare in scena il forte legame con gli elementi naturali: come le ninfe della mitologia greca, una cosa sola con ciò che le circonda, in perfetta, intensa armonia fra sale ed acqua.

All’interno dello spettacolo anche un omaggio all’artista israeliana Sigalit Landau, nota per il suo progetto “La sposa di Sale”. L’artista ha immerso nel Mar Morto un vestito funebre da donna del 1800 lasciandolo lì per due anni. I cristalli di sale del Mar Morto hanno trasformato l’abito, rendendolo bianco.

“È un’opera che mi ha colpito molto: qualcosa senza vita come il Mar Morto ha creato altro – racconta ancora Ilari – E’ il contatto con qualcosa di nuovo, la percezione di conoscersi in un’altra pelle”.

“Cum grano salis” è uno spettacolo dalla struttura complessa dove vige un preciso minutaggio. Ogni strumento si interseca perfettamente con l’altro e con le coreografie in ogni preciso momento, in un’alternanza costante fra composizione ed improvvisazione.

“E’ stata una sperimentazione. Lavorare con pezzi montati ed improvvisazione non è semplice ma, al tempo stesso, è molto entusiasmante” – dice ancora Elisa Ilari.

Un ruolo speciale dunque quello della musica. Sotto la direzione musicale del maestro Alessio Cordaro, i Virginia Gold hanno proposto sonorità originali, con una piccola citazione da America Beauty, che hanno saputo far risaltare egregiamente lo spirito dei luoghi.

 “I Virginia Gold hanno composto le musiche totalmente improvvisando, da un paio di mesi a questa parte, andando ognuno a tempo con un cronometro. – spiega Andrea Russo – Ognuno di noi seguiva, sullo spartito, una linea con numeri ed incastri. Dal punto di vista compositivo, è stato molto complesso e molto particolare”

Sul palco Andrea Russo al sintetizzatore, Alessio Cordaro al contrabasso, Leo Coppola alle percussioni, Vincenzo Piccione Pipitone alla tastiera e il rumorista Salvatore Casano. 

Una musica mai invasiva. “Si tratta di sonorità che si sposano alla perfezione con un posto unico al mondo come questo-– aggiunge ancora Russo – Qui bisogna far parlare il vento, l’acqua.  La musica e la natura possono essere un tutt’uno”.

Allo spettacolo ha partecipato anche Matteo Pipitone che ha prestato la sua voce alla storia della bambola di sale.

La scenografia è stata curata da  Vito Lombardo.

Prima dell’inizio dello spettacolo, il MAC ha voluto rendere omaggio alla memoria del chitarrista Piero Scardino consegnando al figlio Vincenzo il premio che ne celebra la carriera.

“Piero Scardino –  si legge nella motivazione – è stato icona della musica ed esempio di virtuosismo, dimostrando che la passione è l’unica vera dote di un musicista”. A consegnare il premio, Giusy Curcio e Andrea Russo.

Domani sera il teatro a mare Pellegrino 1880 tornerà ad accendere le luci per il concerto al pianoforte di Emanuele Chirco “Tra le mie cose”.

Dal 27 luglio al via “A Scurata”. 13 spettacoli ed un “teatro a mare” tutto green

E’ stata presentata ieri, nell’elegante location dell’Ouverture delle Cantine Pellegrino, la IV edizione della rassegna “ A scurata”,  promossa dal MAC- Movimento Artistico Marsalese –  presso le Saline Genna di Marsala.  

Tante le novità di quest’edizione a partire dal luogo in cui verranno portati in scena gli spettacoli: un vero e proprio teatro a mare appositamente realizzato all’interno di una vasca attualmente non in produzione. Si chiamerà  “Teatro Pellegrino 1880”, in onore all’azienda che sostiene l’iniziativa, ed è realizzato interamente in un’ottica green con materiali naturali e facilmente removibili ma dal grande effetto scenico: sale, legno, tufo accoglieranno dunque gli spettatori, nel momento magico del tramonto, per avvolgerli in un mondo di arte, musica, colori e bellezza.

L’idea del nuovo teatro a mare è stata raccontata da Giacomo Frazzitta: “Tutto è stato realizzato nell’assoluto rispetto della Salina. Perché la cultura è rispetto. Non c’è ferro, né plastica, né malte. Le sedute sono di legno, grazie alle Cantine Pellegrino, che ci hanno messo in contatto con la Imera Imballaggi di Termini Imerese che ci ha fatto un enorme regalo fornendo 200 posti a sedere. A loro e alle Cantine Pellegrino, a Benuccio Renda e a Paola va la nostra gratitudine. Le sedute saranno corredate da cuscini fatti con sacchi di iuta che sono stati forniti dalla Zicaffè”.

Gli spettacoli sono stati poi presentati dal direttore artistico Gregorio Caimi. “Quattro anni fa abbiamo iniziato in maniera semplice. Ogni anno abbiamo fatto un passo in più cercando di dare continuità agli eventi, espressioni di una Sicilia raccontata attraverso il teatro e la musica – ha raccontato Caimi –  Quest’anno abbiamo cercato di trovare una motivazione in più”.  Ecco perché il MAC proporrà ora ben 13 spettacoli, di cui 5 riguardano artisti che non fanno parte delle associazioni aderenti al MAC ma che, con la qualità delle loro proposte, danno pregio e voce alla Sicilia.

“Questa città va amata. Avevo un grande sogno io. Questa città ha bisogno di squadra”: sono le parole di Enrico Russo con cui è iniziata ieri la presentazione della rassegna a cui sono intervenuti tanti dei suoi protagonisti. “Il MAC è una famiglia –  ha detto Andrea Russo, figlio di Enrico, che andrà in scena con un proprio spettacolo in collaborazione con la coreografa Elisa Ilari – Marsala, diciamo chiaro, non è abituata a fare squadra. Il MAC è la testimonianza di come le realtà storiche si possano mettere insieme con spirto di servizio”

A sostenere l’iniziativa anche il dott. Roberto Fiorentino, direttore della Riserva Naturale orientata dello Stagnone che non potendo presenziare ha inviato una nota: “Ho sempre sollecitato per iniziative che puntino alla valorizzazione delle aree protette con momenti di alto respiro culturale. Abbiate la speranza che ad ogni Scurata segua sempre un’ Agghiurnata e in questo è l’augurio mio e dell’Ente gestore: lo Stagnone e le sue risorse naturali siano palcoscenico della nostra rinascita. In bocca a lupo e che tutto possa realizzarsi nel migliore dei modi” – ha scritto Fiorentino.

Presente invece il Sindaco di Marsala Massimo Grillo, accompagnato dagli assessori Coppola ed Alagna. “Eventi come questo sono motivo di orgoglio per la nostra città – ha detto il Sindaco che, riferendosi al bando emesso dal Comune per le manifestazioni estive, ha ricordato come siano state incoraggiate quelle iniziative qualificanti, in grado di fare squadra e con autonomia organizzativa.

A suggellare la partnership fra economia e cultura, l’intervento di Benedetto Renda in rappresentanza delle Cantine Pellegrino che hanno creduto nella rassegna sostenendola ed incoraggiandola. “Siamo consci che un’industria vitivinicola ha caratteristiche tutte sue. Le nostre radici sono qui” – ha detto Renda evidenziando il ruolo di collegamento dell’azienda tra il territorio, con la sua storia, il suo vissuto, le sue peculiarità, e il resto del mondo.

“Non poteva esserci connubio migliore fra vino, cultura, natura affinché si realizzasse un progetto ambizioso, qualcosa di unico” – ha detto Antonio Parrinello, gestore della Salina Genna.

Quest’anno gli spettacoli de “A scurata” saranno presenti anche all’interno del progetto We love Marsala”, promosso dalla Proloco 2.0, presieduta da Mario Ottoveggio.  “Abbiamo realizzato un sito web https://www.welovemarsala.com/  e una app che consente a tutti, strutture ricettive e organizzatori di eventi di cooperare per la promozione di un territorio. – ha spiegato Fabio Alda che però ha aggiunto, appellandosi anche ai rappresentanti dell’amministrazione: “Per una corretta promozione, serve una regia che coordini gli eventi”.

A scurata 2021 prenderà il via il prossimo 27 luglio con l’inaugurazione del teatro a mare, eccezionalmente con un doppio appuntamento (alle ore 19.15 e alle 22) che prevede un racconto –  degustazione con tre vini offerti dalle Cantine Pellegrino. Tra questi ci sarà anche il Marsala Miss Honor con cui le Cantine Pellegrino festeggiano i 50 anni dal recupero della Nave Punica, possibile grazie all’impegno dell’archeologa Honor Frost e al sostegno, anche in quell’occasione, della cantina marsalese.

Come illustrato da Vito Scarpitta, tutti i biglietti per gli spettacoli potranno essere acquistati on line sul circuito   https://www.ciaotickets.com/  o presso l’agenzia “I Viaggi dello Stagnone” in via dei Mille a Marsala. I biglietti rimasti saranno disponibili al botteghino alla Salina Genna.

Alla presentazione della rassegna sono intervenuti anche Alessio Piazza, Massimo Graffeo, Fabio Gandolfo ed Aldo Bertolino che hanno presentato i propri spettacoli.

Questi gli spettacoli in programma:

Nella prima serata, martedì 27 luglio, ad esibirsi sarà la Big band Arco Orchestra, che in occasione del 30esimo anniversario della fondazione dell’omonima associazione offrirà al pubblico le più belle melodie italiane degli anni ’40 e ’50 fino ad arrivare a Frank Sinatra. Da “Parlami Mariù” a “My way”, 25 brani suonati da 16 musicisti e interpretati da Ugo Rosano, componente del rinomato coro londinese “Camden voices”, Giada Zichittella e con la partecipazione del cantante palermitano Vicio Rinella.  Gli arrangiamenti sono del M° Aldo Bertolino e la direzione d’orchestra della  M° Bettina Gandolfo.

Venerdì 30 luglio Giovanni Gulino – già front man della band Marta sui tubi – porterà nella Salina Genna il suo “Muovere Maree tour”, che racchiude canzoni dell’album d’esordio da solista“Urlo Gigante”, uscito a marzo 2020; tanti successi dei Marta Sui Tubi, e l’ultimo singolo dell’artista: “Muovere Maree”, che dà il nome all’intero spettacolo. Ad accompagnare Gulino, alla chitarra acustica, sarà il polistrumentista e produttore marsalese Fabio Genco.

Martedì 3 agosto sarà la volta delle associazioni teatrali: “Amici di Totò”di Antonino Scardino e “La Maschera” di Murizio Favilla che metteranno in scena “La Giara” di Luigi Pirandello. In scena don Lollò Zirafa sarà Maurizio Favilla, Zi Dima Antonino Scardino, Pietro Pipitone sarà l’avvocato Scimè, Ciccio Maggio Asparu; Mariella Fernandez Concetta; Franco Rallo Nofiu; Alba Isaia interpreterà Carmela; Pino Caltagirone sarà Saru; in scena anche Cristina Ottoveggio e Francesco Di Bernardo.

Venerdì 6 agosto la scena sarà della Compagnia Teatrale Sipario che interpreterà: La Vita… peccato sia “originale”. Un originale percorso sulla vita, sul suo inizio e su tutte le volte che ci è sembrato perderla, per poi ritrovarla misteriosa e bella come non mai. Dopo un momento serio e riflessivo, accompagnato da tante canzoni con strumentisti dal vivo, entreranno in scena le versioni diametralmente opposte dei due protagonisti: che fra gag, battute e doppi sensi trascineranno il pubblico in un vortice di risate ed emozioni. Lo spettacolo, scritto e diretto da Vito Scarpitta, si avvale della partecipazione di Dalila Pace.

Domenica 8 agosto “The Lady Sings – Omaggio a Billie Holiday„. Spettacolo dell‘ “Aldo Bertolino jazz quartet“ che sarà un intenso tributo blues all’unica vocalist afro-americana che si esibì insieme ai musicisti bianchi negli Stati del Sud, dove questo sodalizio suscitava opposizioni e minacce. Un omaggio all’arte oltre ogni forma di razzismo. Ad esibirsi saranno: Arabella Rustico, voce e contrabbasso; Dario Silvia, pianoforte; Fabrizio Parrinello, batteria; Aldo Bertolino, tromba e flicorno. 

Martedì 10 agosto sarà protagonista Rosario Lisma con “Terra matta” e musiche di Gregorio Caimi. “Se all’uomo di questa vita non ci incontra aventure, non ave niente de arracontare“. Sono le parole di un bracciante siciliano, Vincenzo Rabito, che, chiuso a chiave nella sua stanza, nonostante il proprio semi-analfabetismo, ha digitato su una vecchia Olivetti la sua autobiografia. Un romanzo storico e di formazione sul nostro Paese nel ‘900, cui Rosario Lisma dà voce con le musiche di Gregorio Caimi. Lettura tratta dal volume di Vincenzo Rabito, Ed. Einaudi, colorata da canzoni popolari antiche. Molte delle quali di Rosa Balistreri, cantautrice e memoria storica isolana del ‘900.

Venerdì 13 agosto sarà la volta di “Blues in 16 di Stefano Benni“ con Massimo Graffeo e Fabiola Filardo e musiche della Kinisia Blues band. In “Blues in sedici” Stefano Benni prende spunto da un fatto di cronaca degli anni ‘80. “Nel cuore della notte, un padre, operaio disoccupato, esce di casa, per raggiungere una sala videogiochi. Lì c’è suo figlio. Avviene un regolamento di conti. Il padre fa scudo col suo corpo al figlio e muore. Lessi questa notizia e pensai a raccontarla in versi. Dedico il blues a tutti gli eroi quotidiani e sconosciuti del nostro orribile e meraviglioso paese” spiega Benni. A dar voce alla ballata saranno Massimo Graffeo e Fabiola Filardo mentre le musiche saranno a cura della Kinisia Blues Band: Pasquale Nuccio – batteria; Diego Buffa – basso; Nino Casano – chitarre; Gregorio Caimi – chitarre; Salvatore Sinatra – piano elettrico; Pasquale Salerno – voce.

Mercoledì 18 agosto protagonista sarà Alessio Piazza: reading di due racconti di Leonardo Sciascia: “Il lungo viaggio” e “Un caso di coscienza” tratti da “Il mare colore del vino”. Nel centenario della nascita dello scrittore siciliano, Alessio Piazza rende vivide, sapide e intense, le parole di uno spirito libero, scrittore coraggioso e anticonformista, che ha fatto di critica sociale e impegno civile la sua ragion d’essere.

Venerdì 20 agosto sarà la volta del concerto: “Mare Nostrum” de I Musicanti di Gregorio Caimi feat. Milagro Acustico. Un evento che nella perfetta cornice della salina dipinge le policromie della cultura mediterranea. Contaminazione che passa dai brani de I Musicanti, toccando Rosa Balistreri e Ignazio Buttitta. Vi s’innesta l’arte del gruppo world romano “Milagro Acustico”. L’etica del soccorso, dell’aiuto al prossimo di qualunque colore saranno cantati da Marwan Samer e Debora Messina nel brano “Terra Madre” in dialetto siciliano e in lingua araba.

Martedì 25 agosto ci sarà lo spettacolo “Cum grano salis”, dove la danza sposa la musica e insieme armonizzano con la natura della salina. Ad esibirsi saranno gli artisti dell’Officina Tersicore e i Virginia Gold. Le coreografie del Centro Danza Tersicore esploreranno l’armonia del movimento eterno della salina, mentre le musiche immateriali e innovative dei Virginia Gold riprenderanno i suoni dell’acqua, i canti del duro lavoro dei salinai e i versi dei fenicotteri rosa saranno looppati in chiave contemporanea.

Venerdì 27 agosto l’appuntamento è con il concerto di Emanuele Chirco in solo pianoforte dal titolo: “Tra le mie cose”. Emanuele Chirco, pianista, compositore e arrangiatore, eseguirà sue musiche scritte e pubblicate per orchestra in una interpretazione intima, e a tratti riflessiva, per solo pianoforte. Suono che offre spazio per immaginare, viaggiare, sognare innalzando lo spirito: ogni composizione, scaturendo da esperienza autentica, invoca uno slancio verso i valori universali della condivisione, dell’unità, della tolleranza e dell’integrazione.

Mercoledì 1 settembre ancora musica di alto livello con “Da Nick a Chick – Storie di jazz e di siciliani” a cura dell’Associazione Carpe Diem. Spettacolo rivelazione che svela il ruolo degli artisti di origine siciliana nella nascita e nello sviluppo di questo genere musicale. Non molti sanno, ad esempio, che il primo disco di Jazz, nel 1917, fu inciso da Nick La Rocca, di origini di Salaparuta (provincia di Trapani). Lo spettacolo parlerà anche: Tony Scott (di origine di Salemi), Joe Pass (Messina) e di Chick Corea. Si esibiranno: Michele Pantaleo – chitarra; Giacomo Bertuglia – contrabbasso; Fabio Gandolfo – pianoforte; Felice Cavazza – batteria; Lorenzo Barbuto – sax; Nicola Genova – trombone; Maurizio Virgilio – tromba; Antonella Parnasso – voce.

Ultima serata sabato 4 settembre, il teatro “Pellegrino 1880” accoglierà “Terroni” con Roberto D’Alessandro e musiche a cura di: Andrea Russo, Ernesto Barraco, Irene Sciacca. Tratto dal best-seller di Pino Aprile, lo spettacolo di teatro-canzone “Terroni“ racconta la vera storia dell’unità d’Italia. Dalle cronache locali delle battaglie fra piemontesi e borbonici attraverso 160 anni di verità taciute, la ‘controstoria’ dell’Unità d’Italia che spiega le reali ragioni della questione meridionale.

Info sui biglietti ai numeri: 3208011864 – 0923717973 

Sarà possibile acquistarli anche su www.ciaoticket.com  

Spettacoli 30 luglio – 10 agosto – 18 agosto – 27 agosto – 4 settembre zona A (platea sabbiosa) 20,00 – zona B 15,00

Spettacoli 27 luglio – 3 agosto – 6 agosto – 8 agosto – 13 agosto – 20 agosto – 25 agosto – 1 settembre: zona A 15,00 – zona B 12,00

Anche in Sicilia nasce “Insieme”

0

Anche in Sicilia nasce INSIEME
Il 4 ottobre del 2020 è nato a Roma il nuovo Partito d’ispirazione
cristiana che unisce credenti e non credenti nella trasformazione
del Paese.
Come si legge nel documento programmatico visibile su
www.insieme-per.it e nella pagina facebook Insieme Sicilia
crediamo che, partendo da una visione veramente integrale della
persona umana e della sua irrinunciabile dignità dal concepimento
alla morte naturale, si possa sviluppare una proposta politica
nuova incentrata sui principi della solidarietà e sussidiarietà che
metta al suo centro i bisogni concreti delle famiglie, dei lavoratori,
degli imprenditori, delle comunità locali e nazionale. Una proposta
che veda in un forte impegno nell’educazione dei giovani e dei
meno giovani uno degli strumenti fondamentali per costruire una
comunità pienamente umana e civile e capace di guardare con
speranza al futuro.
Una proposta che si proponga di avviare una profonda
trasformazione dell’economia in direzione di una vera “conversione
ecologica”. Una proposta che miri a riforme radicali delle
Amministrazioni Pubbliche centrali e periferiche per renderle
pienamente orientate a dare sostegno e collaborazione alla libera
attività dei cittadini. Una proposta che non rimanga imprigionata
in una ristretta visione nazionale perché oggi, più che mai, sono
l’Europa e l’intero mondo a definire l’orizzonte del domani.
2
Ci incoraggia su questa strada il magistero di Papa Francesco che
ha licenziato la sua terza enciclica “Fratelli tutti” dedicata alla
fraternità e all’amicizia sociale.
In Sicilia è stato nominato come coordinatore regionale il Professor
Nino Giordano docente, scrittore e sceneggiatore con il compito,
non solo di iniziare il tesseramento, in vista del Congresso del
Partito che si terrà nel mese di giugno del 2021, che porterà al
voto degli organismi dirigenti, ma soprattutto di porre le basi per
un partito radicato nel territorio.
Il professor Nino Giordano sarà coadiuvato in questo compito da
un coordinamento regionale diviso per aree tematiche e si
provvederà secondo Statuto, alla nomina dei referenti provinciali
pro-tempore. Nomi che saranno resi noti nei prossimi giorni.
In una dichiarazione il Professor Giordano afferma: “la nostra
terra, i nostri Comuni, i nostri concittadini hanno bisogno di essere
ascoltati e di aver prospettive concrete, che tengono conto delle
realtà, non di soluzioni irrealizzabili senza fondamenta serie.
Conosciamo i problemi, ma non si possono calare dall’alto soluzioni
senza tenere conto di quello di cui c’è bisogno realmente, troppe
volte la politica ha paventato soluzioni solo per acchiappare voti
per poi dire ai cittadini che non si poteva fare. Noi intendiamo
fornire soluzioni indicando da dove prendere i fondi necessari per
realizzarle. Un’organizzazione capillare, basata sulla Democrazia
partecipativa, in cui le idee non sono quelle del leader, ma del
corpo del partito nel suo complesso le cui fondamenta si trovano
nel documento programmatico-politico che si può trovare nel sito
www.insieme-per.it
Troppo facile urlare, troppo facile instillare odio, per poi scoprire
che chi urla non ha soluzioni reali e realistiche se non incolpare
una parte della società. Basta odio, basta pensare ad un’economia
fatta solo di numeri e non basata sulle persone, ci vuole
un’economia civile, come l’ha denominata il Professor. Stefano
Zamagni, apprezzato economista in tutto il mondo per i suoi studi
in materia di economia sociale, ex presidente dell’Agenzia per il
terzo settore, e dal 2019 presidente della Pontificia accademia
delle scienze sociali, che con grande intuizione è l’ispiratore del
Partito.

Rubrica “I nostri diritti” – DIVORZIO CONGIUNTO: DIVORZIARE QUANDO SI E’ D’ACCORDO E’ ANCORA PIU’ FACILE IN TEMPI DI COVID

0

Quando i coniugi separati sono d’accordo per ottenere lo scioglimento del matrimonio (se contratto in comune) o la cessazione dei suoi effetti civili (se contratto in chiesa) e sono anche d’accordo nel regolare le condizioni alle quali questo debba avvenire (ad esempio la gestione dei beni comuni, l’assegno divorzile, le visite ai figli, etc..), possono ricorrere al divorzio congiuntoo consensuale, più rapido ed economico rispetto al divorzio giudiziale, cioè quello attivato da una sola delle parti.

Per potere ricorrere al divorzio congiunto, ci deve essere almeno uno di questi presupposti:

– i coniugi sono separati legalmente da almeno sei mesi (in caso di separazione consensuale) o da almeno dodici mesi (in caso di separazione giudiziale);

– uno dei due coniugi è stato condannato per un reato per cui il nostro ordinamento prevede una pena pari all’ergastolo o superiore a 15 anni, oppure è stato condannato per uno dei reati individuati dall’art. 3 della legge sul divorzio (ad esempio, tentato omicidio ai danni del coniuge);

 – uno dei due coniugi è cittadino straniero e ha ottenuto l’annullamento o lo scioglimento del matrimonio all’estero, o ha contratto un nuovo matrimonio all’estero;

– il matrimonio non è stato consumato;

– uno dei due coniugi ha ottenuto sentenza di rettifica dell’attribuzione del sesso ed essa è passata in giudicato.

Il divorzio congiunto si chiede con ricorsoda presentare al tribunale del luogo di residenza o di domicilio di uno dei due coniugi; esso deve contenere i seguenti elementi essenziali per essere valido:

-i fatti e gli elementi di diritto sui quali si fonda la domanda di scioglimento del matrimonio o di cessazione dei propri effetti civili;

– l’esistenza di figli di entrambi i coniugi;

– le condizioni relative ai figli e ai rapporti economici.

I documenti da allegare, invece, sono:

– le ultime dichiarazioni dei redditi di ogni componente della coppia;

– l’atto di matrimonio, lo stato di famiglia, il certificato di residenza di entrambi i coniugi, la copia autentica del verbale di separazione consensuale o della sentenza di separazione giudiziale.

Secondo la procedura ordinaria, una volta presentato il ricorso, le parti verranno chiamate a comparire personalmente davanti al giudice per il tentativo di conciliazione: egli tenderà ad accertare che la comunione tra i due non possa essere ricostituita, e che le condizioni stabilite dai coniugi non siano contrarie all’interesse degli eventuali figli. Fatte queste verifiche, e riscontrata l’esistenza degli elementi soggettivi e oggettivi richiesti dalla legge, il giudice pronuncerà il divorzio con sentenza.

Ma cosa è cambiato con l’emergenza epidemiologica da Covid 19?

Con il decreto legge Ristori, da fine ottobre, non è più necessario andare in udienza, esso infatti prevede che il giudice possa disporre che le udienze in materia di divorzio congiunto siano sostituite dal deposito telematico di note scritte, nel caso in cui tutte le parti che avrebbero diritto a partecipare all’udienza vi rinuncino espressamente con una comunicazione con cui dichiarano:

– di essere a conoscenza delle norme processuali che prevedono la partecipazione all’udienza;

– di aver aderito liberamente alla possibilità di rinunciare alla partecipazione all’udienza;

– di confermare quanto contenuto nel ricorso;

– di non volersi conciliare.

Per quanto riguarda l’aspetto economico, poi, sicuramente il divorzio congiunto, in quanto più rapido, è anche meno costoso di quello giudiziale. Oltre all’onorario dell’avvocato, un costo fisso è rappresentato dal contributo unificato per l’iscrizione a ruolo del procedimento, che ammonta ad €.43,00; non è prevista alcuna marca da bollo.

Tra l’altro, contrariamente a quanto avviene nel divorzio giudiziale, dove ogni coniuge deve necessariamente essere rappresentato da un diverso difensore, nel divorzio congiunto la coppia potrà essere rappresentata in giudizio da un unico avvocato.

Infine, va ricordato che al divorzio congiunto si può ricorrere anche senza andare in tribunale, ossia con la procedura della negoziazione assistita, per la quale, contrariamente a quanto detto da ultimo, sarà necessaria l’assistenza di un avvocato per ciascun coniuge.

La negoziazione assistita è un mezzo attraverso il quale i coniugi possono raggiungere e perfezionare un accordosu tutti gli aspetti, anche patrimoniali, riguardanti il divorzio, e che viene formalizzato davanti ai rispettivi difensori. Questi ultimi, poi, provvederanno:

– al deposito dell’accordo presso la Procura della Repubblica per il nulla osta, necessario per il caso in cui vi siano figli non autosufficienti;

– alla trasmissione dell’accordo, entro dieci giorni dalla sua sottoscrizione, al competente Ufficio di Stato Civile presso il Comune in cui il matrimonio è stato celebrato, in modo da far annotare l’accordo a margine dell’atto di matrimonio.

Avv. Camilla Alabiso

Emergenza sanitaria Covid-19, la testimonianza di una cittadina marsalese che paga lo scotto di un sistema in sovraccarico

0

I servizi delle USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale) attivi sul territorio marsalese per l’assistenza delle persone affette dal Coronavirus, pur svolgendo un ruolo fondamentale nell’attuale emergenza sanitaria, presentano delle criticità. Molti cittadini affetti da Covid-19, già fragili per la loro condizione di salute, provano un ulteriore senso di abbandono per un sistema che spesso non funziona come dovrebbe: telefoni che squillano senza risposta, operatori in ritardo per effettuare i tamponi molecolari, un isolamento domiciliare che blocca il normale decorso della vita sociale e lavorativa di molti.

Oggi raccontiamo la testimonianza di una donna marsalese affetta da Covid-19, che attualmente si trova costretta all’isolamento domiciliare a causa di un tampone di esito “dubbio”.

“Chi scrive è una cittadina indignata. Ai primi di Novembre eseguo un test rapido presso un laboratorio privato marsalese. Attivata la procedura con le USCA,  dal momento che l’esito del tampone rapido è positivo, vengo chiamata ad effettuare tampone molecolare presso il drive in del locale nosocomio, anche questo con esito positivo. Mi attengo alle disposizioni comunicatemi tramite mail dal servizio USCA e completo l’isolamento fiduciario presso il mio domicilio. Dopo aver completato il periodo di quarantena io e mio fratello sollecitiamo tramite telefonate un nuovo tampone molecolare come previsto dal protocollo a fine quarantena. Eseguito a domicilio un secondo tampone molecolare viene comunicato telefonicamente che l’esito è DUBBIO. L’ operatore, incalzato dalle domande di mio fratello,  riferisce che il termine DUBBIO può essere imputabile o a una bassa carica virale o a un tampone eseguito non correttamente, ma che comunque viene da loro considerato equivalente ad un risultato positivo. Inaudito! In conclusione, mi viene comunicato dall’operatore che dovrò essere sottoposta ad un nuovo tampone, che però non verrà eseguito subito, come è logico che sia, ma che verrò messa in coda a causa dell’elevato numero di tamponi che gli operatori devono ancora effettuare, a causa della mancanza di organico, a causa del fatto che gli operatori hanno a disposizione una sola vettura per i prelievi domiciliari.  Ad oggi, comunque, non ho ricevuto esito formale del tampone DUBBIO. Vorrei sottolineare che anche mio padre, domiciliato in altra residenza, persona dinamica, in perfetta salute, che non ha mai accusato sintomi riferibili al coronavirus, vive la mia stessa situazione in quanto anche il suo tampone è risultato DUBBIO. Siamo entrambi reclusi a casa, privati della libertà e in attesa di nuovo tampone. Noi comprendiamo tutte le criticità e il momento di emergenza attuale; se mi fosse stato comunicato il perdurare della mia positività non avrei faticato a comprendere, ma così non ci sto!
Nonostante le nostre ripetute telefonate al servizio USCA non abbiamo mai ottenuto risposta e riscontro su quanto pretendiamo, ossia che il tampone venga eseguito IMMEDIATAMENTE perché non vi è certezza alcuna della nostra positività. Solo un laconico DUBBIO. Nel frattempo ci viene imposto l’isolamento senza possibilità alcuna di lavorare o svolgere le normali mansioni quotidiane”.

Tappa Coppa Sicilia Optimist: a Catania vince Yusei Castroni, della Società Canottieri Marsala

0

Mario Noto (dir. sportivo soc. Canottieri): “Lo sport della vela non si ferma, ma sono convinto che sia una buona pratica quella di concludere la stagione agonistica 2020 esclusivamente con allenamenti all’interno dei propri Circoli”

Concluso nelle acque del golfo di Catania, lo scorso weekend, il campionato di Coppa Sicilia Optimist. Alla fase finale della competizione  hanno partecipato più di settanta atleti provenienti da tutta la Sicilia, che si sono sfidati in quattro campi di regata, con un vento da maestrale, inizialmente favorevole, ma nel corso della giornata si è intensificato, consentendo comunque lo svolgimento delle tre prove previste.

Anche quest’anno il titolo rimane al Circolo Nautico NIC, ma la tappa catanese, nella categoria Juniores, ha visto la vittoria di uno dei migliori velisti della Società Canottieri Marsala, Yusei Castroni, che è salito sul gradino più alto del podio, confermando un netto miglioramento delle prestazioni sportive soprattutto in quest’ultimo anno, seguito da Tommaso De Fontes (Nic Catania) e da Gianmarco Livoti (Nic Catania).

Tra gli Juniores, in rappresentanza della Società Canottieri, Alberto Incarbona si è guadagnato la 5^ posizione, Giulio Genna la 6^ e Giorgia Tumbarella la 25^, mentre tra i Cadetti continua a far parlare di sé il giovanissimo Vittorio Lentini, che si è classificato 8°. Questa regata rappresenta di fatto l’ultima nella categoria Juniores sia per Alberto che per Giulio, che nella prossima stagione agonistica entreranno a far parte della classe Laser.

Questa regata ha rappresentato la fase finale di un campionato in versione ridotta, che si è concluso con lo svolgimento di quattro tappe al posto delle sei previste, a causa dell’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus. “Lo sport della vela non si fermerà – ha dichiarato Mario Noto, direttore sportivo della Società Canottieri Marsala -, così come disposto dal nuovo DPCM : non è uno sport di contatto e per sua natura si svolge all’aperto. Ma, allo stesso tempo mi sento di affermare che sarebbe una pratica legata al buon senso quella di non proseguire con le competizioni, ma di restare nei Circoli di riferimento esclusivamente per allenarsi e prepararsi alla prossima stagione agonistica. Per avere maggiore certezza sui comportamenti da mettere in atto, siamo in attesa delle nuove disposizione da parte della Federazione Italiana Vela, che non tarderanno ad arrivare e alle quali ci atterremo con scrupolo, nella speranza di poterci confrontare presto in nuovi campi di regata con assoluta serenità”.

SMART WORKING E DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE: QUALE TUTELA?

Con l’emergenza Coronavirus è drasticamente aumentato il ricorso al ‘lavoro agile’, comunemente detto ‘smartworking’. Esso, però, può comportare notevoli rischi per il lavoratore, rispetto ai quali il ‘diritto alla disconnessione’ può costituire una misura preventiva. Vediamo se e come esso può essere fatto valere in Italia, anche con la possibilità di ottenere un risarcimento dei danni subiti.

Lo smartworking viene introdotto in Italia tre anni fa (Legge 22 maggio 2017, n.81) come una modalità di svolgimento del lavoro dipendente basata su un accordo tra datore di lavoro e lavoratore, senza precisi vincoli di orario o luogo di lavoro e con il possibile uso di strumenti tecnologici: il lavoro viene quindi svolto in parte all’interno e in parte all’esterno dei locali aziendali, senza una postazione fissa ma comunque all’interno di limiti di durata massima stabiliti dalla legge o dalla contrattazione collettiva.

Si tratta di una modalità di lavoro pensata per conciliare un aumento di produttività delle aziende, da un lato, con una migliore gestione del proprio tempo da parte del lavoratore, dall’altro.

In realtà, proprio quest’ultimo è il tasto dolente: l’utilizzo degli strumenti digitali da parte del lavoratore lo espone a una connessione, e quindi a una reperibilità, costante e continua, anche per il timore di conseguenze derivanti da una mancata risposta.Questa assenza di disconnessione può avere delle importanti conseguenze sulla sua salute e il suo benessere, come ad esempio la sindrome da ‘burnout’: un esaurimento emotivo caratterizzato da stress cronico causato dal lavoro, o il ‘tecnostress’, che dal 2007 è stato riconosciuto come malattia professionale.

Con l’emergenza sanitaria da Covid 19, le criticità dello smartworking si sono fatte più evidenti, dato che questa modalità lavorativa si è notevolmente diffusa.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, infatti, ha stabilito che, per tutto lo stato di emergenza, i datori di lavoro possono mettere i propri dipendenti in smartworking senza necessità di un accordo individuale, come sarebbe invece normalmente previsto per legge: è stato, cioè, introdotto losmartworking ‘semplificato’.

Sia il Decreto Legge Cura Italia che il Decreto Legge Rilancio hanno poi ampliato la platea di chi può vantare un diritto o una priorità nell’accesso al lavoro agile durante il periodo di emergenza: oltre alle lavoratrici madri nei tre anni successivi al congedo di maternità e ai lavoratori con figli disabili, hanno oggi una priorità i lavoratori affetti da gravi e comprovate patologie con ridotta capacità lavorativa. Hanno invece un vero e proprio diritto di accedere al lavoro agile i lavoratori con grave disabilità e quelli immunodepressi (o con familiari in queste situazioni), e i dipendenti con figli minori di 14 anni, a condizione che l’altro genitore non sia in cassa integrazione o inoccupato.

Mai come prima d’ora è, quindi, importante il riconoscimento del ‘diritto alla disconnessione’, ossia il diritto del ‘lavoratore agile’ di non essere contattato o comunque di non rispondere a sollecitazioni lavorative (e-mail, telefonate, web conference ecc.) durante determinati periodi della giornata, o per un certo lasso temporale quotidiano, settimanale e mensile, senza che da ciò possano discendere conseguenze negative per la sua situazione lavorativa, in termini salariali o di prosecuzione del contratto di lavoro.

Di disconnessione parlava già la legge che ha istituito lo smartworking, secondo la quale l’accordo individuale su cui si basa il lavoro agile deve individuare “i tempi di riposo del lavoratore nonché le misure tecniche e organizzative necessarie per assicurare la disconnessione del lavoratore dalle strumentazioni tecnologiche del lavoro”.

Si tratta, però, di una norma che presenta una serie di criticità. Innanzitutto, essa delega alla contrattazione individuale anziché a quella collettiva compiti molto delicati, quali la limitazione dei poteri del datore di lavoro e la garanzia di un diritto individuale delprestatore di lavoro, che è parte debole del rapporto di lavoro. In secondo luogo, essa sembra anche incompleta, perché non attribuisce al lavoratore il diritto alla disconnessione, limitandosi a prevedere che ciòpossa fare l’accordo individuale. Di conseguenza, la norma sembra anche imperfetta, perché priva disanzione, nulla essendo previsto per il caso in cui l’accordo individuale non disciplini il diritto alladisconnessione.

Tuttavia – e questo è fondamentale per la tutela dei lavoratori – si potrebbe benissimo ipotizzare, anche in mancanza di specifico accordo tra datore di lavoro e lavoratore, che quest’ultimo possa disconnettersi dai dispositivi informatico-digitali che lo collegano all’azienda nei periodi di pausa e riposo stabiliti dalla legge o dalla contrattazione collettiva, e che, in un eventuale giudizio, egli possa invocare il diritto alla disconnessione, a prescindere da una sua regolamentazione contrattuale.

Per affermare il diritto alla disconnessione informatico-digitale dei lavoratori, infatti,non è necessaria una norma ad hoc, in quanto tale diritto si basa sul principio fondamentale diseparazione tra la sfera professionale e personale, che trova la propria fonte nelle norme cardine del nostrosistema giuridico, volte a tutelare la salute e a promuovere losviluppo integrale della persona. Basti pensare all’articolo 36 dellaCostituzione, secondo il quale “la durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge. Il lavoratore hadiritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi”; oppure, nel Codice Civile, agli articoli 2107 (“La duratagiornaliera e settimanale della prestazione di lavoro non può superare i limiti stabiliti dalle leggi speciali”) e 2109 (“Il prestatore di lavoro ha diritto ad un giorno di riposo ogni settimana, di regola in coincidenza con la domenica”).

In sostanza, quindi, il diritto alla disconnessione informatico-digitaledei lavoratori agili già esisterebbe, essendo una conseguenza delle norme che limitano il tempo dilavoro, e la violazione dei tempi di riposo potrebbe addiritturaconfigurare una violazione dell’articolo 2087 del Codice Civile – secondo il quale il datore di lavoro deve adottare tutte le misure necessarie per tutelare l’integrità fisica e la personalità morale del lavoratore – con conseguente diritto al risarcimento del danno nonpatrimoniale subito dal lavoratore per la lesione dell’integrità psicofisica.

Quanto detto va, però, adattato alla particolare struttura giuridica del lavoro agile, al fine di coglierne appieno la valenza. Va infatti considerato che i lavoratori agili sonodestinatari di una specifica disciplina del tempo di lavoro, in base alla quale la prestazione è resa “senzaprecisi vincoli di orario” ed “entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivantidalla legge e dalla contrattazione collettiva”. Questo altro non significa se non che i lavoratori agili sono sottratti a una precisacollocazione temporale della prestazione di lavoro, avendo il dirittodi svolgerla quando meglio ritengono.Ne discende un’importante particolarità dei lavoratori agili anche con riferimento al “diritto didisconnessione”: la libertà dicollocazione del tempo di lavoro, di cui essi godono, rende necessario individuare delle “zonefranche” in cui la prestazione non può essere richiesta, ovvero, se richiesta, non è immediatamenteesigibile; individuare, cioè, delle fasce temporali in cui il lavoratore non possa essere contattato o, se contattato, possa anche non rispondere.

Questo compito è rimesso dalla legge all’autonomia individuale, ma ciò non esclude che intervenga la contrattazione collettiva, come del resto è già successo in passato, basti pensare all’accordo siglato dall’Intesa San Paolo nel 2014, all’accordo Barilla e a quelloZurichdel 2015, all’accordo Axaea quello Vodafone del 2016, nonché agli accordi Siemens, Monte dei Paschi di Siena ed Enel del 2017.

Il diritto alla disconnessione è poi fondamentale sotto il profilo della tutela della privacy del lavoratore. Secondo il Garante della privacy italiano “Il ricorso alle tecnologie non può rappresentare l’occasione per il monitoraggio sistematico del lavoratore. Deve avvenire nel rispetto delle garanzie sancite dallo Statuto a tutela dell’autodeterminazione del lavoratore..Non sarebbe legittimo fornire per lo smartworking un computer dotato di funzionalità che consentono al datore di lavoro di esercitare un monitoraggio sistematico e pervasivo dell’attività compiuta dal dipendente tramite questo dispositivo”.

In conclusione, in attesa di una direttiva comunitaria ad hoc (al momento allo studio del Parlamento europeo) che assicuri standard di protezione comuni a tutti i lavoratori che utilizzano strumenti digitali, il ‘lavoratore agile’ o ‘smartworker’, che dir si voglia, che voglia fare valere in Italia il suo diritto a non essere sempre reperibile, può senz’altro appellarsi alle citate norme che delimitano i tempi di lavoro (art.36 della Costituzione, e articoli 2107 e 2109 del Codice Civile) e, soprattutto, alla norma (articolo 2087 del Codice Civile) che tutela l’integrità fisica e la personalità morale del lavoratore, potendo quindi chiedere al datore di lavoro anche il risarcimento del danno non patrimoniale subito.

Avv. Camilla Alabiso

MULTE ANCHE DAI NETTURBINI, AUTOVELOX ANCHE NELLE STRADE DEL CENTRO E LE ALTRE MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA INTRODOTTE DAL DECRETO SEMPLIFICAZIONI

Il 14 settembre 2020 è stata pubblicata la legge di conversione del cd. “Decreto semplificazioni”, che ha introdotto alcune rilevanti modificazioni al Codice della Strada. Una prima novità di grande impatto è l’estensione del potere di accertamento delle violazioni, ad opera del Sindaco, ai seguenti soggetti:

– dipendenti comunali o delle società che gestiscono la sosta a pagamento o i parcheggi, per le violazioni in materia di sosta;

– dipendenti comunali o delle aziende municipalizzate o delle imprese che si occupano di raccolta dei rifiuti urbani e pulizia delle strade, per le violazioni in materia di sosta connesse all’espletamento di tali attività;

– personale ispettivo delle aziende di trasporto pubblico per le violazioni in materia di circolazione, fermata e sosta sulle corsie e strade ove transitano i veicoli adibiti al servizio di linea.

Tali soggetti possono fare multe anche nelle aree limitrofe a quelle oggetto dell’affidamento o di gestione dell’attività di loro competenza purché siano aree funzionali alla gestione degli spazi per la raccolta dei rifiuti urbani ovvero alla fruizione delle corsie o delle strade riservate al servizio di linea. Per quanto riguarda il personale dipendente di società di gestione dei parcheggi, tale possibilità è limitata a quelle aree che costituiscono lo spazio minimo indispensabile per compiere le manovre necessarie a garantire la concreta fruizione dello spazio di sosta regolamentata o del parcheggio oggetto dell’affidamento.

Il personale in questione è individuato nominativamente dal Sindaco, non deve avere precedenti penali, deve seguire un apposito corso di formazione e, durante l’espletamento delle suddette mansioni, riveste la qualifica di pubblico ufficiale. Ad esso è conferito il potere di contestazione, redazione e sottoscrizione dei verbali, nonché di rimozione dei veicoli; la prosecuzione dell’attività sanzionatoria resta di competenza della Polizia Municipale.

Altra importante novità riguarda gli autovelox: in precedenza, oltre che su autostrade e strade extraurbane, questi apparecchi potevano essere installati, a livello urbano, solo sulle strade di scorrimento, previa individuazione del Prefetto; con la conversione del decreto semplificazioni, invece, i Comuni li potranno installare su tutte le proprie strade, anche quelle di quartiere e locali, individuate sempre tramite decreto del Prefetto, tenendo conto delle zone e delle fasce orarie in cui si concentrano gli incidenti, nonché delle condizioni strutturali e di traffico per le quali non è possibile il fermo di un veicolo senza recare pregiudizio alla sicurezza della circolazione, alla fluidità del traffico o all’incolumità degli agenti operanti e dei soggetti controllati.

Da menzionare, poi, il cd.“pacchetto ciclisti”, il quale prevede fondamentalmente due novità:  innanzitutto, l’introduzione della “strada urbana ciclabile”, ossia una strada urbana appositamente individuata ad unica carreggiata, con banchine pavimentate e marciapiedi, con limite di velocità non superiore a 30 km/h, definita da apposita segnaletica verticale ed orizzontale, con priorità per le biciclette; in secondo luogo, il “doppio senso ciclabile” su strade cittadine ove il limite massimo di velocità sia inferiore o uguale a 30 km/h: in tali strade i ciclisti potranno circolare anche in senso opposto all’unico senso di marcia prescritto per tutti gli altri veicoli, lungo la corsia ciclabile presente sulla strada stessa.

Altra importante novità è la possibilità per i Comuni di creare le cd. “zone scolastiche”, ossia zone urbane in prossimità delle quali si trovano edifici adibiti ad uso scolastico, in cui è garantita una particolare protezione dei pedoni e dell’ambiente, ad esempio vietando o riducendo fortemente l’entrata e l’uscita di moto e automobili e limitando l’ingresso ad autobus, tram, scuolabus, automobili e motorini degli alunni muniti di contrassegno, nonché veicoli con a bordo persone disabili.

La violazione di queste limitazioni comporta una multa da €.160,00 a €.679,00 e, in caso di recidiva, la sospensione della patente fino a trenta giorni.

Ancora, aumentano le violazioni per cui è ammessa la contestazione a distanza, tramite appositi dispositivi di controllo. Sinora tale facoltà era concessa solo per il superamento dei limiti di velocità, il passaggio con il semaforo rosso, i sorpassi azzardati; adesso, invece, i dispositivi di controllo a distanza potranno essere utilizzati anche per la rilevazione degli accessi di veicoli non autorizzati ai centri storici, alle zone a traffico limitato, alle aree pedonali, alle piazzole di carico e scarico di merci, alla circolazione sulle corsie e sulle strade riservate o con accesso o transito vietato, nonché al controllo della durata di permanenza di tali veicoli all’interno delle medesime zone.

Altra novità introdotta è il cd. permesso unico disabili: mentre, ad oggi, il permesso di circolazione per accedere nelle zone a traffico limitato (Ztl) per i veicoli delle persone con disabilità è valido solo nel Comune in cui è stato richiesto, e per poter accedere alle Ztl in altri Comuni è necessario effettuare di volta in volta una nuova pratica, col decreto semplificazioni il permesso di circolazione sarà unico. Questo grazie ad una piattaforma informatica unica, presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che consentirà di verificare le targhe associate ai permessi di circolazione dei titolari di contrassegni.

Infine, è prevista la proroga della revisione dei veicoli: se l’accertamento dei requisiti di idoneità è fissato entro il 30 settembre, il veicolo può circolare fino al 31 dicembre 2020 senza rischiare la multa; invece le revisioni che scadono dal 1° ottobre al 31 dicembre sono prorogate fino al 28 febbraio 2021.

Alcune osservazioni a margine del provvedimento esaminato.

Innanzitutto, come rilevato da diverse associazioni di utenti, difficilmente le novità introdotte sembrano delle “semplificazioni”, quantomeno per i cittadini; per cui, una volta che le stesse entreranno a regime (con l’approvazione del regolamento attuativo, prevista entro il 13 novembre 2020) con ogni probabilità, vi sarà un notevole aumento di ricorsi.

Infine, dal punto di vista della tecnica legislativa, sono da condividere le osservazioni del Capo dello Stato secondo il quale le modifiche al Codice della Strada “non risultano riconducibili alle finalità” del decreto spiegate nel preambolo, cioè “agevolare gli investimenti e la realizzazione delle infrastrutture attraverso una serie di semplificazioni procedurali”: il richiamo è, in particolare, al requisito dell’omogeneità del provvedimento, al cui rispetto più volte ha fatto appello  la Corte Costituzionale.

Nel frattempo, una riforma organica del Codice della Strada, dopo aver fatto capolino alla Camera, è tornata all’esame della Commissione Trasporti, per cui si prevedono ulteriori modifiche al testo normativo. 

avv. Camilla Alabiso

Rubrica “I nostri diritti” – MANCATO PAGAMENTO STIPENDIO: COSA FARE?

Il mancato pagamento dello stipendio da parte del datore di lavoro è uno dei motivi che consentono al lavoratore di dimettersi per giusta causa, senza, quindi, dover dare il preavviso previsto dal contratto.

Tuttavia, per aversi “giusta causa” di dimissioni, non è sufficiente che non sia stata pagata una sola mensilità, ma, come sostenuto dalla giurisprudenza, è necessario che il mancato pagamento sia reiterato, cioè ripetuto nel tempo.

Il lavoratore che si dimette per giusta causa è equiparato sul piano giuridico a quello licenziato, quindi gli spettano le indennità che la legge o il contratto di lavoro riservano a quest’ultimo: l’indennità sostitutiva del preavviso da parte del datore di lavoro e l’indennità mensile di disoccupazione da parte dell’Inps (la cd. NASpI: Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego).

La domanda per la NASpI deve essere presentata telematicamente all’Inps nella sezione dedicata del relativo sito, ad essa va allegata la documentazione da cui risulti quantomeno la volontà del lavoratore di difendersi in giudizio nei confronti del datore di lavoro (ad esempio diffide o ricorsi per decreti ingiuntivi: vedi infra); il lavoratore, inoltre, si deve impegnare a comunicare all’Inps l’esito della controversia, perché, se dovesse risultare che non sussiste giusta causa di dimissioni, l’Inps dovrà procedere al recupero di quanto pagato a titolo di indennità di disoccupazione.

Ma quali sono gli strumenti che il lavoratore ha per tutelarsi nei confronti del datore di lavoro e provare a recuperare gli stipendi non pagati?

Un primo passo da fare è senz’altro il sollecito di pagamento. Si tratta di inviare al datore di lavoro, con raccomandata con avviso di ricevimento o pec, una lettera di diffida e messa in mora, con la quale gli si ordina di pagare le somme dovute entro un termine adeguato e lo si avverte che, in caso di mancato rispetto del termine, il contratto di lavoro sarà sciolto; con questa, che si chiama “intimazione ad adempiere”, si ottiene un ulteriore ed importante effetto, ossia “mettere in mora” il datore di lavoro che, così, oltre agli stipendi arretrati, dovrà pagare anche gli interessi.

In seconda battuta, in caso di mancata o inadeguata risposta del datore di lavoro, è il caso di passare alle vie giudiziali e chiedere al Tribunale un decreto ingiuntivo, ossia un provvedimento con cui il Giudice ordina al datore di lavoro di pagare le somme dovute entro quaranta giorni. In questo termine il datore di lavoro può anche opporsi al decreto dimostrando che la richiesta del lavoratore è infondata. Se non si oppone o se si accerta che l’opposizione è infondata, il decreto diventa esecutivo, il che significa che sulla base di esso si può procedere al pignoramento di eventuali beni del datore di lavoro. E’ bene precisare che in materia di lavoro i tempi sono spesso più brevi perché solitamente il decreto ingiuntivo viene chiesto sulla base delle buste paga che, in quanto documentazione sottoscritta dal debitore che prova il diritto fatto valere, consentono di ottenere immediatamente la provvisoria esecutività del decreto, senza dover aspettare i canonici quaranta giorni dalla notifica.

E se il datore di lavoro non ha consegnato le buste paga?

In questo caso, poiché tale consegna è un obbligo che la legge pone a carico del datore di lavoro, prevedendo anche delle sanzioni pecuniarie in caso di inosservanza, il lavoratore può fare valere il suo diritto chiedendo al Giudice, sulla base della lettera di assunzione o delle precedenti buste paga, un decreto ingiuntivo con cui ordini al datore di lavoro di consegnare le buste paga mancanti.

Ma cosa fare se, una volta ottenuto un decreto ingiuntivo esecutivo (o altro titolo esecutivo), il lavoratore non riesce a recuperare il suo credito perché il datore di lavoro non possiede beni o comunque non ne possiede abbastanza?

Nel nostro ordinamento è previsto il Fondo di Garanzia dell’Inps che assicura, a determinate condizioni, il pagamento del TFR (Trattamento di Fine Rapporto) e delle ultime tre mensilità.Al Fondo si può accedere sia che il datore di lavoro sia stato dichiarato fallito, o comunque assoggettato ad altra procedura concorsuale, sia in caso contrario.

Nel primo caso, è necessario che il lavoratore abbia presentato, tramite un avvocato, istanza di ammissione al passivo della procedura. Ovviamente, può essere lo stesso lavoratore a presentare istanza di fallimento del datore di lavoro, a patto che le somme dovute da quest’ultimo superino i 30.000,00 euro.

Nel caso, invece, di datore di lavoro non soggetto a procedure concorsuali, il lavoratore, per accedere al Fondo, dovrà dimostrare l’insufficienza delle garanzie patrimoniali del datore di lavoro a seguito dell’esecuzione forzata; egli, cioè, dovrà provare di aver tentato di realizzare il proprio credito in modo serio e adeguato ricercando, con la normale diligenza, i beni del datore di lavoro nei luoghi a lui ricollegabili. A tal fine, il lavoratore potrà allegare alla domanda di accesso al Fondo, ad esempio, il verbale di pignoramento mobiliare negativo, oppure potrà dimostrare l’impossibilità o l’inutilità del pignoramento immobiliare, allegando una dichiarazione sostitutiva di atto notorio dalla quale si evince che il datore di lavoro non risulta proprietario di beni immobili nei luoghi di nascita e di residenza o che è titolare di beni immobili già ipotecati per importi superiori al valore dei beni stessi.

La domanda al Fondo può essere presentata: online, nella sezione dedicata del sito Inps; telefonicamente al Contact Center, oppure tramite gli enti di patronato.

avv. Camilla Alabiso

Rubrica “I Nostri Diritti” – RESPONSABILITA’ MEDICA E POSSIBILI TUTELE PER I PAZIENTI AI TEMPI DEL COVID – 19

0

La pandemia in corso rende ancora una volta attuale il tema della responsabilità medica.

In sede di approvazione del cd. Decreto Cura Italia, si era discussa la possibilità di depenalizzare la responsabilità dei sanitari che avessero prestato la propria attività nel contesto emergenziale. Questo anche alla luce delle iniziative speculative di alcuni studi legali che, in piena emergenza, hanno pubblicizzato servizi di assistenza a tutela dei familiari di vittime da Covid –19.

Gli emendamenti non sono mai stati approvati ed è quindi alla luce della normativa vigente che bisogna tracciare i confini oltre i quali la pandemia, integrando una causa di forza maggiore o di necessità, esclude laresponsabilità del medico, o rende inesigibile un corretto adempimento da parte della struttura sanitaria.Ciò si rende necessario, da un lato, per impedire che abbiano il sopravvento tendenze dirette a placare l’ansia con la ricerca di capri espiatori e, dall’altro che gli operatori sanitari, preoccupati per la propria incolumità giudiziaria, adottino atteggiamenti auto-cautelativi improntati a una sorta di “medicina difensiva dell’emergenza” (non si interviene più perché non si ha esperienza e competenza specifica o non si tentano cure non del tutto validate).

In generale, nel nostro ordinamento la responsabilità medica corre su un duplice binario: responsabilitàextracontrattuale del singolo medico, responsabilità contrattuale, della struttura sanitaria, la quale, poi, potrà esperire un’azione di rivalsa nei confronti del medico che abbia tenuto una condotta dolosa o gravemente colposa.

Si tratta di un regime contrattuale caratterizzato da un evidentefavor del legislatore a beneficio del medico, anche dal punto di vista del risarcimento del danno, per la cui determinazione, il giudice deve eccezionalmente “tenere conto” del rispetto, da parte del medico, delleraccomandazioni di cui alle linee guida pubblicate dalla comunità scientifica, ovvero, in mancanza, delle buonepratiche clinico assistenziali.

Dal punto di vista penale, poi, è esclusa la punibilità del sanitario per i reati di omicidio

colposo e lesioni personali colpose se l’evento è stato causato da imperizia e l’esercente si era uniformato alle suddette indicazioni.

Responsabilità del singolo sanitario:

Le ipotesi di responsabilità (extracontrattuale) addebitabili, nel contesto emergenziale, al singolo medico sonoessenzialmente riconducibili al momento della diagnosi, da un lato, e a quello successivo della somministrazionedelle cure, dall’altro.

Rientra nel primo caso, ad esempio, una erronea, ovvero ritardata, diagnosi, che abbia aggravato la patologia.

Nel secondo caso rientrano, invece, quelle ipotesi di negligente (inerte, trascurata), imperita (inesperta), o imprudente esecuzione del trattamentoterapeutico, che abbiano causato un danno alla salute del paziente; nonché il caso in cui, inconseguenza della mancata adozione delle cautele imposte dalle regole tipiche dell’attività esercitata, un paziente, affetto da diversa patologia,contragga il Covid 19 in ambiente ospedaliero.

Tanto premesso, bisogna chiedersi quale sia la condotta concretamente esigibile dal medico in un contestocaratterizzato dalla novità di una patologia mai studiata scientificamente e contraddistinta dall’elevata contagiosità;contesto peraltro aggravato da una massiccia e generalizzata carenza organizzativa, tanto con riferimento alladisponibilità di terapie idonee a contrastare il virus, quanto con riguardo alla scarsezza di strumentazione, dispositividi protezione individuale, nonché (e soprattutto) di posti letto in terapia intensiva e adeguato (in numero e specializzazione) personale sanitario.

Sembra senz’altro applicabile al caso di specie l’art.2236 c.c., il quale, in materia di responsabilità del prestatore d’opera, prevede che, se la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, egli non risponde, se non in caso di dolo o colpa grave. La giurisprudenza ha circoscritto l’ambito applicativo della norma ai soli casidi imperizia derivante dalla insufficiente preparazione del sanitario a risolvere problemi di eccezionale difficoltà,escludendone l’operatività rispetto ai danni causati per negligenza (ossia noncuranza, difetto di attenzione) e imprudenza (ossia precipitazione, avventatezza, insufficiente ponderazione).

Orbene, il Coronavirus, quale pandemia globale mai studiata dalla comunità scientifica edilagata in Italia prima che nel resto d’Europa, integra senz’altro il caso eccezionale di cui all’art. 2236 c.c. Talenorma potrà trovare applicazione, dunque, nel caso in cui la terapia prescelta non abbia portato alla guarigione(proprio per l’assenza di linee guida o buone pratiche), ma anche per giustificare l’imperizia dei medici nonspecializzati (o in possesso di specializzazioni non afferenti alla infettivologia) i quali, assunti per sopperire allecarenze di organico nel contesto emergenziale, abbiano ignorato (non per loro colpa) le legesartis del caso di specie (ossia le regole di protocollo accettate e condivise dalla migliore scienza medica).

In conclusione, quindi, il medico potrà andare esente da responsabilità soltanto nel caso in cui la sua condotta imperita sia giustificata dalla assenza di linee guida/buone pratiche in grado di orientare la condotta terapeutica; non, invece, laddove, nonostante il contesto emergenziale, egli abbia causato un danno per inosservanzadelle legesartis note, ovvero abbia tenuto una condotta negligente o imprudente.

Tanto premesso in linea generale, è necessario distinguere tra le diverse ipotesi configurabili nelcaso concreto. Nonvi sono dubbi circa la possibilità di impiegare l’art. 2236 c.c. per giustificare il pregiudizio (morte, lesione personaletemporanea o permanente) che il paziente infetto abbia riportato in conseguenza di un trattamento sanitariorivelatosi incongruo. In assenza di univoche indicazioni da parte della comunità scientifica, e in un contestoglobalmente eccezionale, l’imperizia del medico rinviene la propria giustificazione proprio nell’art. 2236 c.c., ferme per il resto l’osservanza delle ordinarie diligenza e prudenza nell’esecuzione dei trattamenti.

Lo stesso non sembra potersi dire per i casi di tardiva diagnosi. Inpresenza di una sintomatologia chiaramente riconducibile al virus in questione, sotto tale aspetto già noto allacomunità scientifica, non pare possibile escludere a priori una grossolana imperizia da parte del sanitario. Così,ad esempio, nell’ipotesi in cui un paziente affetto da crisi respiratoria tipicamente associata al Covid 19 sia sottoposto alle cureper una polmonite ordinaria, non potrebbe escludersi la responsabilità del sanitario in via automatica, soltanto inragione del complessivo contesto emergenziale.

In altri casi, invece, la pandemia integra il caso di forza maggiore idonea ad escludere il fatto illecito del medico.

Si pensi, innanzitutto, aldanno derivante dalla somministrazione di un farmaco c.d. off label, ossia il medicinale già registrato,ma utilizzato in modo non conforme a quello previsto. La disciplina in materia prevede la facoltà, per il medico, di impiegare tali medicinalialle seguenti condizioni: (a) il medico stesso ritenga, in base a dati documentabili, che il paziente non possa essereutilmente trattato con medicinali per i quali sia già approvata quella indicazione terapeutica o quella via o modalità disomministrazione; (b) tale impiego sia noto e conforme a lavori apparsi su pubblicazioni scientifiche accreditate in campo internazionale; (c) previa la informazione del paziente e acquisizione del consenso dello stesso; (d) fermarestando la diretta responsabilità del sanitario.

Proprio con riguardo a quest’ultima previsione, pare doversi riconoscere la ricorrenza di una responsabilità per esercizio di attività pericolose ex art. 2050 c.c., connessa allapericolosità derivante dalla somministrazione di farmaci ancora “sperimentali”.

Tale tipo di responsabilità comporta una presunzione di colpevolezza in capo al danneggiante, il quale non è ammesso a provare il contrario, potendo soltanto dimostrare di “aver adottato tutte le misure idonee a evitare il danno”. Ne deriva che, nel caso di pregiudizio derivante dalla somministrazione di un farmaco “fuori etichetta” (ma identicodiscorso vale anche per la terapia sperimentale), a fronte della prova, gravante sul paziente, della sussistenza deldanno, nonché del nesso tra quest’ultimo e la condotta del sanitario, sul medico incombe un onere probatoriorafforzato: per non essere condannato, egli dovrà dimostrare che la peculiarità del caso in esame rendevaopportuna la somministrazione del farmaco contestato stante: (a) l’assenza di indicazioni terapeutiche per trattare ilCoronavirus; (b) l’accreditamento dell’impiego di quel medicinale fuori etichetta da parte di studi scientifici; nonchéin fase esecutiva (c) l’avvenuta attenta sorveglianza in ordine allo svolgimento della cura ed alla sua evoluzione, ades. mediante la puntuale annotazione di reazioni al farmaco non registrate dagli studi esistenti.

Altro caso in cui la forza maggiore è idonea ad escludere la responsabilità del sanitario è quello della lesione del diritto al consenso informato: si pensi ad un paziente affetto dal Coronavirus condotto in viad’emergenza in ospedale ed immediatamente sottoposto a un trattamento, in assenza della preventiva informativada parte del medico.

La lesione del diritto del paziente ad essere sottoposto a trattamenti soltanto previo consenso può pregiudicare altri due diritti: quello alla salute, quando sia provato che il paziente –se informato –avrebbe evitato di sottoporsi all’intervento (o si sarebbe sottoposto a diverso intervento) da cui ha subito conseguenze invalidanti; quello alla  autodeterminazione, laddove, acausa del deficit informativo, al paziente sia residuato un danno (patrimoniale o non patrimoniale) diverso dalla lesione del diritto alla salute.

Sul punto va, tuttavia, precisato che il diritto di autodeterminazione, pur avendo fondamento costituzionale, incontra taluni limiti in situazioni eccezionali: da un lato, l’urgenza dell’intervento sanitario che non renda materialmente possibile chiedere il consenso informato; dall’altro, il pubblico interesse previsto da una apposita disposizione costituzionale (art.32, secondo comma, Cost.) secondo la quale la salute è tutelata non solo come fondamentale diritto dell’individuo, ma anche come interesse della collettività.Ne consegue che in questo caso il sanitario andrà esente da responsabilità qualora il mancato rilascio del consenso informato sia dovuto alla assoluta urgenza del trattamento sanitario; circostanza, quest’ultima, che, soprattutto nei momenti della piena emergenza, ha purtroppo registrato una percentuale rilevante di casi.

Responsabilità della struttura sanitaria:

Cosa diversa è quando il danno sia derivato da una carenzaorganizzativa della struttura sanitaria. Si pensi ai casi di morte di un paziente non ricoverato in terapia intensiva per

insufficienza dei posti letto, ovvero non curato adeguatamente per carenza di personale sanitario (o specializzato), farmaci o strumentazione; oppure alle infezioni nosocomiali, ossia quei casi in cui pazienti ricoverati perpatologie diverse contraggano il Covid 19 in ambiente ospedaliero, a causa di carenze organizzative della struttura.

In questi casi, siamo senz’altro dinanzi ad una responsabilità autonoma della struttura sanitaria, inquanto tale non riferibile ad una condotta colposa del personale medico, bensì ad una colposa carenza organizzativadella struttura stessa.

La struttura sanitaria risponde dei danni subiti dal paziente a seguito di infezioni nosocomiali ed è a carico del danneggiato la prova dell’esistenza del contratto con la struttura e dell’aggravamento dellasituazione patologica, nonché del relativo nesso di causalità con l’azione o l’omissione del personale della struttura,restando a carico di quest’ultima la prova che la prestazione sia stata eseguita in modo diligente nel rispetto deglistandard richiesti dalla disciplina di settore, e che l’evento lesivo sia stato determinato da un accadimento imprevistoed imprevedibile.

Tuttavia, nel caso di specie è ipotizzabile che l’eccezionalità della patologia, e quindi l’assenza di repartispecializzati, da un lato, la limitatezza obiettiva della strumentazione e dei posti letto in terapia intensiva (dovute allelimitazioni finanziarie e quindi non imputabili alla struttura sanitaria), dall’altro, integrino la prova liberatoria idoneaad esentare la struttura sanitaria da ogni addebito per danno derivante da inefficienza organizzativa.

Pare, invece, difficile escluderea priori la responsabilità con riferimento al danno da contagio in ambienteospedaliero. L’addebito sarà pacifico ove risultino una mancata sterilizzazione, o un inadeguato isolamento deireparti Covid.

Conclusioni e possibili tutele per le vittime o i loro familiari.

In conclusione, sembra che il sistema normativo vigente contengagià gli strumentiidonei a modulare la responsabilità dei sanitari in un contesto emergenziale.

Quanto al singolo medico, la pandemia può integrare il caso di forza maggiore(somministrazione di farmaci fuori etichetta, o mancato consenso informato), o rendere laprestazione “di speciale difficoltà” ex art. 2236 c.c., così da escludere in toto la responsabilità del medico.

Quanto alla struttura sanitaria, la responsabilitàdel danno da inefficiente organizzazione potrà essere esclusaadducendo la causa non imputabile (obiettiva limitatezza dei posti letto e strumentazione).

Ovviamente tale conclusione, mentre sembra in grado di tutelare quanti in prima linea hanno prestato la propria attività professionaleper fronteggiare l’emergenza, difficilmente può essere avvertita come equa da parte dei familiari dei pazienti danneggiati dalle inefficienze organizzative dei presidi ospedalieri. Questo anche e soprattutto alla luce del principio costituzionale fondamentale di solidarietà, che, nel caso di specie, intercorrerebbe tra paziente e medico, da un lato, nonché tra questi ultimi e lo Stato, dall’altro, soprattutto in un contesto emergenziale come quello attuale.

Ora, visto che la sussistenza della causa di giustificazione esclude l’illiceità dell’operato dei sanitari e, dunque, il diritto del paziente al risarcimento, una soluzione potrebbe essere quella di riconoscere un equo indennizzo ai soggetti danneggiati dalle carenzedi organizzazione in ambito ospedaliero.

In particolare, con riguardo alla responsabilità della struttura, potrebbe discutersi circa l’applicabilità dell’esimente dello stato di necessità (art. 2045 c.c.), secondo la quale “quando chi ha compiuto il fatto dannoso vi è stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona e il pericolo non è stato da lui volontariamente causato né era altrimenti evitabile, al danneggiato è dovuta un’indennità, la cui misura è rimessa all’equo apprezzamento del giudice”.

I presupposti per l’applicazione dell’esimente alla fattispecie in esame dovrebbero essere rappresentati da:(a) la condotta omissiva del sanitario, consistente nel mancato ricovero in terapia intensiva del paziente affetto daCovid 19 per carenza di posti letto, ovvero mancata somministrazione di farmaci o di dispositivi di protezioneindividuale per esaurimento degli stessi;(b) il danno (aggravamento patologia, ovvero il decesso) che il paziente abbia, in conseguenza, riportato;(c) la scusabilità della omissione, in virtù della “necessità (da parte del sanitario) di salvare sé o altri dal pericoloattuale di un danno grave alla persona”.L’esimente potrebbe trovare applicazione soprattutto laddove un medico,stante la carenza di posti, abbia preferito ad un paziente in uno stato non grave, uno in uno stato più avanzato dellamalattia. In tale circostanza, potrebbe non essere irragionevole ipotizzare che il mancato ricovero (cui, in ipotesi, siaseguito il decesso o un danno biologico in capo al paziente in condizioni inizialmente migliori e non ricoverato interapia intensiva) sia stato giustificato proprio dalla necessità, da parte dei sanitari, di salvare “altri da un pericoloattuale di un danno alla persona” di massima gravità e assolutamente non evitabile;(d) l’inevitabilità del pericolo, consistente nella assoluta imprevedibilità della situazione emergenziale.

Escluso l’atto illecito della struttura sanitaria proprio in ragionedella sussistenza dello stato di necessità, i pazienti (o i loro eredi) potranno beneficiare di un indennizzo, da quantificarsi sulla base di dati oggettivi, quali l’età deldanneggiato e la tipologia di danno (invalidità, ovvero decesso), e che parrebbe opportuno fosse finanziato da appositi fondi statali.

Avv. Camilla Alabiso

La Federazione Italiana Vela della Sicilia premia i migliori atleti della Società Canottieri Marsala

0

Nel corso della 76^ Assemblea dei circoli velici della Sicilia, che si è tenuta presso lo Sporting Village di Palermo, sono stati premiati i migliori atleti che si sono distinti nel corso delle competizioni riferite alla stagione agonistica 2019.

Dopo il fermo totale di tutte le attività veliche a causa del Coronavirus, questa è stata la prima occasione ufficiale per dare il via libera alla ripresa degli sport velici, in una manifestazione conviviale alla presenza di atleti, dirigenti sportivi, rappresentanti dei circoli velici e genitori.

La Società Canottieri Marsala, diretta da Tommaso Angileri, ha portato a casa grandi soddisfazioni in campo Optimist e Laser, con la premiazione degli atleti che si sono distinti per i loro meriti sportivi durante la stagione agonistica 2019. In particolare, sono stati premiati: Lorenzo Caputo, vincitore del Campionato zonale nella Classe Laser 4.7; Giulia Schio, prima femminile e seconda assoluta nel Campionato Zonale della Classe Laser Radial; Silvia Adorni ha primeggiato nella Classe Optimist ed è stata premiata insieme a Michele Adorni e Pietro Incarbona per la vittoria della regata internazionale “I Giochi delle Isole”; l’optimista Giulio Genna è stato premiato per il terzo posto assoluto guadagnato nella categoria Juniores della Coppa Sicilia Optimist e della Coppa AICO della VII Zona; premiato anche Mario Noto, direttore sportivo della Canottieri, per i suoi successi nel mondo della vela. Infine, la Società Canottieri Marsala si è classificata al terzo posto tra i Circoli siciliani grazie alle sue attività volte alla promozione della vela giovanile.

La Società Canottieri tornerà ad essere protagonista della nuova stagione velica 2020 con l’organizzazione della seconda prova del Campionato Zonale riservato alla Classe Laser, che si terrà a Marsala il 3,4 e 5 luglio.

RUBRICA “I NOSTRI DIRITTI” – Voli cancellati causa Covid-19: disciplina attuale e tutele per i passeggeri

A causa delle misure di contenimento adottate dalle autorità per fronteggiare la pandemia in corso, e, in particolare, a causa delle restrizioni alla libertà di circolazione, il settore dei trasporti è, verosimilmente,uno tra quelli più gravemente colpiti.

Con particolare riguardo al trasporto aereo, numerosissimi sono i voli che continuano ad essere cancellati. Se tale cancellazione è dovuta allo stato di emergenza epidemiologica,le compagnie possono porvi rimedio con la semplice corresponsione al passeggero di un voucher dello stessoimporto del biglietto, valido per un annodall’emissione. Questo è quanto prevede la normativa emergenziale (art.88 bis decreto legge 17 marzo 2020 n.18 coordinato con la legge di conversione 24 aprile 2020, n.27) la quale specifica che, in questo modo, le compagnieassolvono eventuali obblighi di rimborso, senza che sia necessariaalcuna forma diaccettazione da parte del destinatario.

Tali disposizioni sono espressamente qualificate dal legislatore “norme di applicazione necessaria”, ossia norme il cui rispetto è ritenuto cruciale da un determinato Stato per la salvaguardia dei suoi interessi pubblici, tanto che, nei casi in cui esse confliggano con altre norme di diritto internazionale o comunitario, lo Stato ne impone comunque l’applicazione.

Ed in effetti la cancellazione di voli aerei trova una diversa disciplina nella normativa comunitaria ed in particolare nel Regolamento CE n.261/2004, il quale prevede:

1) il diritto di scelta tra:

a) il rimborso del prezzo pieno delbiglietto;

b) l’imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale,in condizioni di trasporto comparabili, non appena possibile; 

c) l’imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale,in condizioni di trasporto comparabili, ad una data successiva di gradimento del passeggero, a seconda delle disponibilità di posti;

2) l’assistenza da parte della compagnia aerea, che, a seconda dei casi, si concretizza nella messa a disposizione di pasti, bevande, telefonate gratuite, sistemazione in albero e relativo trasporto;

3) in determinati casi, compensazione pecuniaria, sempre che la compagnia non dimostri che la cancellazione del volo è dovuta a circostanze eccezionali che non si sarebbero comunque potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso;

4) informativa sulla cancellazione del volo e su tutte le eventuali alternative di trasporto possibili.

La normativa comunitaria, quindi, prevede una tutela del passeggero sicuramente più articolata rispetto al semplice voucher contemplato dalla normativa nazionale.

A fronte di tale contrasto, già a fine maggio la Commissione Europea ha inviato delle lettere d’avvertimento a tredici Paesi membri, tra cui l’Italia, affinché prendessero delle misure per fare rispettare i diritti dei passeggeri previsti dalla normativa comunitaria, pena l’avvio di vere e proprie procedure d’infrazione. In particolare, la Commissioneha sottolineato che, poiché ha dato agli Stati membri flessibilità perché potessero fornire liquidità tramite gli aiuti di Stato alle compagnie aeree o ai tour operator, tali operatoridevono prendersi cura dei consumatori e garantire loro il diritto di scelta tra rimborso e voucher.

Recentemente, poi, è intervenuto anche l’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) che ha richiamatole compagnie aeree al rispetto del Regolamento comunitario di tutela dei passeggeri, ribadendo che in caso di cancellazioni di voli per cause non riconducibili a Covid-19, la normativa prevede il rimborso del biglietto e non l’erogazione di un voucher. L’Ente ha sottolineato che, dato che a partire dal 3 giugno sono state rimosse le restrizioni alla circolazione delle persone fisiche all’interno del territorio nazionale e nell’area europea, le cancellazioni operate da tale data non sembrano possano essere ricondotte, salvo casi specifici, a cause determinate dal Covid-19 (come da normativa nazionale emergenziale), ma a scelte imprenditoriali; pertanto, ferma restando la facoltà per i vettori di cancellare i voli programmati, la normativa applicabile è il suddetto Regolamento Comunitario. L’ENAC, infine, ha avvertito che continuerà a monitorare la situazione, intervenendo con l’eventuale avvio di procedimenti sanzionatori nei confronti delle compagnie aeree in caso di accertata violazione del Regolamento.

In un simile contesto, cosa può fare il passeggero per fare valere i propri diritti?

1) Innanzitutto, presentare un reclamo alla compagnia aereaentro due anni dalla data del volo o dalla data in cui il volo avrebbe dovuto essere effettuato. Nella presentazione del reclamo, il passeggero deve attenersi alle indicazioni fornite dalla compagnia aerea, oppure, in assenza di esse, si può avvalere del modulo predisposto dall’Unione europea e scaricabile dal sito www.europa.eu.

2) In assenza di risposta dalla compagnia aerea entro due mesi o in caso di risposta non soddisfacente, il passeggero può presentare un reclamo all’ autorità nazionale competente a vigilare sull’osservanza del Regolamento (CE) 261/2004, che è l’ENACquando i disservizi si verificanoin partenza da o in arrivo su un aeroporto italiano. L’Ente ha il potere di irrogare sanzioni amministrative nei confronti dei soggetti che, a seguito degli accertamenti, risultino inadempienti. Al termine dell’accertamento, l’ENAC comunica al passeggero, ai fini della trasparenza, l’archiviazione del reclamo o l’avvio del procedimento sanzionatorio. Tuttavia, l’attività dell’Ente non è finalizzata in alcun modo a soddisfare le richieste risarcitorie dei passeggeri, né a fornire assistenza legale o servizi di consulenza.

Il reclamo va presentato esclusivamente online tramite il modulo disponibile all’indirizzo: https://www.enac.gov.it/passeggeri/diritti-dei-passeggeri/modalita-di-reclamo-per-negato-imbarco-cancellazione-ritardo

3) In alternativa, si può cercare di risolvere la controversia per via extragiudiziale con una procedura alternativa per la risoluzione delle controversie, ossia una procedura di origine comunitaria, rapida, semplice ed extragiudiziale che si attiva, su base volontaria, per risolvere le controversie (nazionali o transfrontaliere) relative a contratti di vendita di beni e servizi tra consumatori e imprese residenti nell’Unione Europea.La procedura si svolge dinanzi organismi extragiudiziali neutri (ad es. conciliatori, mediatori, arbitri, difensori civici o uffici reclami) che possono far incontrare le due parti per trovare una soluzione, oppure proporre, o persino imporre, una soluzione. Essi devono rispondere a rigorosi criteri di qualità europei, per garantire una gestione della controversia efficace, equa, indipendente e trasparente. Nella maggior parte dei casi l’assistenza è gratuita o a costi molto contenuti edin genere si riesce ad arrivare a una soluzione entro gg.90.

4) Se, come spesso accade, il biglietto aereo è stato acquistato online, il passeggero può presentare un reclamo dal sito web per la risoluzione online delle controversie, ossia una piattaforma di risoluzione delle controversie online messa a disposizione dalla Commissione europea per rendere gli acquisti online più sicuri e più equi. Tramite la piattaforma, il passeggero può contattare direttamente la compagnia aerea per raggiungere un accordo entro un massimo di gg. 90. In assenza di accordo, il caso sarà archiviato.Se, invece,la compagnia rifiuta categoricamente la richiesta del passeggero, una delle parti decide di non partecipare più alla procedura oppure trascorrono gg.90 senza esito positivo, si può cercare di trovare una soluzione con l’aiuto di un organismo di risoluzione delle controversie che deve essere scelto di comune accordo tra passeggero e compagnia aerea entro gg.30.

5) Ancora, si può presentare una richiesta di risarcimento ai sensi della normativa comunitaria utilizzando il procedimento europeo per le controversie di modesta entità. Per i voli tra i paesi dell’UE è possibile presentare la domanda nel luogo di arrivo o di partenza.

6) Infine, rimane l’alternativa giudiziale, ossia promuovere una causa contro la compagnia aereadinanzi al tribunale del paese in cui la compagnia è registrata.

In conclusione, sembrano essere queste, al momento, le alternative a disposizione dei passeggeri per far valere i propri diritti. Ovviamente, in attesa di un auspicabile adeguamento alla normativa comunitaria, va tenuto presente che continua ad essere vigente la normativa nazionale che, nonostante sembrino ormai spariti i suoi presupposti applicativi, continua a legittimare le compagnie aeree alla sola corresponsione di un voucher.

Avv. Camilla Alabiso

RUBRICA “I NOSTRI DIRITTI” – Covid-19: stop pignoramenti abitazione principale e sfratti

La legge di conversione del cd. Decreto Legge Cura Italia ha introdotto due importanti novità per venire incontro alle difficoltà economiche delle famiglie causate, o comunque aggravate, dall’emergenza Covid -19.

Innanzitutto, ha disposto la sospensione delle procedure esecutive per ilpignoramento dell’abitazione principale del debitoredal 30 aprile 2020 (data di entrata in vigore della legge) fino al 30 ottobre 2020.

Secondo le indicazioni operative fornite con decreto del Tribunale di Marsala (sostanzialmente corrispondenti a quelle adottate presso altri Tribunali): la sospensione opera per legge e non dipende da un provvedimento del giudice che, se del caso, può limitarsi a darne atto; il debitore può presentare apposita istanza di sospensione, ma spetta all’ausiliario del giudice (perito, custode o professionista delegato alla vendita) segnalare che la procedura ha ad oggetto la dimora principale (ossia abituale) del debitore e dei suoi congiunti, a prescindere dalla loro formale residenza anagrafica: si deve trattare, cioè, dell’immobile dove il debitore, ed eventualmente i suoi congiunti, abitano in maniera stabile, effettiva e durevole. A questo punto, il giudice, se ritiene che ci sono i presupposti, da atto che l’esecuzione è soggetta a sospensione e, per la continuazione della procedura,può: o fissare una nuova udienza di comparizione delle parti per una data successiva al 30 ottobre 2020, oppure, se era già in corso attività esecutiva che non necessitava di udienza (ad es. stima immobile, vendita, trasferimento immobile aggiudicato), può stabilire che tale attività riprenda dopo il periodo di sospensione, quindi dal 31 ottobre 2020.

Se, nel frattempo, era stata già disposta la sospensione della procedura esecutiva per altro motivo(ad es. accordo tra le parti su un piano di rientro del debito), essa non si cumula con quella prevista dalla normativa emergenziale; tuttavia, se la sospensione disposta per altra causa viene meno prima del 30 ottobre 2020, fino a questa ultima data opererà la sospensione in commento.

Altra misura anti crisi prevista dalla legge di conversione del cd. Decreto Legge Cura Italia è l’estensione fino all’1 settembre 2020 della sospensione degli sfratti, in precedenza disposta fino al 30 giugno 2020. Si tratta di una iniziativa dalla portata molto ampia, finora mai assunta: la sospensione, infatti, ha ad oggetto l’esecuzione di ogni provvedimento giudiziario che disponga il rilascio di qualsiasi immobile, sia ad uso abitativo che non.

Inoltre, essa trova applicazione, come mai era accaduto nel passato, anche nel caso degli sfratti per morosità.E’ questo un aspetto sicuramente delicato perché, di fatto, in questo modo si pone in capo al proprietario dell’immobile – che ha ottenuto dal giudice il provvedimento di rilascio, ma non lo può mettere in esecuzione- tutto il sacrificio economico derivante dalle difficoltà legate alla situazione di pandemia.

In ogni caso, poiché la sospensione riguarda espressamente “l’esecuzione dei provvedimenti di rilascio”, essa non impedisce al proprietario di immobili locati di promuovere nuove procedure di sfratto, fermo restando che, ovviamente, egli potrà mettere in esecuzione l’eventuale provvedimento giudiziale ottenuto solo dall’1 settembre 2020.

Data l’ampiezza della disposizione, essa si applica anche agli immobili destinati a locazione ad uso foresteria o a locazione turistica. Infine, anche questa sospensione opera in via automatica, senza quindi necessità di apposita istanza da parte dell’inquilino.

Avv. Camilla Alabiso

Responsabilità del datore di lavoro per contagio da Covid-19

“Nella rubrica “I nostri diritti” l’avv. Camilla Alabiso si occupa, in modo semplice e diretto, di questioni di diritto di interesse comune in modo da rendere il più possibile comprensibili i nostri diritti, il cui esercizio, siamo convinti, debba essere alla portata di tutti. Chi vuole, potrà scrivere alla nostra redazione, all’indirizzo redazione@siciliaogginotizie.it, per avere chiarimenti o per segnalare questioni da trattare”

Il “Decreto Cura Italia” stabilisce che: “nei casi accertati di infezione da coronavirus in occasione di lavoro ..l’INAIL assicura.. la tutela dell’infortunato”.

Le prestazioni INAIL vengono erogate anche per il periodo di quarantena del lavoratore e i relativi costi non ricadono sul datore di lavoro in quanto l’infezione da COVID-19 dipende da fattori di rischio che egli non può controllare direttamente e interamente. L’INAIL ha chiarito che in questi casi al lavoratore spetta la tutela perché il coronavirus rientra tra le malattie infettive che da sempre, dal punto di vista assicurativo, sono inquadrate tra gli infortuni sul lavoro, in quanto la causa virulenta è equiparata a quella violenta.

L’Istituto ha ancheintrodotto una cd. “presunzione semplice di origine professionale” sia per gli operatori sanitari, esposti a un elevato rischio di contagio, sia per tutti coloro che sono impegnati in attività lavorative che comportano un costante rapporto con il pubblico (ad es. i lavoratori che operano alla cassa, gli addetti alle vendite etc.).

Ciò ha indotto a pensare che, in sede processuale e in assenza di prove dirette (come documenti o testimoni), per fare valere la responsabilità del datore di lavoro, al lavoratore basterebbe”semplicemente” provare lo stato morboso e di aver svolto mansioni a contatto con il pubblico, non anche di aver preso la malattia durante il lavoro; mentre, il datore di lavoro convenuto in giudizio dovrebbefornire la difficile prova dell’assenza di nesso causale fra le mansioni svolte dal lavoratore e l’avvenuto contagio.

Tale quadro normativo ha suscitato notevoli preoccupazioni fra i datori di lavoro, che, nella delicata fase di ripresa dell’attività, hanno temuto un eccessivo inasprimento di responsabilità a loro carico e, soprattutto, un automatismo nell’accertamento delle stesse; d’altronde, nel frattempo, tra la fine di febbraio e il 15 maggio sono notevolmente aumentate le denunce all’INAIL di contagi COVID di origine professionale (43.399 casi a fronte dei 37.352 rilevati il 4 maggio).

A fronte di tali timori, l’INAIL è intervenuta nuovamente per sottolineare l’indipendenza logico-giuridica del piano assicurativo da quello giudiziario: non possono confondersi i presupposti per l’erogazione di un indennizzo Inail con i presupposti per la responsabilità penale e civile del datore di lavoro, che devono essere accertati con criteri diversi; oltre alla rigorosa prova del nesso di causalità tra fatto e danno, occorre anche quella dell’imputabilità della condotta tenuta dal datore di lavoro,quantomeno a titolo di colpa.Secondo l’Istituto, la responsabilità del datore di lavoro è ipotizzabile solo in caso di violazione della legge o di obblighi derivanti da conoscenze sperimentali o tecniche, che, nell’attuale stato di emergenza epidemiologica da COVID-19,sono raccolte nei protocolli e nelle linee guida governative e regionali. In assenza di una comprovata violazione delle misure di contenimento, sarebbe molto difficile ipotizzare e dimostrare la colpa del datore di lavoro.

Questi chiarimenti dell’INAIL sono stati recepiti dalle Commissioni riunite Finanze e Attività Produttive durante l’esame del Decreto Liquidità ai fini della sua conversione in legge: il 27 maggio, la Camera ha approvato il nuovo testo del decreto con una serie di correzioni, tra cui il nuovo articolo in materia di “Obblighi dei datori di lavoro per la tutela contro il rischio di contagio da COVID-19”.

La norma prevedeche i datori di lavoro, pubblici e privati, adempiono all’obbligo di tutela dei lavoratori, previsto dal nostro codice civile,applicando:innanzitutto il protocollo sottoscritto dal Governo e dalle parti sociali per regolamentare le misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro; poi, iprotocolli che sono stati o saranno adottati dalle Regioni, e infine, nei casi in cuiessi non si possano applicare, i protocolli o gli accordi di settore firmati dalle organizzazioni sindacali e datoriali più rappresentative. Ovviamente, per escludere la responsabilità del datore di lavoro, è necessario che egli mantenga nel tempo le misure previste dai protocolli.

Sembra che il quadro normativo, così modificato, possa garantire un migliore equilibrio tra il diritto ad una adeguata tutela dei lavoratori contagiati da COVID 19 in occasione di lavoro e le ragioni dei datori di lavoro a non vedersi caricati, automaticamente e acriticamente,di responsabilità da contagio, soprattutto se hanno applicato tutte le misure di tutela previste.

Ovviamente, perché tale quadro normativo possa dirsi efficace, occorrerà la conversione in legge del decreto liquidità.

Rubrica “I NOSTRI DIRITTI” -Ordini di protezione contro gli abusi familiari: agevolazioni per la vittima in tempi di Covid-19

Nell’attuale situazione di emergenza, l’isolamento, la convivenza forzata, le restrizioni alla circolazione e l’instabilità socio-economica hanno esposto maggiormente le donne e i loro figli alla violenza domestica e assistita: lo confermano i dati Istat, secondo i quali le richieste telefoniche di aiuto sono aumentate del 73%rispetto all’anno scorso.

In questo contesto, quanto mai opportune appaiono le indicazioni date in materia di ordini di protezione contro gli abusi familiari dalla “Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere”, per rendere il ricorso a questo strumento più agevole e, soprattutto, più sicuro per le vittime di violenza.

Le richieste di ordini di protezione contro gli abusi familiari, dato che riguardano diritti fondamentali della persona, rientrano tra quei procedimenti giudiziari che non si sono mai fermati, nonostante la pandemia. Si tratta di uno strumento di tutela delle donne vittime di violenza e dei loro figli fondamentale in sede civile: il giudice può disporre l’allontanamento dalla casa familiare del coniuge o del convivente che abbia tenuto una “condotta pregiudizievole” (che abbia, cioè, commesso violenza, fisica o morale, nei confronti dell’altro coniuge o convivente, o che ne abbia limitato la libertà); inoltre, il giudice può adottare altre misure, come l’intervento dei servizi sociali, il versamento di somme per il sostentamento del coniuge o dei familiari etc.

Di solito, dopo che la vittima presenta il ricorso per l’adozione dell’ordine di protezione, il giudice emette un decreto di fissazione dell’udienza per la comparizione delle parti, disponendo che ricorso e decreto vengano notificati a cura della parte ricorrente al coniuge/convivente maltrattante; quindi, dopo l’udienza, decide sulla richiesta dell’ordine di protezione.

Tuttavia, nell’attuale situazione di emergenza, caratterizzata da convivenza forzata e maggiore isolamento, la notifica al coniuge o al convivente maltrattante del ricorso con richiesta di un ordine di protezione e del decreto di fissazione dell’udienzapuò facilmente scatenare ulteriori violenze contro la parte richiedente, e questo, ovviamente, scoraggia il ricorso alla giustizia da parte delle vittime di violenza domestica.

Proprio per limitare tali rischi, la citata Commissione parlamentare ha sottolineato come in questo periodo sia preferibile che i giudici adottino gli ordini di protezione con il procedimento previsto dalla legge per i casi di urgenza.

In questi casi, il giudice, dopo aver eventualmente assunto sommarie informazioni (ad es. dai vicini di casa o da familiari che possano riferire sui fatti di violenza, oppure dalla lettura dei verbali di intervento delle Forze dell’Ordine), può adottare immediatamente l’ordine di protezione, fissando l’udienza di comparizione davanti a sé per la conferma, la revoca o la modifica del provvedimento, nel pieno contraddittorio tra le parti, entro un termine non superiore a quindici giorni.

Ciò è molto importante perché si salta il passaggio della notifica del ricorso e del decreto di fissazione dell’udienza e si evita, quindi, che la vittima sia esposta ad ulteriori violenze nel periodo che va da tale notifica alla data di adozione del provvedimento; inoltre, il giudice adotta immediatamente l’ordine di protezione e, solo dopo la sua esecuzione, vittima e maltrattante dovranno comparire in udienza.

In conclusione, questa è senz’altro una procedura più adattaa tutelare le vittime di violenza domestica ed i loro figli in questo periodo di convivenza e isolamento forzati: la speranza è quindi non solo che essa venga maggiormente utilizzata dai giudici, eventualmente “sollecitati” dagli avvocati, ma, soprattutto, che la conoscenza di questo strumento possa essere il più possibile diffusa tra coloro che sono bisognosi di tutela.

Avv. Camilla Alabiso

Rubrica “I Nostri Diritti”: Violazioni delle misure di contenimento Covid-19: sanzioni e ricorsi

I NOSTRI DIRITTI

Visto l’interesse suscitato dagli interventi dell’avv. Camilla Alabiso su questioni di diritto che coinvolgono la generalità dei cittadini, abbiamo deciso di affidarle una rubrica nella quale potrete trovare tutti i suoi contributi.

In essa, l’avv. Alabisosi occuperà, in modo semplice e diretto, dei nostri diritti, il cui esercizio è, spesso, reso difficile dall’astrusità delle leggi che vengono in continuazione emesse. Lo scopo della rubrica sarà proprio quello di rendere il più possibile comprensibili tali diritti, il cui esercizio, siamo convinti, debba essere alla portata di tutti.

Chi lo vuole, potrà scrivere alla nostra redazione, all’indirizzo redazione@siciliaogginotizie.it, per avere chiarimenti o per segnalare questioni da trattare.

VIOLAZIONI DELLE MISURE DI CONTENIMENTO COVID-19: SANZIONI E RICORSI

Le misure di contenimento:

L’attuale emergenza sanitaria ha reso necessariesu tutto il territorio nazionale misure urgenti per contenere e contrastare la diffusione del virus Covid-19:

– limitazioni alla circolazione di persone, tranne che per ragioni di lavoro, di assoluta necessità e di urgenza;

– chiusura o limitazione di attività produttive e commerciali, con alcune eccezioni;

– chiusura o limitazione di spazi pubblici e di attività o luoghi di aggregazione;

– sospensione o limitazione delle attività di trasporto, pubbliche e private;

– ulteriori misure specifiche per il contenimento della diffusione del virus.

Le sanzioni in caso di violazione:

Chi non rispetta queste misure va incontro a sanzioni che inizialmente avevano natura penale ma, adesso, con il decreto legge 25-3-2020 n.19, hanno natura amministrativa pecuniaria, cioè consistono nel pagamento di una multa che può andare da €.400,00 a €.3.000,00.

Se la violazione è commessa con l’utilizzo di un veicolo, la sanzione è aumentata fino ad un terzo, se invece la violazione viene ripetuta, la sanzione è aumentata del doppio.

Ancora, se la violazione riguarda pubblici esercizi (ad es. ristoranti, bar, internet point), attività sportive, ludiche o di intrattenimento, attività di impresa o professionali e commerciali, alla sanzione amministrativa pecuniaria si può aggiungerela chiusura dell’esercizio o dell’attività fino a trenta giorni.

Ovviamente, se il cittadino, mentre viola una delle misure di contenimento, commette un reato, oltre a pagare la sanzione amministrativa, sarà punito anche penalmente.

In particolare, il decreto legge del 25 marzo prevede uno specifico reato per il soggetto positivo al virus Covid-19 e sottoposto alla misura della quarantena: se esso viola il divieto assoluto di allontanarsi da casa, è punito con l’arresto da tre a diciotto mesi e una sanzione pecuniaria da €.500,00 ad €.5.000,00.

Chi accerta le violazioni:

Le violazioni alle misure di contenimento sono accertate dalle forze di Polizia coordinate dalle varie Prefetture. L’agente può immediatamente contestare la violazione con un verbale, oppure notificare quest’ultimo entronovanta giorni.

Pagamento in misura ridotta:

Entro sessanta giorni, si può pagare la sanzione al minimo, cioè €.400,00; se invece si paga entro cinque giorni, si può avere un’ulteriore riduzione del 30%.

E se si ritiene ingiusta la sanzione, come ci si può difendere?:

Entro trenta giorni dal verbale o dalla notifica di esso, l’interessato può presentare ricorso, anche a mezzo p.e.c., alla prefettura territorialmente competente e può anche chiedere di essere sentito.Il prefetto, a questo punto, se ritiene che effettivamente c’è stata la violazione di una misura contenitiva, può determinare, con ordinanza motivata(cd. ordinanza –ingiunzione) la somma dovutaper la violazione e ordinarne il pagamento; in caso contrario, può emettere ordinanza motivata di archiviazionedegli atti.

Nel primo caso, è possibile opporsi all’ordinanza-ingiunzione presentando, entra trenta giorni dalla sua notificazione, ricorso al Giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione.

Violazioni commesse prima del decreto legge del 25 marzo:

Ad esse si applicheranno le “nuove” sanzioni amministrative pecuniariema nella misura minima ridotta alla metà, ossia €.200,00.

Se il procedimento penale relativo a tali violazioni si è già chiuso, si potrà chiedere la revoca della sentenza o del decreto penale di condanna, con conseguente cancellazione della condanna dal casellario giudiziale, ma bisognerà comunque pagare l’eventuale sanzione pecuniaria inflitta e le spese del procedimento.

Avv. Camilla Alabiso

Congedo parentale e Bonus Baby Sitting. Intervista all’avv. Camilla Alabiso

0

Com’è noto, l’epidemia da COVID-19 ha comportato gravi problemi oltre che per le aziende e le attività produttive, anche per le famiglie, stante, ad esempio, la chiusura delle scuole e degli asili. Al riguardo è stato previsto, oltre ad un congedo parentale, anche il “bonus baby sitting”.

Al fine di fare chiarezza sull’argomento, abbiamo intervistato l’avv. Camilla Alabiso: “Il congedo parentale è previsto per un periodo, continuativo o frazionato, di massimo 15 giorni complessivi – ci ha detto Camilla -, a partire dal 5 marzo 2020, per il periodo di chiusura degli asili e delle scuole. Ne può usufruire alternativamente uno solo dei genitori per nucleo familiare per i figli di età non superiore ai 12 anni, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito previsti in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o altro genitore disoccupato o non lavoratore. Il limite dei 12 anni di età non si applica ai figli disabili in situazione di gravità accertata. Durante il congedo è riconosciuta una indennità rapportata alla retribuzione o al reddito, nonché una contribuzione figurativa. Possono usufruire del congedo anche i genitori con figli di età compresa tra i 12 e i 16 anni, ma senza diritto alla corresponsione di alcuna indennità né al riconoscimento della contribuzione figurativa. Del congedo può usufruire anche il genitore adottivo e quello affidatario, nonché colui che abbia in collocamento temporaneo minori”.

Cos’è, invece, il bonus baby sitting?: “Si tratta di un bonus erogato dall’INPS (ma anche da alcune casse previdenziali di professionisti) per l’acquisto di servizi di baby-sitting, in favore di figli di età inferiore a dodici anni, per il periodo di chiusura degli asili e delle scuole e sempreché uno dei genitori non abbia usufruito del congedo parentale. Il bonus viene riconosciuto anche per babysitter con i quali sia già in essere un regolare rapporto di lavoro”.

Chi ne può beneficiare?: “I dipendenti del settore privato, i lavoratori autonomi, i dipendenti del settore sanitario (medici, infermieri, tecnici di laboratorio biomedico, tecnici di radiologia medica, operatori sociosanitari), i lavoratori del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. Il beneficio spetta anche ai genitori affidatari. L’essenziale è che il minore non abbia superato, alla data del 5 marzo 2020,i 12 anni di età, a meno che non si tratti di figli con disabilità in situazione di gravità accertata, per i quali non vale tale limite”.

A quanto ammonta il bonus?: “E’ pari a €.600,00, per una sola volta e a prescindere dal numero dei figli. Per i lavoratori del settore sanitario, invece,è pari a €.1.000,00”.

Come e a chi si presenta la domanda?: “La domanda si presenta all’INPS. Preliminarmente il genitore beneficiario e il/la babysitter si devono registrare al sito INPS che provvederà al rilascio di apposito PIN anche in modalità semplificata (d.l. 8-4-2020 n.23, art.35), ossia interamente in modalità telematica, evitando così di dover attendere, come normalmente accade, che la seconda parte del PIN venga recapitata tramite posta ordinaria. Acquisito tale PIN, il genitore e il/la babysitter devono conseguire la titolarità di un “libretto di famiglia” e, quindi, registrarsi alla sezione “prestazioni occasionali” dello stesso sito INPS. Quindi, il genitore può presentare domanda per il bonus nell’apposita sezione del sito, oppure tramite patronati, o anche telefonicamente (numero verde 803.164 gratuito da rete fissa o numero 06 164.164 da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante)”.

Avv. Alabiso, ha accennato al “libretto di famiglia”, di cosa si tratta?: “Si tratta di un libretto nominativo “virtuale” dove l’INPS, a seguito della comunicazione del genitore di avere usufruito della prestazione di baby sitting, versa, entro il 15 del mese successivo,il compenso corrispondente sotto forma di voucher di €.10,00 cadauno,che possono poi essere riscossi dal baby sitter anche semplicemente con l’indicazione dell’IBAN del proprio conto corrente”.

Funzionamento del Tribunale di Marsala post Coronavirus. La parola ai presidenti della Camera Civile e Penale

0

Al fine di contrastare e di contenere gli effetti dell’emergenza sanitaria, il Governo ha disposto la sospensione dei termini giudiziari e delle udienze, dal 9 marzo al 15 aprile, e ha dato mandato ai capi degli uffici giudiziari di adottare misure organizzative anche per la trattazione degli affari giudiziari. Per quanto riguarda la situazione del Tribunale di Marsala, abbiamo rivolto qualche domanda ai presidenti della Camera Civile e della Camera Penale, che sono le associazioni più rappresentative degli avvocati civilisti e degli avvocati penalisti del Foro di Marsala.

avv. Nino Alabiso

L’avv. Nino Alabiso, in rappresentanza della Camera Civile, ci ha dichiarato: “Anche la Presidente del nostro Tribunale, dott.ssa Alessandra Camassa, ha emesso tre decreti sia per raccomandare e sollecitare magistrati, personale amministrativo ed avvocati ad ottemperare alle misure di prevenzione igienico-sanitaria disposte dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Presidente della Regione Sicilia, sia per organizzare la trattazione degli affari giudiziari in tale periodo. In sintesi, ha disposto: la limitazione dell’accesso del  pubblico agli uffici giudiziari, garantendo comunque l’accesso alle persone che debbano svolgervi attività urgenti; la limitazione dell’orario di apertura al pubblico degli uffici; la regolamentazione dell’accesso ai servizi previa prenotazione, anche telefonica o telematica;  l’adozione di linee guida per la fissazione e la trattazione delle udienze; la celebrazione a porte chiuse delle udienze penali e civili; lo svolgimento delle udienze civili mediante la trattazione scritta e, in via residuale, mediante videocollegamento; il rinvio delle udienze a data successiva al 30 giugno 2020 con le eccezioni previste dalla legge”.

Quali sono queste eccezioni, avv. Alabiso ?: “I procedimenti aventi ad oggetto la tutela dei diritti fondamentali della persona e quelli la cui ritardata trattazione può produrre grave pregiudizio alle parti. Quindi, fra gli altri, i procedimenti per l’adozione di ordini di protezione contro gli abusi familiari; le cause relative agli alimenti e alle obbligazioni alimentari derivanti da rapporti di famiglia, di parentela, di matrimonio o di affinità; i procedimenti per l’adozione dei provvedimenti in materia di tutela, di amministrazione di sostegno, di interdizione, di inabilitazione, nei soli casi in cui viene invocata una motivata situazione di indifferibilità. In tutti questi casi dovrà essere il legale della parte a presentare un’istanza di trattazione urgente e, anzi, la Presidente Camassa ha sollecitato, per il tramite del Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, i singoli avvocati ad evidenziare, con immediatezza, al giudice i casi in cui la ritardata trattazione dei procedimenti già pendenti possa produrre grave pregiudizio alle parti”.

Come si svolgeranno le udienze in videocollegamento ?: Mediante applicazioni individuate dal Ministero della Giustizia, è possibile il videocollegamento fra i difensori ed il Giudice che consente di salvaguardare standard di sicurezza circa l’individuazione dei legali e delle parti, nonchè il contraddittorio e l’effettiva partecipazione di esse nonché quella del pubblico ministero, ove prevista. Questi videocollegamenti consentono, ovviamente, un risparmio di tempo fra tutte le parti coinvolte nelle cause e chissà se essi non diventeranno una modalità d’uso costante per lo svolgimento delle udienze. Infine, i decreti emessi dal Presidente del Tribunale sono consultabili dai cittadini collegandosi al sito web del Tribunale”.

Per quanto riguarda, il settore penale, l’avv. Francesco Mauceri ci ha dichiarato: “La Camera Penale di Marsala valuta come positive le linee guida stilate dal Tribunale tendenti a meglio chiarire lo svolgimento della attività forense nel corso del periodo di sospensione. In seguito ad una fattiva collaborazione con il presidente del Tribunale, si è giunti, concordemente con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, alla firma di un protocollo che prevede la gestione delle udienze da remoto. In forza del detto Protocollo, che avrà valenza limitatamente al periodo emergenziale, le udienze di convalida di arresto di fermo innanzi al GIP e in generale tutte le udienze non soggette a sospensione, si potranno validamente svolgere da postazioni autonome per gli avvocati che saranno in collegamento con gli altri protagonisti del processo tramite una delle piattaforme di conversazione web. Detta misura riveste una particolare utilità nel presente momento in quanto evita l’incontro di più persone nello stesso luogo contribuendo alla separazione sociale per combattere la pandemia in corso. Ci si augura che in tempi brevi lo stato di emergenza cessi e che le normali attività possano riiniziare ad avere il loro corso nel nostro Tribunale”.

Conseguenze giuridiche del Coronavirus sui rapporti giuridici. Intervista a Camilla Alabiso

0

Fra i tanti problemi che l’epidemia da Covid-19 ha comportato, vi sono quelli relativi ai rapporti giuridici che ognuno di noi intrattiene anche se non se ne rende conto. Ci riferiamo ai rapporti locativi ma anche agli acquisti di beni o di servizi.

Al riguardo abbiamo rivolto qualche domanda all’avv. Camilla Alabiso dello Studio Legale Alabiso. Quali sono le conseguenze giuridiche che l’emergenza sanitaria del Coronavirus ha causato? “ L’epidemia, oltre ad avere effetti devastanti da un punto di vista sanitario, sociale ed economico, ha causato gravi difficoltà nell’adempimento delle obbligazioni giuridiche e, in alcuni casi, ha reso impossibile o eccessivamente oneroso il loro adempimento. Il nostro codice civile prevede che se il debitore non esegue esattamente la prestazione dovuta, è tenuto al risarcimento del danno se non prova che l’inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile. Il nostro Governo, a sua volta, ha stabilito con il decreto legge n.18 del 31 gennaio u.s. che il rispetto delle misure previste, dal precedente decreto legge n.6 del 23 febbraio, per il contenimento dell’epidemia (restrizioni alla libertà di circolazione e a quella di iniziativa economica privata), è sempre valutato per escludere la responsabilità del debitore in caso di ritardo o di inadempimento e, quindi, per evitare l’applicazione delle conseguenziali decadenze, delle penali o del risarcimenti danni. Quindi, si può affermare, che decreto legge ha introdotto una presunzione alla quale il debitore inadempiente potrà fare ricorso per giustificare il ritardo o l’inadempimento e, quindi, per evitare le conseguenze giuridiche di essi, ma avverso tale presunzione sarà ammessa prova contraria e, comunque, essa sarà valutata dal Giudice.​ Ovviamente se il rispetto alle misure restrittive decise dal Governo ha comportato solo un’impossibilità temporanea della prestazione, l’esenzione di responsabilità varrà solo per tale periodo e il debitore dovrà eseguire la prestazione residuata almenochè il creditore non vi abbia più interesse o era previsto un termine essenziale: in questi ultimi casi l’obbligazione si estingue. Nei casi in cui -aggiunge l’avv. Alabiso- si tratta di contratti con prestazioni a carico di entrambe le parti, le suddette restrizioni e, quelle, ancora più gravi introdotte con i tre decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8, dell’11 e del 22 marzo, (sospensione di attività commerciali e industriali), possono costituire un’impossibilità sopravvenuta o un’eccessiva onerosità delle prestazioni che comportano varie conseguenze le quali possono comportare la risoluzione del contratto. Più specificatamente, nel caso in cui le restrizioni dal Governo e, comunque, le conseguenze dell’epidemia, comportino una impossibilità, totale e definitiva, della prestazione, i commercianti, le aziende e le industrie, sono liberate dai loro obblighi, senza bisogno di un accertamento giudiziale e, ovviamente, non potranno chiedere le controprestazioni ma, anzi, dovranno restituire quanto nel frattempo ricevuto. In tale ipotesi rientrano i contratti di trasporto e quelli turistici per i quali si possono ottenere il rimborso del prezzo dei biglietti o un voucher di pari importo. Se, invece, l’impossibilità sarà solo parziale, i loro clienti avranno diritto a ridurre proporzionalmente le loro prestazioni o a recedere dal contratto, se non hanno interesse a ricevere la prestazione parziale. Nell’ipotesi in cui le restrizioni legislative e le conseguenze in genere dell’epidemia rendano non impossibili ma eccessivamente onerose le prestazioni dei suddetti operatori economici, come nel caso di contratti di locazione, essi possono chiedere all’Autorità Giudiziaria la risoluzione del contratto che l’altra parte può evitare offrendo di modificare equamente le condizioni del contratto”.

Allora cosa si sente di consigliare in via generale, avv. Alabiso? “ Fermo restando che si deve valutare caso per caso, ritengo, in generale, che sia conveniente raggiungere un accordo e che, comunque, ognuno debba tenere presente​che in un eventuale giudizio il giudice valuterà sempre la buona fede dei contraenti e, nel caso in cui nel contratto non sia stata prevista l’ipotesi, applicherà il principio di equità integrativa secondo il quale le parti sono obbligate non solo a quanto espresso nel contratto, ma anche a tutte le conseguenze che ne derivano secondo la legge o, in mancanza, secondo gli usi e l’equità ”.

Marsala. Largo San Gerolamo, Professionisti in Comune diffida l’Amministrazione

0

L’associazione “Professionisti in Comune” torna ad occuparsi dello stato di degrado in cui verso Largo san Gerolamo, una delle zone archeologiche più importanti della città con i resti dell’antico abitato di Lilibero visibili laddove sorgeva la Chiesa di San Gerolamo.

L’area, oltre ad essere un’importante sito d’interesse storico e turistico, negli ultimi anni si è trasformata in luogo di ritrovo dei giovanissimi. 

Ha però subito contemporaneamente una serie di atti di vandalismo che l’hanno via via deturpata.

I pannelli illustrativi che si trovano nella parte inferiore dell’area sono deteriorati, parte della recinzione superiore è rovinata. Un pannello in vetro è stato sostituito con uno alternativo in legno.  

In un punto, il corrimano è uscito dal proprio asse e molte sfere che delimitano l’area sono state via via staccate.

Nello scorso mese di novembre, l’associazione “Professionisti in Comune” ha sollecitato l’intervento del Comune prima di tutto per la messa in sicurezza dell’area.

Ma ora, a distanza di quasi due mesi, non avendo ancora ottenuto risposta né visto interventi migliorativi sull’area in questione, l’associazione torna a scrivere al Comune.

Con una lettera di diffida inviata via pec all’Amministrazione comunale, alla presidenza del Consiglio comunale e alla Soprintendenza ai Beni Culturali di Trapani, lo scorso 15 gennaio, “Professionisti in Comune” chiede al  Comune di Marsala d’intervenire “entro 5 giorni dal ricevimento della stessa con la messa in sicurezza dell’area al fine di prevenire spiacevoli incidenti”. A rischio infatti c’è l’incolumità pubblica.

Nel caso in cui la richiesta non venga presa in considerazione, “l’associazione – si legge ancora nella diffida– intraprenderà tutte le azioni del caso possibili presso le Autorità competenti”.

Sulla questione, pochi giorni fa avevamo sentito ai nostri microfoni, il Presidente dell’associazione Carlo Iannarino:

Società Canottieri Marsala: il velista Michele Adorni medaglia di bronzo all’Euromed Malta Championship

0

Intanto sono stati premiati alla cerimonia organizzata dal Comune di Marsala Mario Noto, Lorenzo Caputo e Giulia Schio per i meriti sportivi del 2019

La stagione agonistica 2019 si conclude nel migliore dei modi per il settore vela della Società Canottieri Marsala, presieduta da Tommaso Angileri.

Dopo quattro giorni di navigazione intensiva, proprio ieri si è conclusa l’Euromed Malta Championship, che ha decretato l’atleta Miche Adorni terzo assoluto sul podio della classe Optimist. Si tratta di una regata internazionale, che quest’anno celebra 20 anni dalla sua nascita, che ha attirato alcuni dei migliori velisti d’Europa rendendo la competizione di altissimo livello per tutte le categorie in gara. Le flotte Optimist hanno navigato per un totale di sette gare di qualificazione e Michele Adorni, prova dopo prova, si è sempre classificato nelle prime posizioni e, seppur con grande fatica a causa del vento forte che in alcuni casi ha superato i 30 nodi, è riuscito a prevalere sugli avversari in maniera netta.

Intanto, nei giorni scorsi, presso il Comune di Marsala, si è svolta la tradizionale cerimonia di premiazione degli atleti più meritevoli che nel 2019 si sono distinti per le loro vittorie. La Società Canottieri immancabilmente era presente con ben tre targhe riconoscimento: Mario Noto, Direttore Sportivo, è stato premiato per aver vinto, con il suo equipaggio, la regata Palermo Montecarlo, per essersi classificato al terzo posto al Campionato Italiano Platu25 e per la vittoria di classe alla Middle Sea Race. Mentre Lorenzo Caputo e Giulia Schio sono stati premiati per aver vinto il Campionato Zonale riservato alla classe Laser.

Infine, durante la cerimonia organizzata a Marsala dal CONI Provinciale, presso il Complesso Monumentale San Pietro, i fratelli Michele e Silvia Adorni e Alberto Incarbona sono stati premiati per aver vinto i “Giochi delle Isole 2019”, rendendo fieri di loro la Società Canottieri e l’intera comunità marsalese.

RUGBY – I Fenici di Marsala vincono il torneo regionale di Milazzo

0

La squadra dei piccoli atleti della scuola di Rugby “I Fenici” di Marsala si sono distinti durante un torneo regionale che si è svolto a Milazzo nel fine settimana appena trascorso. Si sono dati battaglia sul campo da gioco insieme a tantissime altre squadre provenienti da tutta la Sicilia e nonostante il forte maltempo, gli atleti marsalesi sono riusciti e primeggiare e a divertirsi.

“Il nostro motto è sempre quello di far divertire e far crescere i nostri ragazzi – ci ha detto Marco Quattrociocchi, presidente della scuola di Rugby marsalese -. Questi momenti sono necessari per il loro sviluppo psicomotorio e soprattutto a livello umano. Il nostro motto è fare squadra, condivisione e senso del sacrificio. La società rugby I FENICI – conclude Quattrociocchi – è lieta di accogliere tutti coloro che volessero fare sport perché tutti ne hanno diritto, quello che per noi conta è regalare dei momenti indimenticabili ai nostri atleti”.

MARSALA – Anna Maria Bonafede, presidente Commissione Pari Opportunità: “Gli stereotipi di genere vanno condannati. Chiedo audizione in Consiglio Comunale”

0

Ancora nessun epilogo nella vicenda che vede protagonista la presidentessa della Commissione Pari Opportunità del Comune di Marsala, Anna Maria Bonafede, che pubblicamente aveva espresso solidarietà nei confronti della consigliera Federica Meo. “Gli stereotipi di genere vanno condannati – ci ha detto Anna Maria – e io l’ho fatto esponendomi in prima persona, ma sono stata fraintesa e accusata di avere strumentalizzato un atto accaduto in sede di Consiglio Comunale. Ho chiesto ufficialmente un’audizione, ma non ho ancora ricevuto risposta”.

Come si ricorderà, nella seduta del 9 ottobre, la consigliera Letizia Arcara si era rivolta alla collega Federica Meo, capogruppo del Partito Democratico, dicendo: “Lei pensi alla sua gravidanza, al bambino”. Questa affermazione ha provocato la reazione positiva da parte di molte attiviste nell’ambito della difesa dei diritti delle donne e nello stesso tempo ha generato dure polemiche tra le consigliere, che hanno duramente criticato il gesto della Bonafede che, a loro dire, andava a favore di una consigliera e a discapito delle altre. “Hanno chiesto le mie dimissione in sede di Consiglio Comunale, senza nemmeno prendere in considerazione la mia richiesta di audizione. Io ho semplicemente condannato l’atto in sé – ha replicato la Bonafede -, si tratta di uno stereotipo di genere. I diritti delle donne si portano avanti con la cooperazione ed è importante che questo messaggio venga recepito nel modo giusto da tutta la cittadinanza. Le politiche pubbliche – continua Anna Maria Bonafede – possono concorrere alla definizione e costruzione di identità di genere, che influenzano lo sviluppo della personalità, dei desideri e del carattere di tutti gli individui. Il controllo sociale sul ruolo di genere è legato alla cultura di un popolo”. Anna Maria Bonafede si riferisce anche al fatto che “tutte le attività portate in essere dalla Commissione Pari Opportunità non hanno mai avuto un appoggio concreto dalla maggior parte delle componenti della Commissione stessa”.

Anna Maria Bonafede ha chiesto ufficialmente di essere convocata in uno dei prossimi Consigli Comunali per chiarire la sua posizione in merito a questa vicenda, visto che è stata chiamata in causa, ma ancora non c’è stata alcuna convocazione ufficiale. “Sono convinta – conclude il presidente della Commissione Pari Opportunità – che la tendenza a delegittimare ciò che è femminile, e a porlo in posizione subordinata, non si avvale solo di leggi e di regolamenti scritti ma in modo più sottile, vive e prospera nelle piccole cose quotidiane, nelle parole e nei gesti di condiscendenza, negli atteggiamenti paternalistici, diffusi a ogni livello. Credo nella potenza ed importanza della cooperazione, soprattutto se fatta da donne per le donne. Sono per la politica del fare, del costruire, lascio ad altri le critiche sterili e fine a se stesse”.

Società Canottieri Marsala: Lorenzo Caputo è il nuovo campione regionale di vela, classe Laser 4.7

0

Giulia Schio si conferma prima femminile della classe Laser Radial

Domenica scorsa, nelle acque di Isola delle Femmine, si è svolta la finale del Campionato della Settima Zona FIV per la classe Laser. Una competizione che, fin dalle sue prime battute, ha fatto registrare importanti risultati in classifica per l’atleta della Società Canottieri Marsala, Lorenzo Caputo, che ha partecipato al Campionato Laser 4.7. Grande soddisfazione per il suo allenatore Enrico Tortorici, che ha festeggiato insieme a tutta la squadra ben due traguardi importanti; infatti anche Giulia Schio ha trionfato nella classe Laser Radial, conquistando il secondo posto in classifica generale e il primo femminile.

“Un’emozione unica – ha detto Lorenzo Caputo al termine della premiazione -. Un risultato che mi rende orgoglioso del lavoro fatto in acqua durante gli allenamenti e che mi ha ripagato di tutti i sacrifici di quest’anno, permettendomi di conquistare il titolo regionale”. Anche il resto della squadra Laser 4.7 ha raggiunto buone posizioni in classifica: Ludovica Giacalone si è posizionata al 16° posto, mentre Ettore Matembera al 17°.

Altro traguardo importante anche per Giulia Schio, che ha concluso il Campionato Zonale Laser Radial con un secondo posto assoluto e un primo femminile. Un successo preventivato, ma che ogni volta regala grandi emozioni anche ad un’atleta come la Schio, abituata a grandi successi a livello nazionale ed internazionale.

Fenici Rugby Marsala: concluso il ciclo formativo per soccorso pediatrico e utilizzo del defibrillatore in campo

0

Marco Quattrociocchi : “Mettiamo sempre al primo punto il benessere degli atleti e la salvaguardia della salute”

Ieri, sabato 19 ottobre, i “FENICI RUGBY MARSALA”, nell’ambito della formazione continua per assicurare ai propri tesserati benessere e sicurezza,  hanno concluso il ciclo formativo per la qualifica di soccorritori pediatrici e abilitati all’utilizzo del defibrillatore. Al termine di questo percorso, infatti, tutti gli educatori e i dirigenti di campo risultato specializzati nella gestione degli imprevisti,  dovuti a traumi o problemi che possono derivare da questa pratica sportiva.

“Mettiamo sempre al primo punto il benessere degli atleti e la salvaguardia della salute – ha detto Marco Quattrociocchi, presidente della scuola di Rugby marsalese -. Ringraziamo Massimiliano Carta e Olga Carando, istruttori certificati, che hanno realizzato una doppia  formazione: oltre a relazionare su tutti i protocolli generali, hanno trattato la formazione specifica per il nostro Club e i diversi contesti dove i Fenici operano. La speranza è sempre quella di non dover mai mettere in pratica le abilità che i nostri educatori hanno acquisito,  ma allo stesso tempo siamo orgogliosi – conclude Quattrociocchi – di essere pronti ad ogni eventualità per il bene dei nostri ragazzi e del pubblico presente agli allenamenti e alle competizioni ufficiali.

Anche il sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, ha presenziato all’iniziativa per testimoniare la valenza del progetto, che pubblicamente si è congratulato con i Fenici per il servizio reso alla nostra città.

Società Canottieri Marsala: Michele Adorni vince la IV prova del Trofeo del Comitato

0

Intanto la squadra di Windsurf si distingue all’ultima tappa di Coppa Italia

La Società Canottieri Marsala, presieduta da Tommaso Angileri, è ormai un punto di riferimento per la Vela e per il Windsurf a livello regionale. Gli atleti delle due squadre, infatti, si distinguono ad ogni regata per i loro meriti sportivi.

In particolare, durante il fine settimana appena trascorso si è svolta la 4^ prova del Trofeo del Comitato, nelle splendide acque di Mondello, riservato alla Classe di Vela Optimist. La squadra, accompagnata dagli istruttori Enrico Tortorici e Giuliana Liuzza, ha ottenuto risultati strepitosi con un meritato primo posto assoluto per Michele Adorni, che ancora una volta ha dato prova di una grande preparazione tecnica, e un primo posto femminile per Silvia Adorni, che si è aggiudicata un 7° posto in classifica generale. Buone posizioni anche per gli altri giovani velisti della squadra marsalese: 6° Giulio Genna, 9° Alberto Incarbona, 10° Federico Studer, 34° Yusei Castroni, 42° Emanuele Busetta, 59° Giampaolo Maggio.

Intanto, ottimi risultati sono stati raggiunti anche dagli atleti della squadra di Windsurf della Società Canottieri Marsala che hanno partecipato alla IV tappa di Coppa Italia, che quest’anno si è tenuta a Margherita di Savoia.

premiazione atleti windsurf

Capitanati dai coach Valerio Linares e Davide La Vela, gli atleti marsalesi si sono dati battaglia sui campi di regata con avversari provenienti da tutta Italia. Delle tre giornate previste in calendario, si è potuto regatare soltanto il secondo e terzo giorno poiché il primo giorno è stata registrata un’onda forte che ha impedito di fatto l’uscita in acqua dalla spiaggia. Buone le posizioni in classifica di alcuni degli atleti della Società Canottieri: Cesare Genna, nella categoria ch3, ha conclusola competizione  al 4° posto e Gianmarco Genna ha chiuso al 6° posto. Essendo al termine della stagione agonistica 2019, la Federazione ha premiato gli atleti migliori: ebbene, nella Ranking Italiana Cesare Genna si è posizionato al quarto posto assoluto e al primo posto per la categoria 2010, mentre Gianmarco Genna al terzo posto nella categoria Under 18.

RACCOLTA SANGUE A MARSALA. IL CALENDARIO AVIS DI OTTOBRE

0

Continua senza sosta la raccolta di sangue all’AVIS di Marsala. Il piccolo calo delle donazione nel periodo estivo – purtroppo, come ogni anno – non fa arretrare di un passo l’encomiabile lavoro dell’Associazione di volontari capitanata da Isabella Galfano, in questo fortemente collaborata dal personale sanitario coordinato dal dr. Nunzio Ragona. “Andiamo avanti, consapevoli dell’importanza del servizio che rendiamo alla collettività e, in particolare, a chi ha vitale bisogno di sangue – sottolinea la presidente Galfano. Donarlo fa bene due volte, a chi riceve il sangue e a chi lo mette a disposizione: al primo il benessere; all’altro la certificazione del proprio stato di salute”. Nel prossimo mese di Ottobre, le giornate che l’AVIS Marsala dedicata alla raccolta di sangue sono ben nove: tutti i Giovedì (3,10,17,24 e 31) e tutte le Domeniche (6,13,20 e 27). Nella sede sociale di via Bruzzesi – zona via M. Nuccio, verso il mare – medici, infermieri e volontari accoglieranno i donatori dalle ore 8 alle 12. E’ possibile prenotarsi online, all’indirizzo https://avis-comunale-marsala.reservio.com/

“Ti scrivo una lettera d’amore”: domenica 6 ottobre a Villa Genna la manifestazione finale del concorso letterario

0

“Ti scrivo una lettera d’amore”: poesie d’autore e musica saranno i protagonisti della manifestazione finale nella quale sarà premiata la lettera vincitrice del concorso nazionale grazie al quale Marsala sarà incoronata “Capitale dell’Amore”.
L’iniziativa dell’associazione “Nel segno del Sale” si avvale del patrocinio del Comune e della Regione Sicilia e “si propone di riscoprire questo modo ormai in disuso di esprimere un sentimento. Sono anni che non si scrivono lettere d’amore. La tecnologia in questo ultimo periodo ha soppiantato l’antico e più romantico modo di esprimere un sentimento. Il fascino dell’inchiostro su un foglio di carta bianco racchiude da millenni il valore assoluto di un pensiero che va prendendo corpo man mano che le parole sulla carta diventano emozioni”, spiega Paolo Pellegrino, presidente di “Nel segno del Sale” che nel corso dell’estate appena trascorsa ha indetto il concorso nazionale al quale hanno partecipato “romantici” di tutta Italia.


Le lettere pervenute sono state valutate da una commissione giudicatrice composta: dalla deputata regionale, nonché Dirigente scolastica Eleonora Lo Curto, dal giornalista, già addetto stampa del Consiglio d’Europa Roberto Tumbarello e dall’attrice e doppiatrice Angiola Baggi, che sarà anche la madrina dell’intera manifestazione.
Infatti proprio Angiola Baggi, nota al grande pubblico per aver doppiato film quali “Il Titanic” e fiction come “Il Segreto” a leggere le più belle lettere e poesie d’amore di tutti i tempi, insieme all’attore Massimo Graffeo.

Immancabile uno spazio dedicato alla musica, ad intonare note d’amore sarà l’orchestra del Liceo musicale “Fazio Allmayer” di Alcamo.
Chicca della kermesse: il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci leggerà la sua lettera d’amore dedicata alla Sicilia, che, nel corso della manifestazione sarà denominata “Isola dell’Amore nel Mediterraneo”.
Parallelamente il sindaco di Marsala Alberto Di Girolamo leggerà la sua missiva dedicata alla sua città che diverrà “capitale dell’Amore”.
“Con questo concorso abbiamo cercato di stimolare a parlare di emozioni, di quelle sensazioni che non si manifestano a comando, ma che traggono la loro forza dall’istinto e spesso fanno parlare la stessa lingua a due persone diverse, con una modalità in cui la tecnologia non trova spazio, per dimostrare che anche in un’epoca moderna come la nostra il viaggio nei sentimenti non conosce il tempo”, commenta il direttore artistico Elio Licari.

“Ti scrivo una lettera d’amore” è un concorso letterario – aggiunge il presidente dell’Associazione “Nel Segno del Sale” Paolo Pellegrino – ma anche una dichiarazione d’amore nei confronti di coloro i quali hanno lasciato un segno importante nelle nostre vite. Attraverso la scrittura tornano a vivere storia di amori presenti, ma anche passati, tormentati, conquistati a fatica, sentimenti capaci di muovere il mondo e farci superare ostacoli apparentemente insormontabili. Ringrazio i tanti hanno partecipato, ci hanno aperto il loro cuore e mostrato le tante dimensioni”.
Il primo classificato si aggiudicherà una crociera per due persone nel Mediterraneo. L’ingresso alla manifestazione è libero.

Marsala – Sabato scorso nella chiesa San Matteo la messa della Guardia di Finanza

0

Il Comando Provinciale di Trapani della Guardia di Finanza, sabato 21 settembre nella chiesa di San Matteo in Marsala, ha solennemente celebrato la festa di San Matteo, patrono e protettore di questo Corpo Militare Italiano. A presenziare il Sig.r Pilerci Pasquale Colonnello Comandante di Trapani e Signori Comandanti delle Compagnie e Tenenze della provincia con i proprio Militari. Anche le ANFI hanno preso parte alla Celebrazione presieduta dal Parroco Rev.do Don Alessandro Palermo il quale ha evidenziato l’importanza del dovere della chiamata come espressione e via verso la perfezione cristiana e umana. Al termine della Celebrazione il dott. Giannini Presidente dell’ANFI di Marsala ha consegnato un diploma e una medaglia a un membro dell’ANFI in occasione dei suoi 30 anni di appartenenza al Corpo Militare della Guardia di Finanza. Il Colonnello a chiusura della Celebrazione ha evidenziato quanto importanti siano questi momenti perchè servono per riflettere e per ritrovarsi assieme agli altri colleghi Militari.

Società Canottieri Marsala: continuano i successi sportivi per gli atleti di Vela e Windsurf

0

Dopo la stagione agonistica estiva, la Società Canottieri Marsala, presieduta da Tommaso Angileri, riprende a pieno ritmo le competizioni sportive.

Durante il fine settimana appena trascorso, si è svolta a Marsala la 7^ prova del Campionato Zonale per la Classe Laser, organizzata dal Circolo Velico. Tre le categorie in gara a cui hanno partecipato gli atleti della Società Canottieri, guidati dal loro coach Enrico Tortorici. Le condizioni meteo sono state avverse e questo ha determinato la decisone, da parte dei giudici di gara, di far regatare gli atleti soltanto nella giornata di sabato 21 settembre.

Primo posto assoluto per Amos Di Benedetto tra i Laser Standard; Giulia Schio si aggiudica una meritata medaglia d’argento e un primo posto femminile nella categoria Radial, mentre al quarto posto troviamo Vito Messina. Tra i Laser 4.7, la squadra della Società Canottieri Marsala ha chiuso la competizione con i seguenti posti in classifica: 6° Francesco Genco, 9° Lorenzo Caputo, 11° Ettore Matembera, 15 ^ Ludovica Giacalone.

Ancora una volta i nostri velisti si sono distinti nel panorama siciliano per le loro qualità tecniche, confermate anche dagli atleti più giovani della squadra di Windsurf, capitanata da Valerio Linares, che si è distinta nelle splendide acque della baia di Mondello, presso il club Lauria. Durante il fine settimana del 14 e 15 Settembre, infatti, si sono svolte le regate regionali di windsurf. Coinvolte le diverse classi delle tavole a vela: Techno, Rsx olimpica e Windsurfer. Nella Techno, per i giovanissimi Under 10 ha prevalso Cesare Genna, mentre per gli Under 12 Marco Di Benedetto, entrambi della Società Canottieri Marsala. Infine, nella femminile Windsurfer, prima in classifica Giulia Linares.

Marsala. Corso di Pittura a cura del prof. Enzo Campisi

0

Aperte le iscrizioni al corso di pittura organizzato dall’Associazione Culturale “Carpe Diem” di Marsala, a cura del professore Enzo Campisi.

“Il programma – ci spiega il prof. Campisi – sarà orientato verso l’apprendimento di elementi che avranno via via la funzione di addolcire lo spirito, affinché si comprenda che il fare arte non è un gesto manuale fine a sé stesso, ma un moto dell’anima, capace di emozionarci e di emozionare. Ascolteremo musica, leggeremo poesie, osserveremo immagini e guarderemo filmati. Dedicheremo del tempo a noi stessi dipingendo tanto, in un’atmosfera di pace e di rispetto reciproco. Senza tutto ciò la Pittura non ha motivo di esistere”.

Il corso di pittura prevede lo studio di elementi di: storia dell’arte, teoria dei colori, figure piane e volumi, teoria delle ombre, proiezioni ortogonali, assonometria, prospettiva, anatomia, disegno dal vero, composizioni figurative, composizioni astratte. Durante il corso, verranno sperimentate diverse tecniche di pittura, tra cui: matita, acquerello, acrilico e olio.

VELA – Trofeo Attinà e Trofeo Montalto: nuova edizione organizzata dalla Società Canottieri Marsala

0

Si è rinnovato anche quest’anno il tradizionale appuntamento con i due Trofei di vela, per la classe Optimist, più importanti della Società Canottieri Marsala, presieduta da Tommaso Angileri. Il Circolo, infatti, ha organizzato il 43° Trofeo Massimo Attinà, riservato alla categoria Juniores, e il 16° Trofeo Ferdinando Montalto, riservato alla categoria Cadetti. Le regate, che si sono svolte lunedì 5 e martedì 6 agosto, erano valevoli come terza prova del Campionato Regionale Optimist “Coppa Sicilia”, che si concluderà il prossimo 29 settembre a Catania, luogo in cui si svolgerà la finale.

In due giorni, hanno regatato nelle splendide acque marsalesi 20 Cadetti e ben 62 Juniores, atleti provenienti da tutta la Sicilia, alcuni dei quali tra i migliori giovani velisti d’Italia. Cinque in totale le prove disputate per entrambe le categorie in gara. La giornata di lunedì è stata caratterizzata da un vento leggero da nord che ha consentito lo svolgimento di due prove, mentre durante il secondo giorno il vento è stato più sostenuto, sui 12/13 nodi, proveniente da sud e caratterizzato da raffiche, che ha permesso lo svolgimento di tre prove.

Tra i Cadetti, sono saliti sul podio: 1° Pietro Moncada (che ha vinto il trofeo Montalto), 2° Domenico Scuderi e 3^ Gilda Nasti. Tra gli Juniores, i vincitori sono stati: 1° Tommaso De Fontes (vincitore del Trofeo Attinà), 2° Michele Adorni (soc. Canottieri Marsala) e 3° Giulio Genna (soc. Canottieri Marsala).

Un ottimo risultato per la squadra Optimist della Società Canottieri Marsala, guidata dall’istruttore Enrico Tortorici, che si aggiudica ben due podi e altre buone posizioni in classifica: Alberto Incarbona 5°, Silvia Adorni 6^,Lorenzo Torre 15°, Yusei Castroni 18°, Fderico Studer 19°, Emanuele Busetta 39°.

Intanto, il fine settimana appena trascorso ci ha regalato un’altra grande soddisfazione:  Lorenzo Caputo, atleta di punta della Società Canottieri Marsala nella Classe Laser 4.7 e attualmente in vetta alla classifica del Campionato Regionale, è stato il vincitore del Trofeo Boeo’s Cup organizzato dal Circolo Velico di Marsala.

TENNIS – Omar Giacalone è il vincitore della terza edizione del Torneo Open Maschile, organizzato dalla Società Canottieri

0

Concluso il Torneo Nazionale Open di Tennis, organizzato per il terzo anno consecutivo dalla Società Canottieri Marsala. Vittoria di Omar Giacalone, del CT Palermo, con il punteggio di 61 64, che ci ha regalato bellissime emozioni durante l’incontro finale che ieri pomeriggio si è svolto presso i campi della Società Canottieri contro Giorgio Tabacco, del Vela Messina.

Omar Giacalone è un tennista professionista dal 2010 e ha raggiunto nel ranking mondiale ATP  la posizione 327 in singolo e la 325 in doppio; vincitore di tre titoli ITF in singolo e di 13 titoli di doppio. Nella sua carriera ha battuto giocatori Top 100 del calibro di Popiryn, Brands, Gimeno Traver, Vanni, Munoz del La Nava.  E’ riuscito negli Internazionali d’Italia di Roma 2016  a superare il durissimo test della prequalificazioni  accedendo al ristrettissimo  tabellone delle qualificazioni. Da Under ha raggiunto la posizione 32 del ranking europeo. E’ stato anche campione italiano Under 12 a squadre e campione siciliano U14 a livello individuale.

Oltre 500 spettatori hanno assistito alla finale del torneo, che quest’anno ha registrato un successo senza precedenti: tanti sponsor privati hanno creduto in questo progetto, 65 tennisti professionisti hanno partecipato, di cui ben 25 con classifica di seconda categoria, un montepremi importante di ben 8mila euro e un’organizzazione efficiente grazie all’impegno del direttore del torneo Francesco Pulizzi, del direttore di gara Marcello Franchino, del presidente della Società Canottieri Marsala Tommaso Angileri, dei giudici arbitri Massimiliano Ditta e Antonio Palumbo, e di tutto lo staff organizzativo.

Il Torneo Open, valido come prova del circuito Sicilia della Federazione Italiana Tennis, si è svolto dal 14 al 28 luglio e ha richiamato l’attenzione di tantissimi appassionati di tennis, che per l’occasione hanno potuto assistere dal vivo agli incontri: la Società Canottieri Marsala, infatti, per l’occasione ha aperto le sue porte a tutta la cittadinanza. Un successo anche sui social: la pagina Facebook  “Società Canottieri Marsala – Pagina Istituzionale” è stata un punto riferimento sia per gli addetti ai lavori sia per gli utenti che hanno potuto seguire in diretta l’andamento del torneo, con aggiornamenti giornalieri su orari e tabelloni di gioco. Il torneo è stato seguito con particolare attenzione anche dalla Federazione Italiana Tennis-Comitato Regionale Sicilia, che ha dedicato al torneo un articolo in prima pagina sul suo sito ufficiale.

TENNIS – Il Torneo Open Maschile, organizzato dalla Società Canottieri Marsala, entra nel vivo: oggi quarti di finale, sabato semifinale e domenica la finale

0

Un montepremi di ben 8000 euro, oltre 65 iscritti, 14 giorni di incontri sul campo di gioco della Società Canottieri Marsala, circolo organizzatore, che per il terzo anno consecutivo, realizza un evento sportivo di richiamo regionale, valido come prova del Circuito Sicilia della Federazione Tennis.

Oggi, per i quarti di finale, scenderanno in campo i migliori otto giocatori che si contenderanno l’ingresso alle due semifinali di domani. Le prime quattro teste di serie sono: Antonio Massara (2.1 TC Match Ball Siracusa) e Gianluca Naso (2.1 Circolo Tennis e Vela Messina), Alessio Di Mauro (2.2 Tennis Club Siracusa) e Omar Giacalone (2.2 CT Palermo), che fideranno i vincitori degli Ottavi di finale di ieri, che sono rispettivamente: Antonio Campo, Ettore Zito, Giorgio e Fausto Tabacco.

In totale gli iscritti al torneo open maschile sono 65 tennisti professionisti, di cui ben 25 con classifica di seconda categoria. Fino ad oggi due sono stati i giocatori con le maggiori migliori partite disputate: Riccardo Chessari, che ieri è stato sconfitto, e Giorgio Tabacco, che invece è ancora in gioco.

In occasione del Torneo, la Società Canottieri Marsala è aperta non solo ai soci, ma a tutti gli appassionati di tennis che vogliono seguire in diretta gli incontri. Tutti gli aggiornamenti sono pubblicati sulla pagina Facebook della Società Canottieri (Società Canottieri Marsala – Pagina Istituzionale). Infine, domani (sabato 27 luglio) si terranno le semifinali, mentre domenica 28 è in programma la finale con relativa cerimonia di premiazione.

TENNIS – Ha preso il via a Marsala il Torneo Open Maschile organizzato dalla Società Canottieri

0

Anche quest’anno la Società Canottieri Marsala, presieduta da Tommaso Angileri, organizza il Torneo Nazionale Open di Tennis, giunto alla terza edizione, dal 14 al 28 luglio, valido come prova del circuito Sicilia della Federazione Italiana Tennis. Il montepremi sarà di € 8.000, con tante adesioni di tennisti provenienti non solo dalla Sicilia ma anche dal resto d’Italia. Il direttore del torneo è Francesco Pulizzi, il direttore di gara è il maestro Marcello Franchino, mentre i giudici arbitri sono Massimiliano Ditta e Antonio Palumbo.

Nella fase di conclusione del primo tabellone (4^ categoria) Davide Ruggirello ha battuto Emanuele Di Bernardo  64 57 75 in “appena” 3 ore e 20 minuti. La finale ormai si avvicina e il gioco si fa sempre più impegnativo per i concorrenti, che ambiscono ad uno dei montepremi più alti degli ultimi anni, grazie soprattutto agli sponsor che hanno creduto in questo progetto. In occasione del torneo la Società Canottieri è accessibile a tutti, quindi gli appassionati di tennis potranno vedere dal vivo i giocatori sfidarsi in campo tutti i giorni. Per i dettagli sugli orari di gioco e i tabelloni di riferimento è possibile collegarsi alla nostra pagina Facebook: Società Canottieri Marsala – Pagina Istituzionale.

La prima edizione del Torneo Open Maschile di tennis si è svolta nel luglio 2017 con un montepremi di € 4.000. Gli iscritti sono stati 48 di cui 15 di seconda categoria. La finale è stata giocata da Alessio Di Mauro e da Antonio Campo. La seconda edizione del torneo open si è svolta nel luglio 2018 con un montepremi di € 6.000, gli iscritti erano 69 di cui 28 di seconda categoria e la finale è stata giocata da Gianluca Naso e Alessio Di Mauro.

Società Canottieri Marsala: Lorenzo Caputo in testa al Campionato Siciliano della classe Laser 4.7

0

Lorenzo Caputo trionfa a Favignana, nella classe Laser 4.7, in occasione della 5^ tappa del Campionato zonale. Un percorso ricco di soddisfazioni che sta facendo registrare un’escalation di belle prove sui campi di regata e di vittorie. Il giovane laserista della Società Canottieri Marsala è uno dei candidati alla vittoria dell’intero Campionato Siciliano. Attualmente è proprio in testa alla classifica generale provvisoria con 31 punti. Continuano a pieno ritmo gli allenamenti in acqua e a terra con il suo coach Enrico Tortorici, in previsione delle ultime tre regate che si terranno nei mesi di luglio, agosto e ottobre e che decreteranno il campione siciliano della Classe Laser 4.7.

A Favignana, nella classe Laser Radial anche una splendida performance di Giulia Schio, che si classifica 1^ femminile e 3^ assoluta, confermandosi tra le migliori atlete di tutta la Sicilia. Attualmente è in seconda posizione nella classifica Generale provvisoria. In gara, tra i Laser 4.7, anche i velisti Leandro Baiata 6°; Ettore Matembera 12°; Ludovica Giacalone 20^; Francesco Genco 21°; Aurora di Benedetto 23^.
I velisti della Società Canottieri Marsala, inoltre, sono stati impegnati nel Raduno tecnico zonale Laser, organizzato dalla VII Zona FIV a Favignana a cura dell’istruttore federale italiano della squadra olimpica Laser Standard, Alp Alpagut.
Infine, tutta la Sicilia sta facendo il tifo per Michele Adorni, che in questi giorni sta partecipando con la squadra Azzurra ai Campionati Europei 2019 in Francia.

La Sicilia dell’Optimist vince “I Giochi delle Isole” 2019. Squadra composta quasi interamente da timonieri della Società Canottieri Marsala

0

La squadra Optimist Siciliana ha vinto la 23esima edizione de “I Giochi delle Isole”. L’importante manifestazione si è tenuta a Bastia, in Corsica, e come ogni anno ha richiamato l’attenzione di tutta la vela giovanile del panorama internazionale. La squadra siciliana era composta da quattro timonieri, tre dei quali della Società Canottieri Marsala: Silvia Adorni, Michele Adorni, e Alberto Incarbona, oltre a Chiara Cartia del Circolo Velico Kaukana. Al comando di questo splendido team l’istruttore federale Roberto D’Alberti.

La convocazione degli atleti è stata fatta sulla base delle selezioni che si sono tenute durante due diverse regate: il 27 gennaio a Siracusa e il 10 febbraio a Marina di Ragusa. I Giochi delle Isole sono una delle manifestazioni sportive più importanti in ambito giovanile, che ogni anno coinvolge i migliori delle atleti delle Isole in diverse discipline olimpiche.

Un risultato di grande prestigio per la Società Canottieri Marsala, che si impone tra i migliori Circoli sportivi siciliani per quanto riguarda il settore della vela, legato sia alla classe Optimist sia a quella dei Laser.

Società Canottieri Marsala: Michele Adorni qualificato al Campionato Europeo Optimist

0

Nella squadra Azzurra, che rappresenterà l’Italia al prossimo Campionato Europeo Optimist, ci sarà anche Michele Adorni, uno dei migliori velisti della Società Canottieri Marsala.

Un orgoglio per la Canottieri e per l’intera Sicilia che quest’anno sarà rappresentata  sia al Campionato Mondiale, da Tommaso De Fontes, sia a quello Europeo, da Michele Adorni. Il Campionato Europeo Optimist si terrà in Francia, dal 22 al 29 giugno 2019.


La prestigiosa qualificazione di Michele Adorni è arrivata dopo la partecipazione a ben due selezioni nazionali: la prima a Napoli e la seconda a Follonica, che si è conclusa il fine settimana appena trascorso. L’accesso alla Squadra Nazionale per l’evento continentale, composta da un totale di sette skipper, è il risultato di una lunga fase di selezione che prevedeva una prima tappa, a livello interregionale, e due fasi a livello nazionale, per un totale di 19 prove disputate (otto effettuate nelle acque di Napoli a fine aprile e 11 in Toscana).

Grande soddisfazione da parte dell’istruttore Enrico Tortorici: “E’ stata una delle selezioni più entusiasmanti e combattute degli ultimi anni – ha dichiarato –. La Sicilia dell’Optimist ancora una volta protagonista. Due atleti siciliani rappresenteranno l’Italia al mondiale ed all’europeo. Oggi sono davvero felice per Michele Adorni, un atleta talentuoso che con passione seguo, insieme al resto della squadra, da un anno e mezzo e che al primo anno di juniores è riuscito a centrare un obiettivo difficilissimo. Complimenti a tutta la squadra presente a questa selezione: Silvia Adorni che ha mancato un posto all’europeo per un soffio. A Giulio Genna ad Alberto Incarbona comunque in Gold e tra i migliori atleti d’Italia, Lorenzo Torre tra i primi della Silver.”

Un risultato che premia il lavoro svolto in questi anni dalla Società Canottieri Marsala e dal suo presidente Tommaso Angileri, che ha sempre creduto nel valore degli sport velici e nell’importanza dell’avviamento allo sport con la promozione di tante attività legate al mare.

Campionato Zonale Laser: trionfano i velisti della Società Canottieri Marsala alla IV prova di Mondello

0

I migliori atleti marsalesi impegnati anche all’Europa Cup Laser di Torbole

Ottime prestazioni della squadra Laser della Società Canottieri Marsala, che continua il suo splendido percorso all’interno del Campionato della Settima Zona, organizzato dalla FIV (Federazione Italiana Vela).

A Mondello, proprio in occasione della IV prova del Campionato Zonale Laser, che si è svolta la scorsa settimana, gli atleti della società Canottieri Marsala primeggiano in tutte le categorie. In particolare, tra i Laser Radial, 2° posto per Giulia Schio, anche 1^ femminile. Amos Di Benedetto si aggiudica il 1° posto assoluto tra gli Standard. Sale sul gradino più alto del podio anche il neo laserista Lorenzo Caputo che, pur essendo da poco tempo in questa categoria, dimostra come la determinazione e l’impegno uniti alla tecnica acquisita con i continui allenamenti, risultino vincenti: è così che conquista il 1° posto in  classifica nella categoria Laser 4.7, seguito da: 11° Leonardo Baiata, 18° Ettore Matembera, 19° Marco Genna, 23^ Ludovica Giacalone.

Soddisfazione da parte dell’istruttore Enrico Tortorici, anche per la recentissima partecipazione all’Europa Cup Laser che si è tenuta a Torbole, durante il fine settimana appena trascorso. Un’esperienza importante, di grande spessore agonistico che ha visto impegnati i migliori laseristi della Società Canottieri Marsala: Giulia Schio, che si è distinta nella categoria Radial, arrivando 4^ Under 19 e 11^ in classifica generale. Grande impegno anche per Amos Di Benedetto, nella categoria Standard, che si è classificato in 40esima posizione.

Lotta fra la vita e la morte Viviana Valenti accoltellata 55 volte dal marito

0

Preghiamo per Viviana Valenti, la donna di 34 anni,mazarese, accoltellata per ben 55 volte dal marito, un 43enne mazarese, Guglielmo Norrito, disoccupato, con precedenti di polizia. Viviana si trova ancora in condizioni critiche all’Ospedale “Civico” di Palermo dove è stata trasportata ieri all’alba, dopo che i medici dell’Ospedale “Abelle Ajello” di Mazara del Vallo hanno operato un primo intervento alla giugulare per evitare che morisse. Viviana è madre di una bambina di 9 anni che purtroppo ha assistito al tentato omicidio da parte del padre che ha inferto moltissime coltellate anche a parti vitali del corpo e si trova adesso in coma farmacologico. La prognosi non è ancora sciolta. Il marito si è scagliato su di lei con brutale ferocia e al culmine di una lite l’ha ridotta in fin di vita. La coppia conduceva, a detta dei vicini, una vita molto ritirata, senza mondanità. E’ stato lo stesso a dare l’allarme. Ha chiamato la sorella per dirle di aver ucciso Viviana e poi è fuggito con la sua auto. Poi si è diretto verso l’A29 e si è lanciato da un cavalcavia di 10 metri restando ferito agli arti inferiori. Lì è stato intercettato dai carabinieri che si erano messi sulle sue tracce e hanno visto l’auto con il motore acceso ferma lungo la corsia emergenziale. Si trova adesso ricoverato e piantonato dai carabinieri all’Ospedale di Mazara. Per Viviana non resta che pregare, appunto, affinchè si salvi.

A

La Società Canottieri Marsala presente nelle più importanti competizioni nazionali e internazionali di vela

0

Il mese di aprile è stato ricco di esperienze ed emozioni per tutti gli atleti del settore vela della Società Canottieri Marsala – capitanato dagli istruttori Enrico Tortorici e Francesco Giacalone. Tante le competizioni zonali, nazionali e internazionali a cui i velisti hanno partecipato: per la prima volta in assoluto, la Società Canottieri Marsala ha partecipato alla tappa italiana della Hempel World Cup Series 2019, il più importante circuito dedicato alle classi olimpiche organizzato proprio da World Sailing, la federazione della vela internazionale, in collaborazione con le realtà locali, che ha visto ben 717 velisti provenienti da tutto il mondo darsi appuntamento a Genova. I portacolori della Canottieri Marsala, nella classe Laser, sono stati Amos Di Benedetto e Giulia Schio, accompagnati dal coach Enrico Tortorici.

Squadra Laser Società Canottieri Marsala

Il Team della Canottieri, inoltre, per il secondo anno consecutivo ha rappresentato la Sicilia al Campionato Italiano Optimist a Squadre, che si è svolto a Ravenna. I velisti Optimist marsalesi si sono sempre distinti a livello nazionale per doti tattiche e strategiche. La competizione si è svolta con le modalità del “Round-Robin” e quindi ogni squadra ha dovuto affrontare tutte le altre. Dopo tante regate decisamente impegnative, la squadra si è classificata al quinto posto, con grande soddisfazione da parte dei coach che hanno potuto provare e rinforzare lo spirito di squadra.

Un’altra importante esperienza per la squadra Optimist della Canottieri è stata quella sul lago di Como, in occasione del Trofeo Pini, prestigiosa regata a squadre organizzata dalla LNI Mandello, che si è conclusa con un ottimo quarto posto in classifica per la squadra Optimist, capitanata da Enrico Tortorici.

Ottimi risultati per gli atleti marsalesi anche alla III Prova Trofeo del Comitato, valevole  come selezione Optimist per i Giochi delle Isole, svolta a Mondello, nella quale Alberto Incarbona si è classificato al secondo posto nella categoria Juniores.

Infine, si è da poco conclusa a Livorno la terza tappa dell’Italia Cup riservata alla classe Laser, a cui hanno partecipato gli atleti della Canottieri in diverse categorie:  Standard, Radial e Laser 4.7.

Gli appuntamenti con la vela non finiscono qui, infatti, proprio in questi giorni si sta svolgendo a Napoli la prima selezione nazionale per la qualificazione ai Campionati Europei e Mondiali, a cui la squadra Optimist della Canottieri, capitanata da Enrico Tortorici, sta partecipando con una rappresentanza di velisti tra le più numerose d’Italia. Il prestigioso traguardo è stato raggiunto dopo aver superato le già difficili selezioni interzonali.

Rugby Marsala: la squadra femminile de “I Fenici” Under 14 vince la Coppa Italia

0

Le ragazze Under 14 della squadra di rugby femminile de “I Fenici” hanno vinto la coppa Italia di categoria. Con il Successo dei giorni scorsi al torneo di Caltanissetta, le atlete marsalesi hanno in bacheca un trofeo molto prestigioso, che acquista ancora più valore per il fatto che la squadra è al primo anno di gare. 


Capitanate da Marta Fina ed allenate dal presidente della Asd Scuola Rugby Marsala, Marco Quattrociocchi, le giovani rugbiste hanno superato prima le brigantesse di Librino, poi San Gregorio ed in finale il Ragusa rugby per 11 mete ad una.
I prossimi appuntamenti saranno: a Petrosino il 12 maggio, poi a Ragusa a fine mese ed infine a Caltanissetta nel mese di giugno.

Terzo incontro del ciclo “La Giurisprudenza del Tribunale di Marsala” organizzato dalla Camera Civile

0

Si svolgerà giovedì 2 maggio, presso il Tribunale di Marsala, con inizio alle ore 16,00, il terzo degli incontri su “ La giurisprudenza del Tribunale di Marsala” che sono stati organizzati dalla Camera di Civile di Marsala con il patrocinio del Tribunale di Marsala, dell’Ordine degli avvocati di Marsala e dell’Osservatorio della giustizia civile. In questo incontro relazioneranno il presidente della Sezione Civile, Michele Ruvolo, e Francesca Bellafiore, per illustrare quali sono i loro orientamenti decisionali sulle attuali questioni giuridiche più importanti riguardanti il Diritto di Famiglia. “Questi incontri hanno riscosso notevole interesse presso gli avvocati e gli operatori del diritto – ha detto l’avvocato Nino Alabiso, presidente della Camera Civile di Marsala -, giacché è palese l’importanza di conoscere preventivamente i criteri decisionali dei giudici che sono chiamati a decidere le controversie in primo grado, ciò sia per i cittadini i quali, così, possono conoscere preventivamente criteri decisionali che possono incidere fortemente sulle loro vite, sia per gli avvocati i quali, in tal modo, possono meglio calibrare le loro domande giudiziali. Tale conoscenza, nel nostro caso, è oltremodo utile perché viene resa possibile dagli stessi magistrati. Questo ciclo di incontri è stato realizzato nell’ambito dell’attività dell’Osservatorio per la giustizia civile istituito dalla presidente del Tribunale, dott.ssa Alessandra Camassa, per promuovere una fruttuosa collaborazione fra magistrati e avvocati”.

Letizia Arcara sulla disabilità a Marsala: “Ci vuole un garante ma anche le regole per stabilirlo”

0

La professoressa Letizia Arcara, combattiva consigliera comunale e presidente della Commissione Servizi Sociali, non ha dubbi in merito: sì alla figura di un garante che rappresenti i disabili a Marsala e che possa farsi interprete nonchè sentinella dei problemi che affliggono sia i disabili sia le famiglie costrette spesso a barcamenarsi in una burocrazia troppo lenta o insensibile ai disagi di chi fa i conti con un handicap, ovvero una ridotta capacità d’interazione con l’ambiente sociale che lo circonda e con cui è costretto anche, talvolta, a scontrarsi. Ma questo garante, sempre secondo la consigliera comunale Arcara, dovrebbe essere scelto scrivendo prima le regole che ne segnano le caratteristiche e che dovrebbero contraddistinguere la figura dello stesso rappresentante dei disabili. Con quali criteri dovrebbe essere scelto questo garante? Fra chi dovrebbe essere scelto? Quali effettive mansioni dovrebbe svolgere? Senza regole precise è facile trovarsi in una confusione che spesso rallenta piuttosto che semplificare le scelte. Dallo scorso 3 dicembre, data in cui si è celebrata la Giornata Internazionale della Disabilità, sembra essere passato un secolo e da allora, anche in consiglio comunale, si è verificata una fase di “stallo” in cui però non sono mancate le polemiche. Secondo alcuni consiglieri comunali, più che un garante ci vorrebbe una Consulta, ovvero un Consiglio di più persone capaci di cogliere i problemi delle varie fasce della popolazione disabile. Il garante segnalerebbe l’eventuale assenza di barriere architettoniche, la mancanza di assistenza infermieristica e medica e si farebbe promotore e portavoce di proposte per migliorare le condizioni di vita dei disabili. ” Mi piace la democrazia partecipata, la partecipazione dei cittadini sui temi che affliggono la società – ha precisato Letizia Arcara -. Io stessa, per prima, durante la giornata internazionale ha avanzato la proposta della necessità della figura di un garante. Ho sollecitato continuamente nonostante l’ostruzionismo. Ho posto in essere una serie di iniziative per migliorare le condizioni sociali dei disabili, dall’esenzione TARI alle case di riposo adatte per i disabili. Rivendico i progetti da me avanzati”.

Rugby: la squadra femminile Under 14 de “I Fenici” vince il prestigioso trofeo IQBAL

0

Splendida affermazione delle ragazze della squadra Under 14 de “I Fenici”che, allenate dalla team manager della nazionale femmine italiana Giuliana Campanella, hanno vinto il prestigioso trofeo “Iqbal”.

Si tratta di uno dei tornei più importanti del panorama rugbistico del sud Italia, giunto quest’anno alla XIII edizione e organizzato dai Briganti di Librino, un associazione onlus che si occupa di sostenere i ragazzi di questo quartiere.

La squadra Under 14 è stata costituita quest’anno ed è al primo anno di partecipazione ai tornei regionali. Le atlete marsalesi stanno ottenendo risultati straordinari che hanno avuto il culmine proprio con la vittoria, dopo il MILLEMETE, anche del trofeo IQBAL.
I Fenici sono in testa alla graduatoria regionale per la coppa Italia di categoria, con tre vittorie su 4 tornei disputati, e adesso si preparano per il gran finale di stagione con la partecipazione alla tappa di coppa Italia di Caltanissetta e per il torneo città di Ragusa a fine maggio. Una vittoria a Caltanissetta o a Ragusa porterebbe le nostre atlete ad aggiudicarsi il primo posto nella classifica definitiva.

Le giocatrici in campo sono: Marta Fina (capitano); Vittoria Piccione; Liliana Pipitone; Alice Catinella; Alexandra Russo; Caterina Laudicina; Noemi Parrinello; Charlotte Prinzivalli, vincitrice del premio fair play al torneo Iqbal. Infine, ben 4 ragazze sono sotto osservazione come atlete di interesse nazionale.

Gli alunni della scuola “Alcide De Gasperi” visitano la nostra redazione

0

Oggi, 21 alunni della scuola secondaria di primo grado “Alcide De Gasperi” – diretta dalla Dirigente Anna Maria Alagna – hanno visitato la redazione di Sicilia Oggi Notizie. A conclusione del progetto PON “In volo tra le pagine di un libro”, gli studenti della II^A e della III^A, con le docenti referenti Rossana Sparta e Maria Renata Galfano, hanno realizzo un giornalino storico sulle vicende legate ai “Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni.

I ragazzi si sono dimostrati attenti e curiosi verso il mondo del giornalismo e verso tutto ciò che ruota intorno ad esso: la ricerca delle notizie da pubblicare, l’utilizzo dei social network, l’impostazione grafica del nostro sito on-line e il lavoro redazionale che svolgiamo ogni giorno. Abbiamo spiegato loro la bellezza del mestiere di giornalista, ma anche le difficoltà che si incontrano quando si decide di intraprendere questa strada.

E’ stato un confronto positivo e costruttivo al termine del quale abbiamo regalato ad ogni alunno e alle docenti presenti la rivista che Sicilia Oggi Notizie ha realizzato in occasione del Vinitaly 2019.

“Storia di un avvocato”, presentazione a Marsala dell’ultimo libro di Fabio D’Anna

0

Martedì 23 aprile alle ore 18,00, presso il Teatro comunale Eliodoro Sollima di Marsala, si terrà la presentazione di “Storia di un avvocato” (Herald Editore), l’ultimo libro di Fabio D’Anna. La presentazione, realizzata con il patrocinio del Comune di Marsala, sarà condotta da Caterina Cardinale e Renato Polizzi.

Fabio D’Anna



“Storia di un avvocato” narra le vicende di Santo Profani, un avvocato penalista che vive e lavora in Sicilia. Ha una visione ideale della professione forense, che esercita da quasi trenta anni, è incantato dalla seduzione amorosa e ama la letteratura.
Separato non legalmente da Laura, la moglie con cui ha vissuto per quattordici anni e con la quale ha un irregolare e affettuoso rapporto, attraversa una profonda crisi umana e professionale, pur non venendo meno ai suoi doveri.
Una mattina, mentre è atteso per l’arringa finale di un importante processo penale, fa perdere improvvisamente le sue tracce. Da questo evento si snoda un affascinante viaggio che porterà alla scoperta di un uomo e delle sue fragilità.

I proventi derivanti dalla vendita saranno devoluti, per volere dell’autore, alla promozione del progetto di educazione alle legalità “ Carcere, se lo conosci lo eviti”, ideato dalla Cooperativa Infocarcere per la prevenzione del fenomeno del bullismo tra i giovani e nelle scuole.

Fabio D’Anna vive a Marsala, dove svolge la professione di avvocato. Nel 2008 ha pubblicato “Il Marsalese”, ed. Libridine; “All’angolo del tempo” silloge di poesie, per Lulu editore. Nel 2014 “Specchi”, ed. Nulla die. Nel 2016 “Il Marsalese atto secondo”, ed. Tazabeo.

Marsala, rinvenuto il cadavere di Gianni Genna

0

Il corpo senza vita era abbandonato in un terreno in contrada Ciavolotto/Digerbato

E’ ufficiale. Il corpo ritrovato questa mattina in un terreno sterrato in contrada Ciavolotto/Digerbato, è quello di Gianni Genna, il 27enne marsalese scomparso nella notte dello scorso 20 marzo. Il cadavere è stato rinvenuto a circa un chilometro dal locale notturno in cui è stato avvistato per l’ultima volta sabato notte insieme ad un gruppo di amici. Sul volto del giovane i segni di un’aggressione, alcune parti del viso erano infatti tumefatte; sul corpo aveva gli stessi indumenti indossati la notte della sua scomparsa. A ritrovarlo sono stati i Vigili del Fuoco, insieme ai finanzieri e ad un volontario della Protezione Civile.

“Un”altra tragica notizia ha colpito la nostra città – ha dichiarato il sindaco di Marsala Alberto Di Girolamo. È stato ritrovato il cadavere del giovane Giovanni Genna scomparso sabato scorso. Attendiamo il proseguo delle indagini per capire le cause di questa morte, ma qualunque esse siano, sta di fatto che a distanza di pochi giorni la nostra Marsala piange la perdita di un altro suo figlio. Sono di ritorno da Verona, ma già stamattina ho subito chiesto al Prefetto un incontro.Sono vicino ai familiari”.

Gianni Genna, che faceva di mestiere il marmista, era uscito da casa con gli amici per trascorrere una serata in un locale noto per essere un “luogo di intrattenimento per soli uomini” meglio conosciuto come “Bocca di rosa” dove si esibiscono spogliarelliste e ballerine di Lap. Gli amici hanno detto di aver lasciato lì Genna e di essere andati via perchè sprovvisti di biglietti. Secondo la loro testimonianza, Genna si era intestardito a volere entrare a tutti i costi.

Concerto del Gen Rosso a Marsala. A maggio tre spettacoli al teatro Impero

0

Al via la vendita dei biglietti per l’atteso concerto dei Gen Rosso -International Performing Arts Group – a Marsala. L’evento musicale si terrà al teatro Impero i giorni 22 e 23 maggio 2019. Dopo gli ultimi tour in Cina, invitati dal governo cinese ed in Giordania invitati dalla Caritas internazionale, per l’alto contenuto educativo del concerto, il concerto sarà aperto agli studenti i giorni 22 e 23, alle ore 9,30, mentre il giorno 23 alle ore 21 è in programma il concerto serale per tutti.

Il concerto life e’ una vera celebrazione alla vita, attraverso un nuovo sound pop/rock, con un file rouge che caratterizza tutto il concerto: l’amore e’ il dna di ogni uomo. “Le sfide tipiche della societa’ di oggi hanno origine da una politica di morte: individualismo, relativismo, disumanizzazione, disuguaglianza, violenza, razzismo. Il nuovo spettacolo del Gen Rosso vuole scendere fino al cuore di queste problematiche rimettendo al centro la vita, proponendo spunti di riflessione e speranza. La musica diventa un contributo importante per migliorare la societa’ se riesce a parlare positivamente ai cuori delle persone”.

Il concerto ha il fine di promuovere, attraverso il linguaggio dell’arte e della musica, la cultura del dialogo,della pace,della legalita’. I concerti sono stati infatti inseriti per la commemorazione di Giovanni Falcone.

Il Gen Rosso-international performing arts group- nasce nel 1966 a Loppiano (Firenze) da un’idea di Chiara Lubich –premio Unesco 1996 per l’educazione alla pace”. L’originale attivita’ del Gen Rosso scaturisce dalla internazionalita’ dei suoi componenti e dall’impegno nel realizzare un mondo piu’ unito  attraverso la musica comunicando  messaggi di pace e fratellanza universale. Dal 2018 il nuovo direttore musicale e’ il marsalese Emanuele Chirco.

Vela, nel Golfo di Mondello la terza prova del Campionato Zonale Laser. Podio per gli atleti della Società Canottieri Marsala

0

Si è disputata nel golfo di Mondello la terza prova del campionato zonale Laser, organizzata dal Circolo della Vela Sicilia. Ottimi i risultati degli atleti della Società Canottieri Marsala, presieduta da Tommaso Angileri, che ancora una volta hanno confermato le loro qualità tecniche posizionandosi nei primi posti delle classifiche di tutte e tre le categorie in gara.

In particolare: secondo posto per Amos Di Benedetto nella classe Olimpica Laser Standard; vittoria femminile e secondo posto assoluto per Giulia Schio nella classe Radial ed ancora secondo posto per Marco Genna nella classe Laser 4.7.

“Ancora un bel balzo in avanti per la nostra flotta  – hanno commentato gli istruttori del settore vela, Enrico Tortorici e Francesco Giacalone – che in Sicilia si conferma tra le più numerose e le più competitive”.

Le variabili condizioni meteo hanno consentito lo svolgimento di due prove su tre per tutte le classi che sono andate in acqua. Il prossimo appuntamento con il campionato zonale Laser sarà ancora una volta a Palermo il prossimo 5 maggio.

Rischi derivanti dall’uso improprio della tecnologia, se ne parla in un convegno a Marsala

0

Un confronto sulle problematiche generate dalla dipendenza da video giochi, con un occhio attento alla “generazione fortnite”, che conta circa 200 milioni di utenti in tutto il mondo, e dagli scenari dei social network.

I ragazzi del movimento “Amici per Cultura” stanno organizzato il convegno dal titolo “Dipende da come lo usi (se c’è qualcuno che ti aiuti)”, che si terrà il 15 marzo 2019, alle ore 17.30, all’Auditorium Santa Cecilia di Marsala.

Giovani e Adulti a confronto per un uso più sano dei media, grazie al supporto di esperti che relazioneranno sui rischi derivanti dalla dipendenza da tecnologia, ma anche sugli aspetti positivi di una sana educazione digitale.

In particolare, i relatori saranno: Anna Maria Angileri, Dirigente Scolastico del Liceo Pasico-Pedagogico “Pascasino”; Rita Chianese, psicologa e psicoterapeuta, nonchè presidente dell’associazione Onlus “Il Germoglio”; Chiara Musillami, pedagogista; Emanuele Domingo, referente dell’associazione “Fab Lab Western Sicily”; Don Alessandro Palermo, specializzato in comunicazione pastorale e ideatore della realtà “Amici per Cultura”. A moderare il convegno sarà la giornalista Roberta Matera.

Pari opportunità e rispetto delle regole, se ne parla domani al convegno “Donne portatrici di legalità”

0

La Camera Civile di Marsala, presieduta da Nino Alabiso, insieme all’Osservatorio per la giustizia civile, ha organizzato il convegno dal titolo “Donne portatrici di legalità”. L’evento, realizzato con il patrocinio del Comune di Marsala, del Tribunale e dell’Ordine degli Avvocati, si terrà domani pomeriggio, 8 marzo alle ore 16, nella sala conferenze del Complesso San Pietro.

“Recuperare il senso delle regole – ci ha detto il presidente della Camera Civile Nino Alabiso – ed esortare ogni componente della società odierna a compiere il proprio dovere fino in fondo, al fine di proseguire tutti insieme verso il vero progresso delle pari opportunità. E’ questo lo scopo del convegno che proponiamo e che vuole essere da spunto per una riflessione più ampia che parta dalla possibilità concreta che ognuno di noi possa prendere coscienza del fatto che può realmente contribuire allo sviluppo della società attraverso il rispetto delle regole. Questo progresso civile si può raggiungere soltanto con l’impegno e la collaborazione di tutti noi. L’importanza del ruolo delle donne – conclude l’avv. Alabiso – viene evidenziata da una serie di esempi positivi nell’ambito familiare e in quello lavorativo”.

Interverranno al convegno: la presidente del Tribunale Alessandra Camassa; l’assessore alle politiche sociali e culturali Clara Ruggieri; il giudice Annalisa Amato; l’ispettore superiore della Polizia di Stato Biagia Bevilacqua; la psicologa giuridico forense Maria Cristina Passanante, l’avv. Maika Giacalone. Coordinerà il presidente della Camera Civile, Nino Alabiso. Porteranno i saluti di indirizzo il Sindaco di Marsala e il presidente dell’Ordine degli avvocati.

“Rugby nei parchi” fa tappa a Marsala. Il 23 Marzo tutti i bambini sono invitati al parco della Salinella

0

 “Rugby nei Parchi” è una manifestazione pensata per i bambini dai 5 ai 12 anni e per le loro famiglie. Giunto all’ottava edizione, questo progetto, organizzato da Asd Scuola Rugby Marsala “I Fenici” – partner e responsabili di tappa -, è sempre riuscito ad avvicinare grandi e piccini al rugby permettendo loro di vivere e riscoprire le aree verdi della propria città.

I bambini potranno imparare a conoscere i valori di cui, tradizionalmente, si fa portavoce il rugby: rispetto, spirito di squadra, altruismo. L’appuntamento è al Parco della Salinella il 23 marzo 2019, alle ore 15. Basta un semplice abbigliamento sportivo ed essere accompagnati dai genitori. Ci saranno giochi, merende e tante sorprese, con il supporto degli istruttori professionisti della Scuola Rugby “I Fenici” che, sempre spinti da una infinita passione per questo sport, vogliono promuove iniziative come questa con lo scopo di garantire a tutti i bambini e i ragazzi il diritto allo sport.

A Marsala il seminario “Il cittadino, l’avvocato, il giudice e la giustizia civile: com’è e come vorrebbero che fosse”

0

Giovedì 28 febbraio 2019, alle ore 16,00, nell’Aula Borsellino del Tribunale di Marsala si terrà il seminario dal titolo ” Il cittadino, l’avvocato, il giudice e la giustizia civile: com’è e come vorrebbero che fosse”. L’evento sarà presieduto dal presidente del Tribunale di Marsala, dott.ssa Alessandra Camassa. Dopo i saluti del presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati, Gianfranco Zarzana, del presidente della Camera Civile di Marsala, Nino Alabiso, e del presidente dell’associazione avvocati della Valle del Belice, Francesca Leone, relazioneranno: dott. Michele Ruvolo, presidente della Sezione Civile del Tribunale di Marsala; avv. Nino Alabiso, presidente della Camera Civile di Marsala; e infineil giornalista Giacomo Di Girolamo.

La cittadinanza è invitata a partecipare.

Tutto pronto per lo spettacolo “CIAK…. SI SUONA”, in scena venerdì al teatro Sollima di Marsala

0

Si avvicina lo spettacolo di esordio della neo associazione marsalese “Eventando”, di Rossella Ingrassia. Venerdì 1 marzo, alle ore 21.30, andrà in scena al teatro Eliodoro Sollima lo spettacolo “CIAK…. SI SUONA” , un viaggio di emozioni che accompagnerà lo spettatore nel mondo del cinema attraverso immagini e musica. Un’atmosfera unica ricreata dall’esecuzione dal vivo con sax, clarinetto, pianoforte e dalle video-proiezioni degli stessi film. Un’occasione per rivivere sensazioni speciali, ricordi piacevoli legati ai film che hanno fatto la storia del cinema.

Si esibiranno sul palco del tetro Sollima: Nino Carriglio al Clarinetto e Sax e Daniela Irienti al Pianoforte. Biglietti solo su prevendita.

https://www.facebook.com/events/2001382496828494/?ti=cl

Mazara del Vallo. La chiesa di San Francesco chiusa per lavori

0

La chiesa di San Francesco d’Assisi a Mazara del Vallo è chiusa per lavori. In particolare la Diocesi dovrà intervenire per rimuovere alcuni oggetti che negli anni sono stati sistemati all’interno della chiesa. Lo scorso aprile funzionari e tecnici della Soprintendenza e della Prefettura (la chiesa è di proprietà dello Stato, precisamente del Fondo edifici di culto presso il Ministero dell’Interno) hanno effettuato un primo sopralluogo, dopo alcune segnalazioni fatte alla stessa Soprintendenza e alla Diocesi. Già in quell’occasione don Nicola Misuraca, rettore della chiesa, era stato invitato a rimuovere gli oggetti. A dicembre è avvenuto un secondo sopralluogo e i funzionari di Soprintendenza e Prefettura hanno riscontrato la stessa situazione accertata ad aprile ma anche la presenza di ulteriori elementi anche architettonici ornamentali in gesso. In seguito a ciò il Vescovo ha deciso di chiudere temporaneamente l’edificio sacro, per ottemperare alle richieste ripetute della Soprintendenza. È, infatti, interesse di tutti salvaguardare la chiesa di San Francesco d’Assisi, ritenuta la più bella di Mazara del Vallo, proprio per la spettacolarità degli affreschi e degli elementi in bassorilievo sulle navate, nonché statue in stucco di scuola serpottiana, dipinti in tela del XVII e XVIII secolo e sculture lignee del XVIII secolo, tutte opere catalogate dalla nostra Soprintendenza. «La chiesa sarà riaperta ultimati questi lavori e dopo ulteriore sopralluogo della Soprintendenza»assicura il Vescovo. 

Basket serie D: la Nuova Pallacanestro Marsala vince a Cefalù

0

Torna in campo la prima squadra della società che rappresenta il basket lilybetano in serie D. I ragazzi di coach Grillo affrontano in quel di Cefalù lo Zannella Basket. Avversario temibile, che la Pallacanestro Marsala aveva già battuta nel turno di andata, fra le mura del PalaMedipower, lo scorso 28 novembre.

Un primo quarto combattuto, in cui le squadre mettono sul parquet tutta la voglia di vincere il match. Nel secondo periodo di gioco le squadre combattono ancora come se fossero appena scese in campo. Si va alla pausa lunga sul 31 – 35 per i marsalesi. Ma l’assenza di Terrasi, uomo di punta dello Zannella, si fa sentire dal terzo quarto in poi. Al crollo degli avversari, si aggiungono gli ottimi tiri dalla distanza dei lilybetani. La gara termina col risultato finale di 59 a 75. La classifica rimane corta con Svincolati e Fortitudo al comando, seguite da Gm Basket e poi da un gruppo di squadre a quota 16, tutte in bilico fra play-off e play-out. Il prossimo impegno per Capitan Frisella e compagni sarà contro Orizzonte Palermo, fanalino di coda di una classifica ancora imprevedibile..

Elezioni Amministrative 2019: inizio traballante per il Comune di Castelvetrano, dichiarato in dissesto finanziario

0

A seguito di una Delibera della Commissione Straordinaria, che amministra da quasi due anni il Comune di Castelvetrano, è stato dichiarato il dissesto finanziario.  La notizia è arrivata in un momento estremamente delicato per i cittadini, che si stanno preparando per la prossima tornata elettorale, che annovera Castelvetrano tra i 34 Comuni siciliani che il 28 aprile saranno chiamati alle urne per rinnovare i propri organi elettivi.

La dichiarazione di dissesto era prevedibile vista l’approvazione da parte della Commissione del rendiconto riferito all’anno 2017, su cui gravava un disavanzo d’amministrazione di oltre 27 milioni di euro. In una relazione degli uffici finanziari, di fatto, sono elencati i principali fattori che hanno determinato la crisi di liquidità. In particolare, si tratta di 50 decreti ingiuntivi per un valore di 5 milioni di euro, fino alla “bassa riscossione nell’ambito della gestione del servizio rifiuti e del servizio idrico integrato” ma anche la “bassa riscossione dell’Ici/Imu” e dalla “non congruità dei fondi accantonamenti”.

Come si ricorderà, lo scioglimento era arrivato nel giugno del 2017 e aveva bloccato lo svolgimento delle elezioni proprio pochi giorni prima delle votazioni per il nuovo sindaco. La Commissione di indagine aveva appurato l’esistenza di collegamenti tra la mafia e l’amministrazione comunale di Castelvetrano e quindi fu costretta a dichiarare lo scioglimento della macchina amministrativa.

A Castelvetrano si voterà quindi il prossimo 28 aprile e di sicuro il nuovo sindaco, insieme alla sua Giunta, dovrà fare i conti con una complessa gestione del bilancio corrente e con un preannunciato “squilibrio strutturale per il 2019” a causa di mancate entrate non ripetitive per circa 2 milioni di euro e per maggiori spese strutturali del 2019 pari a oltre 1 milione e mezzo, per un totale di 3,7 milioni di euro.

Società Canottieri Marsala: Michele Adorni e Alberto Incarbona sul podio della seconda tappa del Campionato zonale Optimist

0

Ancora successi per la squadra di vela della Società Canottieri Marsala. Un altro importante traguardo è stato raggiunto durante il fine settimana appena trascorso nelle acque di Marina di Ragusa. In occasione della seconda tappa del Campionato della Settima Zona FIV, riservato alla classe Optimist, gli atleti della società Canottieri, diretti dai coach Enrico Tortorici e Francesco Giacalone, hanno portato a casa due splendide vittorie.  Dopo aver disputato delle ottime prestazioni, sono saliti sul podio: Michele Adorni, vincitore assoluto per la categoria Juniores, e Alberto Incarbona, terzo classificato Juniores. Assente il campione marsalese Giulio Genna, impegnato a Bari per un allenamento con la squadra Nazionale.

“Una bella giornata – ha spiegato l’istruttore Enrico Tortorici -, caratterizzata da un vento medio proveniente da nord-ovest, ci ha permesso di disputare le tre prove in programma. Scorrendo le prime sette posizioni della classifica, troviamo solo atleti della società Canottieri Marsala e del circolo nautico di Catania, di cui sono stato responsabile per più di dieci anni. Sicuramente vedere i miei ex allievi darsi battaglia con i miei nuovi atleti mi emoziona molto, sopratutto quando sono questi ultimi a vincere”.

Prossimo appuntamento per la Societa Canottieri Marsala già il prossimo weekend con ben due manifestazioni: la prima Italia Cup in Liguria che vedrà impegnati gli atleti della classe laser, e la prima tappa del trofeo optisud a Napoli dove parteciperanno alcuni atleti della classe optimist.

Conclusa la prima regata nazionale 29er a Sferracavallo. A Villa Niscemi serata dedicata alla vela e alla promozione del territorio

0

L’associazione ASD C. Contro Corrente, il cui presidente è la marsalese Luisa Tumbarello, è stata partner dell’evento organizzato dal Circolo Velico di Sferracavallo a Villa Niscemi in occasione della prima regata del campionato nazionale di vela della classe 29er, in programma dall’ 1 al 3 febbraio. Presenti ben 49 equipaggi, disputate otto prove in condizioni ideali di vento e mare, presenti rappresentanze dalla Russia e da Malta.

E’ stato momento conviviale offerto dal consorzio FLAG “Golfi di Castellammare e Carini”, con un menù tipico del territorio siciliano e la degustazione di prodotti e piatti appartenenti alla tradizione culinaria palermitana.

Un bilancio più che positivo per una serata che ha catalizzato l’attenzione di Giuseppe Giunchiglia, presidente del circolo velico di Sferracavallo, e di Pietro Puccio, presidente del Flag “Golfi di Castellammare e Carini”, i quali si sono impegnati ad investire nuovamente nel settore della vela anche per i prossimi anni con attività ed iniziative volte alla promozione dell’ambiente marino in tutte le sue forme.

AVIS Marsala 2018: “Dati confortanti, ma tanto lavoro ancora per far crescere la sensibilità a donare”

0

Dati confortanti quelli presentati nel primo Consiglio direttivo 2019 dalla presidente dell’Avis Marsala. Isabella Galfano, però, nella sua relazione esprime anche molta amarezza per una “sensibilità alla donazione che stenta a crescere”, malgrado ci sia una potenziale platea di donatori quantificati in oltre 50 mila cittadini (“quelli maggiorenni, fino a 65 anni d’età” ), di cui solo 1411 sono i donatori: fortunatamente, un incremento di quasi 100 rispetto al 2017. In più, sono aumentate le sacche di sangue (n.1930, circa 160 in più rispetto al 2017), il che significa che ci sono donatori che contribuiscono alla raccolta di sangue con due ed anche tre donazioni l’anno. Tra i dati positivi, anche le candidature: sono stati 439 (+13) i cittadini che nel 2018 si sono sottoposti al test (un semplice prelievo di sangue) per diventare donatori. “Spesso, afferma la presidente Galfano, dopo la prima donazione registriamo l’abbandono. Ecco, su questo occorre un maggiore impegno di noi volontari, soprattutto coinvolgendo i cittadini nell’attività associativa e incrementando gli incontri negli Istituti superiori”. Ne è convinto anche Nunzio Ragona, medico coordinatore Avis, che nella sua relazione sanitaria sottolinea che“siamo tutti chiamati a dare di più per incrementare il numero dei donatori, tenuto conto che i segnali positivi ci sono”. Il riferimento è anche all’incremento dei giovani donatori (quasi 30 in più nella fascia d’età 18/25) che delle donatrici (+50). Volendo tracciare un identikit del donatore marsalese, sono sempre gli uomini a primeggiare (1057; le donne 354); la fascia d’età che più dona si conferma – per entrambi i sessi – tra 46 e 55 anni; il gruppo sanguigno prevalente è lo 0 positivo, seguito da A+ e B+. Infine, nel 2018, il mese in cui si è donato di più è stato Ottobre, con il mese di Agosto che – prima sempre fanalino di coda, essendo in periodo estivo  – si piazza al secondo posto.

Società Canottieri Marsala: Giulia Schio e Lorenzo Caputo sul podio della seconda tappa del Campionato Zonale Laser

0

Un weekend ricco di soddisfazioni per la squadra Laser della Società Canottieri Marsala. Le acque di Marina di Ragusa hanno ospitato la seconda tappa del Campionato Zonale FIV, permettendo di disputare ben tre prove, al termine delle quali Giulia Schio è riuscita a guadagnarsi il secondo posto assoluto in classifica e il primo posto femminile nella classe Laser Radial, mentre il giovane Lorenzo Caputo ha scavalcato i suoi avversari dimostrando un’ottima preparazione tecnica, che gli ha permesso di chiudere meritatamente la regata al secondo posto in classifica generale nella classe Laser 4.7.

Dietro questo risultato c’è un grande lavoro fatto di allenamenti a terra e in acqua da parte di tutta la squadra, che ogni giorno lavora insieme ai tecnici della Società Canottieri, Enrico Tortorici e Francesco Giacalone. Nel giro di un anno, le flotte Laser 4.7 e Optimist sono diventate le più numerose della Sicilia.

Il prossimo appuntamento con il Campionato Zonale sarà il 24 marzo a Palermo, mentre il 15 febbraio la squadra Laser della Società Canottieri sarà impegnata nelle acque di Andora per partecipare alla prima Italia Cup.

Tentata rapina a distributore Esso. 32enne arrestato dai Carabinieri

0

Su disposizione della Procura della Repubblica di Catania, i Carabinieri della Compagnia di Acireale (CT) hanno arrestato il catanese C.P. di anni 32, in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal G.I.P. del Tribunale etneo in ordine al reato di rapina aggravata in concorso.

Il 26 ottobre 2018, in piena notte, un commando formato da quattro individui con i volti coperti da  passamontagna, fece irruzione nel Bar-Tabacchi della stazione di servizio ESSO ubicata in Acireale, via Alcide de Gasperi, minacciando il dipendente di aprire il box blindato dov’era installata la cassaforte. L’impiegato, riuscendo a chiudersi proprio dentro la stanza blindata, mentre i rapinatori tentavano di attivare una smerigliatrice per aprire il box, riuscì a dare l’allarme ai carabinieri circostanza che intuita dai malviventi <<andiamo via ha chiamato i carabinieri!>> li mise in fuga.        

Sul posto giunse subito dopo una pattuglia del Nucleo Radiomobile che, visionando le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza,  oltre ad osservare che i quattro rapinatori erano fuggiti a bordo di una Fiat Panda di colore bordeaux, ne annotarono le fisionomie.        

Elementi oggetto della nota di ricerche diramata dalla centrale operativa alle diverse pattuglie attive sul territorio, utili ai militari di Aci Catena (CT) che in quel comune, all’incrocio tra le vie Santi Elena e IV Novembre, intercettarono una Fiat Panda di colore grigio con quattro persone a bordo che, alla vista dei militari, fuggì. Ne scaturì un concitato inseguimento finito in via Consolazione, luogo in cui i criminali abbandonarono l’autovettura facendo perdere le loro tracce nelle campagne circostanti.

In terra ed all’interno dell’autovettura, gli investigatori recuperarono degli indumenti (felpe, maglioni,  passamontagna e guanti in lattice) che erano identici a quelli indossati dai quattro malviventi durante la commissione del reato.

Nel frattempo venne ritrovata anche la Fiat Panda di colore bordeaux, rubata ad Aci Catena il giorno precedente, mentre quella di colore grigio risultò di proprietà proprio del 32enne, che cercato quella notte nella sua abitazione da una pattuglia del Nucleo Radiomobile del capoluogo etneo, non si trovò perché, come riferirono i familiari, era uscito intorno alla mezzanotte per comprare le sigarette senza farvi rientro.

Un quadro probatorio che, consolidato da ulteriori approfondimenti investigativi svolti dagli uomini del Nucleo Operativo di Acireale, non  ha lasciato alcun dubbio al giudice il quale, accogliendo la richiesta della Procura, ne ha ordinato l’arresto e la sottoposizione agli arresti domiciliari con dispositivo di controllo elettronico.   

Tentata rapina al distributore Esso di Acireale. 32enne arrestato dai Carabinieri

Il 26 ottobre 2018, in piena notte, un commando formato da quattro individui con i volti coperti da passamontagna, fece irruzione nel Bar-Tabacchi della stazione di servizio ESSO ubicata in Acireale, via Alcide de Gasperi, minacciando il dipendente di aprire il box blindato dov’era installata la cassaforte. L’impiegato, riuscendo a chiudersi proprio dentro la stanza blindata, mentre i rapinatori tentavano di attivare una smerigliatrice per aprire il box, riuscì a dare l’allarme ai carabinieri circostanza che intuita dai malviventi <<andiamo via ha chiamato i carabinieri!>> li mise in fuga.

Pubblicato da Sicilia Oggi Notizie su Venerdì 1 febbraio 2019

Convegno Camera Penale di apertura del corso di formazione sulla legge Spazzacorrotti

0

Ieri 31 gennaio  é stato inaugurato il IV’ Corso di formazione della Camera Penale di Marsala, alla presenza del Prof. Giorgio Spangher, già preside dell’università la “Sapienza” di Roma, il Dr. Vito Marcello Saladino, Presidente della sez. Penale del Tribunale di Marsala e il dr. Vincenzo Pantaleo, Procuratore della Repubblica. Dopo le belle parole avute, dagli ospiti,  per le  iniziative formative organizzate dalla Camera Penale, in questi anni e nell’anno in corso,  presieduta dall’avv. Giacomo Frazzitta, il Prof. Spangher,  Dr. Saladino e l’avv. Frazzitta,  hanno affrontato le tematiche sottese alla c.d. legge “Spazzacorrotti” entrata in vigore proprio ieri 31 gennaio . Tutti si sono trovati d’accordo, magistrati, accademici e avvocati sul fatto che  la nuova disciplina della prescrizione, la cui operatività é prevista dal 2020, non risolve il problema della giusta durata dei processi, anzi rischia, secondo l’avvocatura, di peggiorare le condizioni attuali   .Sulla legge “spazzacorrotti” si sono valutati tanti aspetti, ma, soprattutto, che per l’  incensurato, condannato con una pena superiore a 2 anni, si apriranno le porte del carcere, poichè i reati contro la P.A. sono stati inseriti tra i reati che con potranno beneficiare di misure alternative, come l’affidamento in prova o la detenzione domiciliare . L’avv. Giacomo Frazzitta, presidente della Camera Penale, insieme al Vicepresidente F.sco Moceri, organizzatore dell’evento, si sono detti soddisfatti della partecipazione dei colleghi e dei magistrati e soprattutto, determinati a portare avanti il IV’ Corso di formazione che vedrà tra gli altri un altro importante evento  a marzo con la presenza del Prof. Vittorio Manes, del Dr. Bernardo Petralia e dl Presidente nazionale dei penalisti l’avv. Giandomenico Caiazza.

Da Marsala a Sanremo per curare il look degli artisti del Festival. Angela Palumbo hairstylist ufficiale di Area stile

0

Da Marsala a Sanremo per curare il look degli artisti che si esibiranno sul palco della 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana. 

E’ questa la nuova avventura professionale cui sta per prendere parte Angela Palumbo, hairstylist ufficiale di Area stile, in partenza per la prestigiosa manifestazione canora dopo aver partecipato a Milano, nei giorni scorsi, a un backstage per la formazione comportamentale organizzato in vista dell’evento. 

Angela Palumbo, esperta marsalese nel settore dell’hairstylist, sarà presente all’interno degli spazi dell’Hotel Royal, assieme ai migliori esperti make up, moda e hair stylist, a disposizione delle star partecipanti alla kermesse musicale, dalle 9.30 del mattino fino alle ore 19. 

Nella Sala Ranuncolo dell’Hotel, nei giorni del Festival, si alterneranno sessioni di maquillage e acconciature, interviste tv e radio, angoli di relax con cibo e vino ad uso esclusivo degli ospiti invitati o muniti di pass. 

“Orgogliosa ed emozionata di partecipare all’atteso e seguitissimo evento nazionale, rappresentando peraltro la mia città – dice Angela -. Ho più volte, negli anni,  preso parte a fiere e saloni dedicati alle ultime tendenze moda capelli, sia nazionali che internazionali, e a programmi televisivi di successo, tra cui “Detto Fatto” in onda su Rai 2, ma certamente il Festival di Sanremo è una tappa particolarmente significativa che mi arricchirà professionalmente e per la quale metterò a disposizione tutte le mie competenze e la mia passione”.

“La non autosufficienza in Italia: realtà esistente e prospettive di soluzione”, domani convegno dell’Agenzia Generali Marsala Undici Maggio

0

L’aumento dell’età media della popolazione ha provocato l’insorgere di una serie di problematiche legate alla non autosufficienza. Da qui nasce l’esigenza di affrontare una riflessione con esperti del settore che sappia cogliere tutte le opportunità offerte e le possibili soluzioni per assicurare servizi sociali e sanitari più efficienti.

L’Agenzia Assicurativa Generali di Marsala Undici Maggio ha organizzato il convegno dal titolo: “La non autosufficienza in Italia: realtà esistente e prospettive di soluzione”, che si terrà domani, 2 Febbraio, alle ore 17.30 presso la sala ricevimenti Villa Favorita di Marsala.

Al convegno sarà ospite la psichiatra Donatella Marazzitti, l’agente Generale Davide Gulino, l’assistente sociale del Distretto Socio Sanitario n.52, Mariella Mauceri, e la dott.ssa Linda Gulino nel ruolo di moderatrice.

L’invito è rivolto a tutta la cittadinanza.

L’Agren Fly Volley riprende in trasferta contro Canicattì. Ritorno favorevole per le partite in casa

0

Un riposo utile a ricaricare le pile per affrontare una partita che metterà a dura prova le ragazze dell’Agren Fly Volley contro la prima in classifica Natì Volley in trasferta a Canicattì, domenica 3 febbraio. “Le avversarie che hanno affrontato un campionato decollando sulla vetta della classifica e mirano a mantenere la posizione fino alla fine, per cui l’Agren affronterà la gara con consapevolezza e per testare ancora un banco di prova” – dichiara il presidente Roberto Marino. “Questa avventura sportiva è iniziata per pura passione ed è stata sempre in continua evoluzione e crescita; abbiamo puntato sul divertimento e sulla socializzazione e questo per noi è già il primo grande obiettivo raggiunto”.

            Un elemento favorevole per questo ritorno di campionato sta nel fatto che le dirette squadre avversarie, come Zafferana, San Cataldo e Castelvetrano saranno affrontate in casa e l’Agren Fly Volley ha più volte mostrato maggiore sicurezza sul campo del Panatletico.

Picchiava la moglie davanti ai figli: albanese arrestato a Biancavilla dai Carabinieri

0

I Carabinieri della Stazione di Biancavilla (CT) hanno arrestato nella flagranza un albanese di 46 anni, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e minacce aggravate reati commessi nei confronti della moglie, una connazionale di 42 anni. 

Nel pomeriggio dello scorso 25 gennaio l’uomo, dopo essersi ubriacato al bar, è rientrato in casa e alla presenza del figlio di sette anni, senza alcuna ragione plausibile ha iniziato ad inveire contro la moglie ed il figlio maggiorenne tentando di colpire con la bombola del gas proprio quest’ultimo.

La donna, istintivamente, per proteggere il figlio ha bloccato l’aggressore che ha reagito tirandole i capelli e colpendola con schiaffi e pugni in diverse parti del corpo.

La vittima, terrorizzata, è fuggita di casa per poi recarsi all’Ospedale di Biancavilla da dove ha  chiesto aiuto ai Carabinieri che l’hanno raggiunta al pronto soccorso constatando nell’immediato che la stessa presentava un grosso ematoma alla regione zigomatica, poi riscontrato dai medici che nel referto indicavano una prognosi di 8 giorni. Accompagnata la donna in caserma, i militari si sono messi alla ricerca dell’aggressore, rintracciato e bloccato proprio mentre faceva rientro nella sua abitazione.

La donna sentendosi finalmente al sicuro ha deciso di denunciare il coniuge raccontando di violenze e prevaricazioni patite in questi ultimi anni che hanno messo in serio pericolo la sua incolumità e, indirettamente, quella dei suoi figli. Da circa tre anni si è trasferita in Italia per ricongiungersi con il coniuge, sposato 23 anni fa, da cui ha avuto quattro figli di cui tre ancora minorenni.

Il marito, senza un’occupazione fissa, l’ha costretta ad andare a lavorare come badante e collaboratrice domestica, così come con la figlia di 16 anni (impegnata anche a frequentare una scuola serale) e il primogenito, sperperando il denaro al bar con gli amici da dove ogni volta ritorna ubriaco per vessare la poveretta, senza curarsi affatto dei vocaboli utilizzati per offenderla alla presenza dei figli. Insulti che nella maggior parte dei casi sfociavano in minacce di morte e percosse.

Circostanze avvalorate dai Carabinieri che in ospedale hanno acquisito altri referti riguardanti la donna che, pur non avendo mai denunciato aggressioni, era stata più volte medicata per delle lesioni riconducibili agli atti di violenza subiti.                   

L’arrestato, su disposizione del magistrato di turno, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza dove, dopo la convalida da parte del G.I.P. del Tribunale etneo, permane in custodia cautelare.    

Palermo. Carabinieri e Guardia Costiera sequestrano 265 chili di prodotti ittici. Devoluti in beneficenza

0

I Carabinieri delle Compagnie di Palermo Piazza Verdi e San Lorenzo, supportati da personale della locale Guardia Costiera, hanno controllato nei quartieri Brancaccio, Uditore e Crispi, ben otto tra venditori ambulanti ed esercizi commerciali della filiera dei prodotti ittici.

Il servizio di controllo finalizzato alla tutela ed alla salute della cittadinanza ha permesso di sequestrare complessivamente 265 chili di prodotti ittici che a seguito di controlli e verifiche dei veterinari dell’ASP sono stati devoluti in beneficienza.

Le ispezioni hanno accertato che i menzionati vendevano tali alimenti privi di etichettatura e tracciabilità. Inoltre i Carabinieri hanno elevato, complessivamente, sanzioni amministrative per un importo di 17.000 euro.

Piano estumulazioni al Cimitero di Mazara

0

Aggiudicati in via provvisoria i lavori per il padiglione 11

Sono stati aggiudicati, in via provvisoria, i lavori di estumulazione del reparto n.11 del cimitero comunale di Mazara del Vallo. Ad aggiudicarsi la gara l’impresa edile Anastasi Leonardo che ha effettuato un ribasso del 46,9999 % su un importo a base d’asta di €. 70.526,22 .

Sono in corso intanto i lavori per le estumulazioni ordinarie del reparto 10 al Cimitero Comunale da parte della ditta Giacalone Gaspare di Mazara del Vallo. Complessivamente, entro il mese di Marzo 2019, verranno liberati 750 loculi che consentiranno di superare le criticità in materia di sepolture.

Progettista e Responsabile Unico del Procedimento l’ing. Pietro Calandrino, direttore dei Lavori il geom. Alberto Gancitano, entrambi dell’Ufficio tecnico comunale.

Ambiente e Integrazione a Trapani con il progetto “Un mare di differenze”. In arrivo studenti da Spagna e Slovenia

0

Dal 1̊ al 3 febbraio la Città di Trapani sarà teatro dell’iniziativa “Un mare di differenze”. Nel corso di questi due giorni, circa 25 studenti provenienti da Italia, Spagna e Slovenia, a cui si uniranno alcuni studenti del liceo “Fardella-Ximenes” e un gruppo di migranti della cooperativa Solidalia, si dedicheranno alla pulizia di alcuni luoghi del centro storico di Trapani in due diversi appuntamenti: Venerdì 1̊ Febbraio alle ore 9.00 presso l’area di Piazza Ex Mercato del Pesce, mentre Sabato 2 Febbraio dalle ore 8.30 alle 11.30 a Porta Ossuna. Ad accompagnare i giovani in questa iniziativa, organizzata in collaborazione con il Comune di Trapani, ci saranno i rappresentanti della Indiana University, mentre sabato sarà presente anche ilConsole Americano per la Stampa e la Cultura Shawn Baxter, in servizio presso il Consolato Generale USA di Napoli.L’iniziativa si inserisce nell’ambito del Youth Leadership Program, un programma di scambio del Dipartimento di Stato USA che grazie al sostegno del Consolato degli Stati Uniti di Napoli e alla Indiana University ha permesso a sei studenti del Sud Italia di trascorrere quattro settimane negli Stati Uniti lo scorso mese di agosto.Scopo del programma YLP è quello di sviluppare l’impegno civico e le capacità di leadership, per far sì che i giovani possano incidere positivamente sul futuro delle rispettive comunità. Dopo l’esperienza negli USA, gli studenti hanno così presentato i propri progetti di partecipazione civica: il più votato da parte degli studenti italiani, sloveni, spagnoli e dai rispettivi docenti è stato il progetto “Un mare di differenze”proposto da Asia Silvestri, del Liceo Fardella-Ximenes di Trapani.L’obiettivo dell’iniziativa è quello di affiancare la tematica dell’integrazione a quella della tutela ambientale tramite l’attività di recupero di due dei più significativi luoghi del centro storico cittadino con il coinvolgimento di un gruppo di migranti. Il programma si concluderà con la cena presso l’Osteria Sociale SAMAN, un ulteriore momento di integrazione e condivisione tra tutti i partecipanti.

A Mazara del Vallo la prima regionale del Musical “Cavalleria Rusticana”

0

E’ iniziato il countdown per la prima regionale, a Mazara del Vallo, del Musical “Cavalleria Rusticana”, prodotto e diretto dal regista campobellese Piero Indelicato. Lo spettacolo andrà un scena, il 7, l’8 e il 10 febbraio al teatro Rivoli.

Nutrito il cast tra cui figurano, oltre allo stesso Piero Indelicato, Girolamo Cristaldi, Irene Bonanno, Dario Vallone, Lory Fontana, Carmela Gancitano, Anna Attademo, Serena Sciuto e il giovanissimo Valerio Indelicato, promessa del teatro italiano. E più di 30 figuranti, con le partecipazioni straordinarie di Silvia Dolores, Francesca Impallari e Noemi del Pianta. Le musiche sono dirette dal Maestro Ciccio Accardo. Il Musical, che si attesta come l’evento teatrale di questo nuovo anno, rappresenta un ennesimo lavoro cui Piero Indelicato ha dedicato le sue energie artistiche dopo aver messo su un’attività teatrale finanziata con i fondi anti usura. Indelicato, infatti, è vittima di usura e ha deciso di destinare l’aiuto ricevuto dallo Stato al teatro, trasformando in lavoro quello che prima era solo un hobby. Dopo la fortunata rassegna dello scorso anno, tra Mazara del Vallo, Campobello e Castelvetrano, adesso, dunque, si ricomincia con  un “classico” della drammaturgia siciliana per la cui preparazione il cast è al lavoro con grande armonia. Il 7 e l’8 febbraio lo spettacolo andrà in scena alle ore 21, mentre il 10 febbraio alle ore 18.00. Il prezzo del biglietto è di 10 euro.  Per informazioni e prenotazioni si può chiamare al 3272006545.

Al via un percorso formativo sullo sport della vela nelle scuole, organizzato dall’associazione marsalese “Contro Corrente”

“Realizzazione e promozione di una rete di attività per la valorizzazione eco-turistica dell’ambiente marino e costiero – Azione 2.B1”, il consorzio FLAG “Golfi di Castellammare e Carini” promuove attraverso l’ASD e C. Contro Corrente, il cui presidente è la marsalese Luisa Tumbarello, un percorso formativo-sportivo per l’apprendimento di nozioni di “Vela” rivolto alle scuole del territorio. Il progetto prevede la collaborazione con il  “Centro Velico di Balestrate”, la “Lega Navale di Castellammare del Golfo” e il “Centro Velico di Sferracavallo”, quest’ultimo organizzatore della prima regata del campionato nazionale di vela della classe 29er in programma dall’ 1 al 3 febbraio prossimi. L’associazione ASD e C. Contro Corrente (partner dell’evento grazie alla collaborazione con il “Centro Velico di Sferracavallo”) organizza per l’occasione a Villa Niscemi una degustazione di prodotti tipici locali. Un momento conviviale per puntare l’attenzione su sviluppo del territorio e rispetto dell’ambiente. Prevista la presenza dei partecipanti alla regata, dello staff tecnico e dei vertici del FLAG “Golfi di Castellammare e Carini”.
L’appuntamento è in programma sabato 2 febbraio a partire dalle ore 20.00.

Sindaco Cristaldi: “Il Rifugio Sanitario di Mazara del Vallo è una bella realtà”

0

“Il rifugio sanitario di Mazara del Vallo è una piccola grande soddisfazione per tutta la nostra comunità. Una bella realtà dove gli animali ospitati vengono trattati con ‘umanità’ grazie all’ottimo lavoro svolto dal responsabile del Rifugio, il commissario Filippo Passanante e da tutto lo staff comunale che ruota attorno alla struttura e ai volontari dell’ENPA, guidati dalla presidente Loredana Zummo. Attualmente il nostro rifugio ospita circa 80 cani, una struttura che è diventata piccola per la nostra realtà, per questo motivo ho dato incarico al Comandante della Polizia Municipale Coppolino, dirigente del settore, e all’ufficio tecnico comunale di predisporre un progetto per l’ampliamento della struttura e la sua trasformazione in un vero e proprio canile”.

Lo ha detto il sindaco di Mazara del Vallo, on Nicola Cristaldi, nel corso di una visita al Rifugio Sanitario della Città dove attualmente sono ospitati 79 cani.

Il Rifugio, ubicato in Via Rosario Ballatore, è gestito da personale comunale sotto la guida del Commissario di Polizia Municipale, Filippo Passanante con la collaborazione del servizio veterinario dell’ASP provinciale e l’attiva e preziosa cooperazione della locale sezione dell’ENPA presieduta da Loredana Zummo.

Nel corso del 2018 dal rifugio sono stati circa 180 i cani che hanno trovato una famiglia che li ha adottati.

Il ‘68 e le donne: presentazione del libro “La mamma milita” oggi a Trapani

0

Questo pomeriggio, alle ore 18.30, negli spazi della Chiesa di Sant’Alberto, in Via Garibaldi, a Trapani, avrà luogo un incontro sulle donne e il ‘68 organizzato dall’Istituto di Cultura Italo-Tedesco – Trapani, la Fondazione Pasqua 2000, gli Amici della Musica di Trapani e ARCHIVIA Donne in Relazione.  Sarà presentato il libro “La mamma milita” (L’erudita, Giulio Perrone Ed., Roma, 2018) con Angela Lanza e Margherita Cottone, coautrici del libro insieme ad altre nove donne. Sarà ospite anche Eckart Bucher direttamente da Berlino. Modera la giornalista Ornella Fulco. 

Undici racconti, undici testimonianze sul ’68 per ricordare e salvaguardare la memoria per le generazioni future. Analogie e differenze tra l’Italia e la Germania. 

Ingresso gratuito.

Alcamo: aggiornamenti sulla frana della via per Camporeale

0

Dopo due giorni di lavoro senza interruzioni sono stati portati a termine i lavori delle 2 RETI gas per ripristinare la fornitura di tutte le utenze presenti oltre l’area interessata dalla frana; precedentemente è stata ripristinata l’illuminazione.

Sono stati avviati altresì, dalla ditta individuata dal comune di Alcamo, i lavori per l’allontanamento delle acque sotterranee e meteoriche dal corpo della frana per rallentare il fenomeno di smottamento.

Presso gli uffici del COC della Protezione Civile si è fatto un gran lavoro affinché le attività presso l’area in oggetto potessero continuare senza sosta, per limitare quanto possibile i disagi per la comunità.

L’Amministrazione ringrazia tutti coloro che si stanno adoperando per affrontare questa emergenza, insieme al tecnico incaricato, il geologo Antonio Bambina che sta seguendo le operazioni con grande professionalità.

Petrosino. Chiesa di San Giuseppe, approvato il progetto per i lavori di sistemazione del piazzale

0

Per realizzare l’intervento verrà chiesto il finanziamento alla Regione nell’ambito dei Cantieri di lavoro per gli Enti di culto

Via libera del Comune al progetto relativo ai “Lavori per la sistemazione del piazzale antistante e per il rifacimento del prospetto della chiesa di San Giuseppe”. L’intervento verrà realizzato a seguito della richiesta inoltrata dal parroco della Chiesa Maria Santissima delle Grazie, don Carmelo Caccamo. Attraverso il Comune, che ha elaborato il progetto, la Diocesi farà richiesta di finanziamento alla Regione nell’ambito dei Cantieri di lavoro per gli Enti di culto.

“Ringrazio l’Amministrazione comunale di Petrosino, con in testa il Sindaco Gaspare Giacalone, per la disponibilità dimostrata al fine di consentire il recupero dell’area di San Giuseppe attraverso l’attivazione di un cantiere di lavoro”, dichiara don Caccamo.

Il progetto ammonta complessivamente a 119 mila euro. Nel dettaglio, l’intervento consisterà nel rifacimento del piazzale antistante la chiesa, con collocazione delle panchine, la realizzazione dell’impianto di illuminazione e la sistemazione esterna dell’area in questione. Prevista, altresì, la sistemazione della pavimentazione esterna, l’eliminazione dei marciapiedi laterali, l’allargamento del piazzale e la sostituzione della recinzione in ferro.

Consiglio Comunale Marsala: approvati quattro atti. Nuova seduta il 6 febbraio

0

I lavori del Consiglio comunale di Marsala, conclusi nella serata di ieri, registrano l’approvazione – con voto unanime – di tre Ordini del Giorno e di una Mozione. Contestualmente, l’Aula ne ha accantonato altre tre, rinviandone la trattazione nelle rispettive Commissioni o nella prossima seduta utile. 
All’avvio di seduta, i 21 consiglieri presenti – per la Giunta Municipale partecipa l’assessore Andrea Baiata – vengono invitati dal presidente Enzo Sturiano ad esporre eventuali comunicazioni. Queste hanno riguardato la situazione aeroportuale “V. Florio”, con riferimento anche allo scorso Consiglio comunale aperto sull’argomento (L. Arcara, Sturiano, P. Milazzo); l’avvio della raccolta differenziata dei rifiuti, gli annunciati licenziamenti di lavoratori, la pericolosità di nuovi mezzi (M. Gandolfo, Sturiano, A. Di Girolamo, A. Vinci, L. Licari); scuole, turnazioni, nuovi locali e mezzi per raggiungere le sedi in periferia (G. Sinacori, L. Ingrassia); situazione porto (P. Milazzo, Sturiano); condizioni della via Sucalora (C. Ferreri); cimitero, con riguardo a illuminazione, nuovo regolamento e servizi (L. Arcara, A. Galfano, R. Genna, I. Gerardi), nonché ai bagni non fruibili (A. Di Girolamo) cui ha risposto l’assessore Baiata (convenzione servizio civico ora pronta al rinnovo). Infine, la consigliere G. Piccione ha preannunciato la presentazione di due atti di indirizzo con riguardo alla “Giornata per la Vita” che ricorre il prossimo 3 Febbraio.
Al termine delle comunicazioni, si è passati alla discussione dei punti così come calendarizzati. La trattazione è stata rinviata per le Mozioni iscritte ai punti 19,22 e 24; mentre sono state approvate all’unanimità la Mozione Arcara (“Verifica periodica dei contrassegni disabili e il loro utilizzo”), nonché tre Ordini del Giorno aventi per tema “Caro benzina a Marsala” (Gandolfo), “Programmazione di una linea ad alta mobilità LAM” (Licari) e “Installazione Sportello Bancomat all’interno dell’Ospedale Paolo Borsellino” (A. Rodriquez).
Concluse le votazioni, il presidente Sturiano ha comunicato di avere fissato una nuova seduta per il il prossimo 6 Febbraio (ore 16,30), interamente dedicata alle interrogazioni.

Paternò (CT). Disabile brutalmente picchiato. Aveva reclamato il posto auto riservato ai portatori di handicap

0

Nel pomeriggio dell’1 dicembre scorso, un uomo sordomuto di 44 anni aveva reclamato il proprio diritto di posteggiare l’autovettura nel posto riservato ai disabili, ma è stato aggredito da due individui che avevano occupato impropriamente il suo posto.

La vittima, dopo avere atteso per oltre 15 minuti, era riuscito finalmente a parcheggiare la macchina quando, avvicinato al finestrino dalle due persone che avevano occupato il posto, ha espresso loro il proprio disappunto provocando negli interlocutori una reazione violenta.

Oltre alle minacce, i due individui hanno tentato di impedirgli di scendere dall’auto sbattendogli più volte contro la portiera. Poi uno dei due lo ha visto in piedi fuori dall’auto e vi si è scagliato contro colpendolo al volto con un pugno. La legittima reazione del poveretto non ha fatto altro che scatenare la furia degli assalitori che hanno iniziato a picchiarlo crudelmente colpendolo indistintamente con schiaffi, pugni e calci fino a lasciarlo in terra sanguinante.        

Trasportato in ambulanza all’Ospedale “Santissimo Salvatore” di Paternò, l’uomo disabile è stato visitato e curato dai medici del pronto soccorso che gli hanno diagnosticato: “una ferita lacerocontusa alla regione sopraciliare nonché una frattura pluriframmentaria scomposta delle ossa proprie del naso”, lesioni giudicate guaribili in 45 giorni. Del reato si sono occupati i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò i quali, acquisita la denuncia della vittima, hanno avviato le indagini che ben presto hanno consentito di dare un volto agli aggressori: si tratta di due uomini di Paternò, T.M. di anni 45 e S.M. di anni 34, già gravati da precedenti di polizia, che denunciati all’Autorità Giudiziaria dovranno rispondere di lesioni personali aggravate.

Controllo del territorio a Mazara del Vallo e Campobello: i Carabinieri arrestano due persone

0

I Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, con le articolazioni territoriali delle Stazioni di Campobello di Mazara e Mazara due, nella giornata del 25 gennaio, hanno tratto in arresto due persone.

In particolare, i Carabinieri della Stazione di Campobello, hanno arrestato una donna, già sottoposta agli arresti domiciliari nel comune di Partanna e trovata da una pattuglia dell’Arma, nelle vie del centro urbano campobellese. Data la palese violazione, dopo gli approfondimenti del caso, la donna è stata arrestata per il reato di evasione e tradotta a Partanna presso il suo domicilio,  ove è stata risotto posta alla misura coercitiva arresti domiciliari in attesa dell’udienza che si terrà presso il Tribunale ordinario di Marsala.

Nella stessa giornata, i militari della Stazione di Mazara due, invece, hanno  eseguito un ordinanza di ripristino della misura cautelare in carcere nei confronti di un trentenne, originario di Palermo, e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso una comunità terapeutica del mazarese.

Il giovane, a marzo 2018, era stato arrestato dai Carabinieri di Palermo per maltrattamenti in famiglia e in esecuzione di un provvedimento restrittivo del giudice palermitano condotto in carcere.

Trascorso un periodo presso un istituto penitenziario palermitano, il giovane veniva poi ristretto agli arresti domiciliari in una comunità terapeutica del mazarese per consentirgli di seguire uno specifico percorso terapeutico finalizzato al recupero dei tossicodipendenti.

Il giovane, a causa di una scarsa consapevolezza della sua condizione di dipendenza da stupefacente e un totale disinteresse verso il percorso di cura, è stato nuovamente raggiunto dall’attuale provvedimento emesso dal giudice della Corte di Appello di Palermo che ha ripristinato le precedente misura cautelare in carcere.

I Carabinieri della stazione di Mazara due,nella giornata del 25 gennaio, hanno dato esecuzione al citato provvedimento e tradotto il giovane nel carcere di Trapani.

Scende dal pullman con droga e coltelli in tasca: denunciato giovane siracusano

0

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, coadiuvati dal Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno denunciato un siracusano di  21 anni, residente a Piacenza, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti nonché porto illegale di armi bianche.

Durante un servizio eseguito nella zona del Terminal dei pullman  in piazza Giovanni XXIII, mirato alla repressione dei reati in materia di stupefacenti, gli uomini della Squadra “Lupi”, grazie anche al prezioso fiuto del cane antidroga, hanno fermato e perquisito il giovane appena sceso dal vettore proveniente da Piacenza con in tasca: circa 40 grammi tra hashish e marijuana e due coltelli a serramanico con lame da 8 cm. La droga e le armi sono state opportunamente poste sotto sequestr

Scordia (CT). I “Cacciatori” scovano armi clandestine: magazziniere in manette

0

I Carabinieri della locale Stazione e dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Sicilia” hanno arrestato nella flagranza un 51enne.

Al termine di una breve ma efficace attività info-investigativa, i militari hanno fatto irruzione in quell’abitazione di via Piave dove, previa perquisizione, hanno rinvenuto e sequestrato: un fucile monocanna cal.24 marca “Antonio Zoll”,  risultato rubato a Francofonte (SR) il 1° maggio 2016, un fucile a canne mozze cal.28 tipo Flobert con la matricola abrasa, 80 cartucce cal.9 tipo Flobert a pallini, 2 cartucce cal.28, 110 cartucce cal.22 e  25 cartucce cal.24.

Le armi, nei prossimi giorni, saranno inviate agli esperti del R.I.S. di Messina per essere sottoposte ad esami tecnico-balistici che potrebbero stabilirne l’eventuale utilizzo in pregressi episodi criminosi.

VELA – Campionato Zonale Optimist: podio a Siracusa per gli atleti della Società Canottieri Marsala

0

Comincia nel migliore dei modi la stagione agonistica della squadra di vela Optimist della Società Canottieri Marsala. Durante il fine settimana appena trascorso, tutta la squadra al completo, diretta dagli istruttori Enrico Tortorici e Francesco Giacalone,  ha partecipato alla prima tappa del Campionato Zonale, che si è svolta a Siracusa. A darsi battaglia, insieme al resto della flotta siciliana, sono stati: Giampaolo Maggio, Alberto Incarbona, Silvia Adorni, Yusei Castroni, Giulio Genna, Michele Adorni, Federico Studer, Lorenzo Torre ed Emanuele Busetta.

E’ stato un weekend caratterizzato da un vento debole, con temperature primaverili che hanno permesso lo svolgimento di tutte le prove previste. La Società Canottieri chiude questa primo impegno agonistico in maniera ottimale con una medaglia d’argento per Michele Adorni e una medaglia di bronzo per Giulio Genna. Buone prestazioni anche per gli altri componenti della squadra: tre atleti si sono piazzati tra i primi dieci posti in classifica, mentre sei nei primi venti.

Il prossimo appuntamento sarà tra due settimane a Marina di Ragusa per la seconda tappa del Campionato Zonale.

Viaggio nel Mondo del Cinema attraverso Immagini e Musica con l’associazione “Eventando”

0

“CIAK…. SI SUONA” è il primo spettacolo organizzato dalla neo associazione marsalese “Eventando”, di Rossella Ingrassia, che porterà in scena giorno 1 marzo 2019 al teatro Eliodoro Sollima. “Lo spettatore – ci ha spiegato il presidente dell’associazione culturale, Rossella Ingrassia – verrà accompagnato in un viaggio di emozioni, creato dall’esecuzione dal vivo con sax, clarinetto, pianoforte e dalle video-proiezioni degli stessi film. Un’occasione per rivivere sensazioni speciali, ricordi piacevoli, legate ai film che hanno fatto la storia del cinema”.

Si esibiranno sul palco del tetro Sollima: Nino Carriglio al Clarinetto e Sax e Daniela Irienti al Pianoforte. Biglietti solo su prevendita.


 EVENTANDO Ass.Culturale – Marsala

Operazione scuole sicure a Mazara. Sequestrata sostanza stupefacente, un denunciato e sette segnalati

0

I Carabinieri del Comando della Compagnia di Mazara del Vallo, tramite le articolazioni territoriali delle stazioni e degli equipaggi della Sezione Radiomobile, in stretta sinergia con i colleghi delle unità Cinofile di Palermo, hanno svolto nelle giornate precedenti  molteplici accessi presso gli istituti scolastici del centro urbano.

L’iniziativa in argomento, d’intesa con la Prefettura di Trapani e i dirigenti scolastici, si è posta l’obiettivo di prevenire e contrastare il proliferarsi di luoghi di spaccio all’interno delle scuole e, dall’altro, tutelare la salute degli studenti. I servizi predisposti hanno sortito risultati positivi, grazie all’insostituibile contributo del pastore tedesco “Tito”, il cui impiego ha permesso di rinvenire e sequestrare modiche quantità di marijuana e hashish abilmente occultate negli ambienti comuni delle strutture scolastiche quali bagni, palestre e corridoi.

In un caso, la sostanza stupefacente è stata ritrovata già suddivisa in dosi all’interno dello zaino di un diciasettenne che non ha potuto fare altro che ammettere la sua responsabilità; il minore,per quell’episodio,è stato deferito all’Autorità Giudiziaria e dovrà rispondere dell’ipotesi di reato di spaccio di sostanze stupefacenti.    

Nell’ambito dei servizi, sono stati inoltre segnalati quali assuntori di sostanza stupefacente sette studenti, di cui due minori, tutti trovati in possesso di modica quantità di marijuana o hashish. I servizi in argomento, sotto il costante coordinamento operativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Trapani, hanno riscosso l’apprezzamento dei dirigenti scolastici che seguono con altissima attenzione il fenomeno. I controlli in argomento  verranno ripetuti anche nei mesi successivi al fine di contrastare  il delicato fenomeno. Dal punto di vista preventivo, i Carabinieri di Mazara del Vallo svolgono inoltre i consueti incontri con gli studenti con l’obiettivo di avvicinare i giovani alla cultura della legalità, e tra i vari argomenti trattati, vengono appunto affrontati anche quelli inerenti i danni provocati dall’uso delle droghe e le conseguenze penali connesse.

Consiglio Comunale Marsala. Approvate tre mozioni e una ratifica. Si torna in Aula questo pomeriggio

0

Avviati i lavori alla presenza di 17 consiglieri, l’Assemblea civica tenutasi ieri a Palazzo VII Aprile ha approvato la ratifica della nuova composizione della Commissione d’inchiesta sui Servizi sociali – alla luce delle dimissioni del presidente Daniele Nuccio – nonché tre mozioni. Successivamente, all’atto della votazione sul prelievo di una quarta mozione (ad inizio di seduta considerata prioritaria dalla consigliere F. Meo), è venuto meno il numero legale, con conseguente rinvio della seduta di un’ora. Alle 21.30, all’appello chiamato dal segretario Triolo risultava presente soltanto il presidente Enzo Sturiano che, pertanto, ha disposto il definitivo rinvio dei lavori a questo pomeriggio (ore 16,30).
Il Consiglio, dopo la comunicazione di A. Galfano – ha espresso la propria solidarietà all’Istituto dei Salesiani, oggetto di atti vandalici – è stato caratterizzato da un lungo dibattito sulla delibera di ratifica riguardante la Commissione di Inchiesta. Nell’atto illustrato dal presidente Enzo Sturiano, erano riassunte le varie fasi della Commissione d’inchiesta, proponendo altresì la proroga della stessa fino al prossimo 31 marzo nella nuova composizione – a seguito delle dimissioni di Daniele Nuccio – in cui figura anche la consigliera Linda Licari. Approvata all’unanimità la ratifica, hanno preso la parola – per dichiarazione di voto – D. Nuccio, L. Arcara, M. Gandolfo, L. Licari.
Successivamente, sono state approvate tre mozioni: Plastic free challenge (punto 20, illustrata dal consigliere A. Rodriquez), con interventi di L. Ingrassia, F. Meo, L. Arcara, L. Licari, G. Sinacori, C. Ferreri e dell’assessore Annamaria Angileri; Istituzione di un tavolo tecnico permanente per l’emergenza ambientale dello Stagnone di Marsala (punto 23, illustrata da G. Sinacori), con interventi di G. Piccione, L. Arcara, L. Licari, C. Ferreri e A. Rodriquez; Disponibilità Immobili comunali per Istituti scolastici (punto 85, illustrata da A. Vinci), con interventi di E. Sturiano, F. Meo, L. Licari, L. Arcara, C. Ferreri, F. Coppola, A. Rodriquez e dell’assessore A. Angileri.
Si è quindi passati alla trattazione della quarta mozione “Adesione del Comune di Marsala al Patto dei Sindaci per l’Energia e il Clima”. All’atto della votazione sul prelievo del punto – per il quale la consigliera Meo aveva evidenziato l’immediata scadenza del 27 gennaio – è venuto meno il numero legale (13 presenti sui 16 previsti dal Regolamento). Rinviata di un’ora la seduta, al secondo appello rispondeva il solo presidente Sturiano. La seduta proseguirà oggi alle ore 16,30.

Trapani celebra la Giornata della Memoria con una performance teatrale a cura degli alunni della scuola “Leonardo Da Vinci”

0

Celebrata oggi a Palazzo d’Alì la “Giornata della Memoria” per ricordare le vittime dell’Olocausto. La ricorrenza, che ufficialmente ricade il 27 gennaio, è stata celebrata dagli alunni delle quinte classi del 1° Circolo Didattico “Leonardo da Vinci” con una commovente performance teatrale in cui i piccoli alunni, da protagonisti, hanno voluto lanciare un messaggio forte e chiaro sulla necessità del “non dimenticare”. La performance di musica e danza, realizzata dalla coreografa Montanti e dal suo staff “Spazio Danza”, è avvenuta alla presenza del Sindaco Giacomo Tranchida, dell’Assessore Vincenzo Abbruscato, del dirigente Scolastico Filippo De Vincenzi e del corpo docente, oltre che da numerosi genitori.Presente anche il rappresentante dell’Associazione Nazionale Invalidi di Guerra.“Mi sono commosso nell’assistere a questa performance, ha dichiarato il dirigente scolastico Filippo De Vincenzi, poiché riuscire ha dare un segnale cosi forte in una forma cosi semplice è davvero splendido. Tra qualche anno non ci saranno piu’ testimoni viventi, ma questi bambini con la loro semplicità ci convincono a non dimenticare”.Ringrazio i piccoli alunni del 1° Circolo – ha dichiarato il Sindaco Giacomo Tranchida – poiché in un periodo come questo, di bassa tensione morale, il messaggio che ci arriva scalda i cuori di tutti noi. E’ particolarmente significativo – ha proseguito il Sindaco – che in questa aula, che sarà dedicata al Prefetto Fulvio Sodano, si svolgano iniziative di questo tipo”.

Sistemazione del manto stradale nelle vie tra Marsala e Petrosino. La nota dei consiglieri Ferreri, Meo e Rodriquez

0

I Consiglieri Comunali Calogero Ferreri, Federica Meo e Mario Rodriquez hanno sottoscritto una nota indirizzata al sindaco Di Girolamo. Il tema affrontato è quello della sistemazione delle sedi viarie che si trovano al confine tra Marsala e Petrosino. Queste strade competono ad entrambi i Comuni e ad oggi risulta essere necessaria la manutenzione del manto stradale.

“Considerato che necessitano interventi di carattere urgente – hanno detto i tre consiglieri – per la pubblica incolumità, dato che le condizioni dell’asfalto sono divenuti impraticabili in entrambe le corsie, si invita l’Amministrazione Comunale al ripristino del manto stradale della corsia di marcia di competenza del Comune di Marsala, con carattere d’urgenza, al fine di evitare situazioni di pericolo”.

Le vie interessate a confine dei due Comuni sono:

  • La strada che dalla SS.115 in contrada Strasatti (lato destro) porta al passaggio a livello di Triglia Scaletta
  • La strada che dal passaggio a livello in Contrada Cuore di Gesù (lato destro) porta alla rotatoria di Contrada Fossarunza;
  • La strada che dalla rotonda di Contrada Fossarunza giunge alla SP 84 (Litoranea Marsala Petrosino).

Dal 2 al 5 marzo torna il Carnevale di Petrosino

0

Presentata in conferenza stampa l’edizione 2019 della manifestazione. Programma ricco, variegato e con tante novità

Si terrà dal 2 al 5 marzo l’edizione 2019 del Carnevale di Petrosino. Le date sono state ufficializzate, questa mattina, in occasione della conferenza stampa di presentazione della manifestazione svoltasi all’interno dell’Aula consiliare del Comune. Un’edizione caratterizzata da un programma ricco e variegato, con tante novità illustrate ai giornalisti dal Sindaco Gaspare Giacalone e dall’Assessore comunale al Turismo, Federica Cappello.

Saranno cinque i carri che sfileranno lungo le vie cittadine, accompagnati dai gruppi in maschera e dalle esibizioni di un gruppo folkloristico. Questi i nomi:

–         Alibabà (Associazione “I Mitici);

–         Di Vino (Gruppo Attaccaticci);

–         Mamma Li Galli con i Gilét Gialli (Associazione “Gruppo Musa”);

–         Topolino (Associazione “Petro-Sinis);

–         Allegria (Gruppo Allegria).

Oltre ai carri sfileranno per le strade di Petrosino i componenti del gruppo folkloristico dell’Associazione “Trinacria Bedda” di Monreale e vari gruppi mascherati (il termine di presentazione delle adesioni scade il 28 gennaio).

Tra le novità di quest’anno c’è l’Officina del Carnevale: chiunque potrà visitare quotidianamente (dalle ore 17 alle ore 19) il capannone allestito in piazza della Repubblica e osservare da vicino la realizzazione dei carri allegorici da parte delle associazioni che hanno aderito al bando predisposto e pubblicato nelle settimane scorse dal Comune. Le visite saranno consentite di mattina anche alle scuole che ne facciano richiesta almeno tre giorni prima presso l’ufficio turismo. L’altra novità riguarda il PalaCarnival e le serate danzanti, che verranno affidate tramite una gara pubblica. Il Comune metterà a disposizione il capannone per lo svolgimento delle serate, mentre l’aggiudicatario della gara dovrà versare un corrispettivo all’ente e garantire lo svolgimento di cinque serate (compreso il 9 marzo) con la partecipazione (domenica 3 marzo) di una special guest di rilevanza nazionale.

“Per noi il Carnevale è diventato un appuntamento fisso così come la programmazione estiva”, ha detto il Sindaco Giacalone. Che ha aggiunto: “La manifestazione è cresciuta negli anni e ci consente, da un lato, di far trascorrere ai nostri concittadini alcuni giorni all’insegna dell’allegria e del sano divertimento e, dall’altro, di richiamare sul nostro territorio centinaia di persone dagli altri comuni della provincia e non solo”. Da parte sua, l’Assessore Cappello ha voluto ringraziare tutti coloro che, come ogni anno, si mettono in gioco e a disposizione per la buona riuscita del Carnevale.

Il Carnevale 2019 prenderà ufficialmente il via il 2 marzo (sabato) con la prima sfilata dei carri allegorici e dei gruppi mascherati. Il corteo partirà alle ore 17 da via Pietro Nenni (angolo via del Mulino) e proseguirà in viale Francesco De Vita, via X Luglio, piazza della Repubblica e viale Giacomo Licari. Sempre sabato, alle ore 21, sul palco che verrà allestito all’angolo tra le vie Licari e De Vita spazio alle esibizioni e alle coreografie dei gruppi mascherati, mentre a partire dalle ore 23 spazio alla musica all’interno del PalaCarnival allestito in piazza della Repubblica.

Domenica 3 marzo si terrà la seconda sfilata dei carri, sempre con inizio alle ore 17: in questo caso, la partenza del corteo sarà da piazza Santa Venera, per poi proseguire in via Alcide De Gasperi, via Nenni, viale De Vita, via X Luglio, piazza della Repubblica e viale Licari. Alle ore 21 e alle ore 23 torneranno gli appuntamenti con le esibizioni sul palco dei gruppi e con la musica.

Lunedì 4 marzo, a partire dalle ore 17, si terrà l’iniziativa “Quartiere in Festa”: i carri allegorici sosteranno in viale Licari, dove è in programma un pomeriggio all’insegna dell’animazione per i bambini, dei balli e della musica. Martedì 5 marzo, alle ore 17, è in programma l’ultima sfilata dei carri allegorici con partenza da viale Licari. Alle ore 23, poi, sul palco si terrà la consueta premiazione dei carri e dei gruppi mascherati. Ogni giorno, inoltre, dalle ore 17 al Centro Polivalente spazio al Carnevale dei bambini con animazioni e balli. Sempre al Centro Polivalente verrà allestito quotidianamente un infopoint curato dagli studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale Giuseppe Garibaldi di Marsala.

Comune C.bello: aggiudicati i lavori di messa in sicurezza della vecchia discarica comunale

0

Sindaco Castiglione: «Altro importante obiettivo che si appresta a concretizzarsi. Finalmente riusciremo a bonificare il sito, riducendone l’impatto ambientale»

La vecchia discarica comunale adiacente il sito comprensoriale di Campana Misiddi sarà bonificata e messa in sicurezza.

Martedì scorso (22 gennaio), nei locali comunali di Palazzo Accardi, sede della Centrale Unica di Committenza, è stata infatti celebrata la gara d’appalto per l’affidamento dei lavori di “Messa in sicurezza d’emergenza” della vecchia discarica, da decenni abbandonata e inutilizzata e nella quale mai sono state fatte opere di risanamento.

I lavori sono stati aggiudicati in via provvisoria dalla commissione di gara, costituita dal dirigente comunale dei lavori Pubblici arch. Maurizio Falzone e da due esperti esterni sorteggiati dall’UREGA di Trapani, al costituendo raggruppamento temporaneo d’imprese GESTAM SRL (capogruppo) – PUMA SRL (mandante), che ha offerto un ribasso del 2,069 per cento sull’importo a base d’asta di 602.816 euro oltre IVA e oltre i costi della sicurezza pari a 21.127 euro.

L’aggiudicazione dei lavori è avvenuta a completamento di un lungo e complesso iter avviato dal Comune di Campobello nel 2007 su indicazione della Regione che aveva prescritto l’esecuzione dell’intervento nell’autorizzazione unica ambientale (AIA) rilasciata per l’attivazione della seconda vasca del sito della discarica comprensoriale.

Le opere saranno realizzate grazie ai fondi reperiti dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Castiglione, che nel mese di dicembre 2017 ha ottenuto il finanziamento di 803mila euro stanziato dall’assessorato regionale dell’Energia e dei Servizi di pubblica Utilità – Dipartimento dell’Acqua e dei Rifiuti nell’ambito del cosiddetto Patto per il Sud.

Il progetto, redatto dall’ing. Francesco Seidita e approvato in linea tecnico-amministrativa dalla Giunta comunale con deliberazione del 5 dicembre 2017, in particolare, prevede opere di dismissione della recinzione esistente e di realizzazione di una nuova recinzione, di rimodellamento del corpo della discarica al fine di convogliare le acque meteoriche nei canali di gronda predisposti, lavori di sistemazione del fondo e di realizzazione di pozzetti per captazione biogas.

Responsabile Unico del Procedimento è l’arch. Francesco Di Stefano, che curerà la verifica dei requisiti in modo tale da procedere all’affidamento definitivo. Nel giro di un paio di mesi si potrà dunque procedere alla sottoscrizione del contratto e all’inizio dei lavori.

«Un altro importante obiettivo del nostro programma elettorale si appresta a concretizzarsi – dichiara il sindaco Castiglione – L’Amministrazione comunale ha seguito con grande impegno tutto l’iter che porterà il nostro Comune alla realizzazione di queste opere di fondamentale importanza per la nostra città, poiché consentiranno finalmente di bonificare la vecchia discarica comunale, riducendone in maniera significativa l’impatto ambientale. Sempre nell’ambito del cosiddetto “Patto per il Sud” sottoscritto dal Governo Renzi – aggiunge il Sindaco – la nostra Amministrazione è stata ammessa al finanziamento anche di altri 2 importanti progetti, quali quello per l’eliminazione del rischio idro-geologico in contrada Perreira, dell’importo di 1.400.000 euro, e quello per il consolidamento del versante costiero a rischio frana di Torretta Granitola (tratto compreso tra piazza Mercato e il Faro) di 1.500.000 euro, che attualmente sono gestiti da un Commissario di Governo all’uopo nominato per tutti i progetti siciliani da realizzare proprio nell’ambito di tale Patto. Ciò non può che testimoniare il continuo impegno profuso da questa Amministrazione comunale sia al fine di intercettare finanziamenti sia al fine di seguire con grande scrupolo tutto l’iter necessario a realizzare importanti interventi a esclusivo vantaggio della collettività campobellese, a differenza di quanto genericamente e banalmente affermato da chi invano tenta di far passare un messaggio di immobilismo amministrativo».

Trapani. Omaggio al giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto nel 36° anniversario della sua morte

0

Domani il Comune di Trapani con due iniziative in collaborazione con l’Associazione Nazionale Magistrati, sezione di Trapani e con il Coordinamento Provinciale Trapanese di Libera, organizzerà due momenti in ricordo del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto nel 36° anniversario della sua morteAlle ore 11:00, a Villa Margherita, scopertura della scultura l’Albero della Memoria. Un’opera in ferro dell’artista Massimiliano Errera, dal forte valore simbolico. Un’opera creata con il supporto della figlia Marene Montalto che tra l’altro sarà presente all’iniziativa insieme alle autorità, alle scolaresche e agli studenti del Conservatorio che si esibiranno in due momenti musicali.Nella targa antistante l’opera, tra l’altro, sarà presente un QrCode che permetterà agli smarthphone di raggiungere una sezione del sito del Comune di Trapani dedicato al giudice Montalto.Nel pomeriggio, alle ore 17:00, presso la Lega Navale, omaggio musicale sempre a cura del Conservatorio A. Scontrino.Concerto del SAX SOLUM ENSEMBLE (Conservatorio A. Scontrino)Il Sax Solum Ensemble suonerà in ricordo del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto, grande e raffinato cultore di musica classica.L’orchestra, che per l’occasione proporrà musiche di Rossini, Ravel, Shostakovich, Piazzolla, Barber e Jenkins, nasce nella primavera del 2011 all’interno del Conservatorio di Trapani, per volontà del M° Antonino Peri che lo dirige.I musicisti dell’ensemble, anche i più giovani ancora non diplomati, hanno già un’intensa esperienza cameristica e si sono distinti in concorsi internazionali e in masterclass tenute da celebri sassofonisti quali Eugène Rousseau, Jean Yves Formeau e Vincent David. L’Ensembe utilizza tutti i tipi di saxofono e conquista il pubblico con la brillantezza delle sue esecuzioni e con il ricco repertorio che include pagine classiche e contemporanee, con attenzione anche alla musica per film. Sax soprano Giorgia Grutta, Marco Caterina, Clara GalvanoSax contralto Pietro Vitellaro, Filippo Arato, Rita Bianco, Brigitta Militello. Sax tenore Agostino Piacentino, Mattia Melodia, Nicola Minaudo. Sax baritono Tommaso Miranda, Michele Calamela. Voce Clara PizzoTamburo Sandro Caracappa. Direttore M° Antonino Peri.

Marsala. Cantieri scuola per gli edifici di culto, presentati 3 progetti

0

Presentati alla Regione tre progetti per il finanziamento di altrettanti Cantieri scuola che serviranno per sistemare gli spazi esterni di tre Chiese che insistono nel territorio marsalese.

“Fin dal mese di novembre, quando abbiamo appreso della possibilità da parte della Regione di finanziare dei cantieri scuola in luoghi di culto, abbiamo preso contatti con la Curia vescovile, oltre ad effettuare incontri con i sacerdoti della nostra Città – sottolinea il Sindaco Alberto Di Girolamo. Da parte nostra abbiamo messo a disposizione tecnici e uffici per pianificare la presentazione dei progetti di finanziamento e, successivamente, opereremo anche come stazione appaltante. Le esigenze delle nostra chiese sono tante e come Amministrazione ci siamo adoperati con un duplice fine: da un lato favorire la manutenzione straordinaria di luoghi di culto e dall’altra dare un lavoro, seppur a tempo determinato a tante persone che sono disoccupate”.

Queste le parole del Sindaco Alberto Di Girolamo dopo che sono stati presentati alla Regione Siciliana, e nello specifico al Dipartimento del Lavoro, dell’impiego, dell’orientamento, dei servizi e delle attività formative, tre progetti che sono stati predisposti dall’Ufficio Tecnico.

I progetti di Cantiere Scuola per Enti di Culto riguardano nello specifico i lavori di sistemazione delle aree esterne di pertinenza delle Chiese di:

  1. “Sant’Anna” – sacerdote responsabile Don Giacomo Marino – Progettista Arch. Stefano Pipitone – Rup: Mimmo Parrinello – Reo: Francesco Palumbo – progetto per l’ammontare complessivo di 83,000,00 euro con l’impiego di 1 direttore, 1 Istruttore e 15 operai per un periodo lavorativo di 50 giorni;
  • “Santuario di Santo Padre delle Perriere (San Francesco di Paola)” – sacerdote responsabile Don Gaspare Tortorici – Progettista e Reo Francesco Palumbo – Rup: Mimmo Parrinello – progetto per l’ammontare complessivo di 122,000,00 euro con l’impiego di 1 direttore, 1 Istruttore e 15 operai per un periodo lavorativo di 74 giorni;
  • “Chiesa Pastorella – C/da Cuore di Gesù” – sacerdote responsabile Don Giancarlo Tumbarello – Progettista e Reo Francesco Palumbo – Rup: Mimmo Parrinello – progetto per l’ammontare complessivo di 119,000,00 euro con l’impiego di 1 direttore, 1 Istruttore e 5 operai per un periodo lavorativo di 158 giorni.

Impiegato di banca arrotondava spacciando hashish: catanese arresto dai Carabinieri

0

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale hanno arrestato nella flagranza un catanese di 35 anni, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

L’azione repressiva degli uomini della Squadra Lupi è scattata ieri sera al termine di una breve ma proficua attività info-investigativa che li ha condotti in quell’abitazione di via Luigi Sturzo e, successivamente, in una casa ubicata nelle campagne di Belpasso (CT), sempre nella disponibilità dell’uomo, luoghi in cui, previa perquisizione, sono stati rinvenuti e sequestrati: 7 panetti di hashish, del peso complessivo di circa 350 grammi, occultati nella custodia di una chitarra e dentro alcuni mobili, un bilancino elettronico di precisione nonché diverso materiale comunemente utilizzato dagli spacciatori per confezionare le dosi di stupefacente da porre in vendita.

Palermo: trovato con 14 dosi di crack, i Carabinieri arrestano un 22enne

0

Sono stati i Carabinieri della Stazione Brancaccio a trarre in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti LITRICO Marco, palermitano, classe 1997. I militari dell’Arma, impegnati in un servizio di contrasto al mercato degli stupefacenti, hanno notato il giovane aggirarsi con fare sospetto in via Ascione.

Dopo averlo controllato e sottoposto a perquisizione personale, gli operanti hanno rinvenuto e sequestrato 14 dosi di crack, per un peso complessivo di 3 grammi. 

Lo stupefacente sequestrato è stato consegnato al Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo per essere sottoposto alle dovute analisi.

Il giovane arrestato a seguito della convalida dell’arresto è stato sottoposto ai domiciliari.

Mazara. Pubblicata la gara per l’illuminazione del primo tratto di contrada Giangreco

0

E’ stato pubblicato l’avviso per lo svolgimento della gara per l’affidamento dei lavori per il ‘ripristino della funzionalità dell’impianto di illuminazione pubblica in contrada Giangreco 1° tratto”.

L’importo dei lavori ammonta a 33.988,37 euro di cui 33.308,60 per lavori a base d’asta soggetti a ribasso ed 679,77 euro per oneri diretti alla sicurezza sui lavori non soggetti a ribasso. I lavori verranno assegnati con il criterio del minor prezzo, inferiore a quello posto a basa di gara, ai sensi dell’art.95 comma 4 lettera a) del D.Lgs. 50/2016.

Il progetto è stato redatto dal geom Salvatore Ferrara che è anche Direttore dei Lavori e Responsabile Unico del Procedimento. Le offerte dovranno essere presentate entro il termine perentorio del 12 Febbraio 2019 alle ore 12,00, la gara sarà esperita il 13 Febbraio 2019.

Il testo completo dell’avviso è consultabile sull’Albo Pretorio OnLine del portale istituzionale al seguente link: http://albo.comune.mazaradelvallo.tp.it/albo/albo_dettagli.php?id=10624

Marsala. Mostra al Convento del Carmine a cura degli alunni del Liceo Artistico di Mazara. Oggi l’apertura

0

Una mostra laboratorio al Convento del Carmine. È quanto allestirà il Liceo Artistico “Don Gaspare Morello” di Mazara, con elaborati e manufatti realizzati dai propri alunni coadiuvati dai rispettivi docenti. L’esposizione – che si aprirà oggi, mercoledì 22 gennaio, nella Sala Cavarretta – giunge a conclusione di un percorso di alternanza Scuola Lavoro iniziato lo scorso Anno Scolastico ed ha come finalità prioritaria quella di far conoscere peculiarità e sbocchi lavorativi dei sei Indirizzi presenti nel Liceo “Morello”. 
La mostra si potrà visitare fino a domenica prossima, 27 Gennaio, nei seguenti orari: 9/13 e 17/19. 

AVIS Marsala, convocato il Consiglio Direttivo. Cresce il numero delle donatrici

0

Convocato il Consiglio direttivo dell’AVIS Marsala. La presidente Isabella Galfano ha fissato la seduta per il prossimo 1° Febbraio nella sede sociale di via G. Bruzzesi, con all’Ordine del Giorno diversi punti: tra gli altri, il Bilancio (consuntivo e preventivo) e le Relazioni degli Organi istituzionali che illustreranno dati e andamento della donazione di sangue nel 2018.

Intanto, continuano ad essere apprezzate le giornate feriali in cui si può donare (domani, Giovedì, l’Avis effettua raccolta di sangue), facilitate anche dal sistema di prenotazione online per ridurre i tempi di attesa (https://avis-comunale-marsala.reservio.com/). Confortante – anche per l’anno in corso – la costante crescita delle donatrici e di quante, soprattutto giovani, si candidano a diventarlo. Andreana Patti e la figlia Giacoma Quattrociocchi (nella foto) – che ha voluto festeggiare i suoi 18 anni effettuando il test di donazione – ne sono un bell’esempio.

Nasce a Marsala l’associazione culturale “Eventando”. Già a Marzo il primo evento in programma al teatro Sollima

0

Valorizzare le bellezze, la storia e le tradizioni del nostro territorio con iniziative che coinvolgano il cittadino e il turista in percorsi unici e rievocativi di un’atmosfera familiare ed accogliente. Sono questi i principi cardine della neo associazione culturale “Eventando”, che da poco si è costituita a Marsala. Nata da un’idea di Rossella Ingrassia, oggi questa associazione è una realtà e si sta già preparando per la realizzazione di progetti concreti. In lavorazione uno spettacolo, che si terrà a Marzo al teatro Eliodoro Sollima, che sarà un vero e proprio viaggio nel mondo del cinema attraverso immagini e musica, di cui a breve scopriremo tutti i dettagli.

“Amo la mia città – ci ha detto il presidente dell’associazione, Rossella Ingrassia – e credo che si possa lavorare in questo senso, attraverso la promozione turistica del nostro territorio mediante l’organizzazione, la promozione e la gestione di iniziative che riescano a coinvolgere l’intera collettività”.

“Eventando” si presenta al pubblico come un contenitore accogliente in cui riscoprire la sicilianità in tutte le sue forme, attraverso percorsi turistici alla scoperta delle bellezze naturali, percorsi enogastronomici, laboratori culinari, degustazioni, spettacoli teatrali e tanto altro. L’obiettivo è sempre quello di dare risalto e impreziosire il bagaglio culturale in tutte le sue forme.

“Da un lato massima attenzione  alla bellezza dei nostri luoghi e alla nostra cultura – continua Rossella Ingrassia -, ma dall’altro lato anche il fascino di frequentare e vivere un posto unico in città. Molti degli eventi che organizzeremo si svolgeranno infatti in uno dei pochi tetti aperti al pubblico del centro storico, che ci permetterà di godere di un panorama suggestivo. Quindi, colori, odori, sensazioni che coinvolgeranno i nostri visitatori in tante belle esperienze”.

Pusher riceveva i clienti in casa: ad Acireale un giovane arrestato dai Carabinieri

0

I Carabinieri della Compagnia di Acireale hanno arrestato nella flagranza un incensurato di 22 anni del posto, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Una breve ma proficua attività info-investigativa, ha condotto gli uomini del Nucleo Operativo fuori quell’abitazione di via Dei Tulipani ad Acireale dove, a seguito di adeguato servizio di osservazione, si è potuto comprendere le modalità di spaccio poste in essere dal giovane.

Questi, riceveva direttamente in casa il cliente di turno fornendogli la dosi richieste in cambio di denaro, come peraltro accertato dagli operanti che hanno fermato, ad una cinquantina di metri dall’immobile, due assuntori con la droga in tasca appena acquistata.          

Sfruttando proprio uno di questi acquirenti, i militari hanno aspettato che lo stesso bussasse alla porta dello spacciatore che, aprendo l’uscio, con estremo stupore si è trovato davanti, oltre al cliente, i carabinieri i quali, perquisendo l’abitazione, hanno rinvenuto e sequestrato: 150 grammi di marijuana, 100 euro in banconote di diverso taglio, un bilancino elettronico di precisione nonché del materiale comunemente utilizzato dagli spacciatori per confezionare le dosi di stupefacente da porre in commercio. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari

Contributo per acquisto farmaci. Il Comune di Marsala pubblica l’Avviso

0

Le richieste possono essere presentate in qualsiasi periodo dell’anno in corso

Sulla scorta del nuovo “Regolamento servizio di assistenza economica”, approvato dal Consiglio comunale di Marsala lo scorso maggio, l’Amministrazione Di Girolamo intende erogare – anche per il 2019 – il contributo economico straordinario per l’acquisto di farmaci di fascia “C”. I soggetti interessati possono fare richiesta esclusivamente per i suddetti farmaci previsti da un piano terapeutico predisposto da un specialista di una struttura sanitaria: l’importo annuo massimo è di 150 euro per nucleo familiare. Per i soggetti in trattamento di chemioterapia e/o sottoposti a trapianti è previsto un aumento di 100 euro. Per accedere al Servizio, occorre presentare all’Ufficio Servizio Sociale (via Falcone) – in qualsiasi periodo dell’anno in corso – la richiesta corredata della documentazione riportata nell’Avviso Pubblico, online sul sito web comunale all’indirizzohttp://www.comune.marsala.tp.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/29284.

Tavolo tecnico sul cyberbullismo: consensi al ddl dalle categorie, dal garante per l’infanzia e dai presidenti della Regione e dell’Ars

0

“Tanto vi scoprono!”. È l’intuizione del presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, attivo partecipe al Tavolo tecnico sul cyberbullismo, il quale sollecita diventi l’entrée della campagna di propaganda contro questo inquietante fenomeno che, in Italia, coinvolge il 15% circa degli adolescenti, fra bulli e bullizzati. “Tanto vi scoprono, può realmente essere la prima arma di dissuasione: si lasciano comunque impronte nitide quando si utilizza il web” ha sottolineato mentre assicurava il proprio interessamento a che diventi legge in tempi brevi il ddl depositato in Ars da Giorgio Assenza sul bullismo in genere e su quello “virtuale” nella fattispecie.      

Dal partecipatissimo Tavolo, organizzato con l’Ufficio del Garante per l’infanzia del Comune di Palermo, Pasquale D’Andreaè anche emersa la volontà comune a che il ddl, “per niente blindato ma aperto a ogni contributo qualificativo ci arrivi da Ordini professionali, dal Corecom, da insegnanti, genitori, studenti e dalle forze dell’ordine” come ha specificato Assenza, diventi strumento di procedura nella lotta a questa “epidemia di violenza psicologica” che è il cyber bullismo: “una delle facce, relativamente moderna, del bullismo tout court” come hanno sottolineato i numerosi interventi, da quelli dei rappresentati della Polizia di Stato a quelli del  responsabile regionale dell’ufficio per la Dispersione scolastica, Maurizio Gentile.

Fra gli intervenuti, oltre al presidente della Regione, Nello Musumeci – che ha portato il proprio saluto in loco e il placet a che la Sicilia si doti di strumento normativo anti bullismo –  l’assessore regionale Roberto La Galla, la dirigente comunale Angela Errore, la consulente del Garante, Cetty Mannino (anche tramite fra il Comune e l’Ars nella persona del presidente dei Questori),  il presidente del Tribunale dei minori, Francesco Micela, e i portavoce degli ordini degli Psicologi come degli Assistenti sociali, degli insegnanti, dei genitori e “partecipazione la più importante, poiché essi conoscono a menadito i nuovi linguaggi a partire da quello del web”, quella dei ragazzi: studenti di ogni età e di ogni ordine e grado scolastico. Tutti potranno essere auditi nelle commissioni di merito per l’esamina del testo del disegno di legge di Assenza da portare in Aula.

Situazione scuole a Marsala. Lo Curto (UDC): “Il piano di dimensionamento non penalizza gli alunni”

 “Condivido il piano di dimensionamento scolastico che
interessa gli istituti scolastici di Marsala, nella fattispecie la
dislocazione dei plessi della scuola Giovanni XXIII, a seguito della
perdita della propria autonomia, negli istituti “Sirtori”, “Stefano
Pellegrino-Paolini” e “Mario Nuccio”. Tale scelta non comporterà in
nessun modo spostamenti per studenti e docenti, per cui sono davvero
difficili da comprendere le proteste sollevatesi in questi giorni. La
nuova organizzazione scolastica marsalese ha già avuto il placet
dell’Ufficio provinciale scolastico e di quello regionale. Si attende,
ora, solo il via libera del Miur. Il nuovo piano risponde in maniera
puntuale alla esigenza di salvaguardare l’autonomia delle istituzioni
scolastiche della città di Marsala anche nel prossimo futuro, non
facendo così perdere posti di lavoro. Io stessa mi sono spesa, da
operatrice del mondo scolastico e da parlamentare regionale, per
ottenere tale risultato. Va ricordato comunque che il dimensionamento
scolastico è la conseguenza della riduzione delle nascite che costringe in taluni casi persino a chiudere scuole o ad
accorparle con quelle di altri comuni. Per Marsala, grazie al buon
lavoro fatto, queste eventualità non ci sarà”. Lo afferma Eleonora Lo
Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana.

Casa di riposo Giovanni XXIII di Marsala: intervengono l’on. Stefano Pellegrino ed Eleonora Milazzo

0

Si è tenuto ieri mattina presso la sede della Casa di riposo Giovanni XXIII di Marsala un incontro con i lavoratori ove hanno partecipato l’on. Stefano Pellegrino e il consigliere comunale Eleonora Milazzo, nel corso del quale si è discusso della sorte dei dipendenti Ipab che dal 2015 non percepiscono alcuna retribuzione e che con la chiusura dell’ente rischiano di rimanere senza lavoro.

Il Consigliere Milazzo ha chiesto all’Onorevole Pellegrino di sollecitare in commissione l’iter di approvazione della legge regionale e di offrire maggiore tutela ai lavoratori.

L’On. Pellegrino quale firmatario del disegno di legge, insieme agli onorevoli Foti e Di Mauro, avente ad oggetto la riforma delle Ipab ha dichiarato che il ddl non modificherà le attività assistenziali in favore dei poveri, degli ammalati e dei bisognosi di cure, ma introdurrà una nuova disciplina necessaria al risanamento finanziario degli enti e alla organizzazione delle Istituzioni.

In commissione, abbiamo anche previsto la creazione di un albo dei lavoratori degli enti per garantire la continuità occupazionale.

Quasi un migliaio di lavoratori delle Ipab sono senza stipendio da mesi e non sanno come andare avanti.

Perciò si è pensato ad un sistema virtuoso all’interno del quale nuove strutture pubbliche erogheranno servizi di assistenza alla persona in un comparto, quello del welfare, attraverso protocolli d’intesa con le Aziende Sanitarie Provinciali.

Inoltre, ritenuta la conducenza delle sollecitazioni della consigliera Milazzo, sarà nel frattempo, mia cura verificare le ragioni del ritardo della nomina del nuovo commissario straordinario e, conseguentemente, sollecitarne la nomina.

Marsala. Pubblicato l’avviso per il trasporto indiretto disabili

0

Anche per il 2019 il Comune assicurerà il servizio

Con un Avviso Pubblico a firma del dirigente Nicola Fiocca, il settore Servizi alla Persona del Comune di Marsala rende noto l’avvio – anche per l’anno in corso – del “Servizio di trasporto indiretto per portatori di handicap”. Si tratta di cittadini che necessitano di terapia rieducativa e che si recano al Centro di riabilitazione con mezzi propri, con diritto al rimborso A/R se in possesso dei requisiti richiesti. Gli interessati possono presentare istanza agli Uffici di via Falcone in qualsiasi periodo del 2019, allegando la necessaria documentazione, così come riportato nell’Avviso pubblicato anche su www.comune.marsala.tp.it (sez. “Avvisi Importanti”). Sia sul sito istituzionale che all’Ufficio Solidarietà Sociale è disponibile anche il modello-richiesta di ammissione al servizio: l’istanza può essere presentata dal disabile o dal proprio genitore/tutore, purché residenti nel Comune di Marsala.
Ulteriori informazioni all’Ufficio di Segretariato Sociale, via G. Falcone n.5 (tel. 0923993.752 -111), che riceve nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì (9 -13); martedì e giovedì (15 – 17).

Airgest: incontro dirigenza sindacati. Garantiti per il 2019 i livelli occupazionali

0

Ormai alle spalle i contratti di solidarietà, si procede con un tavolo tecnico, per l’ottimizzazione dell’organizzazione del lavoro delle risorse

Si è svolto all’aeroporto Vincenzo Florio un incontro tra il presidente della società di gestione Airgest,Paolo Angius, e le rappresentanze sindacali dei lavoratori dello scalo di Trapani Birgi.

Presenti per la struttura la responsabile d’amministrazione del personale, Giusi Di Vita, i consulenti del lavoro RosarioAlescio ed Elisa Salonia, la responsabile dei servizi Handling Caterina Curatolo, per Ugl, il segretario regionale Domenico De Cosimo, il segretario provinciale Paolo Sammaritano ed Emanuele Grupposo, rsa; per la Filt CGIL, il segretario provinciale Francesco Tranchida e la rsa Clara Di Benedetto; per Uil Trasporti il segretario generale Giuseppe Tumbarello e Giovanni Angileri, rsa; per Fit Cisl il segretario generale del presidio di TrapaniRosanna GrimaudoManlio Viscardi responsabile regionale dell’area contrattazioni e Diego Daidone rsa.

Dopo aver fatto il punto sulla situazione attuale dell’aeroporto, tra cui le questioni in sospeso della nomina del nuovo direttore, della valutazione dell’ipotesi di fusione con l’aeroporto di Palermo e delle possibili nuove rotte già dalla stagione invernale in atto e dalla prossima estiva, il presidente di Airgest, Paolo Angius, ha lasciato la parola alla responsabile Giusi Di Vita che ha parlato dell’anno 2018 di Airgest, caratterizzato dallo stato di crisi, con l’accordo di contratto di solidarietà, firmato a novembre del 2017 e revocato il 31 agosto del 2018.

«Per l’anno 2019 saranno garantiti i livelli di occupazione – ha affermato la responsabile dell’amministrazione del personale Giusi Di Vita – ed è stato deciso, con le organizzazioni sindacali, l’insediamento di un tavolo tecnico per individuare una migliore organizzazione di lavoro delle risorse, in funzione della operatività dello scalo».

La vela italiana ha scelto Marsala per gli allenamenti invernali. La Società Canottieri ospita le squadre olimpiche di windsurf RSX, la squadra Optimist del Lago di Como e la squadra Openbic di Palermo

0

Ancora una volta il mare di Marsala richiama l’attenzione della vela italiana. La Società Canottieri Marsala ha ospitato e continuerà a farlo anche nelle prossime settimane tante realtà importanti della vela e del windsurf per gli allenamenti invernali.

Durante il weekend appena trascorso la Società Canottieri ha ospitato la squadra di vela di Mandello del Lario, sul Lago di Como, per un ciclo di allenamenti intensivi con gli atleti marsalesi, che si ripeterà anche tra due settimane. Un sodalizio che nasce dal lavoro dei tecnici delle due squadre, Enrico Tortorici e Riky Di Paco, e che va incontro alle esigenze dei velisti di Mandello, che non possono allenarsi nelle acque del Lago di Como a causa delle basse temperature di questo periodo.

Tre giorni intensi di allenamento. Pochi fronzoli e tanta adrenalina – ha commentato Enrico Tortorici -. Nord e sud insieme, per fare amicizia e per fare sport. Grazie a Ricky di Paco ed alla L.N.I. Mandello per aver scelto Marsala per i propri allenamenti invernali. Grazie anche alla preziosa collaborazione di Francesco Giacalone. Il nostro mare che si conferma, anche in giornate limite, uno dei migliori per praticare la vela”.

Abbiamo bisogno di uscire con tutte le condizioni di vento perchè è molto formativo per i nostri atleti – ha spiegato Riky Di Paco, istruttore della squadra Optimist di Mandello -. Marsala è un paradiso per praticare la vela. Penso sia una delle migliori palestre che abbiamo in Italia per questo sport. Ringrazio Enrico Tortorici, che oltre ad essere un bravissimo collega è soprattutto un amico, e la Società Canottieri per l’ospitalità. Stiamo organizzando per il mese di aprile 2019 una regata a squadre sul Lago di Como e speriamo di poter ricambiare l’ospitalità invitando a partecipare anche la squadra di vela della Canottieri Marsala”.

squadra olimpica windsurf RSX

La Società Canottieri Marsala, inoltre, per i mesi invernali – esattamente dal mese di gennaio fino a marzo 2019 – ospiterà le squadre olimpiche maschili e femminili windsurf della Federazione Italiana Vela. Le tavole a vela federali sono guidate da un team di istruttori qualificati, che per la parte tecnica sono Luca De Pedrini, Riccardo Belli e Adriano Stella; per la conoscenza delle regole internazionali in lingua inglese è presente il giudice Luigi Bertini; mentre la preparazione atletica verrà condotta dal tecnico Luca Parisi, con il supporto dell’istruttore windsurf della Società Canottieri, Valerio Linares, che ha aggiunto: “Le acque di Marsala sono state scelte dalla Federazione Italiana Vela perché molto somiglianti a quelle del Giappone dove si svolgeranno le prossime Olimpiadi del 2020. Ringrazio infine la Lega Navale Marsala per la collaborazione nella logistica, ormeggio, gommoni e allenamenti di vento forte allo Stagnone”.

squadra Openbic Vela Club Palermo

Ultimo weekend a Marsala anche per la squadra Openbic del Vela Club di Palermo, che dal mese di dicembre porta avanti una serie di allenamenti mirati nelle acque marsalesi: “Marsala non si smentisce mai – ha detto l’istruttore Roberto D’Alberti -. In tutto questo periodo di allenamenti continui ci ha sempre regalato un vento eccezionale. Un ringraziamento speciale va alla Società Canottieri Marsala che ci ha ospitato, permettendo a tutta la mia giovane squadra di mettersi alla prova in diverse condizioni meteo. Siamo l’unico circolo in Sicilia a regatare a livello agonistico con l’Openbic, che stiamo cercando di promuovere e rilanciare“.

Riqualificazione del Lungomare Florio di Marsala. La Regione finanzia il progetto per oltre 1 milione e 200mila euro

0

Oltre al waterfront, inclusi anche interventi per il restauro dei moli storici

Si porrà fine ad un contesto ambientale attualmente in stato di degrado, recuperando parte della costa che conduce ai lidi. Un progetto che inciderà fortemente sull’aspetto urbanistico del territorio, facendo riscoprire la bellezza paesaggistica di quei luoghi. Si chiude, positivamente, il lungo iter burocratico anche di questa opera pubblica”. È quanto afferma il sindaco Alberto Di Girolamo, cui è stato notificato il Decreto regionale che assegna al Comune di Marsala un finanziamento di oltre 1 milione e 200 mila euro per la “Riqualificazione urbanistica ed ambientale dell’area di colmata, waterfront, adiacente al Porto di Marsala” (1° stralcio). L’area interessata è di quasi 12 mila mq, estendendosi dal tratto del lungomare subito dopo il Porticciolo turistico fino ad arrivare a quello immediatamente precedente la zona dei frangiflutti. All’avvio dell’opera – nel 2010, Amministrazione Carini, l’incarico per la progettazione definitiva – ha fatto poi seguito la redazione del 1° stralcio funzionale. Ma è nel 2015, con la sindacatura Di Girolamo, che si giunge all’approvazione del progetto esecutivo, quello che ora – dopo una lunga procedura di verifica e validazione – ha ottenuto il finanziamento dalla Regione.
Dalla relazione tecnica del progettista incaricato, arch. Pietro Di Maria, si evince che le opere previste riguardano due aspetti. Il primo è quello della messa in sicurezza della sede viaria, attualmente soggetta a smottamenti e cedimenti a causa delle forti mareggiate, con gravi ripercussioni sul fronte della viabilità e della sicurezza dei cittadini. I lavori, pertanto, consisteranno nella realizzazione di una scogliera-mantellata di protezione. L’altro intervento programmato è il restauro degli antichi moli “Florio” e “Ingham”, antistanti gli omonimi bagli. Entrambi versano in pessimo stato di conservazione, con una manutenzione completamente assente negli anni. Il progetto interverrà sia per proteggere che rendere fruibili i moli, nonché per valorizzarli tenuto conto del loro legame alla storia antica della città di Marsala. A tal fine, come richiesto dalla stessa Soprintendenza del Mare, l’Amministrazione comunale ha previsto le somme per effettuare prospezioni archeologiche e saggi subacquei in tutta l’area oggetto dei lavori. Il prossimo passo, ora, sarà l’avvio delle procedure di gara per l’affidamento dei lavori, il cui importo a base asta di quasi 900 mila euro.

TRAPANI. Arrestato dai Carabinieri un uomo per spaccio e detenzione di droga nel quartiere Sant’Alberto

0

I Carabinieri della Sezione Radiomobile di Trapani, diretti dal Mar.Magg. Andrea CASTALDI,  hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti FEDELE Fabrizio, 32enne Trapanese, già noto alle Forze dell’Ordine per svariati precedenti specifici. I militari dell’Arma da alcuni giorni avevano osservato, su segnalazione di diversi cittadini della zona, un inusuale andirivieni di giovani dall’abitazione del predetto, soprattutto in orario serale. Inconfutabili erano i movimenti tipici degli acquirenti di stupefacenti che arrivati in corrispondenza dell’abitazione del FEDELE a bordo dei loro automezzi, scendevano il tempo necessario all’acquisto dello stupefacente per poi dileguarsi velocemente.

Nella primissima mattinata odierna, avuto il supporto di una unità cinofila del nucleo cinofili di Palermo Villagrazia, i militari facevano irruzione a casa del FEDELE Fabrizio. All’interno dell’abitazione veniva rinvenuto un ingentissimo quantitativo di cocaina, ben 55 grammi, in parte suddivisi in dosi, nonchè altri 150 grammi d’hascisc, un bilancino di precisione e circa 500 euro in banconote di diverso taglio, provento della fiorente attività di spaccio. La cocaina, sottoposta a narcotest risultava di primissima qualità. Era infatti noto, tra gli assuntori trapanesi, che il FEDELE spacciasse la miglior “neve” reperibile sulla piazza.

Tratto in arresto,  su disposizione dell’A.G.,  veniva tradotto in carcere in attesa dell’udienza di convalida.

Questo ulteriore brillante arresto si inquadra in una sempre più intensa attività finalizzata al contrasto al sempre crescente consumo di cocaina, che una volta detta “la droga dei ricchi” si sta invece ora sempre più insinuando anche tra i più giovani.

Ancora una volta i Carabinieri del Comando Provinciale invitano i cittadini a riferire situazioni anomale al 112 per avere una pronta risposta alle loro segnalazioni.

Castellammare del Golfo. Capo settore a tempo pieno per Urbanistica e Lavori Pubblici

0

Il sindaco Rizzo: “Siamo intervenuti velocemente per dare stabilità ad un settore essenziale qual è quello tecnico”

«Siamo intervenuti in maniera quanto più veloce possibile per rimettere in moto e dare stabilità ad un settore essenziale qual è quello tecnico, con un contratto di capo settore che durerà per tutto il mandato amministrativo ed un’assunzione part time a scavalco da altro Ente». Lo affermano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore al personale Giuseppe Cruciata dopo l’individuazione, tramite avviso pubblico, di un responsabile tecnico a tempo pieno per la necessità di rendere esecutivi gli uffici anche a seguito dell’operazione della Guardia di Finanza che a novembre ha portato all’arresto del responsabile del settore Lavori Pubblici. Per i prossimi cinque anni l’ingegnere Angelo Mistretta sarà a capo del settore Urbanistica ed anche Lavori Pubblici dell’ufficio tecnico comunale. «Abbiamo avviato un graduale processo di revisione degli uffici per migliorare la qualità dei servizi ai cittadini che parte dalla modifica dello schema del fabbisogno del personale e la successiva predisposizione diuna selezione pubblica per un contratto di lavoro a tempo determinato che avrà la durata di tutto il mandato sindacale così da consentire stabilità operativa all’ufficio -spiegano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore Giuseppe Cruciata-. Nel frattempo c’è stato l’arresto del dirigente tecnico e  quindi abbiamo cercato di accelerare quanto più possibile i tempi poiché il settore Lavori Pubblici è stato temporaneamente affidato al dirigente del settore Urbanistica, cioè l’ingegnere Mistretta che lavorava con contratto part time. Tempi di lavoro risicati per seguire un solo settore ed insufficienti per seguirne due e dare risposte lavorative concrete. Così -proseguono il sindaco Rizzo ed il vice Cruciata- abbiamo cercato di velocizzare l’individuazione del responsabile tecnico ed è stato stipulato contratto di lavoro a tempo determinato e pieno con l’ingegnere Angelo Mistretta. Abbiamo previsto anche l’arrivo di un altro dirigente tecnico, in questo caso part time ed a scavalco da altro Ente per dare manforte al personale dell’ufficio tecnico. Si tratta di interventi non risolutivi ma che consentono di riprendere a lavorare in un settore nevralgico».     

Marsala. Al via le celebrazioni in onore della Madonna della Cava

0

Ieri l’inaugurazione della mostra sugli ex voto e il convegno sulla pieta’ popolare. Oggi la consacrazione del nuovo altare del santuario e l’inizio della novena

Il Sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, e il rettore del Santuario della Madonna della Cava, Don Giacomo Putaggio, presente il consigliere comunale Mario Rodriquez, hanno ieri inaugurato la Mostra “Per grazia ricevuta – Gli Ori e gli Argenti della Madonna della Cava”: L’iniziativa, inserita nel programma delle celebrazioni in Onore di Maria Santissima della Cava presenta, fra gli altri oggetti, tutta una serie di ex voto donati alla Patrona di Marsala per delle grazie ricevute da parte dei fedeli. La stessa mostra per motivi di sicurezza si concluderà questa sera. Ieri oltre all’apertura della Mostra si è tenuto il convegno “il Culto mariano e la pietà popolare a Marsala”. A relazionare con dovizia di particolari e con grande conoscenza della tematica è stato lo storico Giovanni Alagna. Oggi altra importante giornata con l’inizio della novena e con la consacrazione e dedicazione dell’altare. Il tutto alla presenza del Sindaco Di Girolamo e di altre autorità. A presiedere la celebrazione sarà il Vescovo della Diocesi di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero. Prima della Messa Sindaco e Vescovo scopriranno la lapide marmorea posizionata in Santuario a ricordo del Giubileo straordinario indetto in occasione del 500° anniversario del ritrovamento del simulacro della Madonna della Cava. 

Marsala. Ottima performance al teatro Impero di Roby Facchinetti e Riccardo Fogli

0

Davvero un gran bel concerto di musica leggera quello a cui hanno dato vita ieri sera, sul palco del Teatro Impero, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, entrambi facenti parte dell’ex band dei Pooh. I due cantanti, accompagnati da bravi musicisti e da una validissima corista, hanno proposto brani dei loro repertori da solisti oltre alle canzoni più celebri dei Pooh.

“Siamo davvero soddisfatti – precisano il Sindaco Alberto Di Girolamo e l’Assessore alle Politiche culturali e sociali, Clara Ruggieri – di avere condiviso e compartecipato alla realizzazione di questo concerto che è stato molto gradito dalla cittadinanza. Il nostro intervento finanziario ha avuto una finalità sociale ben precisa e cioè quella di fare accedere ad un prezzo molto contenuto negli oltre 350 posti in galleria quanti lo hanno voluto con un abbattimento del 50% sul costo reale del biglietto (da 28 euro a 15 euro, compreso il diritto di prevendita). Iniziativa molto apprezzata tant’è che i biglietti di questo settore del teatro hanno fatto ben presto registrare il sold out”.

Nel corso del concerto di ieri sera organizzato dall’Ass. Scintilla di Peppe Sturiano,  Roby Facchinetti e Riccardo Fogli hanno fatto vedere e sentire, che malgrado l’incedere dell’età sono ancora degli ottimi interpreti ed in grado di catturare, anche grazie a dei nuovi e moderni arrangiamenti, l’attenzione del pubblico. Più grinta e potenza vocale in Facchinetti; più eleganza e stile in Fogli che oltre a brani conosciutissimi hanno anche presentato alcune canzoni inedite.  

Birgi. Appello della Uil Trasporti Trapani all’Airgest in vista della riunione di lunedì, Tumbarello: “Troppe incertezze. Maggiore impegno di tutti per lo scalo aeroportuale”

0

“Sono troppe le incertezze sul futuro dello scalo aeroportuale trapanese e nonostante le varie ipotesi prospettate per il suo rilancio, le settimane si susseguono, una dopo l’altra, ma nulla sembra muoversi”.

Lo afferma il segretario generale della Uil Trasporti Trapani Giuseppe Tumbarello.

“Questo è un tema troppo importante per il futuro e l’economia dell’intero territorio – aggiunge – per cui non possiamo permetterci di tralasciarlo nemmeno per un giorno. Il presidente dell’Airgest SpA Paolo Angius ha convocato le organizzazioni sindacali di categoria per lunedì prossimo, 14 gennaio, per parlare di organizzazione del personale. Tuttavia sarebbe necessario fare un ulteriore passo avanti, dedicando uno spazio specifico al destino di Birgi, alle ipotesi di accorpamento, alle notizie poco chiare di interessamento di compagnie aeree, alla nomina del direttore generale Airgest”.

“Sicuro di un pronto riscontro da parte della società Airgest – conclude Tumbarello – auspico ancora una volta che ognuno degli attori coinvolti nella questione Birgi possa impegnarsi al massimo per il bene di questa provincia”.

Commissione Affari Istituzionali Ars, approvate le nomine dei Direttori generali delle Asp

0

Pellegrino (FI): “Passaggio importante per garantire la regolare e serena gestione delle aziende sanitarie”

La Commissione Affari Istituzionali all’Ars presieduta dall’On. Stefano Pellegrino si è pronunciata in merito alle nomine dei Direttori Generali delle Aziende sanitarie e ospedaliere, scelti dalla giunta di Governo. Con 5 voti a favore (Coalizione di Maggioranza) 4 contrari (M5S) e 3 astenuti (Pd e Cento Passi per la Sicilia), le designazioni sono state approvate.
Piena soddisfazione da parte del Presidente Pellegrino, del Gruppo Parlamentare di Forza Italia, per il quale: “Le nomine approvate spianano la strada verso un percorso più trasparente e lineare, dettato da procedure concorsuali, che premiano la competenza e la professionalità”.
“Ringrazio i membri della Commissione che ho l’onore di presiedere perché – conclude Pellegrino – con un atto di buon senso e responsabilità, hanno permesso di avviare un processo di riforma di un settore cruciale come quello sanitario”. 

Al via all’Istituto Alberghiero di Erice i corsi base di cucina e pasticceria

0

L’Istituto Alberghiero “I. e V. Florio” di Erice apre le porte con la sua «Scuola di cucina».

Dal 7 febbraio, tutti i venerdì e tutti i lunedì, si terranno i corsi base di cucina e pasticceria e a seguire i corsi avanzati. Le classi saranno chiuse con 12 partecipanti. Le iscrizioni si possono effettuare sul sito www.alberghieroerice.gov.it. Si tratta di corsi aperti al territorio, agli appassionati neofiti e a quelli che vogliono perfezionarsi, a chi vuol trascorrere una serata in modo diverso e in compagnia. I corsi di replicheranno a seconda del numero delle iscrizioni.

Le lezioni, che si svolgeranno tutte tra le ore 18 e le ore 19,  saranno tenute da insegnanti dell’istituto. I corsi sono tre: Pasticceria, Primi passi in cucina e Di cucina innovativa. Al termine della lezione i partecipanti degusteranno le preparazioni e sarà rilasciato loro un attestato di partecipazione. “Spero – dice la preside, Pina Mandina – che i corsi possano offrire una risposta di qualità al fabbisogno formativo espresso dal territorio. In tanti ce l’hanno chiesto,  spero che in tanti ne possano fruire”.

“Giornata della memoria”. L’Amministrazione Di Girolamo promuove uno spettacolo al teatro Sollima

0

L’Amministrazione comunale di Marsala celebra la “Giornata della Memoria” con uno spettacolo al teatro Sollima (24 Gennaio, ore 21:00) che racconta la shoah. “Conservare la memoria storica di un periodo così drammatico per l’intera Europa rientra tra i compiti delle Istituzioni, afferma l’assessore Clara Ruggieri. La rappresentazione ha questa finalità e, oltretutto, coinvolge gli attori che hanno partecipato ad un percorso formativo finalizzato alla realizzazione di questo interessante lavoro”. “Lo Spazio vuoto della Memoria” è stato proposto da Massimo Graffeo che ne è anche il regista. Lo stesso ha selezionato gli attori che, al termine del laboratorio teatrale dedicato all’evento, porteranno in scena lo spettacolo: Cinzia Bochicco, Giulia Casano, Marilena Li Mandri, Fausto Patti, Ivana Pigato e Tommaso Rallo. Lo spettacolo serale, con ingresso gratuito, sarà preceduto da due matineè riservati alle scuole.

Biodiversità: due appuntamenti a Palermo con la chef Bonetta dell’Oglio nell’ambito della rassegna “Not”

0

Sapori autentici all’insegna della biodiversità siciliana e dell’agricoltura naturale, in cui cibo e vino si sposano nel nome della qualità e della nostra Terra. C’è tutto questo nei due appuntamenti che l’11 e il 13 gennaio vedranno protagonista, a Palermo, la chef Bonetta dell’Oglio nell’ambito di “Not”, la rassegna dei vini franchi in programma ai Cantieri Culturali alla Zisa su iniziativa di Franco Virga, Stefania Milano, Manuela Laiacona e Giovanni Gagliardo.

Il primo dei due appuntamenti si terrà venerdì 11 gennaio, a partire dalle 20,30 nel Ristorante di Palazzo Branciforte. Si tratta di una cena a quattro mani preparata da Bonetta dell’Oglio insieme al Patron chef del ristorante Branciforte, Gaetano Billeci, nella bellissima cornice del Palazzo di via Bara all’Olivella n 2. Saranno preparati piatti ispirati alla biodiversità e vini naturali di Francesco Guccione e Marco SferlazzoPrenotazioni allo 091/321748 o al 366/8096244.

La due-giorni con Bonetta dell’Oglio proseguirà domenica 13 gennaio alle 17, ai Cantieri Culturali alla Zisa (Spazio Crazy Plus), in via Paolo Gili 8, con “Pane e vino”, 5 grani per 5 uve in comunione, masterclass con Davide Longoni, panificatore considerato uno dei principali maestri del pane autentico in Italia, il quale conosce, apprezza e utilizza i grani antichi siciliani.

La masterclass sarà introdotta da Arturo Genduso e Dedella Samonà, entrambi mentori di Bonetta dell’Oglio, mentre il giornalista sommelier, Francesco Pensovecchio condurrà i partecipanti in un viaggio con dolcezza attraverso i vini naturali. Il significato di questo appuntamento è nel cuore del pane e dell’uva, che sono il “sangue e il corpo della terra”. La master class ha il costo di 20 euro: per info e prenotazioni https://www.eventbrite.it

“Era gennaio 2005 – sottolinea Bonetta dell’Oglio – quando invitammo Nicolas Joly alla Dispensa dei Monsù, furono tre giorni magici. Era l’alba di un grande definitivo cambiamento. Oggi dopo molti anni, il maestro torna in città con NOT per queste giornate dense di cultura, vino, eventi, cucina, benessere, salute, economia gioia ed entusiasmo”. L’incontro con Joly è raccontato nelle pagine del suo libro “Romanzo culinario”.

“Sono felice – prosegue – di sperimentarmi in cucina con Gaetano Billeci nella bellissima cornice di Palazzo Branciforte per la cena a 4 mani e poi ancora, domenica 13 con Davide Longoni, in una master class che ci richiama alla terra. La master Class aprirà con il video girato con Davide Longoni in occasione del “patto di filiera”, evento che ho promosso per unire sempre più i cerealicoltori ai panificatori in un sistema orizzontale dove ognuno ha lo stesso valore. 

La chef ormai da anni impegnata nel recupero della biodiversità autoctona, nella lotta per gli allevamenti in etica, da poco è fondatrice insieme ad altre dodici donne di “Donne di mare” una unione creata per la difesa di tutto il sistema mare, anch’esso profondamente compromesso nel suo stato generale. Impegnata per tutto l’anno nella Prova del cuoco, su Rai uno, Bonetta dell’Oglio sostiene di accettare questi incarichi per la necessità di essere sempre più riconosciuta per istaurare un rapporto di fiducia con i consumatori, sottolineando che per un reale cambiamento occorra partire dal basso. Ex Patron Chef della Dispensa dei Monsù, attuale Chef dell’Alleanza Slow Food,  riserva tante sorprese e tanti nuovi progetti per l’anno appena iniziato.

“I miei solo alcuni degli innumerevoli appuntamenti “Not” che si svolgeranno in città. Invito tutti a partecipare a “Not”, confrontandosi con l’agricoltura biodinamica, degustando piatti nuovi, o anche solo per parlare con i produttori, o cenare nei ristoranti dedicati. Approfittate di questa straordinaria tre giorni in città. Perchè sarà davvero bellezza”. 

“È vero, comunque, – conclude Bonetta dell’Oglio – che questo impegnomi fa essere un po’ un’isolata nell’Isola, perché da almeno una dozzina d’anni lotto per la biodiversità siciliana e italiana e per l’agricoltura naturale, perché capisco che è una delle poche possibilità che oggi abbiamo per tornare a cibi più salutari e per riacquisire un fondamentale rapporto di scambio con la Terra, riscontrando spesso una mancanza di apertura da chi sceglie vie più brevi e più semplici”.

Mazara. Cristaldi: “Confermato a dicembre il dato della Raccolta Differenziata”

0

“Anche per il mese di dicembre la nostra Città si è contraddistinta nella raccolta differenziata con un dato che ci lascia soddisfatti se si tiene in considerazione le festività natalizie e l’incremento di produzione di rifiuti in questo periodo. Il dato ufficiale al 31 dicembre conferma Mazara del Vallo tra i primissimi comuni in Sicilia per la raccolta differenziata, tra le Città con popolazione superiore ai 50 mila abitanti, e che ci gratifica degli sforzi fatti. Il 69,23% rappresenta un bel segnale di civiltà che la popolazione sta dando e che fa da stimolo a proseguire per la strada intrapresa. Purtroppo, nonostante i controlli e le multe, persistono soggetti, una minoranza per fortuna, che si ostina ad abbandonare i rifiuti per strada e che finisce per colpire la stragrande maggioranza dei cittadini che con attenzione e abnegazione effettua la raccolta differenziata”.

Lo ha detto il sindaco di Mazara del Vallo, on Nicola Cristaldi, annunciando che al 31 dicembre 2018 la percentuale di raccolta differenziata si è attestata al 69,23% sul totale dei rifiuti prodotti.

“AscoltiAMO Mazara”, sabato tappa nel Trasmazzaro

0

Dopo la pausa dello scorso weekend, in occasione della festa dell’Epifania, riprendono le iniziative, programmate dal laboratorio civico “SìAMO Mazara”, nell’ambito della campagna “AscoltiAMOMazara – In viaggio per i quartieri”.

L’ultima iniziativa, quella dello scorso 30 dicembre in Piazza Cristo Re davanti l’omonima chiesa, non ha deluso le aspettative e ha confermato il successo riscosso sin dall’inizio dalla campagna. La ripresa del tour di SìAMO Mazara nei quartieri della città avverrà partendo nuovamente dalle zone periferiche, dopo aver stazionato nel centro città e nelle vicinanze per tutto il corso delle festività natalizie.

La quarta tappa del tour, in programma per questo fine settimana, infatti, riguarderà l’intera area del Trasmazzaro, intesa in senso lato e comprendente quindi non solo la zona che si trova immediatamente dopo il ponte (Stadio e chiesa San Pietro) ma anche le zone di Miragliano-Via del Mare e Tonnarella-Capofeto.

L’appuntamento, per tutti coloro che abitano nella suddetta area, è per Sabato 12 Gennaio, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, in Via G. Bessarione angolo Via G. Impastato (nello spazio sito tra il supermercato Conad “Migros” e il IV Circolo Didattico “G.B. Quinci” plesso “A. Rizzo Marino”).

“Destinazione west sicily”: un gruppo di imprenditori locali alla più importante fiera turistica olandese

0

Promuovere le bellezze e le potenzialità del territorio in una delle più importanti borse del turismo del nord Europa. Questo l’intento di un gruppo di imprenditori locali che, grazie al contributo fattivo di alcuni enti del territorio ha deciso di rappresentare la Sicilia Occidentale a “VakantieBeurs”, la più grande fiera di viaggi e turismo nel Benelux con oltre 100 mila visitatori l’anno, a Utrecht in Olanda, da oggi 9 gennaio fino a domenica 13 gennaio 2019.

Grazie all’investimento di un gruppo di imprenditori, uno stand infatti, sarà dedicato alle attrattive turistiche del nostro territorio, in un evento in cui l’Italia è il primo paese per interesse dei visitatori (circa il 30%). Un’occasione unica, perché valorizza un territorio ancora poco conosciuto attraverso una programmazione coerente e mirata alla produttività, fuori da ogni “passerella politico-istituzionale” .

L’iniziativa è promossa da Trapani Welcome, Trapani Tourism service, Pro Loco Trapani Centro, Nuara – Cook Sicily, la rete d’imprese West Sicily Bike and Dive, Arancio Tourist Service, Egadi Escursioni, San Vito Tour con il contributo del Distretto turistico Sicilia Occidentale e dell’Ente Luglio Musicale trapanese.

Per l’occasione è stata stampata e diffusa una rivista in lingua olandese, dedicata a tutto ciò che la Sicilia Occidentale può offrire, per raccontare, ad un pubblico mirato e qualificato, la ricca offerta turistica, fra bellezze naturali, storia, enogastronomia, servizi, eventi e cultura.

Scacchi: prenderà il via domenica a Marsala il Campionato Provinciale

0

Prenderà il via presso l’Ente Mostra di Pittura “Città di Marsala”, domenica 13 gennaio, il Campionato Provinciale di Trapani Assoluto, Esordienti e Femminile. La prima giornata prevede due turni di gioco, uno mattutino ed uno pomeridiano e l’organizzazione della stessa è affidata all’A.D. Scacchi Lilybetana, con la supervisione della Delegazione Provinciale di Trapani. Si prevedono al via circa 50 giocatori, provenienti dai vari circoli scacchistici della Provincia. Il torneo, valido come ottavi di finale dei Campionati Italiani, proseguirà domenica 20 gennaio a Castelvetrano, presso l’Associazione “Il mio tempo libero”, con l’organizzazione a cura del Circolo del Re di Castelvetrano, e domenica 27 gennaio a Trapani, presso l’ex Aula Consiliare di Palazzo D’Alì, con la logistica a cura degli Amici della Scacchiera di Erice. La direzione arbitrale è affidata al Candidato Arbitro Nazionale Sig. Domenico Buffa e di Marsala.

Anziani non autosufficienti. Sostegno economico per le famiglie che li assistono

0

Prosegue a Marsala l’intervento sociale finalizzato all’erogazione di un sostegno, in forma di buono di servizio-voucher, alle famiglie che svolgono assistenza nei confronti di anziani ultrasettantacinquenni non autosufficienti. Per quanti sono in possesso dei requisiti indicati nell’Avviso Pubblico – online sul sito istituzionale all’indirizzo http://www.comune.marsala.tp.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/29261 – il Comune di Marsala prevede un concorso alle spese sostenute dalla famiglia per la retribuzione di un assistente familiare iscritto all’Albo degli assistenti familiari/badanti, nonchè misure volte a favorire la permanenza o il ritorno in famiglia degli stessi anziani in alternativa al ricovero presso strutture residenziali. Il voucher è altresì destinato all’acquisto di prestazioni domiciliari presso Organismi ed Enti no- profit iscritti al relativo Albo regionale. La richiesta di accesso al beneficio del voucher può essere presentata dallo stesso anziano (qualora in grado di gestire le decisioni della propria assistenza), nonché – ricorrendo i requisiti indicati nell’Avviso – dai familiari che accolgono l’anziano o dal figlio non convivente che, di fatto, se ne prende cura. Le domande, redatte sull’apposito modulo, pubblicato online e cui va allegata la documentazione richiesta, devono essere presentate entro il prossimo 21 gennaio al Protocollo dell’Ufficio comunale Servizio Sociale di via Falcone 5 (Sappusi). Qui, è pure possibile ritirare i moduli di domanda negli orari di apertura al pubblico: Lunedì, Mercoledì e Venerdì (ore 9/13) e Martedì e Giovedì (15.30/17).

Teatro a Marsala. Gli spettacoli in programma per il mese di gennaio

0

Le canzoni di Facchinetti e Fogli, la comicità di Perroni e del gruppo “I 4 Gusti”, il “Lago dei Cigni” del Balletto di San Pietroburgo, la voce di Antonella Ruggiero. Sono questi alcuni degli spettacoli, patrocinati dall’Amministrazione Di Girolamo, in programma a Marsala nei due teatri cittadini: l’Impero e il Sollima.

Si comincia domani, 9 Gennaio – teatro Impero (ore 21) – con il tour INSIEME del duo Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

Venerdì 11, ancora all’Impero (ore 21, 30), in scena i “Trikke e Due” con “La Corrida” presentata da Enzo Amato e Nicola Anastasi.

Sabato 12, la comicità di Andrea Perroni – già apprezzata nel programma televisivo “Zelig” – invaderà il teatro Impero (ore 21,30) con lo spettacolo “Dal Vivo”.

Domenica 13, l’Isola Onlus presenta “Somnium”, per la regia di Massimo Pastore. Due gli spettacoli al teatro Sollima: alle 17 e alle 19,30.

Mercoledì 16, torna a Marsala il Balletto di San Pietroburgo che, al teatro Impero (ore 21), presenta “Il Lago dei Cigni”: la storia della principessa Odette che un perfido sortilegio costringe a trascorrere le ore del giorno sotto le sembianze di un cigno bianco. Musiche di Tcajkovskij e coreografie di Marius Petipa.

Giovedì 17, il palcoscenico del teatro Sollima (ore 21) è per l’esilarante Giovanna La Parrucchiera con lo spettacolo “Le Mille e una Camurria”.

Domenica 20 sono due gli spettacoli in programma. Al teatro Sollima (ore 17,30) la Compagnia “Smile” presenta “Quaranta…ma non li dimostra”, commedia brillante di Titina e Peppino De Filippo. Al teatro Impero (ore 18), per la rassegna “Lo Stagnone”, la Compagnia “Il Sipario” propone il cabaret “Ci facciamo in Quattro” del gruppo comico “I 4 Gusti”.

Infine, Venerdì 25 Gennaio, il tributo del gruppo “I Musicanti” per Fabrizio De Andrè, a 20anni dalla sua scomparsa. Lo spettacolo, in programma al teatro Impero (ore 21,30), vedrà anche la partecipazione straordinaria di Antonella Ruggiero.

Mazara. Piano estumulazioni al Cimitero Comunale

0

Ultimati i lavori al padiglione 27. Iniziati i lavori al padiglione 10

Sono iniziati ieri i lavori per le estumulazioni ordinarie del reparto 10 al Cimitero Comunale da parte della ditta Giacalone Gaspare di Mazara del Vallo che si è aggiudicata la relativa gara offrendo un ribasso del 41,2811% su importo a base d’asta di 70.526,22 euro. Nei prossimi giorni inoltre sarà completata la gara per i lavori di estumulazione ordinaria del reparto 11.

Nei giorni scorsi intanto si sono conclusi i lavori di estumulazione del loculi del reparto 27 del Cimitero Comunale di Mazara del Vallo. Gli interventi sono stati effettuati dalla ditta Anastasi Leonardo di Marsala che si è aggiudicata la gara con un ribasso del 39,9999% su importo a base d’asta di 65.416,38 euro oltre IVA e oneri per la sicurezza.

“Complessivamente – ha detto l’Assessore con delega ai Servizi cimiteriali Silvano Bonanno – entro il mese di Marzo 2019 verranno liberati 750 loculi. Nelle more che vengano effettuatati i lavori di ampliamento del Cimitero comunale – ha concluso – abbiamo posto in essere le condizioni per il superamento delle criticità in materia di sepolture”.

Progettista e Responsabile Unico del Procedimento l’ing. Pietro Calandrino, direttore dei Lavori il geom. Alberto Gancitano, entrambi dell’Ufficio tecnico comunale.

Anticipati i saldi in Sicilia. Già dal 2 gennaio la corsa agli affari di stagione

0

Cominciato il primo grande appuntamento commerciale del 2019 con i saldi di fine stagione. In Sicilia e in Basilicata gli sconti sono stati anticipati al 2 gennaio, mentre entro sabato prenderanno il via in tutta Italia.

Dall’indagine sui saldi invernali condotta da Confesercenti in collaborazione con Swg su un campione di 600 commercianti e 1.500 consumatori, si stima che quest’anno parteciperanno alle vendite di fine stagione circa 280mila attività commerciali, mentre circa un italiano su due (il 47%) approfitterà degli sconti per fare almeno un acquisto. Si valuta che mediamente si spenderanno circa 122 euro a persona, pari a circa 280 euro a famiglia.

“Per i consumatori sarà meglio del Black Friday, con un periodo di sconti più lungo e tutti i vantaggi del negozio tradizionale, spiega Roberto Manzoni, presidente di Fismo Confesercenti -. Conoscere i prodotti ed essere conosciuti dal commerciante, con cui si costruisce un rapporto di fiducia, e poter valutare toccando con mano i prodotti da acquistare”.

Calzature e prodotti tessili gli acquisti in saldo più desiderati: tra chi compra, il 16% spenderà di più, mentre il 70% cercherà di tenersi sulle stesse cifre dello scorso anno. Si cercheranno, in particolare, calzature: un nuovo paio di scarpe è l’acquisto in saldo più desiderato dagli italiani, indicato dal 28%. Seguono i prodotti di maglieria, preferenza per il 22% di chi partecipa ai saldi, ed i pantaloni (14%). Alto l’interesse anche per i prodotti tessili e moda per la casa (9%) e per i capispalla, come giubbotti e giacconi, ricercati dal 7% dei consumatori.

Verrà presentata alla BIT di Milano la nuova brochure turistica di Custonaci

0

Verrà ufficialmente presentata alla BIT ( «Borsa Internazionale del Turismo» ) di Milano , presso lo stand della «Regione Siciliana» , il prossimo 10 febbraio la nuova brochure turistica della «Città di Custonaci» . Curato nei minimi dettagli, da un giovane studente universitario G.Marco Castiglione (che ha già realizzato in passato l’APP turistica «aSTARTe» ), il depliant si compone di ben 16 facciate e di 42 fotografie corredate da un agevole testo che spiega sinteticamente il patrimonio storico, architettonico, naturalistico e paesaggistico della cittadina collinare. Ovviamente ampio spazio hanno gli eventi religiosi, folkloristici e culturali che nell’arco dell’anno allietano i turisti che soggiornano presso le strutture ricettive presenti nel territorio. I costi della stampa sono stati, infine, totalmente sostenuti da sponsor privati ( Case Vacanza Nicola Santoro , Minaudo Affitti e TDS Servizi Turistici ), che hanno creduto nel progetto di divulgare, tra gli operatori turistici internazionali, le potenzialità di Custonaci. «Riteniamo – affermano Giuseppe Bica Sindaco di Custonaci e Fabrizio Fonte Assessore al Turismo – che la cornice della BIT di Milano sia uno strategico contesto dove presentare la nuova brochure turistica di Custonaci . La nostra città, ormai da alcuni anni, guarda, infatti, con sempre maggiore interesse al comparto turistico, per far ulteriormente crescere socialmente ed economicamente il territorio nel suo complesso. Un ringraziamento va certamente a chi ha consentito la realizzazione della guida a partire da G.Marco Castiglione che ne ha curato gli aspetti grafici fino, ovviamente, agli sponsor e pertanto ringraziamo Nicola Santoro , Francesco Minaudo e Giuseppe Santoro , che ancora una volta hanno manifestato il loro attaccamento alla città di Custonaci . Ci auguriamo – concludono Bica e Fonte – che la nuova brochure, ricca di fotografie che rendono il giusto merito alle nostre bellezze, possa essere un utile strumento per i futuri turisti che vorranno visitare la cittadina collinare, per poterne cogliere gli aspetti più belli, ma anche più interessanti per affascinare, da ogni punto di vista, chi sceglierà di trascorrere le proprie vacanze a Custonaci”.

Marsala. Al Carmine la 9° Borsa di Studio dedicata all’avvocato Michele Napoli

0

Anche quest’anno la cittadinanza marsalese ricorderà la scomparsa prematura dell’avvocato Michele Napoli. Venerdì 28 dicembre, alle ore 17.30, presso la Sala Conferenze dell’Ente Mostra di Pittura “Città di Marsala”, si terrà la cerimonia di consegna della Borsa di Studio a lui intitolata. La cerimonia, giunta alla nona edizione, è organizzata dall’Associazione Culturale “Dialogando con Michele Napoli”. Quest’anno a ricevere il sostegno economico sarà la studentessa Simona Ingrassia, iscritta al quarto anno del corso di laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Palermo.

Autismo, il Centro Autos di Alcamo festeggia il Natale

0

Si è svolto ieri ad Alcamo, presso la Sala Congressi Marconi, il Christmas Autos Alcamo 2018, la festa di Natale organizzata dal Centro diurno per i disturbi dello spettro autistico. La struttura, in convenzione con l’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, ospita decine di utenti in regime semiresidenziale e svolge attività abilitative e riabilitative per le persone autistiche.

“È stata l’occasione – ha spiegato il direttore sanitario Vincenzo Cicala – per condividere con le famiglie e le autorità presenti l’attività che abbiamo portato avanti durante tutto l’anno, con la realizzazione di progetti quali acquaticità, libreria educativa, fattoria didattica e cooking autos realizzati all’interno del Centro stesso e al di fuori in collaborazione con le realtà presenti sul territorio”.

“Una giornata emozionante – raccontano i direttori Pietro Scozzari e Luigi Marano – perché abbiamo ripercorso il lavoro svolto e visto i progressi fatti dagli utenti. Un traguardo raggiunto grazie alla professionalità di tutto il personale, che svolge questo lavoro con passione e dedizione”.

“Oggi – concludono Scozzari e Marano – possiamo dire che le persone autistiche non sono più abbandonate al loro destino, mentre le loro famiglie hanno un importante sostegno sanitario ed educativo, nonché un punto di riferimento a cui fare affidamento. Si tratta di un importante passo in avanti rispetto a qualche anno fa”.

Particolarmente emozionante è stata la testimonianza di alcuni genitori, invitati sul palco dal direttore Scozzari, che hanno espresso il loro apprezzamento per i risultati ottenuti dai figli. “Ho trovato delle persone fantastiche – ha detto una mamma – hanno accolto mio figlio come uno di famiglia. Mio figlio è migliorato tantissimo, nell’alimentazione, nella relazione con gli altri, è migliorato in tutto. Voglio ringraziare le mamme che mi hanno consigliato questo percorso e tutti voi per quello che avete fatto”.

Petrosino Natale 2018, il 21 dicembre al Centro polivalente il “Laboratorio creativo e Improntherapy”

0

Un pomeriggio di attività ricreative e culturali con gli utenti del Centro per anziani e disabili

Si terrà il 21 dicembre, dalle ore 16 alle ore 20, al Centro Polivalente di Petrosino, il “Laboratorio creativo e Improntherapy”, iniziativa a cura del Centro socio-ricreativo per anziani e disabili – cooperativa Nido d’Argento, in collaborazione con l’Associazione ricreativo-culturale Improntherapy nell’ambito della manifestazioni natalizie promosse dall’Amministrazione comunale di Petrosino. Il cane Ira e i volontari dell’associazione incontreranno gli utenti del Centro diurno di Petrosino. Le attività assistite con gli animali prevedono l’incontro relazionale con Ira, la realizzazione di cucce fai da te da regalare ai cani dell’associazione, la lettura e l’elaborazione di brani a tema natalizio. La collezione di brani redatta verrà in seguito inserita in un libro di storie per bambini da utilizzare durante i progetti di lettura. 

Domani all’Asp incontro su “La salute mentale a 40 anni dalla legge Basaglia”

0

“La salute mentale a 40 anni dalla legge Basaglia – storia, prospettive e nuove emergenze psichiatriche” è il tema dell’incontro che si terrà  domani  20 dicembre dalle 9,30 , al Palazzo Quercia della Cittadella della Salute di Erice Valle, organizzato dal dipartimento Salute mentale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani.

Nel 2017 sono stati 13.707 i soggetti, adulti e minori, che con patologie più o meno complesse hanno richiesto l’intervento dei servizi del DSM dell’Asp di Trapani.

“Sarà l’occasione – spiega il direttore del dipartimento Giovanna Mendolia –  per fare il punto sullo stato di attuazione dei servizi di salute mentale nell’ASP di Trapani sulla base di quanto stabilito dalla legge 180, le problematiche tutt’ora presenti e i possibili sviluppi nell’immediato futuro”.

Il convegno  si concluderà con una tavola rotonda su “La salute mentale di Sicilia: lo stato dell’arte” cui prenderanno parte anche il direttore del dipartimento salute mentale dell’Asp di Messina Antonino Ciraolo e il coordinatore del tavolo tecnico della salute mentale della Regione, Guido Faillace.

L’incontro è aperto a tutte le organizzazione del territorio: imprese sociali, cooperative, enti del terzo settore, enti locali, associazioni di volontariato. Ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

“Sport e solidarietà sotto l’albero”, questa mattina alla Fortunato Bellina manifestazione con tutte le scuole di Marsala

0

L’istituto Comprensivo Garibaldi-Pipitone, presieduto da Francesca Pantaleo, ha partecipato questa mattina alla tradizionale manifestazione di Natale “Sport e solidarietà sotto l’albero”, presso la palestra Fortunato Bellina.  Con il coinvolgimento di tutte le scuole del territorio, si è svolta una bellissima festa dedicata alle diverse tipologie di sport, con tante esibizioni di gruppi di studenti. Presente l’Amministrazione Comunale, rappresentata dall’assessore allo Sport, Andrea Baiata, che ha apertola manifestazione con parole di elogio ai docenti e ai dirigenti scolastici per l’attenzione e la sensibilità verso tutte le forme di sport e di arte in genere.

dav

Dopo l’esibizione del coro del VI Circolo, che ha eseguito l’Inno d’Italia, una rappresentanza di alunni provenienti dai diversi istituti scolastici marsalesi ha affrontato un percorso di velocità ad ostacoli per poi lasciare il campo al coro dell’Istituto Stefano Pellegrino, che ha deliziato la platea con il canto “Happy Christmas”. Si sono succedute diverse esibizioni di discipline sportive: i piccoli alunni della scuola elementare del Plesso Pascoli, con gli studenti più grandi della scuola media Vincenzo Pipitone, per un totale di oltre 30 bambini, hanno presentato un’esibizione di rugby, sotto l’attenta direzione del presidente della SD Scuola Rugby “I Fenici”, Marco Quattrociotti, e delle insegnanti referenti: Cettina Portolano e Maria Flavia Bellina .

dig

“E’ sempre bello partecipare ad iniziative come questa, in cui le scuole incentivano lo sport tra i giovani – ci ha detto Quattrociotti -. Il nostro compito in qualità di allenatori, così come quello degli insegnanti all’interno delle scuole, è prima di tutto di educare al rispetto delle regole e poi, in un secondo momento, quello di insegnare uno sport. Siamo principalmente degli educatori”.

L’Istituto De Gasperi ha presentato un’esibizione di Karate, il II Circolo ha eseguito alle tastiere il brano “Twinkle”, ed infine, alcune alunne delle scuole Sturzo, Mazzini e De Gasperi hanno presentato un piccolo saggio di ginnastica artistica.

Esaltante finale di stagione per la Polisportiva Marsala Doc

0

E’ un finale di stagione davvero esaltante per laPolisportiva Marsala Doc. Domenica, infatti, nelle maratone di Catania e Pisa,i colori della società biancazzurra sono stati rappresentanti in maniera eccellente. Con prestazioni cronometriche degne di rilievo e parecchi atleti sul podio. A cominciare da Pietro Paladino, primo di categoria (SM45) alla maratona di Catania con un tempo ben al di sotto della barriera delle tre ore.E cioè 2 ore, 55 minuti e 34 secondi. Una prestazione che gli ha consentito di ottenere un prestigioso ottavo posto assoluto. E con il nuovo primato personale(3:10:37) un altro primo posto di categoria (in questo caso nella SM60) è stato conquistato da Michele D’Errico, alla sua 170° gara tra maratone ed “ultra”. Un record che lo pone nell’Olimpo dell’atletica amatoriale italiana. A distanza,hanno poi tagliato il traguardo posto sullo sfondo dell’Etna innevato anche Antonio Pizzo (3:20:20), secondo nella SM55, Pietro Sciacca (3:35:33), terzo nella SM55, il veterano Ignazio Abrignani (3:37:34), secondo nella SM60, Fabio Sammartano (3:44:43). E poi, Vincenzo Maggio, tornato a correre una maratona dopo cinque anni, ottenendo anche il suo nuovo pb (3:49:32), Antonello Parrinello (anche per lui nuovo pb), Matilde Rallo, terza assoluta tra le donne e prima nella sua categoria d’età (SF45) con il suo nuovo primato personale:3:53:12. E’ stata lei, a Catania, la vera sorpresa tra i marsalesi, coronando con il podio una prestazione da incorniciare per la grinta mostrata durante la faticosa gara. Dopo le 4 ore, sono poi arrivati anche Pino Valenza, AntonelloMassimo Cammarata, Antonino Licari, Salvatore Panico, Paola Imparato (seconda nella SF50), Roberto Angileri e Mimmo Ottoveggio. All’esordio sulla distanza“regina” dell’atletica leggera erano Fabio Sammartano, Antonello Massimo Cammarata e Antonino Licari e l’aver concluso la massacrante prova è stata, per loro, nonostante la fatica, una grande soddisfazione. Contemporaneamente, altri quattro atleti hanno rappresentato la Polisportiva Marsala Doc alla maratona di Pisa. E sulle strade toscane è stato Ignazio Cammarata a fornire una superba prestazione, centrando con un ottimo 3:14:10 il suo nuovo primato personale.Frutto, come per tutti gli altri, di lunghi mesi di duro allenamento. A Pisa,hanno inoltre gareggiato Damiano Ardagna, Silvio Giardina e Giuseppe Genna(SM35). Sette giorni prima, invece, è stato il presidente Filippo Struppa a correre la sua ennesima maratona. In questo caso, sulle strade di Sanremo. Domenica sera, infine, si è svolta in un locale dell’agro trapanese la cerimonia di premiazione del Grand Prix provinciale Fidal, con la Polisportiva Marsala Doc,rappresentata per l’occasione dal consigliere Vito Cascio e da altri soci atleti, seconda nella classifica generale maschile 2018.

2° Training Open d’autunno: i giocatori della AD Scacchi Lilybetana premiati ad Erice

0

Il candidato Maestro Giacomo Bertino dell’ASD “Amici della scacchiera”di Erice ha vinto  il 2° Training Open d’Autunno organizzato dalla stessa societa’ ericina.

Il torneo, iniziato lo scorso 13 ottobre e conclusosi sabato 15 dicembre dopo sette turni di gioco, ha visto tra i protagonisti ben 13 giocatori della AD Scacchi Lilybetana su 26 partecipanti. A ridosso del vincitore si sono piazzati ben quattro giocatori  lilybetani. La seconda categoria nazionale Giorgio Laudicina si classifica secondo con 5,5 punti,contro i 6 punti ottenuti dal vincitore, precedendo il NC Flavio Pipitone, la seconda categoria nazionale Giuseppe Salvato e la seconda categoria nazionale Gianvito Genovese tutti e tre con 5 punti e piazzatisi nell’ordine. Proprio Gianvito Genovese e’ stato l’unico giocatore a riuscire a battere, all’ultimo turno di gioco, il CM Giacomo Bertino.

Tanti altri premi di fascia vinti dai giovani marsalesi, con Francesco Bevilacqua primo tra gli under 16, Vito Genovese secondo tra gli under 16, Federica Montalto prima tra gli under 14, Davide Montalto primo tra gli under 12 e Bianca Pipitone prima giocatrice del torneo.

Da sottolineare che con il buon risultato ottenuto in questo torneo Flavio Pipitone raggiungera’ dal primo gennaio la terza categoria nazionale.

L’Open e’stato diretto ottimamente dall’arbitro nazionale Giuseppe Cassia, sempre disponibile e abile a gestire le varie esigenze dei giocatori che si sono presentate nel corso del torneo.

Marsala nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR)

0

Consentirà di ottenere certificati anagrafici in qualsiasi comune d’Italia in rete

Il Comune di Marsala nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) istituita presso il Ministero dell’Interno. Si tratta di una rete comprensiva sia dell’anagrafe della popolazione residente che di quella dei residenti all’estero (AIRE). “Dopo la Carta di Identità elettronica, un altro risultato eccellente in termini di efficienza e semplificazione, principi ispiratori della nostra azione amministrativa, afferma il sindaco Alberto Di Girolamo. Siamo tra i pochi grandi Comuni a far parte della rete nazionale ed anche questo è un ottimo risultato che rispecchia il buon lavoro propedeutico svolto” . Il riferimento è al fatto che su oltre 8.000 Comuni italiani, solo 1505 sono transitati in ANPR: Marsala, per numero di abitanti, si colloca al 27° posto su scala nazionale. Soddisfatta la d.ssa Matilde Adamo, dirigente vicario dei Servizi demografici e coordinatrice del gruppo di lavoro: “Una sfida affrontata dall’Ufficio con meticolosità, grazie all’accurato e rapido lavoro di bonifica dei dati anagrafici svolto dai dipendenti. Ringrazio anche la Kibernetes per il pregevole supporto tecnico-informatico che fornisce ai servizi demografici, sempre più digitalizzati e di facile accesso per i cittadini”. I risvolti positivi per la popolazione residente si sostanziano nella possibilità di ottenere certificati anagrafici in qualsiasi comune d’Italia già presente in ANPR, oltretutto snellendo le procedure di iscrizione/cancellazione/variazione anagrafiche. Insomma, una condivisione di informazioni attraverso una reale banca-dati che rappresenta un punto di svolta per i cittadini e per gli stessi operatori.

Insediato il nuovo Commissario dell’ASP di Trapani

0

Si è insediato ieri pomeriggio il nuovo commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani Fabio Damiani. Dirigente avvocato dell’Asp di Palermo dal 2003, è responsabile del settore Economico finanziario e Provveditorato dell’azienda palermitana. Già direttore amministrativo dell’azienda ospedaliera Villa Sofia Cervello di Palermo, nel 2013 è stato commissario liquidatore del Ciapi di Palermo. Dal 2016 al 2018 ha diretto la Centrale Unica di Committenza della Regione Siciliana.

Damiani ha subito incontrato i direttori sanitario e amministrativo uscenti e i responsabili delle strutture complesse aziendali.

“Mi sono voluto subito sentire – ha detto Damiani- con il commissario uscente, il dottore Bavetta, che ringrazio. Mi attendo, in questa nuova esaltante esperienza, la collaborazione di tutti, per un nuovo modo  di condurre questa azienda, che comunque ho trovato già ben strutturata e organizzata”.

Torneo Giovanile “Citta’ di Partinico”: il marsalese Davide Montalto stravince il torneo

0

Un giovane scacchista della AD Scacchi Lilybetana di appena 10 anni, Davide Montalto, ha vinto il torneo giovanile  “Citta’ di Partinico” disputato domenica 16 dicembre presso la Real Cantina Borbonica di Partinico ed organizzato dalla ASD Pedone Isolano. A dare maggior prestigio al risultato della promessa lilybetana l’aver dominato un torneo che raggruppava ben 14 giocatori di tre diverse categorie ,ovvero under 16, under 14 e under 12. Davide ha ottenuto 5,5 punti nei sei turni di gioco previsti pattando solo la partita iniziale contro la sorella Federica.  Al secondo e terzo posto si sono piazzati nell’ordine i due fratelli Marco e Martina Triolo della ASD ChessmateAcademy di Bagheria con 4 punti, che hanno preceduto altri due lilybetaniFederica Montalto e Riccardo Casano, rispettivamente quarta e quinto, con 3,5punti. Entusiasmanti e avvincenti le sfide che all’ultimo turno di gioco  hanno visto sfidarsi tra di loro Davide Montalto e Marco Triolo per la vittoria finale e Federica Montalto e Martina Triolo per la conquista del terzo posto. Grazie all’ottimo risultato ottenuto sia Davide che Federica hanno conquistato il diritto a partecipare ai prossimi campionati italiani giovanili under 16 che si disputeranno in Piemonte a luglio 2019.

Nel torneo che ,invece, raggruppava giocatori under 10 e under 8 da segnalare il secondo posto di Bianca Pipitone e il quinto posto di Alessio Montalto  entrambi della AD Scacchi Lilybetana.

Dal 14 al 16 dicembre si e’ svolto nella stessa sede il 1°weekend scacchistico “Citta’ di Partinico” al quale hanno partecipato altri due giocatori della lilybetana scacchi,  Vito Genovese e Giuseppe Salvato, entrambi di seconda categoria nazionale, che hanno ottenuto rispettivamente 2,5 punti e 2 punti nei 5 turni di gioco previsti piazzandosi a meta’ classifica su  26 giocatori partecipanti. A vincere questo torneo il maestro Girolamo Valguarnera con 4,5 punti che ha preceduto Giuseppe Adalberto Cino, prima categoria nazionale, con 4 punti e Marco Bianchi, seconda categoria nazionale, con 3,5 punti.

Petrosino. Progetto di manutenzione straordinaria per il Palazzetto dello Sport

0

Il Comune parteciperà al bando “Sport e periferie 2018” per il finanziamento dell’intervento

Intervento di manutenzione straordinaria al Palazzetto dello Sport di contrada Gazzarella, a Petrosino. La Giunta comunale, presieduta dal Sindaco Gaspare Giacalone, su proposta del Vicesindaco e Assessore ai lavori pubblici, Rocco Ingianni, ha deliberato, infatti, la partecipazione dell’ente al bando “Sport e periferie 2018” (emanato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri) al fine di ottenere il finanziamento dell’intervento.

Il “Progetto esecutivo per la riqualificazione del Centro Sportivo Polivalente sito in località Gazzarella” è stato predisposto dagli uffici comunali e prevede un co-finanziamento del comune pari al 25% dell’importo complessivo. L’intervento prevede la sostituzione della copertura della struttura principale per impedire le infiltrazioni da acqua piovana, la sostituzione di alcuni infissi metallici esterni, il rifacimento della rete idrica anti-incendio interrata e la riqualificazione dell’illuminazione pubblica esterna. L’ammontare complessivo del progetto è pari a 500 mila euro, dei quali 364.735,32 euro a base d’asta.

Marsala. Cordoglio dell’Amministrazione per l’improvvisa scomparsa dell’avvocato Maurizio Signorello

0

E’ venuto a mancare oggi l’avv. Maurizio Signorello, professionista serio ed affermato ma anche storico ed uomo di cultura. Nato nel 1944, si era laureato in giurisprudenza divenendo ben presto uno dei più affermati avvocati della Città. Nella sua lunga carriera professionale è stato Presidente dell’Ordine degli Avvocati del Foro di Marsala, giudice onorario e presidente della Commissione Tributaria di Trapani. Parallelamente alla sua carriera di avvocato, Maurizio Signorello è stato anche un grande uomo di cultura.

“Siamo davvero dispiaciuti per la scomparsa dell’Avvocato Signorello – affermano il Sindaco Alberto Di Girolamo e l’Assessore alla cultura Clara Ruggieri. Era un uomo che come pochi sapeva leggere i documenti antichi e che conoscenza benissimo la storia di Marsala. Siamo fieri di averlo confermato nel Consiglio d’Amministrazione del Centro Internazionale di studi Garibaldini e risorgimentali del quale era componete dal 1990 ovvero dalla fondazione. Alla moglie e alla famiglia esprimiamo i sensi del più profondo cordoglio. Ci mancherà”.

Maurizio Signorello nella sua lunga attività di storico (è stato anche presidente dell’Associazione della Storia Patria) e ricercatore ha pubblicato diversi testi fra cui  “Città e territorio nei secoli XV e XVI” in AA.VV.,“Lilibeo – Marsala; la città come bene culturale”; “Benjamin Ingham nellaSicilia dell’Ottocento”, Atti del seminario di Marsala dei 15-16/61985,Associazione Marsalese per la Storia Patria, Marsala 1986. Assieme a Giovanni Alagna, Rosario Lentini e G. Todaro, “L’Archivio Ingham-Whitaker di Marsala”,indice generale della corrispondenza, Libera Università di Trapani, Trapani 1990.

Ast, sindacati proclamano lo sciopero dei lavoratori per il prossimo 9 gennaio: “Il Presidente Musumeci intervenga”

0

“Il Presidente dell’Ast, Tafuri continua a sfuggire al confronto con le parti sociali e intanto il precario equilibrio economico finanziario della società rischia di mettere in discussione la sua stessa sopravvivenza, in un assordante silenzio dell’amministrazione Regionale proprietaria dell’Azienda”. Cosi i segretari di Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Ugl Trasporti Sicilia, Franco Spanò, Dionisio Giordano, Agostino Falanga e Pippo Scannella, motivano lo sciopero di tutti i lavoratori dell’Azienda siciliana Trasporti proclamato per il prossimo 9 gennaio. “Nonostante da mesi sollecitiamo un confronto con la Presidenza dell’Ast per affrontare i temi legati all’equilibrio economico-finanziario della società, a partire dalla redazione di un nuovo piano industriale, dalla necessità di sottoscrizione dei contratti di affidamento con i comuni, dall’urgenza di acquistare nuovi mezzi per espletare i servizi invernali, da una verifica dell’esposizione debitoria ma anche dei crediti vantati, nessuna risposta è mai giunta dal Presidente Tafuri”. “Nonostante, inoltre – aggiungono i sindacati – l’avvio delle procedure di raffreddamento finalizzate a trovare un momento di confronto con l’azienda di trasporto pubblico regionale, nessuna soluzione è stata individuata se non l’arroccamento di chi vede la gestione di un’azienda pubblica di proprietà della Regione, quale proprietà personale”. 
“Noi riteniamo che la situazione debitoria verso le banche, l’erario, l’Istituto di Previdenza e i fornitori, nonché il rischio di un DURC negativo associati alle difficoltà gestionali di recuperare i corrispettivi ed i crediti vantati dalla società, siano materia di confronto sindacale perché riguardano la vita stessa dell’azienda e quindi il mantenimento dei livelli occupazionali, la prospettiva di una migliore qualità della vita professionale e dell’efficientamento del servizio di trasporto pubblico regionale”. Per questo spiegano i sindacati “abbiamo richiesto un confronto sistematico e non episodico su tempi, modalità, interventi, risorse economiche e risorse umane necessarie allo sviluppo dell’Azienda. Nonostante i pur apprezzabili tentativi dell’Assessorato Regionale alle Infrastrutture di ricondurre il confronto tra le parti in sede aziendale, il Presidente continua a ritenere di trovarsi in una sorta di ‘zona franca’ dove poter operare inlibertà dimenticando che l’AST è pubblica, gestisce un servizio pubblico e deve rispondere ai controlli previsti dalla legge”. Da qui le conclusioni dei segretari di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporti, “la misura è colma, ed è ulteriormente acuita da tutte le provocazioni di queste ultimi giorni attuate anche attraverso ordini di servizio illegittimi sia sul piano contrattuale, normativo e sindacale. E’ per questo che chiediamo al Presidente Musumeci, un autorevole intervento sul Presidente Tafuri al fine di fare cessare questo comportamento”.

Catania. Grosso carico di droga al Villaggio Dusmet: sequestrati 60 Kg di marijuana

0

L’operazione è stata condotta e portata a termine dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante.

Grazie ad un attività info-investigativa, i militari la scorsa notte sono riusciti ad intercettare quel carico di droga che doveva andare ad alimentare il fiorente mercato del capoluogo etneo.     

Il mezzo di trasporto utilizzato è stata una Volkswagen Golf, scortata nel perimetro cittadino da una moto di grossa cilindrata. 

Nell’abitacolo della macchina, abbandonata ancora con il motore acceso in via Alfred Rittmann, gli operanti hanno rinvenuto e sequestrato: 16 buste di plastica sottovuoto contenenti circa 60 Kg di marijuana, sostanza stupefacente che, opportunamente lavorata, dosata ed immessa sul mercato al dettaglio, avrebbe potuto fruttare alla criminalità organizzata oltre i 600mila euro.

L’autovettura utilizzata per il trasporto della droga è stata sequestrata per essere sottoposta ai rilievi tecnici dalla Sezione Investigazioni Scientifiche del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale.     

Il 6° Reggimento Bersaglieri della Brigata Aosta incontra gli alunni del 1° Circolo “L. Da Vinci” di Trapani

0

Si è svolta nella giornata di ieri, presso la Caserma “L. Giannettino” di Trapani, sede del 6° Reggimento Bersaglieri, un incontro tra il personale militare femminile e gli alunni del 1° Circolo “L. Da Vinci” di Trapani. La compagine scolastica, accompagnata dalle insegnanti Mirella Pace e Mirella Aleo, è stata ricevuta dal Comandante del 6° bersaglieri Colonnello Massimo Di Pietro.

Il progetto educativo-didattico, elaborato per promuovere una cultura del rispetto e per dissipare i pregiudizi e gli stereotipi sociali legati ai ruoli maschili e femminili, ha visto protagonisti i giovani alunni della quinta classe primaria della sezione “A” del plesso San Francesco D’Assisi con un’intervista al personale militare femminile appartenente ai fanti piumati trapanesi con l’intento di ricercarne le virtù, i principi civici ed etici che animano i militari in uniforme e che esprimono attraverso valori di legalità e amore per la Patria. La visita, ha compreso una esibizione della fanfara con musiche tipiche della specialità, la visita alle stanze museali della caserma e una mostra statica con i mezzi in dotazione al reggimento.

Marsala. Giovedì un meeting organizzato dall’Associazione Culturale OTIUM

0

Il prossimo 20 dicembre alle ore 17.30 si terrà  a Marsala presso l’Ex Convento del Carmine, piazza Carmine, un meeting organizzato da OTIUM Associazione Culturale.

Partendo dall’analisi del dato contenuto in  OTIA NOSTRA, foglio informativo redatto da OTIUM, in cui si raccontano sei anni di esperienza sul territorio, si snoderàun dibattito aperto sul tema: Progettazione culturale, territorio e futuro.

Alla discussione hanno aderito: Carla Athayde  e Francesco Ducato, Studio Stardust* Marsala; Paola Galuffo e Carlo Roccafiorita, Progetto Periferica Mazara del Vallo e Gianni di Matteo, Abadir Accademia di Design e Arti Visive Catania.

Marsala. Concorso pubblico per dirigente

0

È in pubblicazione l’Avviso per il conferimento di un incarico dirigenziale, a tempo determinato, per la copertura di un posto di dirigente amministrativo-contabile. La durata dell’incarico non potrà superare il mandato del sindaco: il termine per la presentazione dell’istanza scade il prossimo 24 dicembre. Tra i requisiti richiesti, Laurea in Economia e Commercio, Scienze Politiche, Scienze Statistiche e Lauree equipollenti alle suddette, nonché esperienza di servizio o professionale. I soggetti saranno selezionati da una Commissione esaminatrice che valuterà il curriculum vitae dei candidati.

Qui il link per visionare l’Avviso Pubblico 
https://www.comuneweb.it/egov/Marsala/Albo-Pretorio/elencoAlbo/pubblicazione.2018.7506.2018-12-14.html

Marsala. Chiusa al traffico la via Calogero Isgrò

0

Chiusura al traffico veicolare, per il periodo natalizio, della via Calogero Isgrò. La richiesta dell’omonima Associazione è stata accolta dall’Amministrazione comunale, con conseguente provvedimento della Polizia Municipale che – da venerdì scorso – ha disposto la chiusura della suddetta strada fino al prossimo 6 gennaio, limitatamente alla fascia oraria che va dalle 16 alle 21.

Solidarietà, affetto e tanta amarezza per il clochard ucciso in pieno centro a Palermo

0

Leoluca Orlando: “Imbarbarimento dei tempi, di una società dove la violenza gratuita si accanisce sui più deboli e indifesi”

Aid Abdellah, chiamato da tutti Aldo, aveva 56 anni.Domenica è stato ucciso nel sonno, colpito con un oggetto appuntito che gli ha provocato una profonda ferita tra lo zigomo e la mandibola. Gli hanno rubato il portafoglio e il cellulare, tutto questo sotto i portici di piazzale Ungheria,a Palermo. E’ stata aperta un’inchiesta per omicidio, sulla vicenda indagano i Carabinieri e la Procura che ha disposto l’autopsia per stabilire le cause della morte.

Da alcune testimonianze si apprende che l’uomo, di origine francese, nei giorni precedenti alla sua morte aveva raccontato di avere paura e proprio per questo andava a dormire davanti ad un bar che aveva le telecamere perché si sentiva più sicuro.

Grande commozione e affetto da parte dei tantissimi frequentatori di piazzale Ungheria, che definiscono il povero Aldo come un uomo buono, mite e gentile, che aveva scelto di vivere i mesi invernali nelle strade di Palermo e che tutti volevano bene, grazie anche al simpatico gattino che portava sempre sulle spalle e che adesso sarà adottato da un ragazzo che ha già dato la sua disponibilità ad accoglierlo in casa

“E’ segno dell’imbarbarimento dei tempi – ha dichiarato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando -; di una società dove la violenza gratuita si accanisce sui più deboli e indifesi, sugli ultimi fra gli ultimi.Aldo aveva scelto di vivere a Palermo e aveva scelto di vivere in strada, con grande dignità e con grande delicatezza, come hanno raccontato tutti coloro che lo hanno conosciuto. Anche per questo l’Amministrazione comunale ha avviato i contatti con le autorità francesi e sta verificando se proprio a Palermo si possa dare sepoltura a quello che era a tutti gli effetti un nostro concittadino”.

Anche la Cisl Palermo-Trapani, per voce del segretario generale Leonardo La Piana, interviene scrivendo una nota: “Siamo certi che con le indagini delle forze dell’ordine verrà fatta chiarezza sulla morte di Aid Abdellah. Purtroppo l’episodio conferma ancora una volta il disagio sociale di chi  in città vive per strada e di stenti e per i quali sarebbe necessaria una maggiore assistenza e presenza delle istituzioni”.

Petrosino. Nasce l’associazione “Il Sorriso del Pinguino”, in memoria di Francesca Agate. Gli eventi in programma

0

Francesca Agate continuerà a donare il suo sorriso, come quotidianamente faceva con tutti, grazie all’associazione “Il Sorriso del Pinguino” che i suoi amici e familiari hanno costituito in sua memoria. Francesca, di appena 30 anni, è venuta a mancare il 17 settembre a causa di una breve e aggressiva malattia.Molto conosciuta a Petrosino e a Marsala, la sua morte ha lasciato sgomenti i familiari e i tanti amici di cui si è circondata nel corso della sua vita. Era una ragazza solare e sorridente, con ideali genuini. Una ragazza dalle mille passioni, attiva nel sociale, nella politica, nella tutela dell’ambiente.Con l’associazione “Il Sorriso del pinguino”verranno portati avanti i suoi ideali e il suo spirito allegro.

L’associazione vuole contribuire alla formazione sociale e culturale, con attenzione particolare ai giovani, favorendo ogni forma di attività aggregativa.Tra gli obiettivi ci sono: quello di promuovere progetti finalizzati alla tutela dell’ambiente e alla salvaguardia del territorio; sensibilizzare all’educazione alla salute e diffondere la cultura della prevenzione con particolare attenzione alle patologie oncologiche.“Decoriamo il Natale riciclando”, è il titolo del primo evento organizzato dall’associazione“Il Sorriso del Pinguino” a Petrosino. Un laboratorio di riciclo creativo dedicato ai bambini che si terrà, sabato 22 dicembre, a partire dalle 16, al Centro Polivalente di Petrosino. I bambini, aiutati dai membri dell’associazione, realizzeranno decorazioni natalizie con materiali riciclati.Un momento di gioco, creatività e di educazione al riuso. Durante l’evento, inoltre, sarà presente la Croce Rossa Italiana con un presidio informativo su salute e prevenzione.L’associazione ha realizzato anche le decorazioni dell’albero di Natale installato all’interno del Centro Polivalente. Addobbi realizzati sempre con oggetti riciclati, come bottiglie di plastica, che hanno preso la forma di tanti colorati pinguini.L’associazione “Il Sorriso del Pinguino”, dal 18 al 20 dicembre, sarà presente con un proprio spazio, all’interno dell’Istituto Nosengo di Petrosino in occasione del Presepe vivente organizzato dalla scuola. Uno spazio per presentarsi e presentare le iniziative messe in campo dall’associazione che potete trovare e seguire anche su Facebook al seguente link: www.facebook.com/ilsorrisodelpinguino.

Salemi, asfalto nuovo in via Rocche San Leonardo. Venuti: “Diversi problemi sulle strade, pronto un piano”

0

Sono corso i lavori di rifacimento del manto stradale a Salemi, in via Rocche San Leonardo: si tratta di un’arteria che svolge le funzioni di circonvallazione esterna rispetto al centro abitato, percorsa anche dalle ambulanze dirette verso l’ospedale della città. Gli operai de ‘La Fenice Società Cooperativa’ di Palermo, che si è aggiudicata la gara indetta grazie a fondi comunali, sono al lavoro da qualche giorno e presto interverranno anche sulla strada Filci-Canalotto, dove si sono registrati due cedimenti parziali della sede stradale a seguito delle piogge. Il ripristino avverrà attraverso il posizionamento di alcuni gabbioni di contenimento. L’intervento complessivo, seguito dai tecnici del settore Lavori pubblici del Comune, è di oltre ottantamila euro. “Monitoriamo continuamente la situazione strade – afferma il sindaco di Salemi, Domenico Venuti – e via Rocche San Leonardo era una delle priorità che avevamo individuato come interventi primari, visto l’elevato volume di traffico e la presenza dell’ospedale, da attuare con fondi del bilancio comunale. Siamo coscienti dell’esistenza di diversi problemi – prosegue Venuti -. Difficile intervenire in tutte le situazioni segnalate al Comune ma abbiamo comunque predisposto un piano complessivo che porterà gli operai in diverse zone della città, anche in quella di nuova espansione, cercando di distribuire equamente le risorse e attivando comunque una inversione di tendenza rispetto al passato”.

Basket: Cus Palermo sconfitto al PalaMedipower. La Pallacanestro Marsala nei piani alti

0

Non è stato facile per Capitan Frisella e compagni conquistare questi 2 punti in classifica. Il PalaMedipower è gremito come per tutte le partite in casa. I palermitani del Cus arrivano a Marsala con la grinta di chi non vuole concedere niente. Le due squadre hanno i due migliori marcatori (al momento) del campionato. Bonanno per il Cus che ha finora siglato 174 punti e Gaspare Pizzo per i lilybetani con 171 punti. Partono bene i marsalesi. Difendono, qualche rimbalzo e attenzione sottocanestro. I palermitani non ci stanno e nel secondo periodo di gioco, alzano la testa e portano a casa il quarto. Si va alla pausa lunga sul 34 a 36 per Palermo, ma è la Pallacanestro Marsala al ritorno in campo ad avere le idee più chiare. Qualche défaillance dei direttori di gara che, stranamente, mettono d’accordo le due tifoserie, potrebbe far perdere la calma ai giocatori. Invece sia i marsalesi che i palermitani conservano il self-control e se la giocano fino alla fine, pallone su pallone, punto su punto. Nell’ultima fase di gioco non c’è stata storia. I ragazzi di Grillo vincono con un 81 a 74 che accende il PalaMedipower e si preparano così all’ultima gara del girone di andata. Domenica 23 dicembre i marsalasi scenderanno in campo contro la prima in classifica, Svincolati Milazzo.

Intanto va in archivio una grande gara, con Amato che non le manda a dire (28 punti per lui) e il nuovo acquisto Marko Dosen, al debutto con i biancazzurri, ottimo sottocanestro.

Petrosino. Al Museo etnoantropologico il Presepe vivente realizzato dagli studenti dell’Istituto Nosengo

0

Sarà visitabile da domani (18 dicembre) a giovedì (20 dicembre) al Museo etnoantropologico “Prof. Martino Zichittella” il Presepe vivente realizzato dall’Istituto comprensivo Gesualdo Nosengo di Petrosino con il patrocinio del Comune. L’iniziativa è stata realizzata dagli studenti della scuola petrosilena a conclusione di un progetto di ampliamento dell’offerta formativa rivolto agli alunni di scuola dell’infanzia, di scuola primaria e di scuola secondaria di I grado.

Nel dettaglio, sarà possibile visitare il Presepe e il Museo martedì 18 dicembre, mercoledì 19 dicembre e giovedì 20 dicembre, dalle ore 9.30 alle ore 12.30 (per le scuole) e dalle ore 15 alle ore 18 (per i visitatori esterni). Per informazioni e prenotazione delle visite si può contattare il numero 348.7987629.

Le attività progettuali sono state coordinate dall’insegnante Anna Maria Maltese, mentre l’aspetto tecnico e musicale è stato curato dal professore di clarinetto Antonino Pulizzi. Il progetto è frutto della collaborazione tra l’istituto scolastico e le associazione Petros-Sinis, Misericordia e Studio Evoluto.

Dura condanna del Sindaco Cristaldi sull’avvelenamento dei cani randagi a Mazara. “Gesto selvaggio e crudele”

0

“Un atto selvaggio e crudele non assolutamente in linea con la nostra civiltà e con il nostro modo di vivere nel pieno rispetto degli amici a quattro zampe. La tolleranza e il rispetto che contraddistingue la nostra Città non si limita semplicemente al rapporto tra uomini e donne ma interessa anche il mondo animale. Ho dato specifico incarico al comandante della Polizia Municipale di avviare un’accurata indagine al fine di giungere all’individuazione dei responsabili e al loro affidamento alla giustizia”.

Lo ha detto il sindaco della Città, on Nicola Cristaldi, commentando amaramente il triste episodio di cronaca che ha visto coinvolti 5 randagi, barbaramente uccisi da ignoti per avvelenamento nella zona vicina al cimitero comunale nella giornata di sabato 15 Dicembre.

Nuova raccolta differenziata a Marsala: domani altro incontro con la cittadinanza

0

Continuano gli incontri con la cittadinanza per informare sul nuovo servizio di raccolta differenziata dei rifiuti che partirà con l’anno nuovo. Amministrazione comunale ed Energetikambiente incontreranno i cittadini domani – 18 dicembre – presso il Complesso San Pietro, alle ore 18.

Petrosino terzo Comune più virtuoso di’Italia. Giacalone: “Risultato che premia la cittadinanza e l’Amministrazione”

0

Petrosino è il terzo comune più virtuoso in Italia. Lo ha decretato la giuria del premio “Comuni Virtuosi 2018”, iniziativa promossa ogni anno dall’Associazione dei Comuni Virtuosi al fine di divulgare le esperienze virtuose, i progetti concreti, le iniziative realizzate a favore dell’ambiente e delle comunità locali. La cerimonia di premiazione si è svolta, sabato scorso, a Trento.

“Un risultato che premia la cittadinanza, prima ancora che l’amministrazione, per i tanti passi avanti fatti in questi anni sul fronte dei rifiuti, per il decoro urbano con Art’s Oasis, per le battaglie sulle energie rinnovabili, per il progetto Assegno Civico e le politiche di integrazione, per la riqualificazione del litorale, per la strategia sul turismo e sugli eventi culturali e tante altre iniziative”, è stato il commento del Sindaco di Petrosino, Gaspare Giacalone. Che ha aggiunto: “Dedico questo riconoscimento ai tantissimi siciliani onesti che vogliono una Sicilia migliore”.

Ad aggiudicarsi il premio è stato il Comune di Cavareno (Tn) tra i 50 comuni finalisti e le oltre 250 progettualità pervenute nei termini previsti dal bando promosso dall’Associazione, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, Ispra, Anci, Borghi Autentici d’Italia, Agenda 21 Italia.

Salemi, al via i lavori per il ripristino di via Cremona. Venuti: “Si torna alla normalità”

0

Ha preso il via a Salemi il cantiere per il ripristino di via Cremona, la strada che aveva subito un crollo a seguito di forti piogge. Gli operai sono all’opera e hanno già gettato le fondamenta per la costruzione di un muro in cemento armato, in sostituzione di quello crollato, a sostegno della sede stradale che verrà quindi ripristinata. Al lavoro la ditta ‘Cartilora empedoclina’ di Partinico, che porterà a termine il proprio compito per circa 70mila euro in modalità di subcontratto: le risorse, infatti, provengono dal ribasso d’asta frutto della gara d’appalto effettuata per il rifacimento delle strade interne. L’iter è stato seguito dal vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Calogero Angelo. “In questi mesi non abbiamo mai dimenticato il problema nè i disagi per i cittadini e le attività commerciali della zona – afferma il sindaco di Salemi, Domenico Venuti -. L’intervento consentirà di riaprire un’arteria importante che farà ritornare alla normalità gli spostamenti nel quartiere”.

Nuova raccolta differenziata a Marsala: domenica 16 dicembre incontro informativo con i cittadini

0

Ancora un appuntamento a Marsala per fornire informazioni sul nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti. Amministrazione comunale ed Energetikambiente incontreranno i cittadini domenica prossima – 16 dicembre – nella Parrocchia di San Francesco di Paola (Corso Calatafimi), alle ore 16,30.

Domani l’inaugurazione della piazzetta di contrada Digerbato, a Marsala

0

Nuovo look per la piazzetta di contrada Digerbato, nel versante nord di Marsala. Gli interventi di sistemazione sono stati ultimati e domani, Sabato 15 Dicembre, l’area verrà inaugurata alle ore 12. “Abbiamo ridato decoro alla piazza, eliminando quello spiacevole senso di abbandono che stagnava da tempo – afferma il sindaco Alberto Di Girolamo. Invito i residenti e tutti i cittadini a partecipare a quest’altro momento di significativa attenzione per le nostre borgate”. La piazza dove si affaccia l’antico baglio Barbarà, avrà ora al centro un albero d’ulivo; mentre attorno sono state collocate panchine e cestini portarifiuti. Installati anche dei dissuasori per regolamentare la circolazione veicolare.

Finanziati dalla Regione otto progetti per l’adeguamento alla nuova normativa antincendio degli istituti scolastici marsalesi

Il Sindaco Di Girolamo e l’Assessore Angileri: “Daremo ancor più sicurezza alle scuole da noi gestite utilizzando fondi statali e regionali”

Altri 8 Istituti scolastici della nostra città saranno adeguati alla normativa vigente in tema di prevenzione incendi.Ciò grazie a stanziamenti nazionali e regionali e sulla base di un apposita graduatoria di merito, formulata dal Dipartimento regionale dell’Istruzione e della formazione  ed approvata, con proprio decreto, dal dirigente regionale Gianni Silvia.

“Siamo davvero soddisfatti per questa importante notizia – affermano il Sindaco Alberto Di Girolamo e l’Assessore alla pubblica istruzione Anna Maria Angileri. Dei nove progetti che abbiamo presentato ben 8 (la quasi totalità) sono stati ammessi a finanziamento per un totale di 400 mila euro (50 mila euro Istituto).Con queste opere che contiamo di avviare al più presto renderemo ancor più sicure diverse scuole della nostra città, utilizzando fondi dello Stato e della Regione”.

I progetti redatti dall’ufficio tecnico e finanziati riguardano istituti con popolazione studentesca superiore alle 100 unità e, in particolare, la Scuola “De Gasperi” compreso Terrenove-Bambina, l’Istituto comprensivo “Mario Nuccio”, l’Istituto comprensivo “Garibaldi-Pipitone”, la scuola“Cavour” e il plesso “Caimi” (via Verdi), ed ancora le scuole Ventrischi Novi e“Montessori”.

Airgest: nominata la commissione per la scelta del direttore generale

0

Il presidente del cda Paolo Angius consegna una targa alla consigliera dimissionaria Elena Ferraro

Questa mattina, a conclusione del consiglio di amministrazione di Airgest, nel tradizionale rito degli auguri ai dipendenti, il presidente della società di gestione Paolo Angius ha annunciato la nomina, da parte della Regione siciliana, dei membri della commissione per la scelta del nuovo direttore generale dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Bigi.

«Il nome del nuovo manager potrebbe essere comunicato entro il 15 gennaio – ha commentato Angius -. Auspico, inoltre, che il comune di Marsala, nella propria qualità di capofila, possa con l’aiuto della Regione, senza ulteriori indugi dare impulso all’ultima parte di gara, per l’assegnazione dei lotti restanti, per la promozione territoriale e contribuire a generare così nuove presenze turistiche».

Insieme al consigliere di amministrazione Saverio Caruso e a Gerlando Piro, presidente del collegio sindacale, il presidente di Airgest, Paolo Angius ha consegnato una targa alla consigliera dimissionaria Elena Ferraro. «La dottoressa Ferraro è stata una presenza autorevole e appassionata per l’aeroporto Vincenzo Florio – ha affermato il presidente Angius -. Con lei sono stati nove mesi di lavoro positivo e intenso. Ha svolto una funzione importante di coesione con il territorio e con le istituzioni».
«È stato un onore lavorare con questo cda – ha sottolineato la consigliera uscente Elena Ferraro – nell’ottica dello sviluppo dello scalo e nell’interesse del mio territorio. Ringrazio tutti i sindaci con cui ho attivamente collaborato, ogni singolo dipendente, il collegio sindacale e i colleghi del cda, in particolare il presidente Angius perché la sua gestione condivisa con tutto il cda, ha evidenziato serietà e trasparenza oltre che grande esperienza e professionalità. Il mio impegno in questa provincia continuerà in maniera più incisiva e con lo stile che mi caratterizza».

Proposte dei Sindaci della Provincia di Trapani in occasione dell’incontro di oggi con il Presidente della Regione Siciliana

0

Al termine dell’incontro di oggi con il presidente della Regione Siciliana, Musumeci, i Sindaci della Provincia di Trapani hanno sottoscritto un documento contenente alcune proposte per il rilancio e lo sviluppo del nostro territorio:

“I sottoscritti Sindaci dei Comuni della Provincia di Trapani, con il presente documento, intendono sottoporre all’attenzione del Governo Regionale, per il tramite del Presidente On. Sebastiano Musumeci, alcune istanze del territorio in tema di trasporti, mobilità, infrastrutture e promozione turistica, emerse da un lungo e articolato percorso di concertazione che ha visto coinvolti i rappresentanti degli Enti Locali e le forze sociali ed economiche.

Qualora non fosse possibile mantenere l’autonomia gestionale dell’aeroporto Vincenzo Florio, risulterebbe non più rinviabile una gestione coordinata degli aeroporti civili regionali, attraverso cui si potrebbero attivare importanti sinergie ed ottenere significative economie di scala.

Tale percorso, però, dovrà garantire pari dignità a tutti i bacini afferenti gli aeroporti coinvolti.

Al fine di superare lo stato di parziale isolamento in cui è venuto a trovarsi questo territorio in seguito al fortissimo ridimensionamento dell’operatività dell’aeroporto Vincenzo Florio, appare fondamentale l’implementazione di un efficiente sistema di trasporti interni in grado di collegare in maniera comoda, capillare e non eccessivamente onerosa la provincia di Trapani, non soltanto con lo scalo di Birgi, ma anche con l’aeroporto Falcone-Borsellino.

In considerazione di ciò, si avanzano le seguenti richieste:

a) si chiede un immediato potenziamento dei collegamenti su gomma esistenti, attraverso l’incremento del numero delle corse e l’inserimento di nuove tratte, in modo da creare una connessione stabile fra i principali centri di interesse turistico del trapanese e gli aeroporti di Birgi e Punta Raisi;

b) stante la rigidità dell’attuale normativa regionale sui trasporti di linea, si sollecita un intervento,anche di natura normativa legislativa regolamentare, che possa favorire la liberalizzazione dei servizi di collegamento mediante autobus con gli aeroporti aperti al traffico civile in ambito regionale, in modo da consentire agli operatori privati di proporsi sul mercato, migliorando l’offerta dei servizi sia sotto il profilo quantitativo che sotto quello qualitativo.

Inoltre, al fine di recuperare quel gap, oggi ancora più evidente, con il resto del territorio, occorrono specifiche azioni programmatorie volte ad intervenire sul processo di sviluppo del territorio del Belice e, prioritariamente, alla definitiva soluzione della infrastrutturazione generale, con particolare riguardo a quella viaria, delle opere di urbanizzazione primaria, della messa in sicurezza di aree dei centri storici dei comuni interessati, puntando su un potenziamento delle infrastrutture strategiche anziché sul loro ridimensionamento, come ad esempio per l’ospedale di Castelvetrano. Tutto ciò costituisce una condizione imprescindibile per un rilancio armonico di un’offerta turistica completa e variegata che interessi l’intera provincia.

Si rimarca il grave momento di crisi che ha interessato e continuaad interessare il comparto turistico e, conseguentemente, l’intero tessuto economico della provincia di Trapani, per effetto della drastica riduzione dei flussi turistici causata dal progressivo disimpegno della compagnia aerea Ryanair dallo scalo di Birgi e dall’assenza di un’adeguata politica di promozione territoriale.

Ciò premesso, si ritiene di fondamentale importanza l’avvio urgente di un piano straordinario di promozione della destinazione turistica Sicilia Occidentale che nell’arco di un triennio, mediante azioni opportunamente congeniate, possa efficacemente veicolare l’immagine di questo territorio facendone crescere la reputation, in modo da rendere l’afflusso dei turisti indipendente dalle mutevoli strategie messe in atto dai vettori aerei.

In particolare, al fine di garantire un’azione organica ed incisiva, si dovrà individuare un soggetto attuatore unico che, operando in maniera coordinata e condivisa con gli enti locali, le agenzie di sviluppo e i diversi portatori di interesse del territorio, si faccia carico di coordinare e gestirele azioni previste nel suddetto piano. A tal riguardo, si ritiene che i soggetti maggiormente vocati a svolgere tale ruolo di coordinamento ed attuazione degli interventi siano, per finalità costitutive e/o statutarie, la Camera di Commercio di Trapani o il Distretto Turistico Sicilia Occidentale.

Per quanto riguarda le risorse finanziarie necessarie per la definizione e l’attuazione di detto piano di marketing, complessivamente stimabili in 4,5 milioni di euro in tre anni, si chiede di poter utilizzare le somme già destinate all’incremento dei flussi turistici della Provincia di Trapani, in forza delle leggi regionali n. 16/2011 e n. 8/2016, e non ancora utilizzate (per un ammontare di circa 2,5 milioni di euro).

Da parte loro, i Comuni sottoscrittori del presente documento sirendono disponibili a supportare finanziariamente l’iniziativa impegnando specifiche risorse all’interno dei rispettivi bilanci.

Inoltre, in riferimento ai fondi regionali posti a base della gara,recentemente celebrata, per “l`affidamento dei servizi di promozione e comunicazione finalizzati a favorire l`incremento delle presenze turistiche nell’ambito territoriale afferente l’aeroporto civile Vincenzo Florio di Trapani Birgi”, si chiede che le risorse, pari a circa 11 milioni di euro, non utilizzate per assenza di offerte su 21 dei 24 lotti posti a bando, vengano subito impiegate in azioni volte a potenziare i collegamenti aerei con lo scalo di Birgi in modo da determinare un incremento delle presenze turistiche su questo territorio.

In ultimo si chiede che, nel più breve tempo possibile, vengano organizzati in questo territorio gli stati generali del turismo con tutti gli enti e i soggetti interessati ed rappresentanti del Governo nazionale al fine di condividere, definire e rilanciare finalmente una nuova stagione di crescita e di sviluppo”.

Marina Militare: avvicendamento al Comando Marittimo Sicilia

0

Martedì prossimo, 18 dicembre 2018, alle ore 10.30 presso il comprensorio Terravecchia di Augusta, avrà luogo la cerimonia di avvicendamento al Comando Marittimo Sicilia tra l’Ammiraglio di Divisione Nicola DE FELICE ed il Contrammiraglio Andrea COTTINI. 

La cerimonia, che si svolgerà alla presenza dei vertici della Marina Militare e delle massime autorità civili e militari locali , vedrà l’ammiraglio DE FELICE lasciare l’incarico dopo quasi quattro anni di intensa attività e contestualmente il servizio attivo dopo più di 42 anni.

Comandante di MARISICILIA dal 29 gennaio 2015, anche direttore e coordinatore interforze in Sicilia, l’ammiraglio DE FELICE è stato promotore di diverse attività che hanno rafforzato il connubio tra la Forza Armata e le istituzioni locali con particolare riguardo ai rapporti con le genti siciliane. In particolare ha curato la stesura di importanti  accordi di collaborazione con la Regione Siciliana, con l’Università di Messina, con l’Istituto Italiano dei Castelli e con la società di navigazione  “Caronte & Tourist ”, con Istituti scolastici delle province di Siracusa e Catania per lo svolgimento dell’alternanza scuola lavoro, in concorso con l’Arsenale Militare Marittimo di Augusta. L’amm. De Felice ha inoltre curato l’avvio del Piano Regolatore Generale che proietterà le basi navali di Augusta e Messina verso un ammodernamento utile per ospitare le moderne Unità Navali della M.M.

Il contrammiraglio Andrea Cottini assume l’incarico di Comandante Marittimo Sicilia dopo aver ricoperto, per circa 15 mesi, quello di Comandante delle Forze da Pattugliamento per la Sorveglianza e la Difesa Costiera.

Alcamo: la Giunta approva importanti progetti su viabilità, pista ciclabile e illuminazione pubblica

0

Ieri la Giunta alcamese ha approvato quattro importanti progetti di manutenzione e ristrutturazione.

Il primo riguarda la manutenzione straordinaria dei supporti a palo degli apparecchi illuminanti per un importo di euro 90.000; con questo progetto si effettuerà la manutenzione e la verniciatura di 561 corpi illuminanti in molte delle vie principali della città.

Il secondo riguarda la manutenzione straordinaria degli impianti di illuminazione pubblica per un importo complessivo di € 38.000,00.

Il terzo progetto riguarda la manutenzione straordinaria della viabilità comunale interna ed esterna per un importo di € 940.000. Le vie principalmente interessate sono: la Via Ugo Foscolo, Via Narici, Via Gammara,Viale Europa, Via M. Riposo, Rotatoria Spirito Santo, Via Valle Nuccio, ViaCanalotto, strada comunale Cavaseno, Via Pietralonga, Strada comunaleFastuchera.

Il quarto riguarda la ristrutturazione della Viabilità (importo 400.000,00 euro) con la realizzazione di una pista ciclabile sulla viabilità principale della città (Viale Europa, Viale Italia, Corso VI Aprile),e relative pertinenze e arredi.

Afferma il Sindaco Surdi “Sicuramente sono opere che ci fanno ben sperare per il futuro della nostra città. Si tratta, infatti, di opere finanziate con il Bilancio comunale che presto si tradurranno in realtà. Non dovremo aspettare troppo per vedere concretizzarsi quanto oggi, con grande soddisfazione comunichiamo alla città”.

Dichiara il Vice/Sindaco “Sono molto contento, abbiamo lavorato per molte settimane ed alla fine siamo riusciti nel nostro intento. Per certi versi,è un momento storico per la nostra Città, faremo tante manutenzioni curandone anche la qualità. Sono previsti, infatti, oltre agli interventi riguardanti la sede stradale, abbattimenti delle barriere architettoniche, nuove piantumazioni,arredi e soprattutto segnaletica orizzontale e verticale di qualità. Infine, la pista ciclabile è davvero una grande innovazione che ci trasformerà in una città più Europea, con maggiore qualità della vita, all’insegna della mobilità sostenibile”.Le procedure di gara saranno avviate entro la fine dell’anno

Rapinano anziana in casa picchiandola e immobilizzandola: smascherate dai Carabinieri due criminali catanesi

0

Su disposizione della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, i Carabinieri della Compagnia di Acireale hanno arrestato le sorelle Agata Giuffrida cl.74 e Valentina cl.86, in esecuzione di un una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale etneo in ordine al reato di rapina aggravata in concorso.

La mattina del 24 settembre scorso, le due donne, approfittando che l’anziana si trovava nel pianerottolo di casa e la porta d’ingresso era aperta, si erano introdotte all’interno dell’abitazione di via Giuliani ad Acireale per rapinare la vittima.

Mentre una delle due sorelle strattonava la donna, prendendola a schiaffi e bloccandole le braccia, la complice le strappava la collana e gli orecchini in oro indossati, dileguandosi immediatamente.

Sul posto, su richiesta telefonica della vittima, sono intervenuti gli uomini del Nucleo Operativo che,  dopo aver acquisito la descrizione dettagliata delle autrici del reato, hanno cominciato l’attività di indagine. Pochi giorni dopo, esattamente il 28 settembre, nel quartiere Picanello, a Catania, le due donne, con il medesimo modus operandi, avevano preso di mira un negozio di ottica asportando merce per un valore di oltre 2mila euro.    

I fotogrammi estrapolati dagli investigatori dai filmati registrati dalle telecamere di sicurezza attive nell’esercizio commerciale, consentivano di dare un volto alle autrici del reato che, sono state subito riconosciute dall’anziana.           

Il giudice quindi, accogliendo la proposta della Procura, ha emesso il provvedimento restrittivo.  Le due donne, già gravate da precedenti penali specifici e agli arresti domiciliari per altra causa, sono state prelevate dalle loro rispettive abitazioni e tradotte nel carcere di Catania Piazza Lanza.

Mazara. Domani 15 Dicembre inaugurazione Mostra Fotografica su festino San Vito

0

Da domani, sabato 15 Dicembre alle 17,30, nei nuovi locali del Collegio dei Gesuiti, sarà possibile ammirare la mostra-esposizione delle foto del Festino di San Vito 2018 realizzate dall’Associazione ‘I Vicoli del Mediterraneo’.

Oltre 60 bellissimi scatti fotografici che riprendono alcuni aspetti salienti del Festino di San Vito 2018 saranno esposti presso i locali del Collegio dei Gesuiti e racconteranno lo svolgimento del Festino attraverso gli occhi dei diversi autori coinvolti dall’Associazione nella realizzazione degli scatti.

Le foto potranno essere viste ogni giorno sino al prossimo 6 Gennaio 2019 da Lunedì a Sabato dalle 09,30 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 18,30.

La domenica e i festivi dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00

Si inaugura il Natale 2018 nelle contrade marsalesi di Ciavolo, Ciavolotto, Digerbato e Scacciaiazzo

0

Si svolgerà domani, sabato 15 dicembre, alle ore 19.00, la manifestazione inaugurale del Natale 2018 organizzata dal gruppo di volontari di #ContradeAlcentro. “Le idee e il lavoro dei tanti volontari, la generosità delle imprese del territorio – hanno detto gli organizzatori – hanno portato nelle contrade di Ciavolo, Ciavolotto, Digerbato e Scacciaiazzo un’atmosfera natalizia mai vista in queste zone. Trenta luminarie sono state acquistate con il contributo delle aziende e installate in collaborazione con l’Amministazione comunale per le vie delle contrade, un albero di Natale del riciclo alto 3 metri e composto da più di 500 bottiglie in plastica è stato realizzato nella piazza di Ciavolo. Un grosso presepe è stato realizzato a Ciavolotto e la rinnovata piazza Digerbato è stata addobbata con luci e colori che fanno risaltare lo storico Baglio Barbarà”.

Conclusa la missione in Cina della delegazione marsalese: il sostegno dell’Ambasciata italiana a Pechino

0

L’assessore Passalacqua: “Coinvolgeremo nel progetto le categorie produttive provinciali”

Con la visita all’Ambasciata italiana a Pechino, si è conclusa la missione in Cina della delegazione di Marsala guidata dall’assessore Rino Passalacqua. Nella “Casa degli Italiani” la rappresentanza comunale è stata ricevuta dal dr. Enrico Berti, primo segretario dell’Ambasciatore Ettore Sequi, cui l’assessore Passalacqua ha portato il saluto del sindaco Alberto Di Girolamo, illustrando il motivo della presenza in Cina di Marsala: “Abbiamo stretto un rapporto di amicizia con la città di Ji’An che, da tre anni, è impegnata a promuovere il settore enologico attraverso il Festival del Vino ghiacciato. È intendimento comune incrementare il turismo per entrambe le città grazie all’appoggio della CCTV4, la Televisione di Stato cinese. Vogliamo far conoscere la nostra millenaria cultura del vino, cogliendo l’opportunità di questo prestigioso network continentale – il prossimo anno a Marsala con la delegazione di Ja’An – per promuovere le bellezze della nostra città a livello internazionale. Coinvolgeremo nel progetto, ha aggiunto l’assessore Passalacqua, gli operatori economici, culturali, turistici ed agroalimentari marsalesi e dell’intera provincia, al fine di fare rete e presentare un’offerta territoriale adeguata ad un Paese che muove centinaia di milioni di turisti”. Sull’aspetto promozionale del progetto è pure intervenuta la d.ssa Tiziana Lipari che – assieme all’agenzia Beila Italia, società che ha organizzato la missione a Ji’An finanziata dal governo cinese – ha curato i contatti per il gemellaggio, mettendo a disposizioni le proprie conoscenze sulle straordinarie opportunità che offre il mercato asiatico. “La Cina – ha sottolineato Tiziana Lipari – prevede di aumentare l’import dall’estero per i prossimi anni, tenuto conto che le produzioni regionali sono perfettamente coerenti con le loro richieste, sempre più orientate a favore della sostenibilità e sicurezza alimentare”. Infine, dell’importanza del kitesurf sul fronte dell’incoming turistico e dell’archeologia come altro significativo legame tra i due Comuni, hanno parlato – rispettivamente – Michele Rallo (Associazione Turismo Stagnone) e Maria Grazia Griffo (Polo regionale Trapani/Marsala, Museo Lilibeo). Nel ringraziare la delegazione per la visita, il dr. Berti ha manifestato all’assessore Passalacqua la più ampia disponibilità a dare appoggio al progetto di gemellaggio, affermando che “questa è anche la Casa della Città di Marsala, aperta alle iniziative volte a promuovere le risorse produttive territoriali e a tenere alta l’immagine del nostro Paese all’estero”.

“Riflessione sull’esistenza”: lettera aperta di Vittorio Alfieri

“Caro direttore, in questi giorni particolarmente tristi per la tragedia di Corinaldo, durante i quali la disumanità è emersa in tutta la sua degenerazione, disumanità che già di per se è abominevole, ma amplificata da talk show e social è malvagità all’ennesima potenza. Ho cercato di comprendere le ragioni di questa tragedia e mi sono venuti in soccorso due filosofi, Hannah  Arendt e Friedrich  Nietzsche. Arendt con  il  saggio “La banalità del male” e la sua idea dell’uomo in quanto soggetto  principale del mondo e l’oggettività che dall’uomo è intesa attraverso i sensi e con essi la realtà del mondo. La mia considerazione è che il pianeta Terra  non è Satana in tutte le sue manifestazioni  (tsunami terremoti eruzioni vulcaniche) e sostengo che siamo noi, genere umano, il male, con la ricerca del benessere a tutti costi, benessere raggiungibile con il “dio” danaro anche a discapito della vita altrui e della natura. Poi in aiuto il pensiero di Nietzsche il nichilismo. Nichilismo, come spiega Galimberti, è mancanza di uno scopo esistenziale e il perché di esso, scopo che ognuno può cercare nella religione, nello sport, nell’arte e nella politica sociale, altrimenti saremo soggetti alla rassegnazione (nichilismo passivo).  Nietzsche sostiene che attraverso la ricerca di questo scopo (che deve essere etico) anche a costo di cambiare i valori, da ciò la teoria dell’oltreuomo secondo la quale l’uomo  deve  superare i propri limiti di conoscenza (dove dipendenti dal suo pensare e agire a mio avviso), è dare un  senso alla vita,  oppure è il “nulla “.

Il mio contributo è nel pensare e dire che siamo noi genere umano la soluzione. Le ragioni della tragedia siamo noi e la risposta di Nietzsche è: dare un significato all’esistenza .Dobbiamo farlo tutti nella nostra individualità e con  libero arbitrio. Abbiamo il dovere etico e d’amore di dotare i nostri figli degli strumenti per trovare la ragione dell’esistenza. Strumenti  che non possono essere altri che la Famiglia (in tutte le sue declinazioni) e la Scuola, due “utensili” della mente  imprescindibili”.

 
Grazie per l’attenzione
Vittorio Alfieri 

Convocati dall’Asp Trapani 63 anestesisti per la scelta della sede di destinazione

0

Sono stati convocati per il giorno 8 gennaio 2019 dall’Azienda sanitaria provinciale di Trapani per scegliere la sede ospedaliera di destinazione i 63 dirigenti medici, specialisti in anestesia e rianimazione,  risultati ammessi alla procedura di mobilità, a fronte di una copertura complessiva di 105 posti, bandita dall’ASP trapanese lo scorso luglio, per le aziende sanitarie del bacino della Sicilia Occidentale.

Questi i posti previsti nelle singole aziende: 5 posti ASP di Agrigento, 9 posti ASP di Caltanissetta, 23 posti ASP di Palermo, 29 posti ASP di Trapani, 4 posti AO Villa Sofia Cervello, 16 ARNAS Civico e 19 posti AOU Policlinico di Palermo.

La procedura di mobilità, regionale ed extra regionale, era riservata agli specialisti già in servizio a tempo indeterminato in altre aziende sanitarie.

L’ASP di Trapani, quale azienda capofila, sta intanto procedendo a porre in essere tutte le attività finalizzate anche all’espletamento della procedura concorsuale già bandita per i restanti 42 posti di anestesia e rianimazione, cui si aggiungeranno quelli di coloro, tra i 63 ammessi alla mobilità, che non dovessero accettare la destinazione.

“EricèNatale – Il borgo dei presepi”: ecco gli appuntamenti del weekend

0

Il secondo weekend di “EricèNatale – Il borgo dei presepi”, l’evento organizzato dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte, si apre all’insegna del cinema, che diventa veicolo ideale per la comprensione della realtà e di alcune problematiche sociali ed un momento di incontro, confronto, scambio di idee, un mezzo efficace per sperimentare emozioni.

Sabato 15 dicembre sarà proiettato, al Teatro Gebel Hamed, alle ore 18.00, Signal Flow, un ciclo di documentari sulle basi militari americane in Sicilia, in collaborazione con la Scuola Nazionale di Cinema di Palermo, e domenica 16 dicembre, ore 18.00, sarà la volta di Sulla mia pelle, film diretto da Alessio Cremonini che racconta – in maniera oggettiva e documentata – l’ultima settimana di vita di Stefano Cucchi, interpretato da Alessandro Borghi. 

EricèNatale ha un ricco programma di attività collaterali per tutti i gusti. Nella cornice della suggestiva Piazza della Loggia si potrà passeggiare tra le casette in legno che propongono prodotti ed oggetti artigianali, dolciumi tipici, vini. 

EricèNatale celebra il presepe, simbolo del Natale. Un percorso emozionante e suggestivo tra stradine e vicoli dove sono sparsi, nei cortili, nelle chiese e nelle botteghe, ben 28 presepi. In vario stile, storici o popolari, tradizionali o eclettici, una raccolta di presepi che raccontano la devozione e la tradizione attraverso la fantasia e la creatività, con l’utilizzo di tecniche e di materiali diversi tra loro.

Mentre, una straordinaria e quanto mai affascinante mostra dal titolo “RossoCorallo e l’Arte Presepiale del Maestro Platimiro Fiorenza”, è visitabile negli spazi del Polo Museale “A. Cordici”. Nelle sue opere tradizione e innovazione si fondono in un unicum di impareggiabile bellezza, in cui l’inventiva si coniuga sempre con la fedeltà alle tecniche tradizionali.  Durante la passeggiata ad Erice dolci note natalizie e tante prelibatezze accompagneranno i visitatori in un suggestivo itinerario di gioia e serenità.

Trapani. Politiche giovanili nel territorio: domani, a Palazzo della Vicaria l’incontro del progetto “Arte di Crescere”

0

Si terrà domani mattina, 14 dicembre (ore 9.30-13.00) a Palazzo della Vicaria a Trapani l’evento finale del progetto “Arte di Crescere”, coordinato dal Consorzio Solidalia i cui partner sono: Il CRESM, l’Associazione AlPlurale, Il Filo d’Arianna e la Pro Loco di Gibellina Avanguardia Dinamica. Si tratta di una giornata di confronto fra giovani, associazioni del territorio, enti e istituzioni sulla realizzazione di una sorta di “Università Diffusa dei giovani” un luogo “liquido” di confronto e interscambio dove sviluppare reti, iniziative e professionalità per migliorare le politiche giovanili del territorio. Contestualmente verranno “inaugurati” alcuni locali della Vicaria destinati a giovani e associazioni per la creazione di un luogo di incontro, un co-working, un hub per favorire la partecipazione attiva dei giovani allo sviluppo della comunità locale. 

Dare ai giovani la possibilità di partecipare, con una modalità più strutturata, alla costruzione di comunità più coese e competenti che mirino al miglioramento delle politiche giovanili e delle opportunità nel territorio è infatti uno degli obiettivi principali del progetto “Arte di Crescere”, finanziato dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del consiglio dei Ministri, e che si sta svolgendo in questi mesi fra Trapani e Gibellina con l’intento di pensare e realizzare un’università diffusa – luogo di incontro e interscambio – per favorire la partecipazione attiva dei giovani allo sviluppo delle comunità locali. 

La valorizzazione dei giovani resta il miglior investimento possibile per il futuro delle comunità locali, per questo motivo la giornata del 14 sarà l’occasione per presentare progetti, mettere sul “tavolo” criticità e potenzialità, costruire una solida rete fra decisori e giovani del territorio confermando un impegno reciproco, in un incontro che vuole diventare un modello di partecipazione e di condivisione.

Inoltre verranno presentati degli studi di fattibilità e avviate le operazioni per consegnare ai giovani del territorio delle sedi fisiche – luoghi recuperati e resi fruibili – dove svolgere le proprie attività – fra cui anche alcuni locali di Palazzo della Vicaria a Trapani, grazie all’importante collaborazione con il Libero Consorzio di Trapani.

SìAMO Mazara, al via campagna di ascolto dei quartieri della città. Prima tappa domenica a Costiera

0

Parte la campagna “AscoltiAMO Mazara – In viaggio per i quartieri”. Una campagna di ascolto dei quartieri della città promossa dal laboratorio civico“SìAMO Mazara” per conoscere a fondo i problemi e le esigenze dei cittadini ed incoraggiare la loro partecipazione attiva alla vita politica e amministrativa.


In occasione della campagna sopraccennata, “SiAMO Mazara” sarà presente con i suoi referenti in ogni quartiere della città per rivolgere ai relativi abitanti, attraverso un banchetto allestito appositamente, un questionario tramite il quale sarà possibile raccogliere le loro segnalazioni e fare tesoro delle loro esperienze, così da poter individuare le problematiche che affliggono le diverse zone e trovare insieme soluzioni e strategie volte a migliorare la vivibilità delle stesse.

Il traguardo di questo itinerario sarà la realizzazione di un report, con all’interno un bagaglio di informazioni e dati che saranno fondamentali per l’elaborazione di un programma di cambiamento della città nel suo complesso.

Si tratta di un percorso che rappresenta un presupposto imprescindibile per un soggetto che ha l’ambizione di diventare un importante punto di riferimento per tutti i cittadini di Mazara del Vallo.


Ecco tutte le tappe in programma:

·         16 Dicembre: Borgata Costiera;

·         22-23 Dicembre: Centro e Kasbah;

·         29-30 Dicembre: Via Salemi, Cappuccini, Via Potenza e Via Valdemone;

·         12-13 Gennaio: Trasmazzaro, Miragliano e Tonnarella;

·         19-20 Gennaio: Bocca Arena-Quarara, Lungomare San Vito, Via Castelvetrano, Viale Africa-Lozano e Santa Maria;

·         26-27 Gennaio: Madonna del Paradiso, Macello e Via Marsala;

·         2-3 Febbraio: Santa Maria di Gesù e Makara;

·         10 Febbraio: Mazara 2.

Per la prima tappa, quella di Domenica 16 dicembre a Costiera, l’appuntamento è alle ore 10.00 in Piazza del Popolo.

Cordoglio dell’Amministrazione Comunale di Marsala per la morte di Enrico Russo

0

Il sindaco Alberto Di Girolamo: “La Città perde un uomo di grande cultura e un artista prestigioso”

La notizia della morte di Enrico Russo è stata accolta con grande tristezza anche al Palazzo Municipale dai vertici dell’Amministrazione.

“La dipartita terrena di Enrico Russo ci lascia profondamente addolorati – afferma il Sindaco Di Girolamo. Enrico Russo è stato un uomo che ha avuto un ruolo fondamentale nella promozione della cultura nella nostra Città oltre che un artista di grande spessore. A nome della Città, della Giunta e mio personale esprimo alla moglie, al figlio e ai suoi familiari il mio cordoglio”.

Marsala. Allineamento all’anagrafe nazionale, uffici chiusi lunedì 17 e martedì 18 dicembre

0

Il Comune di Marsala sta effettuando il subentro nell’ANPR, acronimo di Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente,che  sostituirà progressivamente le anagrafi dei circa 8.000 Comuni italiani. Il provvedimento statale, voluto e coordinato dal Ministero dell’Interno e dall’Agenda Digitale Italiana, è finalizzato alla costituzione  di un’unica banca-dati nazionale per la Pubblica Amministrazione. Si tratta, in buona sostanza di un tassello fondamentale del processo di revisione dei sistemi informatici della Pubblica Amministrazione.Al fine di consentire tale delicata e complessa attività di travaso dei dati,gli uffici anagrafe e carte d’identità del Comune di Marsala rimarranno chiusi il 17 e 18 dicembre prossimi non essendo possibile alcuna operazione di variazione dati. Continueranno a erogare regolare servizio, invece, gli sportelli dello Stato Civile per quanto attiene le dichiarazioni di nascita e morte. La chiusura comporterà la mancata erogazione dei servizi oltre che nell’ufficio centrale di via Garibaldi, anche nelle sedi decentrate di San Leonardo,Paolini e Strasatti.

Analisi dei debiti fuori bilancio del Comune di Marsala: la Commissione sollecita l’Amministrazione a trasmettere le delibere in tempi brevi

0

Vito Cimiotta: “Il ritardo nella trasmissione ci costringerà a votare degli atti di simile portata senza la giusta attenzione, cosa che vogliamo evitare”.

La Commissione Bilancio del Comune di Marsala, presieduta da Vito Cimiotta, con la sottoscrizione di un documento ufficiale, invita l’Amministrazione a trasmettere il prima possibile e comunque non oltre il 20 dicembre 2018, tutte le delibere di debito fuori bilancio, dando alla commissione di merito l’opportunità di vagliare in modo attento le delibere.

Considerato che siamo venuti a conoscenza – scrive Cimiotta – che tra queste ve ne sono due, il cui ammontare è di circa 4 milioni di euro e che per forza di cose le stesse avranno bisogno di essere approfondite in maniera analitica dalla commissione, sarà necessario trasmetterle prima possibile. Un ritardo nella eventuale trasmissione potrebbe comportare la restituzione delle delibere stesse alla amministrazione , non essendoci i tempi tecnici per analizzarle con la giusta tranquillità. Tali delibere, infatti – continua il presidente -, dopo l’analisi della commissione di merito, dovranno essere trasmesse in consiglio comunale al fine di essere esitate. Considerati i tempi oltremodo stretti, con la presente sollecito ancora una volta l’amministrazione a far prevenire prima possibile i suddetti atti deliberativi. Il ritardo nella trasmissione ci costringerà a votare degli atti di simile portata senza la giusta attenzione, cosa che vogliamo evitare”. 

Castellammare del Golfo. Al via il programma per le festività natalizie

0

In centro storico concerti, spettacoli teatrali, mostra dei presepi, mercatini natalizi e capodanno in piazza

Concerti, spettacoli teatrali, la tradizionale mostra dei presepi ed i mercatini natalizi, animazione per bambini e il capodanno in piazza: al via il programma di manifestazioni per le festività natalizie. L’atmosfera tipica del periodo creata con colori, luci e simboli propri della tradizione del Natale nel cuore del centro storico cittadino, nella zona pedonale di Corso Mattarella, ai “Quattrocanti” ed in tutto il corso Garibaldi, in villa Margherita ed al teatro Apollo- Anton Rocco Guadagno. 

«Tante associazioni cittadine, in collaborazione con l’amministrazione comunale, hanno programmato numerosi appuntamenti che si fondono con suoni e attività proprie del periodo che precede la Natività –spiegano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore alla Cultura Maria Tesè- creando momenti di aggregazione e di riflessione, proposte culturali unite a momenti di gioia, per accompagnare i nostri concittadini, e non solo, a vivere questo momento di festa fino al sei gennaio».

Già allestita, nell’aula consiliare di corso Mattarella, l’attesa e molto visitata mostra dei presepi a cura dell’associazione “Genitori di buona volontà” che rimarrà aperta fino al termine delle festività, cioè fino al 6 gennaioIl 14 dicembre al via la terza edizione deimercatini di Natale nella zona pedonale di corso Garibaldi a cura dell’associazione “4canti”. Luminarie e musiche, idee regalo tra le casette in legno in un contesto natalizio affascinante. Con l’apertura dei mercatini la sera del 14 dicembre, nel corso Garibaldi basso, dalle ore 22,30, previsto il concerto dei “4 Kantus”. Altro concerto previsto dall’associazione “4Canti” nel corso Garibaldi basso, è quello degli Eufonia, il 21 dicembre dalle ore 22,30Il 28 dicembre, sempre nel corso Garibaldi basso, dalle ore 23, ci saranno invece “The Remakers”. I mercatini saranno aperti, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 18 alle 22, nei giorni del 14, 15 e 16 dicembre, quindi dal 21 al 24 dicembre.

Domenica 16 dicembre, nella parte alta del Corso Garibaldi, dalle ore 16, sfilata e animazione per bambini a cura del comitato di commercianti “Quelli di su” che, domenica 23 dicembre ripeteranno l’animazione, con brindisi e flash mob. 

Mercoledì 19 dicembre, in chiesa Madre, dalle ore 20,30, concerto di Natale a cura dell’orchestra sinfonica e coro polifonico del liceo musicale V. F.  Allmayer.

Giovedì 20 e venerdì 21 dicembre, alle ore 21, al teatro Apollo -Guadagno, “Scialata Folk” della Compagnia Ditirammu.

Domenica 23 dicembre, dalle ore 18, per la gioia dei bambini, e non solo, Babbo Natale scenderà dal centro cittadino con la sua slitta regalando caramelle e cioccolatini a cura dell’associazione Genitori di buona volontà. Sempre il 23 dicembre, alle ore  21, al teatro Apollo -Guadagno, la quarta edizione dello spettacolo musicale “Siamo tutti musica” dell’associazione Fiore Daphne per sensibilizzare contro il bullismo.

Il 25 dicembre, alle ore 18,45 in chiesa Madre, l’amministrazione comunale ha previsto un concerto di Natale con il soprano Maria KrylovaIl 26 dicembre, al teatro Apollo -Guadagno, dalle ore 15,  Clinic di Batteria con Fausto Craparotta a cura del Brass group. Altro interessante appuntamenti al teatro Apollo -Guadagno il 27 dicembre, alle ore 21, con lo spettacolo teatrale “Addabbanna, la forma del viaggio”  a cura dell’associazione Teatri Storici di Sicilia.

Venerdì 28 dicembre, dalle ore 20 alle 24, in corso Mattarella, “Scintille & Fuoco” spettacolo del Teatro del Fuoco. Sabato 29 dicembre, dalle ore 21, nella zona pedonale del corso Garibaldi, “Quando il Jazz cominciò a far ballare tutti” con Aldo Bertolino Jazz Quintet. La mattina di domenica 30 gennaio trekking di fine anno del Gruppo escursionisti Inici e  dalle ore 21 al teatro Apollo- Guadagno,  “Silent Night”, II edizione del concerto di Natale dell’associazione Orientattivamente.

Quindi, il 31 dicembre, la notte di San Silvestro quando l’arrivo del nuovo anno sarà festeggiato in piazza: mix “esplosivo” sul palco dove si alterneranno artisti quali gli Aristocrasti, Soul Train, Debora Troia, Bottega Retrò, Alfio Antico.

Il 4 gennaio 2019, dalle ore 21, in centro storico, “Il racconto del Presepe”, di Salvo PiparoIl 5 gennaio, alle ore 18, al teatro Apollo Anton Rocco Guadagno il tradizionale concerto d’Epifania della banda musicale “Città di Castellammare”. Quindi il 6 gennaio, a chiusura dei festeggiamenti, alle ore 18, l’attesa “calata” della befana dal campanile del municipio alla villa Margherita a cura del Cai e Gei (Gruppo escursionisti Inici).

Marsala. Incontro operativo a Palazzo Municipale sul progetto di abolizione di alcuni passaggi a livello

0

Altro importante passo in avanti per abolire alcuni Passaggi a Livello nel territorio marsalese. Stamani, in Sala Giunta, al Palazzo dei Pubblici Uffici, si è tenuto un incontro operativo presieduto dal Sindaco Alberto Di Girolamo ed al quale oltre all’Assessore Salvatore Accardi (Lavori Pubblici) e agli ingegneri Francesco Patti (Dirigente Ufficio Tecnico e Pianificazione Territoriale) e Alessandro Putaggio (Controllo Strategico) hanno preso parte i responsabili tecnici di Rfi Italia per la Sicilia: l’ingegnere Stefano Carollo e gli architetti Pasquale Sorce e Salvatore Di Giovanni.

“Proseguiamo nell’azione politico-amministrativa finalizzata all’abolizione di diversi passaggi a livello nel nostro territorio – sottolinea il Sindaco DI Girolamo. L’incontro di oggi è stato molto importante. La nostra volontà è quella di procedere in tempi europei  nella realizzazione disotto o sovrappassi che consentiranno non solo di snellire e rendere più fluido il traffico veicolare evitando fastidiose e spesso prolungate attese davanti a PL chiusi ma anche di renderlo più sicuro. Da qui l’incontro con i tecnici di Rfi Italia con cui abbiamo esaminato le planimetrie delle zone dove sorgono i passaggi a livello ed enunciate alcune nostre priorità”.

Ricordiamo che dopo oltre tre annidi sollecitazioni da parte del primo cittadino e incontri tecnici  con Amministratori e dirigenti della Regione,nei giorni scorsi con una nota a firma dell’Assessore Regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità, on. Marco Falcone, e del Dirigente generale dello stesso Assessorato, Fulvio Bellomo, è stato comunicato all’Amministratore delegato di RFI Italia, Maurizio Gentile, e al responsabile della direzione Investimenti Sud sempre di Rete Ferroviaria Italiana, Roberto Pagone, nonché al Sindaco Alberto Di Girolamo che la Regione ha stabilito di sopprimere alcuni passaggi a livello esistenti nel territorio marsalese con un finanziamento di 19 milioni di euro.

Nel circondario marsalese  la Ferrovia oltre ai 27 PL e 24 Km. di linea ferrata, equamente divisi nei due versanti sud e nord, conta anche 3Stazioni  (Petrosino­ Strasatti; Marsala;Mozia-Birgi), 2 fermate (Terrenove e Spagnuola) e 2 opere di attraversamento stabili (sottopassaggio di via Ugdulena e Cavalcavia dello Stadio).

“Da parte nostra abbiamo ribadito e confermato ai tecnici di Rfi – continua il primo cittadino –  alcuni interventi prioritari: l’eliminazione del passaggio a livello di  Via Lipari;l’eliminazione di alcuni passaggi a livello tra la via vecchia Mazara e la SS. 115 e quella di alcuni passaggi a livello nel tratto tra Via Grotta del Toro e la fermata di Spagnuola. Un’altra indicazione riguarda la soppressione dei PL in Contrada Birgi ( collegamento tra la SP21 e la SS. 115)  e in Contrada Terrenove – Bambina nei pressi della Stazione Ferroviaria. Nell’odierno incontro abbiamo anche accennato alla volontà più generale di procedere all’ammodernamento delle Stazioni centrali delle principali città lungo cui si snoda la ferrovia sul nostro versante ovvero Marsala, Mazara e Castelvetrano”.

Nota di Letizia Arcara sulla possibilità di riconvertire l’Ipab marsalese in casa Alloggio per il “Dopo di noi”

0


Il Presidente della commissione politiche sociali del Comune di Marsala, Letizia Arcara, invita il Presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano a convocare un consiglio comunale aperto sulla Casa di Riposo “Giovanni XXIII”, al fine di discutere sulla possibilità di realizzare una Comunità Alloggio per il “Dopo di noi” (l.112/2016), come già dichiarato dalla stessa Arcara in Aula Consiliare.

Le motivazioni che hanno portato a queste considerazioni, sono spiegate in una nota, a firma di Letizia Arcara, che qui di seguito riportiamo integralmente: “Da anni ormai la Commissione consiliare  Politiche Sociali segue la vicenda Ipab  con interesse e preoccupazione, conscia del fatto che c’è stato un disinteresse inaccettabile  e da parte delle passate amministrazioni comunali e     da parte del governo regionale che annuncia di mettere mano alla riforma senza però mai passare ai fatti. Il tutto a spese dei lavoratori; buon senso e accortezza esigono che si metta mano a un impianto legislativo troppo vecchio e incapace di dare risposte ai problemi attuali degli istituti pubblici di assistenza e beneficenza; aggiungasi – ultima manovra di bilancio-la riduzione delle risorse destinate alle Ipab da parte dell’attuale governo regionale. Era,tuttavia, la commissione di merito dalla sottoscritta presieduta, speranzosa che la nuova amministrazione comunale potesse operare in netta discontinuità col passato.

Ha sperato che il Sindaco, la Giunta, facessero quanto in loro potere e quanto dovuto per risolvere un problema sociale di questa portata. Così non è stato: l’uno e l’altra hanno  semplicemente mostrato la totale assenza di idee chiare, programmi e condizioni per il rilancio dell’Ente. Quest’ultima constatazione è stata tra l’altro fortemente stigmatizzata dalla  gran parte dei componenti della VI Commissione consolare ai quali appare evidente l’ assoluta inerzia e negligenza nella gestione della vicenda ipab.

 Purtroppo, fino ad oggi, le scelte perpetrate sono state a senso unico e si sono sempre abbattute negativamente sul mondo dei lavoratori della struttura e degli anziani ospiti della stessa,trasferiti in altre strutture fuori dal nostro Comune- con inevitabile sofferenza e disagio anche per le loro famiglie-,scelte che non hanno dato i risultati sperati visti i continui negativi di bilancio, il tutto sempre giustificato dall’assenza di normativa regionale e di finanziamento(impegnative), ma senza far nulla di realmente strategico salvo la latente, ma molto reale, verosimilmente, scelta di privatizzare”.   Ed oggi, si dimostra per l’ennesima volta un totale disinteresse per chi lavora ed una chiara incapacità amministrativa nel gestire questo ente. Nell’esigere che la vicenda ipab esca dall’incomprensibile silenzio dell’A.C. la Commissione Politiche sociali, pertanto, assume una posizione di difesa netta e chiara e nei confronti della storia e del ruolo dell’ IPAB nella città di Marsala e nella difesa del diritto al lavoro dei dipendenti dell’ente”.

L’ASP Trapani aderisce all’Influ Day per promuovere le vaccinazioni

0

L’Azienda sanitaria provinciale di Trapani aderisce all’Influ Day, la giornata per la promozione delle vaccinazioni indetta lo scorso 6 dicembre dal Servizio Igiene pubblica del dipartimento regionale per le Attività sanitarie dell’assessorato regionale alla Salute, e che si tiene domani 13 dicembre.

Oltre agli ambulatori vaccinali distrettuali di Alcamo, Castelvetrano, Marsala, Mazara del Vallo e alla Cittadella della salute di Erice Valle, saranno aperti punti di vaccinazioni nelle hall degli ospedali della provincia, dalle 9,30 e alle 12,30.

Il servizio Epidemiologia e medicina preventiva dell’ASP, diretto da Gaspare Canzoneri, in accordo con la direzione strategica aziendale, ha stabilito che la vaccinazione antinfluenzale sarà offerta gratuitamente non solo ai cittadini aventi titolo (i soggetti con età pari o superiore a 64 anni compiuti e i soggetti a rischio), ma anche a tutti coloro che in quella giornata ne faranno richiesta.

Canzoneri ha inoltre predisposto l’invio di poster (vedi allegato) e depliant informativi sull’utilità della vaccinazione a tutti i medici di famiglia e ai  pediatri di libera scelta della provincia. La campagna regionale per la Vaccinazione Antinfluenzale 2018/2019 proseguirà fino al prossimo febbraio.

“Promuovere e creare ponti di pace”: il Comune di Castellammare ha siglato una convenzione con l’accademia “IASA for peace”

0

Il sindaco: “Intendiamo creare a Castellammare un centro culturale per la cooperazione e il dialogo internazionale del Mediterraneo e, dal 2020, iniziative culturali e sportive sulla pace”

Promuovere e creare ponti di pace: l’amministrazione comunale di Castellammare ha siglato una convenzione con l’accademia “IASA for peace” allo scopo di portare avanti iniziative culturali e sportive per favorire l’interculturalità, l’integrazione e la promozione della pace. L’intesa è stata siglata ieri mattina dal sindaco Nicola Rizzo e dal presidente dell’Accademia per la pace Vincenzo Lipari, nella sede del Cnr di Palermonel corso di un convegno per i 70 anni della Dichiarazione universale dei Diritti Umani. Presenti gli assessori della giunta comunale di Castellammare Maria Tesè ed Enza Ligotti ed alcuni collaboratori, il presidente del consiglio comunale Mario Di Filippi, il console onorario del Congo Christelle Ollandet e la presidentessa dell’istituto siciliano di studi ebraici Evelyne Aouate.

«Integrazione, accoglienza e solidarietà: miriamo a fare di Castellammare un punto di incontro, un polo di pace che attraversa il nostro mare. Di concerto con l’accademia “IASA for peace”, che collabora con l’associazione parlamentari per la Pace, il movimento femminile per la diffusione dei valori della Pace e la federazione universale della Pace, intendiamo creare a Castellammare una sede che funga da centro culturale per la cooperazione e il dialogo internazionale del Mediterraneo e nel 2020 dare vita a delle iniziative culturali e sportive sulla pace coinvolgendo le scuole e creando veri e propri “scambi” culturali che portino a ponti di pace –spiega il sindaco Nicola Rizzo-. Abbiamo la responsabilità istituzionale di mettere al centro delle nostre politiche i diritti umani. Il nostro è un obiettivo culturale ambizioso al quale stiamo già lavorando e ci auguriamo possa concretizzarsi con la creazione di strutture come il museo della pace e iniziative che ci pongano al centro di un percorso di sviluppo e integrazione che parte dai giovani e coinvolge gli adulti. Un percorso lungo che –conclude il sindaco Nicola Rizzo-.  auspichiamo di realizzare integralmente nel corso del quinquennio amministrativo. Ringraziamo l’accademia e tutti i suoi rappresentanti per aver scelto la nostra città per la realizzazione delle iniziative». Nel corso del convegno l’associazione “Mosaicando onlus” ha dato vita ad un originale momento tra danza e mimo in cui i giovani hanno fatto presente di “amare le differenze”.

Società Canottieri Marsala: Raduno Laser della FIV con i migliori velisti della Sicilia

1

Un grande weekend di vela a Marsala con il raduno riservato alla classe Laser. L’evento, organizzato dalla Federazione Italiana Vela presso la Società Canottieri, si terrà dal 14 al 16 dicembre e vedrà impegnati oltre quaranta timonieri siciliani,provenienti da Palermo, Ragusa, Catania, Favignana e Marsala.

Il raduno, coordinato dal referente della VII Zona, Ernesto Martinez, è rivolto agli atleti delle categorie Laser 4.7, Laser Radial e Laser Standard. Saranno tre giorni intensi e altamente formativi con allenamenti curati dai tecnici FIV: Michele Regolo, campione olimpico, ed Enrico Tortorici, allenatore della squadra di vela della Società Canotteri Marsala..

Gli atleti della Canottieri impegnati in questo raduno sono: Amos Di Benedetto e Giulia Schio, per la categoria Laser Radial, mentre Lorenzo Caputo, Aurora Di Benedetto, Francesco Genco, Marco Genna, Ludovica Giacalone ed Ettore Matembera parteciperanno tra i Laser 4.7.

“Soluzione immediata per i locali del Liceo scientifico Ruggieri di Marsala”: la nota della Commissione “Pubblica Istruzione”

0

Il Presidente della II Commissione Consiliare“Pubblica Istruzione, Edilizia Scolastica e Politiche Giovanili”, Luigia Ingrassia, e i componenti (Ferrantelli Nicoletta, Arcara Letizia, Alagna Walter, Coppola  L.Alessandro, Ferreri Calogero, Galfano Arturo, Meo Agata Federica, Milazzo Eleonora, Nuccio Daniele, Piccione Giuseppa) attraverso una nota inviata alla stampa manifestano preoccupazione relativamente al disagio che vivono centinaia di studenti del Liceo Scientifico “Ruggieri” di Marsala, che rischiano di iniziare a breve i doppi turni per poter continuare il regolare svolgimento delle lezioni.

“Una soluzione del genere comporterebbe gravi difficoltà all’intera comunità scolastica – scrivono i consiglieri comunali -,non solo dal punto di vista logistico, data la particolare struttura territoriale della Città di Marsala ma anche e soprattutto per la crescita formativa dei ragazzi. Molti di loro infatti si trovano impegnati nell’orario pomeridiano  in varie attività, ludiche,sportive, di alternanza scuola-lavoro e di preparazione ai corsi universitari”.

Con queste parole, i componenti della Commissione esortano le Istituzioni competenti ad intraprendere ogni azione utile al fine di trovare una tempestiva soluzione al problema e garantire il diritto allo studio alla popolazione scolastica.

“Le Istituzioni che rappresentiamo e la stessa comunità scolastica – scrivono nella nota ufficiale -, per  quanto di loro competenza, hanno intrapreso tutte le azioni possibili al fine di trovare concrete soluzioni. L’annosa problematica che oggi ci troviamo ad affrontare, legata alla mancata pianificazione relativamente all’edilizia scolastica in Provincia di Trapani e la mancanza di un piano organico di ottimizzazione e razionalizzazione del patrimonio immobiliare, si manifesta oggi in tutta la sua gravità. Il diritto allo studio deve venire prima di tutto. Le Istituzioni non possono non ascoltare le istanze che giungono da buona parte degli istituti scolastici che hanno vissuto e vivono i medesimi disagi. Questo inevitabilmente avrebbe delle importanti ricadute sul futuro dei ragazzi e sulla formazione delle nuove generazioni alle quali affidiamo il futuro del nostro Paese”.

Approvato il progetto di messa in sicurezza del Porto di Marettimo

1

Buone notizie dalla Regione per l’Arcipelago delle Isole Egadi. E’ stato infatti approvato oggi dalla Commissione regionale Lavori Pubblici, il progetto preliminare per la messa in sicurezza del Porto di Marettimo, redatto dal Provveditorato Opere Pubbliche di Palermo con il contributo dell’Amministrazione Comunale di Favignana.  

Si tratta di un passaggio di grande importanza per il proseguo della progettazione esecutiva e, quindi, per l’appalto dell’opera. In sede di esame del progetto sono stati resi, fra l’altro, i pareri favorevoli della Soprintendenza di Trapani e della Soprintendenza del Mare. 

Un elaborato fondamentale del progetto contiene gli studi idraulico marittimi preliminari effettuati e l’esame della configurazione planimetrica attuale del Porto di Marettimo, che evidenziano la precarietà della protezione dello specchio acqueo in raffronto alla penetrazione del moto ondoso in presenza di mareggiate provenienti dal II quadrante. 

​Per rendere operativo il Porto e metterlo in sicurezza è necessario proteggere lo specchio acqueo con una diga, in modo da preservare quello attuale dalle mareggiate del secondo quadrante, alle quali il dispositivo portuale è particolarmente esposto, tant’è che nel passato si sono registrati anche incidenti di notevole portata per i danni causati alla flotta. 

Al contempo è necessario prolungare l’attuale molo dove attracca il traghetto di circa 50 m., realizzando così uno specchio acqueo sufficientemente ridossato. Sulla base di tali studi il progetto prevede le seguenti opere: 

a) prolungamento del molo, in prosecuzione all’esistente, per una lunghezza di 51 m secondo le previsioni originali di progetto con struttura in cassone cellulare e mantellata di difesa in antifer; 

b) realizzazione di una diga foranea isolata di m. 200 di difesa per venti provenienti dal II quadrante a protezione dello specchio acqueo portuale avente berma superiore a quota 2,00 m s.l.m. e dimensioni variabili in funzione dei fondali; 

c) rifiorimento della mantellata esistente tra il molo da realizzare e il piazzale a terra. 

“Quello di oggi è un passaggio importante per la realizzazione di un’opera che e’ fondamentale per Marettimo e per tutto l’Arcipelago – dice l’assessore ai Lavori Pubblici e vice sindaco, Lorenzo Ceraulo – in quanto consentirà di assicurare i collegamenti marittimi anche in condizioni meteomarine avverse”. Un risultato perseguito con un lavoro costante da parte dell’Amministrazione Comunale delle Isole Egadi che il sindaco Giseppe Pagoto così commenta: “Ringrazio i progettisti, i componenti della Commissione per il prezioso lavoro svolto e l’Assessore Falcone assieme all’Onorevole Gasparri per il loro interessamento, consapevole che l’opera che verrà realizzata darà una svolta alla vita dei residenti e di chi opera sull’isola di Marettimo”.

Prorogati 491 contratti del personale sanitario dell’ASP Trapani

0

Firmata dal commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, Giovanni Bavetta, la delibera con cui si prorogano 491 contratti del personale sanitario in servizio a tempo determinato, in attuazione della circolare del novembre scorso del Direttore generale dell’assessorato alla Salute che ha autorizzato i manager a prorogare questi contratti per garantire i livelli essenziali di assistenza.

Si tratta di 127 unità delle dirigenza medica e non medica e di 364 appartenenti al comparto, i cui contratti scadevano il 31 dicembre 2018.

Su indicazione del direttore del servizio Risorse umane dell’ASP, Maria Luisa Comparato, il commissario ha prorogato i contratti fino al 30 giugno 2019, in attesa dello sblocco totale delle assunzioni a tempo indeterminato, possibile solo dopo il via libera ministeriale alla nuova rete ospedaliera.

Denuncia dell’Ordine degli Architetti di Catania: “Abuso della professione: esposto in Procura a garanzia dei cittadini”

0

Appello del presidente Amaro: «I committenti devono verificare l’iscrizione all’Albo del professionista che esegue i lavori»

«Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro diecimila a euro cinquantamila». L’art. 348 del Codice Penale parla chiaro, per questo l’Ordine degli Architetti di Catania – dopo aver ricevuto una segnalazione di abuso del titolo professionale nel territorio di propria competenza – ha consegnato alla Procura un esposto dettagliato, «affinché si possa mettere fine all’uso improprio dell’attività di architetto da parte di chi non possiede l’abilitazione», sottolinea il presidente dell’Ordine Alessandro Amaro.

«Purtroppo non si tratta di un caso isolato – continua Amaro – il fenomeno dello svolgimento illegittimo della professione provoca danni non solo agli iscritti che esercitano regolarmente l’attività, ma soprattutto ai cittadini, che rischiano di affidare i propri beni e la propria incolumità a figure improvvisate. Oggi più che mai la sicurezza delle nostre case e degli spazi in cui viviamo è un diritto inalienabile, che non può essere messo a repentaglio da chi non ha acquisito ufficialmente le competenze».

«Il caso più recente, visto il nutrito supporto documentale, è stato rappresentato ufficialmente all’Autorità Giudiziaria competente – spiega il presidente – dalla documentazione emerge che il presunto professionista avrebbe consegnato al committente un contratto d’incarico per progettazione e direzione lavori, nel quale più volte si legge testualmente “architetto”, pur non essendo, a tutt’oggi, iscritto a nessun relativo Albo professionale. Da quanto emerge dalla lettura degli atti, lo stesso presunto professionista avrebbe predisposto e firmato un certificato di regolare esecuzione dei lavori, dal quale risulta la realizzazione di impianti e opere strutturali senza il visto del Genio Civile. A ciò si aggiunge, purtroppo, il mancato rispetto delle norme deontologiche della professione da parte di altri colleghi, che avrebbero firmato pratiche e documentazioni richieste all’Amministrazione comunale. Ciò ci spinge a valutare anche provvedimenti disciplinari per i professionisti iscritti all’Albo che dimostrano mancanza di serietà e trasparenza nel favorire circostanze simili, così come richiamato dall’art. 4 del nostro codice deontologico».

«Il Consiglio dell’Ordine – conclude Alessandro Amaro – porta avanti l’azione di contrasto all’abusivismo professionale fin dal suo insediamento. Siamo convinti che la chiave risolutiva sia nella consapevolezza dei cittadini. Non avremmo infatti potuto effettuare tutte le verifiche del caso, insieme al Consiglio nazionale di categoria e a quello territoriale di Disciplina, senza la segnalazione del committente. Il nostro appello è quindi rivolto alla cittadinanza: verificate l’iscrizione all’Albo del vostro architetto, cliccando su www.cnappc.it; e consultate l’Ordine per sciogliere i dubbi sulla congruità delle parcelle o sullo svolgimento dell’incarico. È diritto e dovere degli enti e dei privati affidarsi al lavoro di un professionista ufficialmente qualificato, anche e soprattutto a garanzia di prestazioni che mettono a serio rischio la sicurezza degli immobili».

“Espressioni in gioco”: l’I. C. “S. Pellegrino” di Marsala avvia un progetto PON tutto dedicato ai piccoli della Scuola dell’Infanzia

0

“Restituire ad ogni bambino la centralità del proprio percorso educativo, offrendogli la possibilità di conoscere e di utilizzare linguaggi alternativi ed integrativi a quello verbale, che gli consentano di esprimere con spontaneità la parte più viva e vera di se stesso”. È la comunicazione e l’espressione personale la vera anima del progetto “Espressioni in gioco” – 10.2.1A-FSEPON-SI-2017-389 – che ha appena preso il via nell’Istituto comprensivo “Stefano Pellegrino” diretto dalla dirigente scolastica Nicoletta Drago. Novità di questo progetto, il fatto che lo stesso è interamente dedicato ai piccoli alunni che frequentano la scuola dell’infanzia. In particolare sono due i moduli che già hanno aperto i battenti: “In-Arte” e “Il Castello dei suoni” avviati nel plesso XI Maggio, mentre nelle prossime settimane prenderanno il via: “Play with english” e “Muoviamoci in-coding”. “Il percorso per lo sviluppo delle competenze in lingua inglese punta a potenziare la flessibilità cognitiva, favorire atteggiamenti di curiosità nei confronti di lingue e culture diverse. Si tratta di un percorso curato da un esperto madrelingua che oltre a valorizzare le abilità dei bambini dovrà focalizzare l’attenzione sugli aspetti comunicativi in situazioni di vita quotidiana e di gioco – spiega la dirigente – . Il modulo relativo al coding aiuterà i bambini ad avvicinarsi giocando al mondo della robotica, ad apprendere le prime basi dei linguaggi di programmazione, a visualizzare i percorsi nello spazio, a sviluppare la logica, a contare, a muoversi nello spazio e anche a promuovere le loro capacità di relazione interpersonale”. Il progetto – il cui finanziamento ammonta a poco meno di 20mila euro – vuole essere un’opportunità ludico- motoria-musicale per far sì che tutti i bambini possano stare insieme e socializzare e il suono, il gesto, il segno diventano un’unica lingua. Si tratterà di incontri extracurriculari che si terranno dalle 16,00 alle 18,00 e di sabato mattina. L’intento è far sì che la scuola diventi un centro focale per il territorio, offrendo occasioni di arricchimento e sviluppo formativo già dai primi anni di età. Consentire ai bambini di acquisire competenze comunicative inoltre fa parte del percorso di affiliazione alla scuola intesa come istituzione dove conoscere meglio se stessi e gli altri e iniziare a muovere i primi passi come soggetti attivi nel mondo. “Attraverso il coinvolgimento e l’esperienza diretta, i piccoli alunni hanno la possibilità di scoprire le proprie potenzialità, le proprie preferenze e il canale comunicativo più appropriato all’espressione della propria personalità – precisa Nicoletta Drago –, all’interno di un ambiente di apprendimento rispettoso delle modalità individuali di approccio alla scoperta del mondo che c’è fuori e dentro di sé. Il percorso infatti mira a favorire lo sviluppo dei vari tipi di linguaggio per comunicare situazioni ed esprimere sentimenti ed emozioni”.

Nella foto le docenti: Alina De Caro, Carola Adamo, Giusy Caly, Rosa Pizzo, Vitalba Casano e Vita Valenti

Iniziano oggi i festeggiamenti per Santa Lucia nella parrocchia San Matteo, a Marsala

0

Comincia oggi il triduo in preparazione alla Festa di Santa Luciavenerata in modo particolare nella chiesa di San Matte.Oggi, primo giorno del triduo, al termine della Messa delle ore 18.30 presieduta da Don Daniele Donato si terrà la benedizione dei chicchi di grano per la preparazione della cuccia. Tutti i fedeli sono invitati a portare il proprio grano per benedirlo.Domani, Martedì 11, la Messa delle 18.30 sarà presieduta da Don Giacomo Putaggio; Mercoledì 12 a presiedere la Messa sarà il Parroco Don Alessandro, al termine verrà data la benedizione allo sguardo e ai cellulari: la celebrazione diventa occasione per sensibilizzare la società a un buon e umano uso dei media. Mercoledì 12 alle ore 21.00 presso l’auditorium Santa Cecilia si terrà una rappresentazione teatrale sulla vita di S. Lucia.Giovedì 13 Dicembre la chiesa aprirà alle ore 7.00 e rimarrà aperta ininterrottamente sino alle 22.00. Le Messe saranno celebrate alle ore 8.00, 9.00, 10,00, 11.00 e al termine di ognuna la benedizione degli occhi in forma generale. La sera,alle ore 18.30 la Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dall’Arciprete Don Marco, al termine singolarmente i fedeli potranno ricevere la benedizione degli occhi.Il Parroco don Alessandro evidenzia che «la pietà popolare,sottovalutata dai sessantottini, continua a essere luogo molto efficace per riaccendere l’interesse verso la bellezza del cristianesimo e per attivare processi di evangelizzazione alla società ormai completamente indifferente verso il dato religioso e a volte anche verso quello umano».

Marsala. Dopo le opere di manutenzione straordinaria e di messa in sicurezza, oggi inaugurazione della scuola di Cozzaro

Il Sindaco Alberto Di Girolamo: le nostre scuole sono sempre più funzionali e sicure

“Siamo davvero soddisfatti dei lavori che sono stati eseguiti in questa scuola che abbiamo messo in sicurezza, adeguato alle norme antincendio e dove abbiamo anche effettuato lavori di manutenzione straordinaria quali la sistemazione dei muri perimetrali, la tinteggiatura e la piena fruibilità del 1° piano cui ora è possibile accedere poiché abbiamo reso idonea e praticabile la scala esterna antincendio costruita 10 anni fa, ma mai collaudata perché presentava delle imperfezioni – precisa il Sindaco Alberto Di Girolamo. Da parte nostra continuiamo con impegno l’azione per rendere sempre più funzionali e sicure le nostre scuole. A tal riguardo desidero ricordare che proprio nei giorni scorsi abbiamo presentato alla Regione (Assessorato alla Pubblica Istruzione) ben 9 progetti per l’adeguamento antincendio di altrettanti istituti della Scuola Statale secondaria di 1° grado e primaria della nostra Città per complessivi 450 mila euro”.

Un altro edificio scolastico della nostra città è stato restituito alla collettività e alla pubblica fruizione. Si tratta del plesso elementare e materno di contrada Cozzaro, sito all’incrocio fra la  via Mazara e la via Vito Pipitone.

Alla cerimonia di inaugurazione di stamattina oltre al Sindaco Alberto Di Girolamo, hanno presenziato anche gli assessori Anna Maria Angileri (Pubblica istruzione), Salvatore Accardi (Lavoripubblici), i tecnici Luigi Palmeri e Peppe Giacalone; nonché  don Giacomo Putaggio (che ha impartito la benedizione) e il comandante della Polizia Municipale Michela Cupini che ha preannunciato che nell’istituto verranno tenuti dei corsi di educazione stradale. A fare gli onori di casa il dirigente scolastico, Katia Tumbarello, e i docenti del plesso che dipendente dal 6° Circolo Didattico “Sirtori”.

La scuola di Contrada Cozzaro venne costruita negli anni ’60 e successivamente (anni ’90) subì una integrazione strutturale. Oggi essa si snoda su due piani (piano terra e 1° piano) ed è dotata di scala esterna antincendio. Il plesso, accorpato a quello di Casabianca, è in grado di ospitare circa 120 alunni suddivisi fra quelli della scuola primaria e materna. Nella struttura insistono anche un’aula di informatica e una palestra oltre a degli spazi esterni dovutamente recintati e sicuri dove vi sono anche delle aiuole.

Marsala. Premiati i vincitori del concorso fotografico “Rompiamo il silenzio”

0

La premiazione dei vincitori del Concorso fotografico “Rompiamo il Silenzio”, ha concluso il programma indetto dall’Amministrazione Di Girolamo per celebrare la “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”. Una manifestazione molto sentita e partecipata che ha visto in gara complessivamente 130 fotografie presentate da studenti, cittadini e associazioni.

“Desidero ringraziare quanti hanno preso parte a questa iniziativa – sottolinea l’Assessore Anna Maria Angileri, che assieme alla collega Clara Ruggieri ha coordinato la realizzazione della manifestazione. La partecipazione è stata consistente e qualificata e questo è molto importante.Un plauso lo rivolgo anche a Luana Rondinelli che proponendo il lavoro“l’Odissea è fimmina” ha saputo brillantemente attualizzare il personaggio fondamentale e decisivo dell’antico poema ovvero Penelope”.

Alla cerimonia di premiazione oltre al Sindaco e ai due Assessori sono anche intervenute, fra le altre autorità, la consigliera comunale Linda Licari e il tenente Virginia Coni, vice comandante della compagnia Carabinieri di Marsala.

Due le categorie premiate, una da parte della Giuria tecnica e l’altra dalla giuria popolare.

Per quel che attiene alla giuria tecnica presieduta dal notaio Pietro Giorgio Salvo, presidente dell’Ente Mostra di Pittura e composta da Rossana Titone (giornalista e conduttrice), Valentina Colli, Giuseppe Di Benedetto (Fotografo professionista) e Anna Maria Bonafede,ha assegnato i seguenti premi:

Sezione Scuole:

1° premio alla foto “Nemmeno con un fiore” di Anna Rallo (Liceo Scientifico);

2° premio alla foto “La vita è una grande orchestra” – I.C. “Stefano Pellegrino”,

2° premio ex equo “Attraverso lo sguardo” – Liceo Psico-pedagogico “Pascasino”

Sezione cittadini e scuole:

1° premio alla foto “Vicini per una carezza” di Alessandra Lombardo;

2° premio alla foro “Libere dalle Catene” dell’Ass. “Rosa d’Eventi”

Premio speciale della giuria per la foto più significativa a Liliana Pipitone del Liceo PsicoPedagogico “Pascasino” per l’opera “ Donne in meta”.

La Giuria popolare si invece così espressa:

1° premio alla foto “Alla radice di tutto” del Liceo Psico Pedagogico “Pascasino”

2° premio alla foto “Noi guardiamo al futuro” di Tiziana Piazza del CERF Scarl.

Erice: conclusa la IV edizione di “Zampogne dal Mondo”

0

Si è conclusa ieri sera, ad Erice, la IV edizione di “Zampogne dal Mondo”, la rassegna internazionale di musiche e strumenti popolari inserita nel programma delle festività natalizie di “EricèNatale – Il borgo dei presepi” che continuerà fino al 6 gennaio.

L’evento ha richiamato come sempre turisti e visitatori. Per le piazze e le vie del borgo medievale, i gruppi hanno suonato pezzi musicali delle loro tradizioni. Cinque le nazioni coinvolte: Italia, Spagna, Armenia, Polonia e Austria.  

“Zampogne dal Mondo” è un festival che unisce modi espressivi diversi di fare musica legati agli strumenti tipici del Natale, come la zampogna e la ciaramella. E’ un evento che favorisce le occasioni di aggregazione e di scambio culturale.

Il Festival si è concluso con un emozionante concerto, presentato da Vittoria Abbenante, tenutosi nel tardo pomeriggio nella chiesa di San Martino, nel quale si sono esibiti tutti i gruppi che hanno offerto un’ampia panoramica sui diversi repertori.

Le loro performances sono state seguite da un attento pubblico che gremiva la chiesa.  Quello che accade quando la musica incontra la tradizione popolare è uno spettacolo di rara bellezza, capace di stimolare un turbinio di emozioni. Una cultura musicale alternativa quella della zampogna che fonde musica ricercata, culture e tradizioni popolari.

La rassegna internazionale di musiche e tradizioni popolari, è un’iniziativa del Comune di Erice e della Fondazione Erice Arte con la collaborazione del Gruppo Folk Ciociaro “Valle di Comino”.

La mostra – Sabato 8 dicembre, negli spazi del Polo Museale “A. Cordici” di Erice è stata inaugurata la Mostra “RossoCorallo e l’Arte Presepiale del Maestro Platimiro Fiorenza”, sette presepi in corallo dell’ultimo dei maestri orafi corallai, patrimonio di conoscenze artigianali del popolo trapanese, inserito dall’Unesco fra i Tesori Umani Viventi. La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle ore 10:00-20:00 (tranne il 24/12 ore 10-18; il 25/12 ore 16-20; il 31/12 ore 10-18; il 1/01 ore 16-20).

I mercatini di Natale e i Presepi

A far da cornice all’eventoi mercatini di Natale in Piazza della Loggia che riapriranno sabato 15 dicembre e domenica 16 dicembre, dalle ore 11.00 alle ore 20.00, e oltre 25 presepi allestiti nel borgo medievale che sarà possibile visitare fino al 6 gennaio.

Favignana in trasferta a Vigonza per il ‘Patto di Amicizia’ siglato nel 2014

1

Buone pratiche da condividere, esperienze amministrative comuni, progetti per i giovani, le scuole, gli anziani, da confrontare ai fini di un reciproco scambio di idee volte alla crescita dei rispettivi territori, nel nome di un ‘Patto di Amicizia’ che si rinnova grazie alla sinergia tra due Amministrazioni. Sono stati questi gli elementi principali alla base della trasferta di una delegazione favignanese a Vigonza, dal 6 al 9 dicembre, per ricambiare le visite di una rappresentanza di vigontini nell’ambito di un gemellaggio avviato formalmente nel 2014 su idea dell’allora sindaco della città veneta, Nunzio Tacchetto, in seguito a un incontro concretizzatosi tramite la Nazionale Italiana Sindaci di cui faceva parte assieme al consigliere comunale favignanese Salvatore Braschi. In trasferta a Vigonza nei giorni scorsi, sono andati i consiglieri comunali Ignazio Lucido e Antonino Lo Iacono, il presidente del Consiglio Comunale Ignazio Galuppo, e il sindaco Giuseppe Pagoto. Intenso il programma predisposto dall’Amministrazione di Vigonza in occasione del primo fine settimana pre-natalizio per i propri ospiti: da un incontro in Municipio con i dipendenti comunali, a quello alla Scuola media di Vigonza con il Dirigente scolastico e il Consiglio Comunale dei Ragazzi, a un incontro con l’Amministrazione, la Giunta e i Consiglieri Comunali, a quello con le Associazioni del territorio, dopo la visita di Padova e Venezia e un primo incontro con un giovane sacerdote di origini favignanesi residente da qualche anno proprio a Venezia. Particolarmente suggestiva la giornata dell’8 dicembre, quando i rappresentanti delle rispettive Amministrazioni hanno partecipato alla Santa Messa nella Chiesa Parrocchiale di Vigonza e nel pomeriggio all’apertura del presepe, all’accensione dell’albero di Natale e al successivo concerto di Natale al Teatro Quirino Di Giorgio dove si sono esibiti i componenti dell’Orchestra Giovanile del Conservatorio ‘Pollini’ di Padova, il cui percorso e la cui formazione artistica sono vicini a quelli dei componenti dell’Associazione Musico Culturale “Nuova Vincenzo Bellini” e della Banda Aegusea di Favignana. Il Comune di Vigonza, gemellato oltre che con Favignana anche con Lampedusa e con la città di Bèlene, in Bulgaria, ha adibito ad uffici di rappresentanza a disposizione delle città con cui ha stretto un Patto di Amicizia, dei locali comunali, in modo da poterli rendere sede di lavoro in occasione di incontri futuri. E nella frazione di Perarolo di Vigonza, ha istituito anche la via Favignana, già presente nella Toponomastica, proprio in omaggio al ‘Patto di Amicizia’ siglato tra le rispettive comunità.

La visita della delegazione favignanese fa seguito a quelle effettuate da un gruppo di vigontini rispettivamente nell’ottobre del 2014 e nell’aprile del 2018, quando, arrivati a Favignana, hanno avuto modo di ammirare le bellezze paesaggistiche prendendo atto delle cose che accomunano i rispettivi territori coinvolti nel “Patto” con il preciso scopo di avviare uno scambio di esperienze amministrative locali in ambito culturale, economico, turistico e giovanile in particolare, e incentivare i valori della cooperazione per lo sviluppo. Nel mese di aprile, la delegazione al seguito del sindaco, Stefano Marangon, e dell’assessore Elisabetta Rettore – con delegale ai gemellaggi – aveva effettuato una visita nei siti culturali di maggiore prestigio, tra cui Palazzo Florio, la Chiesa di Sant’Antonino e l’ex Stabilimento Florio, oltre che i locali dove è poi sorto il nuovo Centro di Recupero per tartarughe marine dell’AMP, ricevendo una borsa contenente uno speciale kit dell’Area Marina Protetta ‘Isole Egadi’ con delle pubblicazioni, la cartine delle isole, il calendario e alcuni gadget. In quell’occasione è stato avviato un piccolo nuovo gemellaggio tra la quinta classe elementare della scuola di Favignana e le classi quinte di Vigonza, i cui bambini hanno mandato delle lettere per i compagni favignanesi, per avviare un giovane scambio di esperienze che nel tempo è destinato a tramandare tradizioni e valori dei rispettivi luoghi. A concludere la giornata era stato il giro dell’isola con il trenino turistico. Nel mese di agosto del 2015, inoltre, il sindaco Giuseppe Pagoto, aveva ricevuto a Favignana Francesco Agostini, l’atleta di Vigonza che ha percorso 13 tappe in bici, ossia 1650 chilometri, con 25 chili di bagaglio, per raggiungere la maggiore delle isole dell’Arcipelago e poter suggellare, così, il Patto di Amicizia siglato l´anno precedente tra i due Comuni.

Estremamente soddisfatti dell’accoglienza e dei propositi messi a punto dai vari componenti dell’Amministrazione ospitante, i consiglieri comunali Lo Iacono e Lucido, nonché il presidente del Consiglio Comunale Galuppo, che hanno ringraziato per l’ospitalità e il calore mostrato e per i doni ricevuti, tra cui una targa consegnata al momento dei saluti finali dal sindaco Stefano Marangon proprio a Galuppo. Ignazio Lucido, consigliere favignanese più giovane, ha avanzato durante i saluti, anche l’idea di un progetto comune e in grado di coinvolgere le rispettive consulte giovanili, quella esistente di Vigonza e quella istituenda di Favignana, per avvicinare i giovani al mondo della politica attraverso un costruttivo dialogo con l’Amministrazione, proponendo un viaggio comune, che Favignana sta pensando di organizzare a Roma in occasione del centenario dell’Aula di Montecitorio. “Vigonza è onorata di dare nuova linfa a questo gemellaggio che stiamo costruendo – dice il sindaco Stefano Marangon -. Per noi è un grande onore ricevere il Comune di Favignana. Da questa comunità abbiamo percepito la volontà ferrea di costruire qualcosa di bello insieme, proprio dalle estremità dell’Italia, perché vogliamo che questo concetto di Italia unita sia sempre di più un valore connaturato nei nostri concittadini”. Dello stesso tenore il commento del sindaco Pagoto, che ribadisce: “Non solo abbiamo ricambiato la visita nell’ambito di un Patto di Amicizia, ma puntato l’attenzione sulle buone pratiche e i buoni modi di amministrare i nostri territori; unire luoghi distanti dell’Italia è un obiettivo di tante Amministrazioni e noi ci siamo riusciti. L’obiettivo è quello di dare sempre più servizi alle nostre comunità, con sempre più entusiasmo e passione, e soprattutto con molta voglia di fare meglio”.

Porto di Marsala: lunedì 17 dicembre seduta aperta di Consiglio Comunale

0

E’ stata posticipata la seduta “aperta” di Consiglio Comunale sul “Porto di Marsala”. Non si terrà più Lunedì 10 dicembre 2018, come stabilito in sede di conferenza dei capigruppo e preannunciato anche nell’ultima seduta di Consiglio Comunale, ma è stata programmata per lunedì 17 dicembre 2018, con inizio alle ore 10.

“Ciò per venire incontro alle esigenze dei deputati regionali – leggiamo nella nota inviata dall’Ufficio Presidenza – impegnati in questi giorni e per la prossima settimana in Assemblea Regionale per le variazioni di bilancio, tanto più che la tematica riguardante il Porto è di competenza dell’Ente Regione”.        

“Natale Mediterraneo” a Trapani: musica, arte e spettacoli per tutto il periodo delle festività

0

Dal 6 dicembre al 6 gennaio, la città di Trapani vivrà un “Natale Mediterraneo”, un Natale come motore di innovazione e di identità di un territorio. Il tutto arricchito da presepi, concerti, spettacoli,animazione, mercatini di Natale che faranno da contorno con un ricco programma che si snoderà nelle strade, nelle piazze, nelle chiese e nei palazzi storici del centro storico ma anche nei quartieri della città: una concreta valorizzazione del territorio contribuendo a far gustare la festa più attesa dell’anno. La Villa Margherita si trasformerà in un luogo del sogno per i bambini con giostre e laboratori didattici. Confermate le luminarie per tuttala città. L’elegante facciata principale di Palazzo D’Alì è stata scelta comescena e tavolozza per l’installazione artistica di Video Mapping curata da Dario Denso Andriolo da Palermo, uno dei più quotati artisti del genere in Sicilia. 

“Trapani Centro del Continente Mediterraneo” sarà il tema dell’installazione.  Non mancheranno le esibizioni di strada con il Teatrodel Fuoco, il concerto di Natale e l’adrenalina degli Shakalab in piazza.  L’appuntamento con il Gran Capodanno è in Piazza Vittorio Veneto con deejay e musica dal vivo. A mezzanotte brindisi con il Sindaco e fuochi d’artificio in musica.

«Senso dell’attesa, stupore per la scoperta,cultura del dono, opportunità di riflessione, un’occasione per aggregare la comunità: questo è il Natale Mediterraneo a Trapani» così afferma Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani. «Siamo convinti che il Natale debba essere per tutti noi un momento di condivisione ed unione – afferma Rosalia d’Alì, assessore al Turismo, Cultura e Centro storico – Ci siamo adoperati affinché in tutta la città si tornasse a respirare un’atmosfera magica ed emozionante che possa riscaldare il cuore di tutti i nostri concittadini».

Posizionati nel centro storico di Marsala i nuovi contenitori multi scomparto per la differenziata

0

Il Sindaco Di Girolamo: “Sono belli e funzionali, conserviamoli in maniera ottimale”

Chi negli ultimi giorni ha fatto un giro per le vie del centro e in particolare per via XI Maggio, piazza della Repubblica e via Garibaldi, si sarà certamente accorto non solo dell’illuminazione natalizia ma anche dei nuovi contenitori per rifiuti multi scomparto che sono stati posizionati dagli operai di Energetikambiente i quali, nello stesso tempo, hanno ritirato quelli vecchi. E’ un ulteriore segno che vuole dare l’Amministrazione Di Girolamo che tiene tanto al decoro cittadino e nel contempo vuole incentivare la raccolta differenziata.

“La nostra azione in tema di pulizia e di decoro dellaCittà è costante e guarda all’intero territorio – precisa il Sindaco Alberto Di Girolamo. Abbiamo avviato la collocazione di questi nuovi contenitori e invitiamo i cittadini a fare in modo di mantenerli in stato ottimale. L’auspicio è anche quello per chili utilizza di buttare i rifiuti in maniera differenziata considerato che essi hanno una componente blu per la carta, una gialla per la plastica, una verde per il vetro ed un’altra grigia per l’indifferenziata. Da segnalare inoltre che nella parte in cui gettare i rifiuti indifferenziati vi è anche un posacenere dove riporre le cicche delle sigarette”.

Ma non finisce qui. Infatti, oltre ai contenitori, 90 in tutto, in corso di collocazione in Città (allo stato ne sono stati posizionali una quarantina) presto verranno collocati anche degli appositi cestini getta carta. Il tutto – come evidenziato – per favorire una città sempre più pulita. 

L’Agren Fly Volley in trasferta affronta Farmacia Cardella Castelvetrano

0

Settimana intensa di allenamento per Erika Marino e compagne, sotto la direzione minuziosa di coach Gaspare Viselli in vista della prossima gara in programma domenica 9 dicembre alle 18.00 per affrontare Farmacia Cardella Castelvetrano in trasferta a Partanna nella palestra Vito Marchese. Una gara importante, questa, per portare una decisiva spinta alla classifica e compiere un passo in avanti. In vista delle ultime due partite,prima della chiusura d’anno, le ragazze de L’Agren Fly Volley guardano ad un forte riscatto nel girone di ritorno dopo la maturata solidità in campo e la coesione fra le atlete d’esperienza e le più giovani.

Carabinieri: arrestato un affiliato alla famiglia mafiosa di Misilmeri

0

Questa notte i Carabinieri della Compagnia di Misilmeri e del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo hanno arrestato Giusto Francesco Mangiapane, nato a Ciminna (Pa) classe 1976, affiliato alla famiglia mafiosa di Misilmeri.

L’uomo – tra i destinatari del fermo di indiziato di delitto disposto dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, che ieri ha azzerato la “CUPOLA 2.0” – è stato rintracciato questa notte dai  Carabinieri della Stazione di Misilmeri.

Ancora una volta, la presenza capillare sul territorio delle Stazioni Carabinieri si è dimostrata l’arma vincente, punto di forza e pietra fondante dell’istituzione, permettendo ai Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo di assicurare alla giustizia il 48esimo destinatario del fermo.

Assostampa Trapani: “Basta illegalità nell’informazione on line e in quella pubblica”

0

Con una nota ufficiale, il segretario di Assostampa Trapani, Vito Orlando, denuncia l’illegalità di alcuni siti di informazione on line che non rispettano la legge sulla stampa.

“In provincia di Trapani – scrive Orlando – sono sorti da qualche tempo dei siti di informazione on line che non rispettano la legge sulla stampa, la L. n. 47/1948, che obbliga la registrazione in tribunale di ogni testata, e prevede che vi sia come direttore responsabile un iscritto all’Ordine dei giornalisti, utilizzando piccoli artifizi per violare la legge. A volte questi giornali on line sono mascherati dietro al sigla  “ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001”, che invece ha esteso la nozione di “prodotto editoriale” anche al mondo digitale, oppure “Il presente sito non è un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare” quando invece l’aggiornamento delle notizie giornalistiche è quotidiano, o addirittura “questo sito è un aggregatore di notizie”, ovvero dovrebbe solo selezionare l’anteprima di notizie di altri media citandone la fonte, e a cui rimanda per leggere la notizia intera, senza l’inserimento di comunicati stampa o di notizie scritte da propri collaboratori, mentre si tratta di un classico giornale on line. Questo – continua Vito Orlando -, oltre a  comportare una concorrenza sleale nei confronti di chi le regole le rispetta, può prefigurare per l’editore il reato penale di “stampa clandestina”, e per i collaboratori quello di “esercizio abusivo della professione”. 
Il segretario Provinciale di Assostampa Trapani, inoltre, invita questi organi di informazione a regolarizzare le loro posizioni, altrimenti, scrive Orlando: “invieremo un esposto alle procure di Trapani e di Marsala, competenti per territorio, segnalando ogni singola irregolarità. Ma indicheremo anche gli estensori dei comunicati stampa che inviano quotidianamente diverse amministrazioni pubbliche del trapanese, come da noi già segnalato. Negli ultimi giorni si sono aggiunti anche il Parco Nazionale Isola di Pantelleria, tramite redattore anonimo, e la Camera di commercio di Trapani, con un comunicato siglato da un dipendente non iscritto all’Ordine dei giornalisti.
Forse i vertici di questi enti – conclude Vito Orlando – sconoscono la legge 150/2000 sull’informazione e comunicazione nella pubblica amministrazione, o ritengono superfluo applicarla, e lo scorso 23 ottobre abbiamo inviato loro una nota ufficiale su questo tema spiegandogliela, ma questa segreteria  non permetterà che, in questa provincia, le norme sull’informazione pubblica rimangano ancora inapplicate”.

Marsala. Presentato a Palazzo Municipale il programma per le festività natalizie

0

Il Sindaco Di Girolamo: “In collaborazione con la Pro Loco 2.0 abbiamo allestito un ricco programma di eventi ed iniziative per rendere la città ancora più bella e accogliente per tutti

Presentato oggi, in Sala Giunta al Palazzo Municipale, il programma promosso dall’Amministrazione comunale e dalla Pro Loco 2.0 di Marsala per le Feste di Natale. Tantissimi gli appuntamenti, che prenderanno il via domani pomeriggio, 8 dicembre, alle 18,00. All’interno di Villa Cavallotti verrà aperto il Santa Claus Village con l’allestimento del Presepe che sarà ufficialmente inaugurato domenica pomeriggio.

“Abbiamo voluto quest’anno cambiare location centrale – hanno affermato in conferenza stampa il Sindaco Alberto Di Girolamo e il Presidente dell’Associazione Pro loco 2.0, Mario Ottoveggio – per valorizzare questa splendida oasi di verde della nostra Città e per fare in modo che i bambini che verranno a visitare la struttura possano farlo in maniera sicura poiché i giardini comunali sono perfettamente recintati

Un programma molto completo che si protrarrà fino al 6 gennaio prossimo, Festa dell’Epifania. In calendario artisti di strada, trampolieri, babbi natale, street-art e band, dixie band, animazione, trenino sociale in collaborazione con alcune associazioni del territorio, parate, mascotte, fitness, zampognari, concerti di Natale, arrivo della Befana, ecc.

La principale novità di quest’anno è che proprio a Villa Cavallotti verrà allestita la Casa Gonfiabile dove tutti i bambini potranno incontrare Babbo Natale e farsi un selfie. Ma il Natale a Marsala non interesserà solo il centro. La carovana di Santa Claus sarà il giorno 10 dicembre a Strasatti (ore16,30) e il giorno successivo a Cutusio (ore 16,30).

“Anche quest’anno vogliamo fare in modo che le Feste di fine anno coinvolgano i quartieri popolari – continua il Sindaco Di Girolamo. Per questo nei pomeriggi  dei giorni 17, 18 e 19 dicembre prossimi (dalle 15,00 in poi) saremo rispettivamente a Sappusi, Amabilina e Via Istria con il Trenino, l’animazione, Babbo natale,la musica e dei gadget. Vi ritorneremo anche per la Befana giorno 5 gennaio (dalle ore 10,00 alle 13,00)”.

Non mancheranno naturalmente il tradizionale appuntamento con il brindisi di Capodanno in piazza e l’arrivo della Befana il 6 di gennaio. Ed a proposito di questa manifestazione vi saranno due novità: il coro delle befane e il pentolone magico.

Un programma completo cui nei prossimi giorni si aggiungerà anche una mostra sulla “Natività nel Mondo” che si terrà a Palazzo Grignani e che verrà curata da Padre Filippo Romano,sacerdote marsalese vero esperto di presepi.

Nel corso della conferenza stampa, cui hanno preso parte anche gli assessori Salvatore Accardi, Andrea Baiata e Clara Ruggieri, che ha anticipato alcuni appuntamenti: “Nel periodo natalizio ci saranno tre momenti di grande valenza artistica: il 14 dicembre al “Teatro Sollima” si esibiranno musicisti del Conservatorio “Scontrino”; il 27 sempre nella stessa struttura sarà la volta dello spettacolo “Aiutiamoli a Vivere” e il 9 Gennaio al Teatro impero la performance di  Roby Facchinetti e Riccardo Fogli (ex dei Pooh) nell’ambito del loro Tour nazionale”.

Campobello. Buoni spesa in favore delle famiglie bisognose: a Natale l’Amministrazione stanzia 10mila euro

0

Per essere inseriti nella graduatoria, consultare l’avviso sul sito istituzionale del Comune. Istanze entro il 13 dicembre

In occasione delle festività natalizie, anche quest’anno l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Castiglione concederà un piccolo contributo per aiutare le famiglie bisognose di Campobello. La Giunta municipale, con propria deliberazione (n.224 del 30 novembre scorso), ha infatti stabilito di stanziare la somma complessiva di 10.000 euro al fine di elargire buoni spesa di diversi importi, a seconda della composizione del nucleo familiare, da destinare a famiglie con ISEE non superiore a 3.000 euro, che nel corso dell’anno non abbiano già beneficiato di carta REI